Creato da catanzarogiusep50_1 il 14/05/2009

Giuseppe Catanzaro

Il mio amore per il mondo intero

 

 

COME PASSARE LA MATTINATA

Post n°940 pubblicato il 12 Aprile 2015 da catanzarogiusep50_1
 

Visiterò questo OratorioSANTA CITA

Buona domenica a tutti voi, amici della community.

 

 

 

 
 
 

FUGA

Post n°939 pubblicato il 10 Aprile 2015 da catanzarogiusep50_1
 

Fuga...

forse l'uso di questa parola è improprio, ma ultimamente sempre più amici miei escono dalla community di libero. Io ho problemi di editor, spesso quando scrivo un post e alla fine cerco di correggere o modificare la posizione di una foto, il pc si blocca annullando il lavoro fatto. La foto sopra, presa da: "Galline in Fuga" non è riferito a nessuno,anche perchè il primo a fuggire sono stato io. Voglio augurare a tutti gli amici e amiche una felice primavera e sperare che prima o poi riesca fare funzionare il mio blog come ho fatto per tanti anni.

Un abbraccio sincero e caloroso per tutti Voi, Pino

 
 
 

AMICI DI FACEBOOK NEL REALE

Post n°938 pubblicato il 23 Marzo 2015 da catanzarogiusep50_1
 

Le passeggiate con gli Amici di Facebook

Formare un gruppo mi sembrava un traguardo irraggiungibile, che fosse anche di spessore ancora più improbabile. Oggi mi ritrovo con il dovere gestire un folto gruppo di amici e non virtuali, ma reali. Molti di loro sono dei professionisti o studiosi d'arte, altri come me semplicemente appassionati, ma tutti abbiamo una cosa in comune l'amore per Palermo e la sua arte. Ogni giorno, settimana e mese ricevo sollecitazioni a preparare un evento e questo è uno dei motivi per il quale non trovo più il tempo da dedicare al blog e agli amici della community. Vorrei scusarmi singolarmente con ognuno di voi, ma potrei sembrare un ipocrita, so comunque che molti di voi vedono giornalmente e settimanalmente quanto sia realmente impegnato. Vi saluto e spero di trovare in futuro dell'altro tempo da dedicare al mio blog e a voi. Un caloroso abbraccio per ognuno di voi,

Pino    

 

 
 
 

PER SORRIDERE UN PO'

Post n°937 pubblicato il 05 Marzo 2015 da catanzarogiusep50_1
 
Foto di catanzarogiusep50_1

 

Desideri

In una foresta un orso sta rincorrendo un coniglio e,

quando sta per agguantarlo, salta fuori una rana che urla:

"Fermi tutti! Io sono una rana magica e ho deciso di

dare a voi due la possibilità di esaudire tre desideri ciascuno!".

L'orso lascia andare il coniglio, ci pensa su per

un attimo e dice: "Voglio che tutti gli orsi di questa foresta,

tranne me, diventino femmine!".

E, il coniglio di rimando: "E io, io voglio un casco, voglio

un casco!".

L'orso si mette a ridere per la stupidità del coniglio:

"Ma come, con tutto quello che potevi chiedere, chiedi

un casco?".

La rana: "Va bene, sarete accontentati! E ora il secondo

desiderio".

L'orso, sempre più arrapato: "Voglio che tutti gli orsi

maschi del mondo, tranne me, diventino femmine!".

E il coniglio: "Io voglio una moto, voglio una moto!"-

E l'orso giù a ridere per come il coniglio stia sprecando

i suoi desideri.

La rana: "Sarete accontentati e ora il terzo desiderio".

L'orso: "Ora voglio che tutte le orse del mondo facciano

ogni giorno la fila per venire a casa mia!".

Il coniglio mette il casco, sale sulla moto, accende il

motore, ingrana la prima ed urla: "Io voglio che questo

stronzo di orso diventi frociooooooooo!".

 

Il pappagallo.

Un'anziana signora si compra un pappagallo parlanteche gli possa fare compagnia e, per passare il tempo, prova a fargli dire BUONGIORNO PADRONA!

 

"Dì buongiorno padrona!".

Il pappagallo non risponde.

"Avanti provaci: buongiorno!".

L'animale sembra muto.

"Dì buongiorno!" dice la signora.

"Ma vai a cagare" le risponde I'animale.

"Ti meriti 20 minuti di punizione in frigorifero!".

Il povero pappagallo si dimena nel frigo cercando di riscaldarsi,

quando trova un tacchino congelato che aspettava

le vacanze di Natale per essere mangiato.

Il pappagallo dice: "Tu devi averla mandata a fanculo

parecchio per essere in queste condizioni!".

 

 

 

 

 

 
 
 

I COLORI DELLA FESTA

Post n°936 pubblicato il 03 Marzo 2015 da catanzarogiusep50_1

I COLORI DELLA FESTA

Noi occidentali "evoluti", abbiamo perso il gusto di tutto, è stato colpa del benessere?

Chi lo sa, forse!

La realtà è che una volta tutto avveniva con il suo tempo, l'estate in estate, l'inverno in inverno. Oggi non è più così, le stagioni sono mutate e se non è così, tasche permettendoandiamo incontro al bel tempo.
 Vivere in Italia oggi è come essere al centro del mondo, abbiamo un po' tutte le etnie e ce ne accorgiamo la domenica, una volta festa cristiana, perché il 7° giorno Dio si riposò.

Gli italiani, la domenica non ubbidiscono più a quella che era una bella usanza, ma ecco che ci pensano gli extra comunitari, tutti colorati, con i loro vestiti per noi strani, ma in gran moda nella loro Terra natia. Gli uomini con vesti chiari e attillatissimi,  mentre le donne indossano vesti aderenti al busto e con tanti pieghe in fondo da sembrare  la coda di sirena.  I colori sono sgargianti,dal rosso fuoco al verde erba e sfumature dal blu mare all'azzurro cielo. Ecco loro sanno ancora di festa, non avranno una tavola super imbandita, non ci saranno le torte o le paste, ma hanno ancora il gusto della vita.

 

 

 
 
 

QUEI FILM ...

Post n°935 pubblicato il 26 Febbraio 2015 da catanzarogiusep50_1
 

 

Quei film che ti fanno riflettere

IL MATRIMONIO CHE VORREI

Ieri sera, 25 febbraio 2015, in prima serata ho assistito su RAI 1 alla proiezione del film:

"IL MATRIMONIO CHE VORREI" con Meryl Streep e Tommy Lee Jones, attori principali.

Ormai sono passati trentuno anni dal oro fatidico si e adesso in casa sono due perfetti sconosciuti, lui legge il giornale, guarda il golf alla tv e dormono in letti separati. Tutto sembra essere normale, ma a lei non va proprio giù, vorrebbe essere amata e coccolata, lui, invece,  ormai sembra non provare più alcuna attrazione per quella donna che nella casa ormai svolge soltanto il ruolo di casalinga e alla quale basta regalare un frigorifero o uno scaldabagno, mai un fiore, un gioiello, una vacanza o un semplice cioccolatino. Finiscono così davanti ad un consulente di coppia, che mette a nudo i vari motivi per i quali la coppia s'è addormentata e i desideri diventati inesistenti. Scoprire con loro i perché, è stato per me rivivere una parte della mia vita di coppia, fatta di falsi moralismi e di desideri inconfessati, ma mentre io e mia moglie siamo riusciti a superali negli anni, tante altre coppie si sfasciano e la colpa, quasi sempre, è di entrambi.

Le scuse di chi lavora sono innumerevoli: la stanchezza, lo stress e perfinire, sto male.

La casalinga, invece: i figli, la stanchezza e il più classico, il mal di testa.

Tutto in realtà è dettato dalla monotonia nel fare sesso e nel non completarlo con l'amore. I falsi pudori e l'ipocrisia, non permettono alla maggior parte delle coppie di vivere un rapporto sessuale più ampio, dove siano presenti anche quelle pose o quei rapporti giudicati da sempre peccaminosi e donne poco morigerate. L'amore di coppia per essere completo deve prevedere la massima trasparenza e non sopprimere quelli che possono sembrare: desideri inconfessabili.

      

 

 

 
 
 

I -TECH GENERATION

Post n°934 pubblicato il 20 Febbraio 2015 da catanzarogiusep50_1
 

I -TECH GENERATION

L' iPhone, tablet e tutti gli apparecchi elettronici ONETOUCH,  fanno parte di quella che è la generazione I-Tech.

Ebbene sono strumenti di alta ingegneria elettronica ed è bello scoprire che i nostri giovani, di ogni levatura sociale, ne posseggono almeno uno e lo usano con disinvoltura ad una velocità impressionante. Ma qual è il  comporta mento di  un ultra sessantenne nei suoi confronti?

Le nostre mani, ormai rattrappite, grosse, artritiche e lente, lo usano come un neonato che lo prende in mano e comincia a picchettarlo con il suo ditino,  solo che le nostre finiscono con il toccare più punti e prima di scrivere una frase, malgrado la scrittura facilitata, ci impieghiamo un'eternità.

La frase adesso è pronta basta solo dare l'invio ed ecco che il nostro tremore ci fa toccare quello che non dovremmo: "annulla" e tutto finisce, anche il nostro amore nei suoi confronti finiamo così per odiarlo!

 

 
 
 

PER SORRIDERE UN PO'

Post n°933 pubblicato il 09 Febbraio 2015 da catanzarogiusep50_1
 
Foto di catanzarogiusep50_1

 

Il capo.

Un venditore, un'impiegata amministrativa e

un dirigente stanno andando a pranzo quando

trovano un'antica lampada ad olio.

La sfregano e compare un Genio in una nuvola di fumo

il Genio dice: "Solitamente esaudisco tre desideri

perciò ne consentirò solo uno a ciascuno di voi."

 

"Prima io! Prima io!" dice l'impiegata "voglio stare alle

Bahamas, guidare un motoscafo veloce e non avere

nessun problema al mondo" e subito sparisce in un

lampo.

 

Allora il venditore sbigottito urla: "Tocca a me! Tocca a me!"

Voglio stare alle Hawaii, in relax sulla spiaggia

con la mia massaggiatrice personale,

una fornitura infinita di pina colada

e l'amore di mia moglie" e subito svanisce.

 

Poi il Genio si rivolge al dirigente:"Adesso è il tuo

turno" e il manager dice:

"Voglio quei due indietro,in ufficio, subito dopo pranzo!

 

MORALE: Lasciate sempre la prima parola al vostro capo.


 

 
 
 

Mosaici Bizantini

Post n°932 pubblicato il 02 Febbraio 2015 da catanzarogiusep50_1
 

La... "Martorana"

La chiesa dell'Ammiraglio detta la Martorana, ieri è stata  meta della nostra passeggiata d i gruppo, peccato che  la pioggia ci abbia infastidito. È  stato tutto molto interessante, infatti, queste esperienze sono sempre positive e formative. Ci auguriamo che alla prossima le condizioni meteo siano buone e godere fino all'ultimo minuto.

 

 
 
 

Nel giorno del Olocausto!

Post n°931 pubblicato il 27 Gennaio 2015 da catanzarogiusep50_1
 

BUONGIORNO

Buongiorno, oggi è un nuovo giorno, spero che smetta di piovere e che la giornata possa scorrere serenamente per tutti gli amici ed  anche per chi spesso nega la libertà. Buongiorno a chi, oggi ricordando l'olocausto dimenticherà i propri simili, limitandone la libertà, a chi  vedrà un uomo per terra e non le tenderà la mano. In fine un sereno giorno per me e la mia famiglia, perché possa continuare a vivere con l'amore, la pace e l'armonia che ci distingue.

 
 
 

PER SORRIDERE UN PO'

Post n°930 pubblicato il 24 Gennaio 2015 da catanzarogiusep50_1
 
Foto di catanzarogiusep50_1

Capita di guardare incuriositi cosa stia leggendo chi ti sta accanto, così ho visto come si comporterebbe un moderno, sfacciato Noè.

 
 
 

L'ANGOLO DELLA POESIA

Post n°929 pubblicato il 22 Gennaio 2015 da catanzarogiusep50_1
 
Foto di catanzarogiusep50_1

in contrapposizione del post precedente che vede la donna come peccatrice e rovina del mondo...

INNO ALLA DONNA

Stupenda
immacolata fortuna
per te tutte le creature
del regno
si sono aperte
e tu sei diventata la regina
delle nostre ombre
per te gli uomini
hanno preso
innumerevoli voli
creato l'alveare del
pensiero
per te donna è sorto
il mormorio dell'acqua
unica grazia
e tremi per i tuoi
incantesimi
che sono nelle tue mani
e tu hai un sogno
per ogni estate
un figlio per ogni pianto
un sospetto d'amore
per ogni capello
ora sei donna
tutto un perdono
e così come vi abita
il pensiero divino
fiorirà in segreto
attorniato
dalla tua grazia.

di Alda Merini

 

 
 
 

Per causa sua tutti moriranno

Post n°928 pubblicato il 21 Gennaio 2015 da catanzarogiusep50_1
 

Dalla donna ha avuto inizio il peccato

dal libro:LE DONNE NELL'ISLAM - Dr.Sherif Abdel Azim

"Trovo che amara più della morte è la donna, la quale è tutta

lacci: una rete il suo cuore, catene le sue braccia. chi è gradito a

Dio la sfugge ma il peccatore ne resta preso. vedi, io ho"scoperto

questo dice Qoelet,, confrontando una ad una Ie cose, per

trovarne la ragione. Quello che io cerco ancora e che non ho

trovato è questo:

Un uomo su mille I'ho trovato: ma una donna su tutte non I'ho

trovata.

Vedi solo questo ho trovato:

Dio ha fatto I'uomo retto, ma essi cercano tanti fallaci

ragionamenti"(Qoelet 7 :26-28).

In un'altra parte del vecchio Testamento che si trova nella Bibbia

cattolica si legge:

"Come una salita sabbiosa per i piedi di un vecchio, tale Ia donna

linguacciuta per un uomo pacifico. Non soccombere al fascino di

una donna, per una donna non ardere di passione. Motivo di

sdegno, di rimprovero e di grande disprezzo è una donna che

mantiene iI proprio marito. Animo abbattuto c volto triste e ferita

al cuore è una donna malvagia; mani inerti e ginocchia

infîacchite, tale colei che non rende felice il proprio marito. Dalla

donna ha avuto inizio il peccato, per causa sua tutti moriranno."

(Siracide 25:19,24).

 

 
 
 

SEMU RICCHI E NUDDU U SAPI

Post n°927 pubblicato il 15 Gennaio 2015 da catanzarogiusep50_1
 

Tratto dal libro di Pietro Moceo

Accattari

Comprare. Dal normanno acater e dal latino ad-captare, cercare di prendere.

Accattari, in tutti i suoi tempi grammaticali, non seguito dal complemento oggetto, da noi ha un solo si gnificato: partorire.

Prima che I'educazione sessuale fosse presa in considerazione dai genrtori e dalle istituzionì scolastiche, la morale faceva divìeto alla madre di dire al flglio che le chiedeva la causa di quel gonfiore addominale. di essere in gravidanza, anzi in "statu interessanti".

"lnteressanti", nella nostra lingua esprime il concetto di qualcosa di straordinario e di valore, che deve essere protetto da tutti.

 Per spiegare quella progressiva crescita della pancìa, la mammina diceva che stava raccogltendo i "picciuli" per comprare un "picciriddu"..

A quanto ne so, la cifra era Ia stessa sia per comprare un bambino che una bambina. E, poiché l'ecografia non esisteva, in caso di parto gemellare valeva la formula: paghi uno e porti due.

A quel tempo, si provava a identificare il sesso del nascituro dalla forma della pancia della donna incinta (a pera per il maschio, rotonda per la femmina). O si andava a vedere la disposizione della capigliatura alla radice della nuca dell'ultimo  figlio: se finiva a coda sarebbe nato un maschio. Ma anche il tipo di percezione, da parte della madre, dei movimenti del feto era foriero della natura del sesso. Movimenti troppo rapidi, quasi violenti, sarebbero appartenuti al sesso maschile.

Allora si partoriva in casa. Ma molto, molto prima, a casa sì osavano fare, per fortuna non molto frequentemente, certi tipi di operazioni come le appendicectomie. L'anestesia era ancora agli albori e il cloroformio, che veniva inalato attraverso un batuffolo di cotone idrofilo ben pregno, la faceva da padrone.

L'igiene era un optional. Si contavano i morti così come nell'Inghilterra dell'Ottocento si contavano le morti di donne che, per la morale di allora, non potevano essere visitate all'addome se non attraverso spesse coperte che le ricoprivano.

Ritornando al parto in casa, la gestante era assistita solo da donne e dalla mammana, la levatrice. L'arrivo in pompa magna di quest'ultima rappresentava l'esilio temporaneo per tutti i piccoli della famiglia che senza preavviso venivano catturati, "impacchettati" e spediti a casa del parente di turno, perché la madre doveva "accattari". Poi, quando la cicogna avrebbe portato "u picciriddu", si poteva rientrare a casa, dove si ere accolti dal frenetico andirivieni da una stanza all'altra e dal chiacchiericcio delle donne di famiglia e del marito (unico maschio ammesso a corte).

Nell'aria l'odore di caffè e del profumo versato addosso al neonato appena portato dalla cicogna. ll bimbo giaceva al fianco della madre, felice ma 'distrutta" (ma poi perché doveva essere distrutta? Non aveva fatto tutto la cicogna?).

Sul tavolo da pranzo troneggiava la bottiglia di rosolio, un liquore che si offriva in segno di augurio.

Noto sin dal Cinquecento, il rosolio si preparava in casa, macerando petali di rosa in alcool a 45" Poi, secondo le ricette, si aggiungevano scorze di agrumi (mandarino o limone), menta, anice, caffè.

 

 
 
 

L'Arte a Palermo Ť ...

Post n°926 pubblicato il 08 Gennaio 2015 da catanzarogiusep50_1
 

nelle Chiese.

CHIESA DI SANT'ORSOLA




 




 
 
 

L'Epifania, tutte le Feste...

Post n°925 pubblicato il 07 Gennaio 2015 da catanzarogiusep50_1
 

...PORTA VIA

Si amici così si diceva nua volta, ma oggi per tanti italiani è sempre festa, mentre molti altri non vengono più. Dalla crisi non ci si è rialzati più, gli esodati sono ancora tanti, molti non hanno più un lavoro e tanti hanno perso anche la casa è quel ch'è peggio gli affetti familiari. Ora che l'Epifania è passata, voglio fare a tutti gli auguri perchè questo 2015 sia per tutti migliore.

Un abbraccio, il vostro affezionato, Pino 

 
 
 

CAPODANNO IN CORSIA

Post n°924 pubblicato il 01 Gennaio 2015 da catanzarogiusep50_1
 

 

Quando le cose non vanno come vorresti!

Ieri 31 dicembre 2014, tutto sembrava trascorrere tranquillamente, unica festosa novità 'la neve!

Esco da casa alle 8,30  vado al mercato a comprare il pesce e torno subito a casa,  cominciava a nevicare e mia moglie preoccupata mi ha subito cercato al cellulare. Arrivato sotto casa trovo la neve che il vento aveva ammonticchiato davanti l'androne e sui marciapiedi.

Non avevo finito di fare la spesa così in attesa che la piccola tempesta di neve cessasse mi sono tolto le scarpe, ma ecco che l'imprevisto e dietro l'uscio del mio cuore, infatti quando torno ad indossare le scarpe, quello che sembrava essere un lieve malore dovuto al freddo si trasforma in una vera e proprio tachicardia, con fibrillazioni che si susseguono fino alla 01,15 in ospedale da dove vengo dimesso alle ore 01.25. Ecco questo sarà il capodanno che ricorderò in assoluto, come il più brutto, anche perché abbiamo brindato, con acqua, io e mia moglie. Ora grazie a Dio, tutto è passato e oggi sarò a casa con i miei cari, fra i quali ci siete anche voi e so già che sarete in tanti a scrivermi. Un abbraccio e tanti auguri di Buon Anno 2015.

Pino

 

 

 
 
 

BUON NATALE

Post n°923 pubblicato il 24 Dicembre 2014 da catanzarogiusep50_1
 

AUGURI DI BUON NATALE

In questi giorni ho provato a scrivere un po' di più perchè mi fa piacere sentirvi vicini. Libero è sto il mio primo contatto con il web, qui ho conosciuto tanti amici perdervi sarebbe un vero peccato. In questo video alcuni di voi si riconosceranno, altri sono alcuni dei tanti amici che ho acquisito con i vari gruppi culturali di facebook, dove ogni giorno tutto si muove a ritmo frenetico e dopo un'ora un post non esiste più o quasi. Auguro ad ognuno di voi un felice Buon Natale. Pino

 

 

 
 
 

A Un passo dal Natale

Post n°922 pubblicato il 23 Dicembre 2014 da catanzarogiusep50_1
 
Foto di catanzarogiusep50_1

ANTIVIGILIA di NATALE

Solo poche ore è sarà Natale, saremo più buoni, più sereni o felici?

Sicuramente saremo tanto indaffarati, alcuni ancora non hanno finito di comprare i regalini, altri, come me, dovranno finire di approvviggionarsi di quelle leccornie che solitamente non compriamo, ma che per questa festività non devono mancare.

A tutti voi, si tutti! AUGURO BUON NATALE e vi lascio questo brano di Vivaldi.

Un affettuosissimo abbraccio, Pino

 

 
 
 

LE CIARAMELLE

Post n°921 pubblicato il 22 Dicembre 2014 da catanzarogiusep50_1
 

Ciaramedde ai Tre Re Orientali

 

Le ciaramelle, quando io ero bambino, venivano a suonare in moltissime case di periferia. Esse suonavano le nenie di Natale e la Novena di Maria. Oggi queste tradizioni  sono quasi del tutto scomparse, rimangono solo pochi zampognari che si tramandano la tradizione da padre in figlio. Ieri, domenica 21 dicembre 2014, grazie all'Associazione Archikromie Culture, nella chiesa sconsacrata 'Tre Re Orientali, in un'atmosfera da presepe s'è tenuto un concerto per Ciaramelle, il buio era tanto e la qualità del video non è buona, ma il folclore è quello che conta. Buon pomeriggio

 

 


 


 
 
 
Successivi »
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2015 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

FACEBOOK

 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova