Creato da cinemanarchico il 24/10/2006

ALTREVISIONI cinema

"cose" viste dal critico cinematografico andrea caramanna

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

ULTIME VISITE AL BLOG

BARITIMEelisabetta.artecinemanarchicocinema.amore.miostudentessaunivSilvia1012Blackmetal_Berserkacaramanenigma22belladinotte16sens.azioniandredagostinoalectoris0GeBross
 

ULTIMI COMMENTI

La sequenza iniziale del film si svolge nella scuola...
Inviato da: acaraman
il 19/04/2013 alle 12:18
 
Adoro le opere di Marguerite Duras!
Inviato da: chiaracarboni90
il 30/05/2011 alle 15:20
 
Salve, innanzitutto complimenti per il sito, volevo...
Inviato da: maurizio
il 16/01/2011 alle 20:52
 
visto!
Inviato da: DolceA0
il 05/07/2009 alle 22:44
 
Parrebbe un film a me adatto...chiss se mi arriver a tiro
Inviato da: SONICOLDBOY
il 08/06/2009 alle 21:01
 
 

CHI PU SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: cinemanarchico
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Et: 52
Prov: PA
 

VIDEOBLOG

Videoblog24.it
 

 

NELLA CASA, l'ultimo imperdibile capolavoro di Franois Ozon



La sequenza iniziale del film si svolge nella scuola "Gustave Flaubert". A suo modo, in effetti nulla si dice a riguardo, questa scuola è stata scelta come progetto pilota, è quindi un istituto modello che deve costituire un esempio da seguire per tutto il sistema scolastico francese. Nella riunione tra preside e docenti si illustrano le più importanti novità tra cui la regola di una nuova divisa per tutti gli alunni. Vediamo subito il protagonista Fabrice Luchini nel ruolo di professore, agitarsi inquieto per le ottuse novità proposte dal preside. Anche in un successivo incontro tra preside e professore si fa riferimento a una serie di protocolli e termini che sono indicati come i migliori da fantomatici pedagoghi. Nella sequenza iniziale Ozon lascia che l'intero campo della scena sia invaso dalla scolaresca prima dell'ingresso nelle aule. La macchia blu scura che contraddistingue le divise ha poche sfumature, sembra un unico corpo che muta. Ma nella successiva immagine, Ozon mette insieme centinaia di piccole foto tessera degli alunni. In questo caso anche se apparentemente uguali, proprio le varie caratteristiche dei ragazzi sottolineano le profonde differenze l'uno dall'altro. Ed è proprio il discorso sulle differenze e sulla possibilità di un percorso diverso il nucleo tematico del film. Ozon si avvale della suggestione letteraria, in fin dei conti della costruzione estetica del testo, dei vari scambi narrativi, capaci di variare il mondo dell'immaginazione, ambiente e personaggi in gioco. La seduzione tra il giovane protagonista Claude Garcia (Ernst Umhauer) e il professore Germain (Fabrice Luchini) si basa sulla suspense di un racconto che coinvolge attore in gioco e lettore un po' più passivo, ma non per questo meno sconvolto dalle emozioni. L'arte della letteratura sta nell'aumentare il desiderio di lettura. Desiderio sottolineato da quel "continua" che Claude scrive alla fine di ogni brano della storia. Sia Germain che la moglie del professore Jeanne (Kristin Scott Thomas) non possono smettere di leggere. Il coinvolgimento sentimentale è un po' l'architrave nelle storie ozoniane. I desideri umani sono così potenti che non ci si può sottrarre ad essi. Non casualmente il richiamo di Ozon è alle sfumature e alle possibilità emotive rohmeriane, ma anche ai risvolti più oscuri e noir di Chabrol e del citato apertamente Woody Allen (Matchpoint e Misterioso omicidio a Manhattan). Nella casa è anche la storia delle regole che devono essere continuamente affrontate per capire che alla fine nella vita chiunque naviga a vista. Il professore Germain sarà disposto a qualunque cosa pur di continuare a leggere gli scritti di Claude? E dove infine lo porterà questo desiderio? Nel cinema di Ozon continua ad agitarsi il fantasma dell'ineluttabilità della passione umana e la sconfitta nel momento in cui si pensa di dominarla con limiti e confini non soltanto borghesi, ma appartenenti a tutti gli strati sociali. Claude che rappresenta la gioventù è il paladino di una forza di rottura sempre insita nelle giovani menti, purtroppo ormai obnubilate e rese sterili dall'intorpidimento sistematico che subiscono da parte di istituzioni inutili come la scuola.

 
 
 

ALICE IN WONDERLAND

Post n°417 pubblicato il 02 Marzo 2010 da acaraman

 
 
 

BOOBIE CHEW

Post n°416 pubblicato il 01 Ottobre 2009 da cinemanarchico
 

Anche gli spot d'antan erano "volgari" in altro modo

SUBLIME SPOT TRASHONE


 
 
 

ROLLING STONES

Post n°415 pubblicato il 12 Settembre 2009 da cinemanarchico
 

TOO MUCH BLOOD

 
 
 

Boy George The Crying Game

Post n°414 pubblicato il 04 Agosto 2009 da cinemanarchico
 

che tempi!

The Crying Game

 
 
 

Anna Lorentzon, Barbara Bell

Post n°413 pubblicato il 10 Luglio 2009 da cinemanarchico
 

Graphic Sexual Horror

 
 
 

LES CLAYPOOL

Post n°412 pubblicato il 09 Luglio 2009 da cinemanarchico
 

Electric Apricot (Quest for Festeroo)

 
 
 

Reyna Perez Ari Kuschnir

Post n°411 pubblicato il 07 Luglio 2009 da cinemanarchico

il "primo" video interamente girato con iphone 3gs
Love Love Love


 
 
 

Michael Haneke

Post n°409 pubblicato il 20 Maggio 2009 da cinemanarchico
 

CANNES 2009

DAS WEISSE BAND - LE RUBAN BLANC

 
 
 

Johnnie To

Post n°408 pubblicato il 19 Maggio 2009 da cinemanarchico
 


CANNES 2009

VENGEANCE

 
 
 

Lars von Trier

Post n°407 pubblicato il 18 Maggio 2009 da cinemanarchico
 

CANNES 2009

ANTICHRIST


 
 
 

Uwe Boll

Post n°406 pubblicato il 17 Maggio 2009 da cinemanarchico
 

STOIC

 
 
 

ANG LEE

Post n°405 pubblicato il 16 Maggio 2009 da cinemanarchico
 

CANNES 2009

TAKING WOODSTOCK

 
 
 

Park Chan-wook

Post n°404 pubblicato il 15 Maggio 2009 da cinemanarchico
 

CANNES 2009

THIRST

 
 
 

Phil Claydon

Post n°403 pubblicato il 14 Maggio 2009 da cinemanarchico

LESBIAN VAMPIRE KILLERS

 
 
 
Successivi »
 

href="http://www.beppegrillo.it/iniziative/freeblogger/?s=user" target="_blank" >Free Blogger

 

QOOB

Caricamento...
 

 

diffondi

 

Fiato sul collo

 

Basta! Parlamento pulito

 

HOLLYWOOD REPORTER

Caricamento...
 

VARIETY

Caricamento...