Creato da Signorina_Golightly il 23/06/2014

Altrove

Applico alla vita i puntini di sospensione...

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 11
 

I MIEI LINK PREFERITI

 

20.58

Post n°607 pubblicato il 15 Gennaio 2018 da Signorina_Golightly

Avrei voluto realizzare cose celebri per poterti dimostrare che esistevo anche io.

 
 
 

Dolores o'Riordan

Post n°606 pubblicato il 15 Gennaio 2018 da Signorina_Golightly
 

L'adolescenza fa schifo, almeno per molti. Per me è stata un incubo, una perenne infelicità che pareva interminabile, e per fortuna è terminata. Tra le cose che mi hanno permesso di attraversarla, oltre alle mie immense amiche, c'è stato imbattermi in Dolores O'Riordan. La sua musica mi ha dato la scossa, mi ha aiutato a capire che potevo essere atipica, diversa, a modo mio. Con lei ho scoperto che mi piaceva fare musica e cantarla. La prima canzone che ho cantato e suonato è stata zombie. Avevo poster, la disegnavo, attendevo con voracità ogni nuova notizia su di lei. Un Sanremo di mille anni fa fermai il mondo in attesa della sua apparizione, pronta a videoregistrarla. C'è stato anche un concerto, grazie a dio. Perché non mi sarei mai perdonata di non averla mai vista in concerto.
Io viaggio poco, all'estero poi... Ma in Irlanda ci andai, ci andai soprattutto per lei e per Sinead o'Connor (resisti almeno tu!). Ero come sotto droga: mi avventuravo per quella terra sconosciuta sulle sue tracce, respirando la sua atmosfera.
Lei, e come me chissà per quante, è stata fondamentale nel costruire la donna che sono. Avevo bisogno di esempi, di modelli, e non li trovavo intorno a me. Ne ho trovato uno in lei. Se penso all'anno in cui mi rasai a zero la testa e iniziai ad andare in giro coi vestiti lunghi da sacerdotessa e gli anfibi ai piedi. Esagerando pure con l'emulazione. Ma da adolescenti ci sta.
E per tutto questo non smetterò mai di benedire abbastanza il giorno in cui è nata la mia pulzella di Limerick.

 
 
 

19,54

Post n°605 pubblicato il 14 Gennaio 2018 da Signorina_Golightly

Sapete qual è la mia paura più grande?

Che tutto cambi, portandomi a perdere quel che ho, rompendo equilibri forse anche stagnanti ma rassicuranti perché so costruirmi un giaciglio anche dove si sta male, purché mi sia dato il tempo di abituarmici.
Questo significa temere la perdita della giovinezza e dell'avvenenza, anche della salute.
Significa tremare all'idea che la mia famiglia possa cambiare forma. Che ne sarà della casa in cui ho trascorso trent'anni con la mia famiglia se davvero il fantasma ventennale della separazione dei miei genitori si concretizzerà? Non potrò più passare da loro una sera o di domenica e sapere che sono tutti lì: mia mamma, immusonita, mio padre, sconsolato e mia sorella, esausta. Sì, lo so: immusonita, sconsolato ed esausta non sono belle cose, ma io ho imparato ad amarli anche così. 
Si disperderebbero, forse mio padre lontano centinaia di chilometri, mia madre chissà dove, e mia sorella definitivamente spinta ad andare a vivere col fidanzato dall'altra parte dell'hinterland di Milano. E senza saper guidare lei non si muoverà più da lì.
Non sono pronta a questo.
Non sono pronta a niente, neanche ad un eventuale amore che potrebbe cambiare la mia vita per come la conosco.
Il fatto è che la vita è movimento, scorrimento, fluire.
Odiare questo e sognare che tutto sia fermo vuol dire non sapere stare al mondo, non capirne la legge principale e fondamentale.
Non è molto furbo.
Ma...

 
 
 

18,15

Post n°604 pubblicato il 13 Gennaio 2018 da Signorina_Golightly
 

Non scrivo. E non scrivo perché sto faticando a capirmi in questi giorni.

Sono distratta, distolta da tutte quelle cose che per me è importante fare. Ovvio che non mi piaccia questo...

Ho proprio la testa altrove, ovattata, poco chiara, persa via per un personaggio che non promette bene e che neppure conosco né ho mai incontrato (ma non ero io quella che "ma figurati se si può vacillare per uno con cui parli e scrivi, e nient'altro!").

Io ho un indicatore di percorso, una spia che lampeggia rosso quando sto andando fuori strada. Me ne accorgo perché smetto di essere felice, smetto di essere concentrata, le cose che prima mi piaceva fare ora non mi piacciono più, perdo tempo e mi ritiro almeno un po' dal rapporto con le altre persone.

Ecco, questa spia sta lampeggiando forte.

Devo trovare una soluzione in fretta. Molto in fretta.

 
 
 

22,02

Post n°603 pubblicato il 03 Gennaio 2018 da Signorina_Golightly

Non ci siamo. No.

Si attendono giorni migliori. 

Mi dedicherei volentieri al sonnellinaggio duro.

 
 
 
Successivi »
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

je_est_un_autreSignorina_Golightlypa.ro.lelalistadeidesideri79costanzatorrelli46RavvedutiIn2archetyponLa_Cura_dglil_pabloWeb_LondonchiarasanySmeraldo08Bloggernick10fin_che_ci_sono
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom