Creato da domeniconipaolo il 27/03/2014
Geometria dell'empietà

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

Ultime visite al Blog

domeniconipaoloakradiomission_impossible.0costanzatorrelli46acer.250lorenzoemanueSky_EaglequasiunaseduzioneSmeraldo08vololowmoon_ILolieMiuQuivisunusdepopulocarloreomeo0un_uomo_della_folla
 

Ultimi commenti

Buongiorno, ho avuto l'occasione di leggere un chiaro...
Inviato da: Quivisunusdepopulo
il 18/03/2017 alle 13:24
 
immanentemente nella mente
Inviato da: several1
il 21/02/2017 alle 11:39
 
... non ho capito la parola cioe' ... nel senso ......
Inviato da: MARI066
il 06/01/2017 alle 17:59
 
La pace, la gioia e l'amore di Gesù Risorto regni vivo...
Inviato da: gesu_risortoannunz1
il 14/10/2016 alle 17:38
 
caspita
Inviato da: navighetortempo
il 13/04/2016 alle 18:11
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Pensieri dominanti

Post n°1011 pubblicato il 02 Aprile 2017 da domeniconipaolo

La maggior parte degli uomini ignorano la nostalgia che è la sostanza stessa dell'anima;ignorano la nostalgia ,benchè,quando la sensazione,la coscienza ,la stessa soggettività non sono che memoria,la memoria può essere al di là della nostalgia.In che modo la sensazione e la diversità possono essere memoria?Esse sono la coscienza di sè mediante la conoscenza del nulla,come il tempo.Gli dei sono gli dei della continuità,sono la certezza della continuità,essi assicurano la continuità dell'essere,della vita,sono la continuità stessa  ma la vita è abitata dal genio oscuro della discontinuità,l'angelo della Morte.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Pensieri dominanti

Post n°1010 pubblicato il 01 Aprile 2017 da domeniconipaolo

L'amore non è indicibile,è soprattutto incomunicabile;è dicibile,ma è più grande,più ricco e più profondo di ogni parola.Non solo non posso darvi l'idea del sapore che ha una madeleine inzuppata nel tè,ma posso farlo solo indirettamente evocando con la magia delle parole i vostri stessi ricordi personali.E come potrei darvi un'idea della gioiosa infatuazione dell'amore dei vent'anni ,mescolata al profumo inesprimibile dei lillà in fiore,allorchè il tepore della primavera stordisce tutti gli esseri? E' un segreto unico ,di cui nessuno può dare l'idea a nessuno - come il segreto di una notte a Praga.Posso invece aiutare l'altro a ritrovare nel suo passato i suoi giardini di Praga ,che possono essere anche un piccolo giardinetto di provincia:l'altro avvinto dalla poesia dei ricordi ,ricreerà da sè l'incanto d'amore che è incompatibile in ciascuno,e analogo in tutti.L'amore,come la qualità,è ineffabile perchè ispira all'amante paragoni,analogie e metafore innumerevoli che gli permettono di suggerirne agli altri l'intuizione.Qui tutto è un'allusione a tutto;ciscuno dei paragoni ,considerato singolarmente,è insufficiente,unilaterale e persino ingannevole,perchè può indurre in errore chi lo prende alla lettera e si fermi senza andare oltre l'immagine ,mentre la successione infinita delle metafore ci suggerisce,al limite,una possibilità di intravedere il mistero.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Pensieri dominanti

Post n°1009 pubblicato il 31 Marzo 2017 da domeniconipaolo

Dio non è il poeta supremo in quanto improvvisa mondi?E la poesia suprema , a sua volta,non è l'oggetto eterno di ogni poesia?La libertà,come Dio,è un ineffabile oggetto di intuizione perchè è la fonte virtuale di tutte le decisioni che scaturiscono da una volontà;improvvisa gli atti imprevedibili che si succedono nel corso del divenire.Fonte inesauribile e incessantemente generosa!E' infatti necessaria una vita interaall'ipseità per sviluppare dei possibili la cui narrazione richiederebbe un tempo infinito,la cui storia riempirebbe racconti interminabili.Anzi,racconti interminabili sarebbero ancora troppo corti per eventi innumerevoli.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Pensieri dominanti

Post n°1008 pubblicato il 30 Marzo 2017 da domeniconipaolo

Il desiderio dell'assoluto è innato nell'uomo e non può essere vinto;esso risorge proprio quando è vinto,quando si arrende-il suo arrendersi è la rinuncia all'assoluto;e questa rinuncia è appunto l'assoluto,non vi è altra salvezza che l'assoluto, e perciò non vi è altra salvezza che la rinuncia(la rinuncia all'assoluto)in cui l'assoluto consiste.Anche l'assoluto deve passare per la prova iniziatica del sacrificio-il desiderio di superiorità,il desiderio di primeggiare ,il desiderio di unicità sono manifestazioni del desiderio di assoluto che,essendo la ricerca della felicità,è un desiderio tragico.Anche l'assoluto può essere mitico ,ma cessa di essere mito quando è sacrificio-ma si potrebbe anche ritenere che il mito nasca dal paradosso,dal sacrificio;la metafora come il mito è un paradosso;la costruzione dell'altro,del diverso,(la realtà è la diversità)mediante la negazione-la diversità è insieme attualità e divenire-il paradosso del divenire è il suo essere pura attualità.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Pensieri dominanti

Post n°1007 pubblicato il 29 Marzo 2017 da domeniconipaolo

Qualcuno di cui abbiamo la più alta stima ci diventa più vicino quando compie un atto indegno di lui.Così facendo ci dispensa dal calvario della venerazione .e solo da quel momento proviamo nei suoi confronti un vero attaccamento.Niente supera in gravità gli sgarbi e le villanie che si commettono per timidezza.ciò che somiglia da vicino o da lontano a una vittoria mi pare a tal punto un disonore che non posso combattere,in ogni circostanza,se non con il fermo proposito di essere battuto.Ho superato lo stadio in cui gli esseri contano ,e non vedo più nessuna ragione di lottare nei mondi conosciuti.La filosofia si insegna solo nell'agorà,in un giardino o in casa propria.La cattedra è la tomba del filosofo ,la morte di ogni pensiero vivo;la cattedra è lo spirito in gramaglie.Che io possa ancora desiderare è una prova evidente che non ho ancora una percezione adatta della realtà,che deliro,che sono a mille miglia dal Vero:l'uomo è preda del desiderio solo perchè non vede le cose come sono!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »