Community
 
miladylady
Profilo
Blog
Sito
Foto
   
 
 

 

goodbye

Post n°60 pubblicato il 13 Novembre 2010 da miladylady

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

bellissima

Post n°59 pubblicato il 25 Agosto 2010 da miladylady

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

il maggio francese

Post n°56 pubblicato il 07 Dicembre 2009 da miladylady

Même si le mois de mai
Ne vous a guère touché;

Même s'il n'y a pas eu
De manif dans votre rue;
Même si votre voiture
N'a pas été incendiée;
Même si vous vous en foutez!
Chacun de vous est concerné.

Même si vous avez feint
De croire qu'il ne se passait rien,
Quand dans le pays entier
Les usines s'arrêtaient;
Même si vous n'avez rien fait
Pour aider ceux qui luttaient;
Même si vous vous en foutez!
Chacun de vous est concerné.

Même si vous avez fermé
Votre porte à notre nez,
Une nuit que nous avions
Les Céhèresses aux talons;
Si vous nous avez laissés
Matraquer sur le palier;
Même si vous vous en foutez!
Chacun de vous est concerné.

Même si dans votre ville
Tout est resté bien tranquille;
Sans pavés, sans barricades,
Sans blessés et sans granades,
Même si vous avez gobé
Ce que disait la télé;
Même si vous vous en foutez!
Chacun de vous est concerné.

Même si vous croyez maint'nant
Que tout est bien comm' avant,
Parce que vous avez voté
L'Ordre et la sécurité,
Même si vous ne voulez pas
Que bientôt on remett' ça;
Même si vous vous en foutez!
Chacun de vous est concerné

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

riflessioni

Post n°55 pubblicato il 12 Novembre 2009 da miladylady
Foto di miladylady

Il cambiamento, nell’immaginario collettivo, è qualcosa che arriva all’improvviso senza che si abbia fatto nulla, arriva e ci porta quello che desideriamo…chissà…forse speriamo che a suonarci il campanello per una volta non sia il ragazzo che ci riempie la buca di volantini, ma sia George Clooney che ci sorride chiedendoci se la festa è da noi…o Monica Bellucci se chi legge è un uomo.

O forse ci aspettiamo che il biglietto della lotteria acquistato per caso sia foriero di notizie miliardarie, oppure che mentre prendiamo il sole su una affollatissima spiaggia arrivi un affascinante proprietario di yacht e ci inviti a bordo…o ancora che un giorno arrivi la lettera di uno sconosciuto notaio che ci informa che una ancora più sconosciuta parente ci ha lasciato la proprietà di un albergo a cinque stelle alle Mauritius.

Non si pensa, nessuno ce lo ha insegnato, che il cambiamento è frutto del nostro lavoro, fuori, ma soprattutto dentro di noi, frutto della cura con cui scegliamo le nostre letture, le amicizie, le cose che ci sembra giusto fare e quelle che non crediamo adatte a noi, nell’imparare a dire sì ma anche no, l’impegno che mettiamo nel sostenere progetti che non ci appartengono ma che condividiamo, l’amore che mettiamo nel dedicare il nostro tempo ad altri senza aspettative, la forza che spendiamo quando gli eventi sono forti, drammatici, dolorosi e anche se con fatica, con stanchezza, decidiamo che è tempo di tirarsi su le maniche e di fare.

Oggi, mentre leggevo per l’ennesima volta uno dei libri che ritengo preziosi per il mio lavoro, mi ha colpito una frase, letta molte volte, ma solo ora forse compresa fino in fondo.

La frase, scritta al termine di una prefazione a cura di Gloria Steinem è questa: “vorrei che le mie antenate avessero saputo che il loro corpo era sacro. Con l’aiuto di voci straordinarie e di parole sincere come quelle di questo libro, credo che le nonne, le mamme e le loro figlie del futuro guariranno se stesse. E miglioreranno il mondo.”… e io aggiungo… e con l’aiuto di quegli uomini capaci e desiderosi di affiancare queste donne nel cammino.

Il cambiamento fa paura, al punto tale che si rimane in un circolo vizioso di ripetizione sistematica della sofferenza pur di rimanere nel conosciuto…e poi…quando finalmente si intraprende il cammino della propria scoperta e di conseguenza della scoperta dell’altro, dell’apertura, del riconoscimento di sé…ci si sente davvero in cammino per “tornare a casa” e non si rinuncerà più a questa ricchezza infinita, fonte di doni, di scambi, di energie, di emozioni, in una parola: VITA.

Dentro di noi abitano forze misteriose, che gli uomini antichi identificarono con gli dei: sono loro che danno senso alla vita.

Se riduciamo tutto a un calcolo in cui contano solo gli oggetti, l’esistenza naufraga nel non senso.

Ma le energie sconosciute, non hanno smesso di abitarci. Basta affidarsi alla vita.

A un mondo costruito sul fuori, sull’esterno, sull’apparire interessano molto di più le cose da sfoggiare o un po’ di soldi piuttosto che le risorse interne. Eppure nelle risorse interiori sono nascosti gli unici tesori che possediamo. Lì abita il senso della vita.

Le persone vere girano per il mondo con le loro passioni segrete, si riconoscono come diverse da tutti gli altri. Difendono il loro spazio vitale, il loro ESSERE, sono un mistero e sono una benedizione.

Sono gli uomini e le donne che le forze primordiali desiderano incontrare.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
« Precedenti
Successivi »
 
 

creatività

 Gran parte dell’arte primordiale sembra essere stata creata dalle donne in un contesto rituale. La metodologia di ricercatori, antropologi, archeologi si basa sulla teoria accettata, ma erronea, che le civiltà arcaiche non potevano, per definizione, avere un concetto centrale astratto di divinità, quindi le statuette femminili non sono state considerate dee bensì semplici rappresentazioni di donne. La complessa opera di Marija Gimbutas e il concetto da lei coniato di archeomitologia ( che indica un metodo multidisciplinare che unisce l’archeologia descrittiva alla mitologia comparata, alla linguistica, al folclore e all’etnologia storica) dovrebbe invalidare per sempre questa teoria così fallace. Tutto richiama alla ciclicità e dunque al femminile, le stagioni,il giorno che oblia nella notte e poi rinasce con l’alba, i modi di dire ( i corsi e ricorsi storici), persino ad una convenzione come il tempo è stata attribuita un’impostazione ciclica (le ore). Invero per creare arte sciamanica la donna deve innanzitutto liberarsi della credenza diffusa, ribadita e stereotipata di non avere “doti artistiche”. Siate creative, vi appartiene!!!
 

Contatta l'autore

Nickname:
Se copi, violi le regole della Community Sesso:
Età:
Prov:
 

REMEDIOS

 niña pequeña, chiquita, hermosa, preciosa
Linda niñita quedada así, sentada en la orilla del mar
 y las manos llenas de perlas
 el sol en tu frente y en la sonrisa
 blanca orquidea, alma y paloma
 y la alegría, tú cantas consuelo,
tú cantas esperanza, tú cantas remedios,
espera que un día yo pueda decirte:


"te quiero pequeña, chiquita, preciosa, hermosa.....
 

lo adoro

“Perchè non disegno scarpe da uomo? Perchè non posso usare le paillettes, i tacchi a spillo alti dodici centimetri, i colori fluo” - Stuart Weitzman


 

Blaise pascal

qualsiasi cosa è vera solo in parte,
falsa solo in parte
e il giusto e l'ingiusto si mischiano
e coloro che rispetti possono deluderti,
coloro che disprezzi possono commuoverti
 

il principe ignoto

Tu pure, o Principessa,
nella tua fredda stanza
 guardi le stelle
 che tremano d'amore e di speranza...
 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

michela.lodinmaxducaticinzia.busogerolimonvale86.vp.giammariolidubbiosa2elisa.morelli68hypsegoriaperchenausicaaligammari.giovanniluisa.tmvalsal.vspaolagiacpatrizia.buscone
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

gentilezza

La gentilezza nelle parole crea confidenza, la gentilezza nei pensieri crea profondità, la gentilezza nel dare crea amore.