Creato da: bb034rl il 21/06/2011
"Chi ha paura di sognare è destinato a morire." (Bob Marley)

Test di Eysenck

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

NON LI RICORDIAMO MAI!

I SETTE NANI

Dotto
Brontolo
Pisolo
Mammolo
Gongolo
Eolo
Cucciolo

---------------------------------

IN SVEDESE

Sju Dvärgarna

Kloker
Butter
Trötter
Blyger
Glader
Prosit
Toker

 

Ultime visite al Blog

bb034rloscardellestellecardiavincenzoNarcysserickydanielcostanzatorrelli46tempestadamore1900altair768Fanny_Wilmotamorino11Stolen_wordsTerzo_Blog.Giusmassimocoppacile54
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

Contatore

 

Area personale

 

HiStats

 

 

 

Se fossi un extraterrestre ...

Post n°131 pubblicato il 27 Febbraio 2018 da bb034rl

Pensare che la vita sia un'esclusiva di questo pianeta, credo sia egocentrico. E pensare che la nostra scienza, la nostra tecnologia ed il resto del nostro scibile siano in grado di dirci tutto ciò che è possibile e ciò che non lo è, ritengo sia estremamente arrogante.

Se noi avessimo la possibilità di viaggiare attraverso la galassia, non saremmo curiosi di vedere altri pianeti? Penso proprio di si. E se lo trovassimo abitato? Cosa faremmo?

Premesso che non credo assolutamente che l'umanità riuscirà mai a raggiungere nemmeno Marte (lo spiegherò in un prossimo post), se si accetta il ragionamento fatto poco sopra, pensare che esistano entità di altri pianeti che ci osservano non credo si possa definire fantascienza.

Arrivando quindi agli ufologi ed alle loro ricerche, secondo alcuni gli alieni sono esseri altruisti che voglio aiutarci, addirittura preparando astronavi grandi come un pianeta per prelevare l'umanità e portarla su un altro pianeta quando questo collasserà. Domanda: perchè dovrebbe fare una cosa simile se il collasso del pianeta fosse stato causato da noi stessi?

Secondo altri invece gli alieni sono esseri crudeli che vogliono solo sopraffarci per impossessarsi del nostro pianeta. A parte la molto remota possibilità che questo pianeta sia compatibile con le loro necessità ambientali (la composizione dell'aria, batteri, germi, etc.), se così fosse, perché starebbero ancora aspettando per eliminarci tutti?

Entrambe queste ipotesi, secondo il mio punto di vista, dimostrerebbero solo che gli alieni sarebbero tecnologicamente molto avanzati ma non molto intelligenti. Aiutare una specie, portandola su un altro pianeta, colpevole della distruzione del proprio pianeta, significherebbe solo aiutare questa specie a portare la distruzione in un altro angolo della galassia. Il risultato di questo atto di altruismo sarebbe catastrofico. Credere invece che gli alieni ci vogliano distruggere, ma ancora non abbiano iniziato o lo stiano facendo molto lentamente, significa credere che, data la tecnologia della quale disporrebbero, starebbero a perdere centinaia di anni per trasformare questo pianeta in base alle loro necessità, quando potrebbero con molta meno fatica terraformare un pianeta disabitato.

Occorre quindi fare altre teorie. La mia è che gli alieni siamo avanzati non solo tecnologicamente, ma anche eticamente (il termine "spirituale" mi pare esagerato), cosa che tra l'altro spiegherebbe la loro capacità di viaggiare attraverso la galassia (cosa che spiegherò in un prossimo post, vedere più sopra). Ciò porterebbe, secondo me, a considerare il pianeta Terra, dal loro punto di vista, come un luogo meraviglioso, pieno di vita, di bellezza, di ispirazione.

Il problema sarebbe rappresentato proprio da noi; la specie umana. Stiamo distruggendo il nostro pianeta ma siamo, almeno secondo noi, gli unici esseri senzienti. Forse questo potrebbe essere anche il punto di vista di alcuni degli alieni che ci osservano. Quindi, dopo decenni di osservazione, si potrebbero essere formati due schieramenti: il primo che vorrebbe aiutare l'umanità ad evolversi, il secondo che la vorrebbe cancellare per salvare il pianeta e tutte le altre forme di vita che lo stesso ospita, ritenendole paritarie alla nostra, che ci riteniamo superiori in quanto presunti senzienti (i buoni ed i cattivi di cui sopra).

E se io fossi un extraterrestre? Beh, io sarei schierato con i secondi. L'evoluzione di ognuno di noi è un fatto personale e purtroppo la maggioranza preferisce rimanere nel limbo nel quale vive pensando che sia il migliore (od il meno peggio) e credendo che se riuscirà a diventare ricca, risolverà tutti i propri problemi (i propri forse, ma quelli altrui certamente no). E per molti altri l'evoluzione interiore (o spiritualità) si ottiene semplicemente citando Budda, Gandhi, Osho od altri. Ma se, arrivando alla fine, riesci a fargli notare che in fondo vogliono solo "distinguersi" ma in realtà non fanno nulla per cambiare il modo nel quale viviamo, ecco che si arrabbiano, ti attaccano, ti insultano. In fondo, la loro spiritualità è solo apparenza. Ed è solo allora che capisci il detto zen "il maestro arriva quando l'allievo è pronto.". E non solo, dal mio punto di vista, la maggioranza dell'umanità non è pronta per evolvere, ma in fondo nemmeno lo vuole. Gli basta essersi illusi (ed aver illuso gli altri), credendo che illusione e realtà siano la stessa cosa (fatto che nasce dal vivere in una illusione che è questo nostro "stile di vita", convincendosi che sia realtà).

Personalmente sono pessimista e quindi credo che i peggiori continueranno a comandare ed a decidere cosa dobbiamo pensare, come dobbiamo vivere, cosa dobbiamo credere. E se fossi un extraterrestre, per salvare il resto del pianeta, voterei per la cancellazione della specie umana, ben sapendo che la maggioranza delle persone non sono cattive, ma decidono di non decidere delegando altri ad indicargli la strada da seguire nella loro vita. Ed i pochi che fossero estranei a tutto ciò, non giustificherebbero il salvataggio di tutta l'umanità. 

Salvare i pochi sarebbe una crudeltà, sia verso di loro che verso coloro che li conoscono (entrambi la considererebbero un'ingiustizia). Salvare un'umanità che sta facendo di tutto per distruggersi (distruggendo anche il pianeta ove vive e tutte le forme di vita che esso ospita), creerebbe molti più problemi di quelli che potrebbe risolvere.

O accettiamo che la nostra evoluzione è una nostrra responsabilità verso noi stessi e verso il resto della vita di questo universo, o dobbiamo accettare che qualche alieno (sottoscritto incluso) voglia cancellarci dalla storia dell'universo.

ßß034rl

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »