Un blog creato da bigbluedive il 02/07/2006

Deep into BigBlue

profondamente nel BLU, profondamente in ME stesso

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

Blog Chiuso !

Post n°84 pubblicato il 16 Dicembre 2011 da bigbluedive

Blog Chiuso . 

gli amici sanno dove contattarmi ...

_0-)

 
 
 

Back to the Thistlegorm

Post n°83 pubblicato il 01 Dicembre 2009 da bigbluedive

Ho gia raccontato questa immersione in un mio precedente post . 
Sono tornato a Shaab ALi il mese scorso e sono sceso nuovamente sul Thistlegorm.
Diciamo che l'esperienza è stata meno emozionante questa volta pur trovando il vecchio relitto piu o meno nello stesso stato di 15 anni fa ...
Sono cambiate pero' le condizioni ...  
C'erano oltre 15 barche "cimate" a prua e a poppa sul relitto quindi una selva di oltre 30 cavi che scendevano e si attaccavano al rottame...  su questi cavi  salivano e scendevano una media di circa 20 sub a barca diciamo circa 300 persone per due immersioni sono 600 persone...
non ci si sentiva di certo soli... 
la mia impressione era quella di stare a gardaland ... odio la folla ...
si direi proprio una "gardaland" per subacquei ... gente che saliva , che scendeva, bolle che uscivano da ogni buco del relitto (e che lo corrodono irrimediabilmente...) qualcuno che andava per i c. suoi altri ben ordinati in fila indiana dietro alla guida ... insomma ... un vero bordello di gente ... pero' direi che i gruppi sono abbastanza ordinati grazie soprattutto al controllo delle guide che in questa immersione così particolare si danno un gran daffare...
Cmq malgrado tutto mi e' piaciuta ero con i miei amici e ce la siamo goduta fino in fondo ...i tutta tranquillità...

Le immagini proposte sono di Denis Zorzin nostro carissimo amico che lavora come videooperatore professionale a Sharm, montaggio e colonna sonora sono di grande effetto .  

foto di gruppo sulla prua del thistlegorm

 
 
 

I'm back!

Post n°82 pubblicato il 05 Novembre 2009 da bigbluedive

Bigbluedive&tarta@jacksonreef
Ehh gia signori ... sono tornato .... fresco fresco da una settimanina blu a sharm con miei amici di sempre .
Ho inseguito tartarughe (vedi foto). giocato con i Napoleoni, vibrato di gioia in mezzo a nuvole di Anthias ... 
Ho Visitato di nuovo quel ferrovecchio del Thistegorm, e ho pure fatto la foto sui cessi del Yolanda ....
non manca niente ... no .. cioe' si una cosa manca sempre ma ci si fa il callo ...
Bacione blu °°°°_0-* 

 
 
 

Mai partecipato ad un Manta-raduno ?

Post n°81 pubblicato il 29 Giugno 2009 da bigbluedive

"Seafari Adventures" (uno degli operatori italiani ... e probabilmente il migliore...  che propongono crociere turistiche per subacquei alle Maldive ) pare abbia in catalogo per i prossimi mesi una localita' con un interesse particolare ...  
L'informativa che spedisce recita ..."Nei mesi di Agosto, Settembre ed Ottobre in una laguna delle Maldive , a causa dell’ elevata concentrazione di plancton, si verifica un raduno di centinaia di mante ed, alle volte, di numerosi  squali balena.." . Questi eventi, si sa, sono degli spettacoli eccezionali ... ed avere la fortuna di assistervi con i proprio occhi e' una gioia e un emozione indescrivibile che ti rimane per sempre nel cuore... Parlo , per chi li ha visti , di branchi di squali martello alle Galapagos .... della "Sardine run" di giugno in sudafrica ... ed ora anche dela Mantaraduno delle Maldive ... Le immagini valgono ogni commento ...

 
 
 

Marsa Alam ... Shark attack !

Post n°80 pubblicato il 22 Giugno 2009 da bigbluedive

Pare impossibile ma ogni volta è la stessa storia ... behh ... mi direte un attacco di squalo fa sempre notizia ... cosi' il daily time sbatte uno squalone bianco con primo piano dei denti in prima pagina e titola : (LINK)

Tourist dies in Egypt's first fatal shark attack in five years
By Daily Mail Reporter
Last updated at 1:14 AM on 03rd June 2009
A female French tourist was attacked and killed by a shark while diving in a remote site off Egypt's Red Sea coast today.
It was the first fatal shark attack in the Arab country for five years, state media and a French embassy official said.
The woman's leg showed visible bite marks, and medics said she probably bled to death before being lifted to the surface.

A French female tourist has fallen victim to the first fatal shark attack in Egypt for five years. She was diving off the Red Sea coast when it happened (file photo)

A French female tourist has fallen  victim to the first fatal shark attack in Egypt for five years. She was diving off the Red Sea coast when it happened (file photo)
French embassy spokesman Jean-Marie Safa said: 'I can confirm that there is one French citizen killed by a shark in the Red Sea south of Marsa Alam.'
Marsa Alam is a remote southern dive spot on the Red Sea coast frequented by tourists hoping to avoid the crowds at more popular sites in the Sinai peninsula, where tourists flock in large numbers for the colourful coral reefs.
'This very rarely happens. It seems that the victim aggravated the shark or presented it with food, which caused a change in the shark's behaviour,' Amr Ali, the president of the Society for the Preservation of the Red Sea Environment, said.
Sharks are common in the area and tourists often take pictures, but attacks are rare. The last person killed by a shark in Egypt was reportedly attacked while snorkelling near the Sinai resort of Sharm el-Sheikh in 2004.
Egypt's Environment Ministry is looking to set up a natural reserve for the sharks near Marsa Alam, where it already has a similar reserve for dolphins.

Invece La Notizia ufficiale degli organi di controllo egiziani ... dice ....

Egypt's Chamber of Diving and Watersports (CDWS) can confirm that a woman died followed an attack from a shark which occured on the morning of Monday 1 June at St Johns Reef in the southern Red Sea.
The French woman had been on a diving safari holiday on board the boat Le Nautile when the incident took place. A number of boats were moored at a reef. A group of about 20 snorkellers was observing what is thought to be an oceanic white tip shark approximately 2.5 - 3m long The woman is reported to have moved away from the group and some distance from the reef then ducked dive down towards the shark. On surfacing she was bitten on the leg and was still in contact with the shark as she was pulled onto the boat. Once on the boat, the casualty lost consciousness and died soon after.
The boat returned to the Port of Hamata, where other members of the group were interviewed by police and statements were taken.
Initial investigations revealed last week that two safari boats had been involved in feeding sharks in this area. Investigations by both the National Park and CDWS are already underway and if the allegations are found to be true, the boat operators will face severe penalties that may involve suspension from operating and heavy fines. Shark feeding is a serious violation of Red Sea rules, and an act that can severely disturb the sensitive marine eco-system and behaviour of marine animals.

Quello che chiamano "Oceanic white tip shark" e' comunemente chiamato "longimanus" o "Carcharhinus longimanus" ed e' realmente una specie pericolosa , il fatto che venga spesso confuso con lo "squalo pinna bianca del reef" (Triaenodon obesus) che e' notoriamente molto meno agressivo puo' portare a disastri del genere.

Da voci che girano pare comunque che la presenza dei longimanus nei reef al largo di marsa sia oramai costante ... La cosa è assolutamente anomala vista l'alta temperatura dell'acqua e l'unica spiegazione e' lo scellerato comportamento di alcune barche per turisti che per attrarre la loro presenza "pastura" le acque con avanzi di cibo ...

Di fatto ci sono voci insistenti sia di avvistamenti che di piccoli incidenti ( ferite a mani e braccia di guide subacquee..)  ...
  
Qualche info sugli squali longimanus .... http://it.wikipedia.org/wiki/Carcharhinus_longimanus
Che dire di più ....
Occhio alla Pinna .... sub ! .... 
°°°°_0-)  BigBlueDive
 
 
 

Anemone city

Post n°79 pubblicato il 05 Maggio 2009 da bigbluedive

Bigbluedive è tornato ...

Conosco Denis da qualche anno , ora lavora a Sharm come videoperatore sub. , questa e' una delle sue " magie" 
Enjoy !   °°°_0-) 

 
 
 

Pelagico ....

Post n°78 pubblicato il 24 Febbraio 2009 da bigbluedive


(Photo by Sergio Sarta)

Bigbluedive sta ora navigando per nuove meravigliose avventure ...
e tornerà presto per farvi ancora sognare nel suo meraviglioso blu ...

°°°°°_0-)

 

 
 
 

BigBlueAuguri !!!

Post n°77 pubblicato il 23 Dicembre 2008 da bigbluedive

Auguri di buone feste !

°°°_0-)

 
 
 

Io .... Sto con gli squali !

Post n°75 pubblicato il 18 Ottobre 2008 da bigbluedive


Giro questa Mail e condivido pienamente l'iniziativa

.... Firmate anche voi la petizione !

> Cosa direste se trovaste una bistecca di tigre o di panda in vendita al
> supermercato? 
> Sareste giustamente scandalizzati: non è concepibile continuare a vendere
> e mangiare una specie a rischio estinzione. 
> Eppure, ogni giorno nei nostri supermercati si vendono smeriglio,
> spinarolo e altre specie di squalo a rischio estinzione. Come può accadere?
> Perché nonostante la metà delle specie mediterranee di squali
> sia a rischio, non esistono leggi per proteggere questi animali. 
> Tutto questo potrebbe finalmente cambiare: fra pochi mesi i ministri UE si
> riuniranno per scrivere il primo regolamento sulla pesca degli squali.
> Perché sia una buona legge, dobbiamo far loro sapere che siamo in molti ad
> avere a cuore questi animali: per questo abbiamo lanciato la petizione
> "Proteggete i nostri squali!". Siamo già oltre le 6.000 firme. Un gran successo! 
>
 
> Unisciti a noi e firma anche tu! Vai su
http://www.sharknews.org per info
> e per firmare. E, cosa ancor più importante.... PASSAPAROLA!
>
> Infine, questa è la Settimana Europea dello Squalo. In tutta Italia
> incontri e mostre, con molti eventi online e su Facebook. Tutte le
> informazioni su Shark News.

 
 
 

Whale song serenade

Post n°74 pubblicato il 09 Settembre 2008 da bigbluedive

Oggi un nuovo amico mi ha proposto una sua creazione e con immenso piacere
vi presento questo video dove la musica si fonde nel movimento delle creature oceaniche.
Ci sono molti modi per esprimere le emozioni , io di solito uso le parole ,
ma niente come musica e immagini arrivano dritte al cuore.
Immagini di GAEL LAPORTE girate a Moorea (Polinesia Francese)
Musica di
Valeriano Migliorati

 
 
 

I'll be back soon ...

Post n°73 pubblicato il 08 Settembre 2008 da bigbluedive

Nuovo lavoro... nuovi impegni ... il blog langue ....

ma ci sono ehhh ... ci sono ... 

CIAOOOOO

°°°°°_0-)    BigBlue

 
 
 

Back to the blue...

Post n°72 pubblicato il 11 Luglio 2008 da bigbluedive

Cari amici,
sono finalmente in partenza per le ferie nel coloratissimo Blu Egiziano
stavolta porto con me L&L due squaletti che hanno gia' l'eta' per
portare maschera pinne e bombolina sulla schiena ...
e voglio fare a loro il regalo piu bello ...
l'emozione di un tuffo in un mondo nuovo ...

A presto !!!

°°°°°°°°°°°°°_0-)
Bigbluedive 

 
 
 

20.000 ...

Post n°71 pubblicato il 30 Giugno 2008 da bigbluedive

20.000 Leghe sotto i mari ?nooooo!
20.000 Visitatori!

in meno di 2 anni ...
beh... per essere un blog tematico
direi che e' un buon risultato !

grazie a tutti !

°°°°°_0-) BigBluedive

 
 
 

Stingray City

Post n°70 pubblicato il 23 Giugno 2008 da bigbluedive


Sto contemplando inorridito un vassoio di banane fritte che galleggiano in un ignobile brodaglia marroncina di olio e burro fuso ... Sono pazzi qui che schifezza!
Gia' ieri mattina ho ordinato dei croissant ... e mi sono arrivati ripieni di verdura cotta ... ok sono un po' rintronato ... sono le sette qui ma e' come se fossero le due del pomeriggio ... rinuncio alle banane e recupero corn flakes latte e quella brodaglia che chiamano caffè ... colazione fatta! ... sono pronto a raggiungere l'imbarcadero.
Oggi si va a Stingray City la "citta delle razze".
L'immersione e' assolutamente banale un pianoro sabbioso a 5 metri di profondita' costellato da qualche roccia corallina; in barca si balla per le onde ... ma sono praticamente da solo con la guida, un operatrice video niente male ... e una coppia di ciccione americane che nemmeno sanno nuotare ma che vogliono farsi filmare per fare gli auguri al figlio della piu' anziana ...
Ci sara' da ridere ... anzi ... di piu' ... Durante il tragitto la guida ci spiega l'immersione ... assolutamente niente di che: si va giu ... e si aspetta... le razze arrivano a frotte ... gli si da' qualche pezzetto di calamaro decongelato... si possono accarezzare senza problemi la loro pelle' e' diversa da quella dei "pesci" non hanno scaglie ... la loro bocca e' sotto la pancia quindi e' li che bisogna posizionare il boccone, unica attenzione evitare di prenderle per la coda... hanno un pugilione velenoso che usano molto raramente e solo se sono attaccate. Gli incidenti sono rarissimi ma ci vuole un attimo di "attenzione" (a Steve Irwin e' successo e mi pare veramente  incredibile... sono cosi' docili e tranquille ....).
Non posso credere ai miei occhi quando vedo le ciccione indossare l'attrezzatura, 10 kg di piombi e NIENTE PINNE!!! la guida gli gonfia l'equilibratore e le butta in acqua ... poi gli sgonfia l'equilibratore e tenendole per i rubinetti le "piazza" sul fondale ( con 10 kg di piombi ... senza muta ti ci potresti ancorare sopra ... hahaha) queste tenendosi maschera e erogatore con le mani se ne stanno lì sul fondo .... ad aspettare le razze ...
L'operatrice subacquea invece e' una ragazza molto carina e' proprio una professionista ... ha un mutino in nylon fuxia che le fa esaltare le forme ... e scende senza equilibratore cioe' bombola con schienalino erogatore e videocamera scafandrata; in acqua si muove come una sirena e nasce subito un buon feeling ...
Le ciccione intanto si danno da fare... la loro maschera fa acqua e cominciano a scalpitare ... alla fine riescono a svuotarla ... sorrido ... e allago pure io la maschera ... ma io non ho problemi ... perlomeno in acqua ....
Intanto siamo sul fondo ... malgrado i 5 metri di profondita' si risente ancora qui la risacca del movimento ondoso ... l'acqua e' appena appena torbida... seppure calda e con una luminosita' incredibile ...
Arrivano ... prima due poi altre ... sono una decina ... ci girano intorno ... il loro movimento in acqua e' leggero ... elegante, appena sentono il "profumo dei calamari " vengono vicine ... ci si strisciano addosso ... che meraviglia ... hanno una pelle vellutata e morbida ... e sono affamate .... ne ho due addosso ... molto intraprendenti ... mi volano sulla schiena e sopra la testa ... si avvinghiano alle braccia ... apro la busta con i calamari e comincio a distribuire le razioni ... piccoli pezzetti che aspirano dalla bocca ventrale ...
Ora ne ho tre addosso e cominciano ad essere un po invadenti ... ne spingo via una che ho sopra la testa e che mi sta apirando il ciuffo di capelli ... mentre un'altra sta sollevando un polverone di sabbia corallina proprio al mio fianco (sono inginocchiato sulla sabbia....) BOOONEE !!!
Che esperienza ... dopo oltre un ora sto ancora giocando con queste creature dolci e simpatiche ... Anche le ciccione ci hanno preso gusto mentre fanno ciao ciao all'operatrice per cinquecentesima volta ...
Entusiasmante ... un contatto diretto con la natura selvaggia ... pesci che ti mangiano dalle mani ... che ti accarezzano ... saranno pure interessati ad un pasto gratis ... ok ... ma e' veramente entusiasmante...

Spiacente ragazzi ma io il rombo e la razza non li ordino piu' al ristorante....

°°°°°°°_0-)  

 
 
 

Diving Grand Cayman

Post n°69 pubblicato il 11 Giugno 2008 da bigbluedive


(Dicembre 1992)
Era tanto che sognavo questo viaggio ai Caraibi ed eccomi qui ... L'airbus della "Cayman Airways" ci ha messo meno di un' ora partendo da Miami e' passato 10 Km sopra Cuba ed e' atterrato sfiorando la spiaggia e le case del porto di GeorgeTown ....
Scendiamo dall'aereo, e' notte ... che caldo ... che umidità! cominciamo subito a sudare... Sbrighiamo le pratiche doganali e ritiriamo i bagagli ... Un taxi ci aspetta all'uscita e in pochissimo tempo siamo nella nostra camera .
Stile Coloniale, cesto di frutta di benvenuto e una grande ventola sopra il letto ... Lasciamo le valige e ci addormentiamo come sassi ...
Grand Cayman, e' un isoletta tra Cuba e la penisola dello Yucatan.
In realta' sembra di Stare a Miami ci sono dei grandi alberghi ... un verdissimo campo da golf centri commerciali e banche ... un sacco di banche . Ma non sono qui per questo ovviamente il mio viaggio e' motivato dal fatto che TUTTA questa isoletta corallina e'un fantastico parco marino e ... non vedo l'ora di immergermi in queste acque cristalline. Abbiamo scelto un piccolo resort a West Bay (un po' fuori dal casino della "7mile Beach" la zona dei grandi alberghi) piccolo e molto ben curato con una bellissima spiaggetta privata fra le palme .... La mattinata passa tra i bagagli l'organizzazione e un giretto nei dintorni ... al diving sono gentilissimi e mi propongono una prima immersione nel pomeriggio dal pontile dell'albergo poi le uscite in barca i prossimi giorni .. accetto ovviamente ... non vedo l'ora... ho ancora un po di jet-lag e sto in spiaggia a sonnecchiare...
La guida e' un ragazzotto americano ... ha l'aria un po scocciata ... chissa' quante volte ci e' dovuto andare sott'acqua qui davanti... "C'mon ! " mi dice ... saltiamo dal molo e comincia a pinneggiare verso il largo ... dopo alcuni minuti siamo due puntini nell'oceanomare ... e continua verso il largo ... ma dove cavolo mi sta portando ?... secondo me mi sta facendo un test per vedere chi ha piu' birra nelle gambe ...
Ogni tanto mi giro e guardo sotto ... c'e' un visibilita' stupenda ... il fondale e' formato da piccole collinette parallele di coralli separate da tratti di sabbia bianchissima...
in effetti ci sono solo una quindicina di metri di fondo e vuole portarmi al primo gradino ... va bene allora pedaliamo!
Ecco ... finalmente qualcosa di interessante un' aquila di mare ... poi una coppia di "tarpon fishes" ...
Finalmente sento  "all right ? lets go down here.." gli do un bell'ok ma lui ha gia' sgonfiato ed e' gia' sceso ... Gli vado dietro ... e mentre scendiamo la vista sul fondale corallino mi lascia stupefatto ... Spugne ... quegli enormi tubi sono le famose spugne dei caraibi e coralli , e pesci ... per uno abituato al Lago di Garda con le sue luci verdognole e i pochi metri di visibilita' trovarsi nel BLU con oltre 50 metri di visibilita' e' come volare senza peso ... Mi prende un senso di euforia ... no tranquilli non e' ebbrezza da alto fondale ne' narcosi da azoto ... e' felicita' pura ... L'acqua e' calda a 32° ... si vede tutto ... e volteggio felice tra coralli e pesci tropicali ... E' la fine del mondo ... come descrivere una sensazione cosi' ... sentirsi un pesce tra i pesci ... e cosi' svolazzando tra una collinetta di coralli e l'altra passano quasi 70 minuti di immersione ...
Esco con la felicita' che zampilla dalla muta ... ma avrei gia' voglia di rituffarmi.
Domani si va a Stingray City la "citta delle razze" ma questa e' un'altra storia.

°°°°°°_0-) BigBlueDive

 
 
 

Happy Birthday Big!

Post n°67 pubblicato il 15 Maggio 2008 da bigbluedive

ehh si sono 44 come i gatti in fila per tre col resto di 2 ....

 
 
 

Sharks ! by Clivio

Post n°65 pubblicato il 03 Aprile 2008 da bigbluedive

Alessandro Clivio ci anticipa l'emozione che si puo' provare in una
immersione con queste stupende creature,
montaggio e colonna sonora sono eccezionalmente belle !

Enjoy!   


°°°°°°_0-§
BigBlueDive

 
 
 

Gorgazzo -212

Post n°64 pubblicato il 13 Marzo 2008 da bigbluedive

Quale e' il significato di avventura oggi?
Quali sono le frontiere , i limiti oltre i quali nessuno si e' spinto ?
Quale e' lo spirito che spinge gli esploratori, di ieri e di oggi,
a spostare il limite della sopravvivenza umana
oltre ogni nostra immaginazione ...
E' eroismo, vanita', pura sete di conoscenza,
il bisogno di meraviglia o di andare oltre l'inesplorato
arrivando in un posto dove nessuno mai e' stato ?
Che cosa spinge a mettere in gioco la propria esistenza
i propri affetti le proprie finanze ..
Queste domande mi assillano mentre scorro il resoconto
della spedizione di Gigi Casati alle sorgenti del Gorgazzo
(QUI).
Queste domande vorrei fare ai grandi esploratori ai navigatori
agli astronauti agli speleologi agli esploratori delle profondita'
marine e delle grotte sommerse ...
ma da Gigi lo so ... in risposta avrei solo un sorriso ...
ed ogni parola sarebbe superflua.  
Grazie Gigi ... per averci raccontato questa grande emozione
BigBlueDive 
°°°°°_0-)

 
 
 

Sharkstop !

Post n°63 pubblicato il 15 Febbraio 2008 da bigbluedive

A volte capita di essere in corrente ed essere affaticati ...
e ... uno strappo si puo' sempre provare a chiederlo ....
sperando sempre che l'autista non si giri ...


hehehehe
°°°°°°_0-P

 
 
 

Jalla Gobal !

Post n°62 pubblicato il 05 Febbraio 2008 da bigbluedive

Uno spruzzo d'acqua salata mi colpisce il viso entrando dal piccolo oblo' sopra la cuccetta della mia cabina ... Sveglia! Sono solo le sei .. il sole si e' gia' alzato ...
La barca ha lasciato l'ancoraggio alla shamandura ridossata presso il reef di shaab ali ... e stiamo gia' saltando sulle onde dello stretto di GUBAL ... La destinazione e' vicina ... giusto il tempo di buttare giu' un the caldo ... il briefing lo facciamo mentre prepariamo l'attrezzatura... molto semplice .. arriviamo ... ci tuffiamo discesa veloce lungo il cavo e giu' dritti fino all'elica del Thistlegorm ...
(http://en.wikipedia.org/wiki/SS_Thistlegorm)
"Il Thistlegorm, fu costruito in Inghilterra nei cantieri J.L. Thompson & Sons. Questo cargo destinato al trasporto di materiali bellici venne varato a Sunderland il 9 aprile 1940. Era lungo 131 metri per una larghezza di 17,5 metri e una stazza di 9.009 tonnellate. Di proprietà della Albyn Line Ltd., era provvisto di un motore a tre cilindri a tripla espansione capace di sviluppare una potenza di 1.860 cavalli per una velocità di 10.5 nodi. La prima settimana di settembre partì da Glasgow diretta verso il Mar Rosso, dopo una breve sosta a Cape Town per rifornirsi di carbone, la nave si diresse verso lo stretto di Suez. All’ancora nello stretto di Gobal, all’una e trenta del mattino del 6 ottobre 1941, venne inesorabilmente colpita e affondata da una pattuglia di bombardieri Tedeschi ."
Mi strofino gli occhi e sputo nella maschera per togliere il sale incrostato.
Questa settimana la muta non ha mai fatto in tempo ad asciugarsi, idem gli erogatori, il jacket e il computer che sta macinado la desaturazione dell'azoto oramai da 3 giorni e non si e' mai spento...
Va bene ... mastico l'ultimo biscotto e bevo l'ultimo sorso di the alla menta proprio prima di indossare l'attrezzatura ... C'e' un pochino di onda e la boa con il cavo galleggiante sta facendo sci nautico dietro la poppa ... si c'e' anche un po' di corrente .... speriamo di beccare il cavo subito . Ci tuffiamo in posizione perfetta e portati dalla corrente scendiamo fino a incontrare il cavo ... mano a mano che si scende la corrente sembra rallentare e si delina la forma del relitto... e' un po' torbido qui sotto e si ha proprio l'impressione di arrivare in un luogo carico di sensazioni ... di emotivita'... di devastanti esplosioni notturne, urla di uomini, fumo acre e fiamme .... Pensieri ... rimbombano nella mia testa e lasciano il posto al silenzio degli abissi rotto solo dal gorgogliare delle bolle del mio erogatore.

Il cannone di poppa e' splendidamente decorato da alcionari viola e arancioni.. ed ecco che esce la mia anima pacifista... "mettete i fiori nei vostri cannoni"... ora ci sono e ci resteranno per sempre ... Un'ombra ci sfiora velocissima pare sia un grosso tonno ... accidenti e' un missile ... e io che lo ho sempre visto in scatola....:)) mah... proseguiamo la discesa e arriviamo alla grossa elica ... è impressionante spingeva la nave e tutto il suo carico ad oltre 10 nodi ...
Continuiamo l'esplorazione fino ad arrivare ad un tremendo squarcio , le lamiere sono contorte divelte dal calore e dalla potenza dell'esplosione, mentre, tutto intorno, ricoperte da quasi 70 anni di icrostazioni, si riconoscono casse di munizioni , stivali di gomma , pezzi di ricambio ... ma tutta questa devastazione e' ingentilita dai migliaia di pesci e dalle costruzioni calcaree dei coralli , come a stendere un velo di riconquista della natura su questa tragica invasione sottomarina ...
Risaliamo impressionati da questa immersione .. ma con la grandissima voglia di ritornare giu a vedere il resto . In tarda mattinata infatti poi ci ritufferemo, andremo ad esplorare le Stive ... piene di camion , mezzi fuoristrada e motociclette mentre domani gireremo la zona della prua con il vagone ferroviario il siluro e il verricello con l'enorme catena dell'ancora di prua ...
Che dire di piu' di queste immersioni ... ricche di contrasti ... dalla tragedia dell'affondamento ... alla meravigliosa vita marina che cresce su questo vecchio rottame metallico ... un'esperienza unica... 
 

°°°°°°°°_0-) BigBlueDive

 
 
 
Successivi »
 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

bigbluediveFatabluettepierbarba1951giuseppepartipilo1leonkennedy1990gravoststudiogottardipaschi4delfino21070ubyfourRossella135sergiomexithevitospsykespsicologiaforense
 
 
 
 
 
 
 

QUANTI PESCI NEL MIO MIO ACQUARIO ?

 visitor stats