Creato da hard_bone il 22/12/2013
Una stanza tutta per me

Area personale

 
 

Cosa sto leggendo

 
IL VAGABONDO DELLE STELLE
 

Ultime visite al Blog

 
hard_boneacer.250SAL313dominjusehellahsoul_womanSky_Eaglekatyjocile54clock1991rudyga0gaza64Pitagora_StonatolesaminatoreFlautoDiVertebra
 

Ultimi commenti

 
Citazioni nei Blog Amici: 16
 

Archivio messaggi

 
 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 
 
 

 

 

Uomo di cartone

Post n°53 pubblicato il 23 Ottobre 2016 da hard_bone

 

 

 

Alle prime luci del mattino 

 
 
 

Sintesi

Post n°52 pubblicato il 06 Agosto 2016 da hard_bone

 

 

 

Nascere e soffrire, sintesi di vita. 

 

 

 
 
 

Bang bang

Post n°51 pubblicato il 20 Luglio 2016 da hard_bone

 

 

Sono 

 
 
 

Luna

Post n°50 pubblicato il 10 Giugno 2016 da hard_bone

 

 

Una triste luna affoga la sua immagine nel pozzo ... e tutto intorno silenzio.

Ragno, chi sarà la  tua preda questa notte?

Odo echi lontani di risa, gente  che ignora il loro ineluttabile destino.

Poveri sconsiderati.

Sento stranamente freddo.

Freddo accompagnato a un sentore di smarrimento.

Giugno è la porta dell'estate, non dovrei soffrire così. Non dovrei, anzi, nessuno dovrebbe essere infelice. Invece viviamo un mondo malato.

Pregiudizi, preconcetti, vizi, di forma, di sostanza.

Cani sciolti.

Bambini rotti.

Chiazze sui muri.

Veleno.

Chi mi porterà alla morte?

Un dolce suono m'accompagna lungo il sentiero. Ci sono petali di rosa e chiodi sotto ai miei piedi, però tutto ciò, oramai non conta.

Non sento più nulla, non provo più nulla.

Tutto attorno a me è blu.

Un unico colore.

Sono ammantato dal blu e dal mare.

Un solo singolo pensiero e niente più.

Maledetto uomo. 

 

 

 
 
 

Il circolo vizioso

Post n°49 pubblicato il 02 Giugno 2016 da hard_bone

 

 

Si parte sempre da un punto per necessariamente finire in un altro. A volte si ritorna da dove abbiamo iniziato il percorso, a volte ci ritroviamo da tutt'altra parte. La vita è movimento, è darle un senso, è cambiare, mutare, evolversi.

Oggigiorno viaggiamo alla velocità della luce, siamo interconnessi, multimediali, multitasking (multi processuali). Facciamo e siamo un sacco di cose: sveglia presto, colazione, auto, code, stress. Moderne catene di montaggio ci accolgono, uffici galere, fabbriche lager, colleghi serpenti, collaboratori vuoti "privi totalmente di contenuti". Fare la spesa, cena, lavare piatti, un po' di tv spazzatura, letto. Incubi.

Reloaded. (riavvolgere)

Piccola precisazione prima di andare avanti col mio pistolotto; tra parentesi scrivo il corrispondente termine in italiano dall'inglese, non perché ho poca fiducia di voi, cari  lettori, e sulle vostre conoscenze linguistiche, bensì non amo molto gli eccessivi anglicismi. Chiarito ciò, posso continuare con i miei illuminanti discorsi, ricchi di enfasi e retorica.

La schiavitù è stata abolita ufficialmente in tutto il mondo, ma l'uomo moderno si può realmente considerare libero? Forse dovremmo capire cosa significa essere liberi ma non  voglio approfondire oggi l'argomento. E poi, ognuno di noi ha la sua libertà, la sua verità. Il fatto è che siamo sempre scontenti di quello che facciamo, le scelte quotidiane, i gusti in fatto di cibo, moda, le coscienze sia sul piano sociale, sia intellettuale. Non ci va bene il lavoro, chi frequentiamo, la società, il mondo intero è in totale disaccordo con noi. Mi sembra di assistere ad un malessere diffuso. Insito in ogni individuo.

L'uomo, da quando ha preso coscienza del "Se", ha avviato una continua e incessabile trasformazione dell'ambiente in cui vive. L'evento della rivoluzione agricola prima, e quella industriale poi, hanno segnato definitivamente il passo verso un cambiamento epocale.

Possiamo chiamare questa "trasformazione" anche con un altro nome: evoluzione. Non credo però che evoluzione significhi miglioramento. E poi bisogna pensare al prezzo che dobbiamo pagare in termini di natura. Oggi i dati dicono che spariscono nel nostra pianeta 30.000  specie animali o vegetali.

Non a rischio, si estinguono per sempre trentamila organismi viventi a causa dei mutamenti del loro habitat usuale.

Cosa potrà accadere nell'immediato futuro? Difficile dirlo, impossibile prevederlo.

Ad essere pessimisti spesso s'indovina, ma qui in gioco c'è la nostra esistenza, la nostra stessa vita.

 

 

 

 
 
 
Successivi »