Braveheart_bg

"Benvenuto nella mia casa! Entrate libero e franco. Andatevene poi sano e salvo, e lasciate alcunchè della felicità che arrecate!"

 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

emilytorn82utente.operativo01simonamontanojunor93farmacia.scardiabermax12luca.ros1976princesssweetfrancesko76acr_crlinovenamariter_doloscardellestellemorganna1braveheart_bg
 

ULTIMI COMMENTI

buon natale
Inviato da: muffina
il 24/12/2014 alle 19:46
 
si, una città del sud... preferisco non dire quale....
Inviato da: braveheart_bg
il 09/03/2013 alle 13:22
 
Ciao! Una città del sud immagino, quale?Ho letto anche il...
Inviato da: SdoppiamoCupido
il 24/01/2012 alle 20:06
 
tornato finalmente e con solo un sogno ,fatti un giro per...
Inviato da: emy7795
il 02/09/2009 alle 09:10
 
complimento per l'ottimo servizio.. Genitori e...
Inviato da: bayerpub
il 12/05/2009 alle 12:45
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 30
 

TAG

 

MASSIME DI VITA

L'amore

immagine

L'amore è una forza selvaggia.
quando tentiamo di controllarlo,ci distrugge.
quando tentiamo di imprigionarlo,ci rende schiavi.
quando tentiamo di capirlo,ci lascia smarriti e confusi.

Massima di vita

...il fatto è che ci riteniamo tutti buoni, dolci, sensibili, con qualcosa dentro da dare a qualcuno, cosa sia poi neppure noi lo sappiamo. Tutte e tutti veniamo da storie sbagliate, ma certamente il futuro ci riserverà il grande grandissimo amore. Ovviamente odiamo l'arroganza, la violenza, i presuntuosi ed il lesso la domenica a pranzo.

Fritz Walter Hungary
(poeta bagnino)

Il più veloce

......e se ogni tanto ti senti piccolo inutile offeso e depresso ricorda sempre che una volta sei stato il piu' veloce e vittorioso spermatozoo del gruppo!!!!

immagine

Il matrimonio

il matrimonio non è altro che l’arte di NON risolvere in due i problemi che da SOLO NON avresti mai avuto… 

Istruzioni di vita

Un vincente trova sempre la strada,
un perdente trova sempre la scusa.

Ci sono due cose che nn tornano mai indietro: una freccia scagliata e un'occasione persa.
Dedicato a...
"A chi insegue un sogno nella vita
ai tenaci, ai testardi, agli ostinati
a chi cade e si rialza
a chi ci prova sempre e a chi non molla mai.
Perché loro sono quelli che guardano avanti
quelli che sperimentano sempre
quelli che credono nel futuro e non smettono mai di sognare.
Quelli che si sentiranno vecchi
solo quando i rimpianti saranno superiori ai sogni."

copiata da un profilo di L @ L (l'autore, per privacy, sarà pubblicato solo su sua eventuale richiesta)

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

 

Auto, trenino, treno e bus (parte prima)

Post n°167 pubblicato il 25 Giugno 2014 da braveheart_bg
 

romanzo sfortunato, un romanzo a puntate...

terza puntata.

Ore 4.59.

Un unico occhio aperto, quello sinistro, corrispondente all'unico ottavo di cervello aperto e funzionante a quest'ora.

L'occhio sinistro, quello che vede meno peraltro.

In queste condizioni, ciascuo di voi si aspetterebbe un viaggio tranquillo e sonnecchioso verso il luogo di lavoro, magari con in sottofondo lo sferragliare del tram... Niente è più distante dalla realtà per il giovane M.

Ancora assonato preme il tasto sul telecomando. Il mondo cambia.

Cambia d'improvviso.

Si fa serio, terribilmente serio. Il giovane M. diventa, nel suo io, un italico Vincenzo Gasolio.

La strada diventa rovente, Il giovane M. diventa veloce, almeno quanto il Peugeottino gli consente, e furioso, iprecando contro il calendario intero ad ogni intoppo gli si pari davanti, ostacolandone il flusso lungo l'arteria stradale.

E così, curva dopo curva, imprecazione dopo imprecazione, il giovane M. arriva alla prima stazione del treno.

Treno, treno è una parola grossa. Trenino, monovagone.

Il giovane M. prende posto pensieroso. La modalità F&F è terminata, sonnecchia pensieroso guardando il cingalese che è seduto qualche posto più avanti.

Ore 5.48 il trenino parte, una fermata ogni 5/6 minuti, qualcuno sale. qualcuno scende.

Nessuno di quegli individui cattura la fantasia del giovane M., assorto nei propri pensieri, nel sonno, nella musica dei Metallica d'annata che fluisce dall'iPod...

Lentamente si arriva all'agognata meta.

Pochi minuti e si cambia treno.

Ore 6.22, nuova partenza. Nuovo treno.

In effetti proprio nuovo non è, ma sembra confortevole e pulito.

Meno fermate più gente che sale e scende.

 
 
 

Sono solo piccole rotture di c.

Foto di braveheart_bg

Rieccomi al blog!

E' come entrare dopo anni in un vecchio castello: tutto è decadente, le immagini sono scomparse, così coem le pagine da cui sono state tratte e idem per alcuni file musicali. La biografia dell'autore andrebbe poi riazzerata.

Un gran lavoro da fare insomma. Che mai verrà fatto, per mancanza di tempo e di voglia. A volte da sole, a volte congiunte.

Ma stanotte, dato che il socio di camera sta tenedo un concerto per tromboni e motoseghe e mi sta tenendo sveglio, avendo giocato a tutti i giochi di fb, scrivo le mie piccole lagnanze di vita.

Certo, poca cosa riguardo ai problemi del mondo. Chi non lotta per la salute o per il pane ha poco di cui lagnarsi seriamente.

Pertanto, con spirito lieve, mi sfogo delle mie piccole seccature che, in ultima parte di vita, me le hanno davero fracassate.

 

  1. Lavoro: ce l'hanno fatta! Mi hanno punito di nuovo. Eppure mangiavo solo un gelato. Mah...
  2. Donne: statevene a casa vostra! Se dovete rompere, promettere e poi non mantenere, scrvere e scomparire, accampare scuse per poi evitarmi... non cercatemi direttamente. Io non vengo da voi a rompere. Non lo faccio da anni. Ho imparato da piccolo a farmi le pugnette. Saprei farle di nuovo all'occorrenza.
  3. Scuola: volete pubblicare il calendario esami corretto?
  4. Interruttore differenziale: la vuoi smettere di saltare e scongelarmi a tradimento tutto il cibo nel freezer?
  5. Colleghi bastardi: Che dio accolga al più presto lo spacciatore della mia fotografia col gelato. Che faccia lo stesso col capo, nel pegior modo possibile. Che mi spostino di camera al più presto: io il socio non lo sopporto più, e non solo perchè russa in modo raccapricciante.
  6. Scooter: cosa ti è preso che non vuoi funzionare più?
  7. Apparato osseo: perchè tutti questi scricchiolii nuovi? Specie ginocchia e caviglie? E non ditemi che è colpa del peso, questo lo intuivo. ma c'è dell'altro. E poi... basta cali di zuccheri, di attezione e di equilibrio. mi sono davvero rotto. Che poi devo mangiare un gelato e sappiao tutti come va a finire... 
  8. Le altre cose per ora non le ricordo... fanculo! Tanto si faranno risentire loro.
  9. V.: piantala di tornarmi in mente, è difficile resistere al chiamarti. Non ho altro a cui attaccarmi, coma fai tu. Ah, inutile, tanto farai come sempre come c. vuoi, anche da semplice pensiero.

 

A presto. o forse no.

 
 
 

Doccia, caffe, barba e bidè...

Post n°165 pubblicato il 25 Marzo 2013 da braveheart_bg
 
Foto di braveheart_bg

 

Romanzo sfortunato,

un romanzo a puntate...

Seconda puntata

 

Aaaaaargh!!

Respiro profondo da ritorno alla vita.

Fuori dal letto. Fuori in 5'.

Quando ti addestravano ti preparavano a quest'evenienza.

Fuori in 5'.

Già. Ma tu pari il Ragionier Fantozzi...

Doccia, caffè... Barba e bidè... presto, che perdo il tram.

Ma che tram? Che qui non passa nemmeno il bus.

E poi, perchè farsi bidè dopo la doccia? Allora c'è dell'altro... Allora il Ragionier Fantozzi quella volta non ci aveva detto tutto.

Comunque su doccia e bidè sono preparato, li ho fatti prima di andare a dormire.

E per far prima non ho messo nemmeno il pigiama. Come sempre del resto.

Sagace...

Fuori in 4', perchè il tempo - si sa - è come il limone.

Stringe.

Barba fatta. 8 squarci. Ho imparato da F. Kruger? Forse da E. "mani di forbice"? Mah, chi può dirlo...

Fuori in 3'...

Caffè...

No, non lo reggo... mi fa venir mal di testa. Meglio il tè (e non the) del distributore automatico in azienda.

Fuori in 2'...

Faccio un passo, entro nei pantaloni.

Faccio un altro passo ed ho calzini (corti e scuri) e scarpe.

Terzo passo: 2 maglie già messe una nell'altra.

Quarto passo: giacca, chiavi casa, chiavi auto, telecomando.

Yeah!!

Fuori in 1'...

Chiusa la porta dietro me, 4 mandate.

...merda: il portafogli!

Riapri, cerca, trova, richiudi.. 4 mandate.

...merda: il telefono!

Riapri, cerca...

...merda: è ancora smontato!

prendi i pezzi (lo rimonterai più tardi), richiudi e vola in auto.

(finalmente) Fuori! 

 

 
 
 

Risveglio (madonna che botta!)

Post n°164 pubblicato il 09 Marzo 2013 da braveheart_bg
 
Foto di braveheart_bg

Romanzo sfortunato,

un romanzo a puntate...

Prima puntata


zzz... (rumore di segheria a pieno ritmo)

Il telefono vibra sul comodino... ma tu non te ne accorgi. 

Non subito almeno.

Apri un occhio, poi l'altro... richiudi il primo...

Balzo felino in avanti. Cerchi - ad occhi chiusi - il telefono lì, dove dovrebbe essere, ma non c'è.

La vibrazione lo ha magicamente traslato nel punto più inaccessibile del comodino.

Ma sei talmente in coma che nemmeno te ne accorgi...

In testa hai solo il "tunz tunz" della sera prima.

Nel frattempo il telefono ha smesso di vibrare.

Non gioire, è appena caduto.

E, ovviamente, si è aperto... 700 euri giacciono privi di vita aperti per terra.

Aspetta, il male fa le cose per bene: la batteria si trova nel centro esatto del letto, precisamente sotto al letto. e sul pavimento si accoppia con il più grande dei tuoi gatti di polvere.

Ma tu ti sei riaddormentato di nuovo. E di questo, per ora, non ti curi.

Ti giri, ti rigiri... al calduccio...

Sogni... vibrazione, telefono, pavimento, batteria, gatto di polvere... 700 euri...

Noooooo! urli d'improvviso.

Ti alzi con il busto (ma non con le gambe) e hai gli occhi sbarrati. Tipo Undertaker, per intenderci...

Buongiorno mondo!

... sai già che oggi sarà un'ottima giornata, vero giovane M.?

 

 
 
 

(come sventrare) un pensiero poetico/malinconico visto su facebook

Post n°163 pubblicato il 11 Agosto 2012 da braveheart_bg
 

 

Prima di spezzare il cuore di qualcuno, uno dovrebbe pensarci due, tremila volte.

già, come se uno ci pensasse prima, si decidesse a prori "oggi vado e spezzo il cuore a qualcuno, così... perchè non ho nulla da fare"

 Sai già che te ne andrai? Dillo.

che dovrei sapere io? guarda cara che quando si comincia, non si pensa quasi mai alla fine 

 Sai già che non sarà mai amore? Dillo.

come se uno potesse sapere prima l'evoluzione dei propi sentimenti... 

 Fa piacere a tutti qualche attenzione in più, ma non è giusto. Non è giusto, non è lecito infilarsi nelle vite degli altri, nei pantaloni degli altri, nelle notti degli altri, senza specificare quello che cerchiamo davvero.

il problema non è cosa uno stia cercando davvero... il problema è che spesso non si trova mai davanti a quello che cerca. spesso sono solo adattamenti e più passa il tempo più escono i difetti, i problemi ma anche i pregi nascosti... tutto queesto fa cambiare l'oggetto della nostra ricerca. voi cambiate sempre dalla prima impressione che date, non per questo vi denunciamo per truffa.

 Non possiamo pretendere solo sesso, se parliamo d’amore.

se c'è amore, o almeno una parvenza di questo, il sesso lo si pretende eccome. si ama con il corpo, ci si mette dedizione, tecnica e passione e si pretende altrettanto, senza questi ingredienti, l'amore non c'è. on ci può essere. nessuno ama i pezzi di legno (a parte i castori)

 Quanta leggerezza c’è in giro, quante persone frivole, quanta gente che per una notte in due venderebbe l’anima al diavolo.

e quante stordite ci sono che, per paura di restare sole, credono al primo che si presenta loro. o, peggio, aprono braccia e gambe ma chiudono ochhi naso e bocca. 

 E poi se ne va.

 Poi vanno via.

ma davvero tu terresti una cosa che non funziona? cerchi di aggiustarla, ma non sempre è possibile

 Chi se ne va ha delle responsabilità enormi e forse non se ne rende nemmeno conto.

no, scusa, sarebbero le respnsabilità? non ti sfiora nella testa l'idea che tu sia responsabile del nostro andarcene, anche se, per non offenderti, ti raccontiamo un sacco di fregnacce?

 Chi se ne va trasforma per sempre quelli che restano, perché per andare avanti dopo un addio si deve cambiare. 

 E’ ovvio, è necessario, è la realtà.

è la vita. ti cambia. pensa che tu hai cambito la vita di chi se ne va. e credimi, se se ne va, non gli hai certo cambato la vita in meglio.

 Chi è sopravvissuto a tanti, troppi saluti di mattina, a troppi “arrivederci e grazie”, a troppe umiliazioni, a troppe mancate scelte, al non essere mai quello abbastanza speciale da perderci la testa, è diverso da tutti gli altri.

diverso? in cosa scusa? 

 Ha ancora tutto il suo amore da parte, ma non sa più che farsene.

provare a non cercare di rifilarlo in massa al primo che capita? provare a dosarlo un po' per volta, per vedere come ci si evolve insieme? Se il vostro "amore di cui non sapete che farvene" lo somministrate poco per volta al malcapitato di turnoe non di colpo, magari evitate l'effetto "...oddio oddio oddio, che si è messa in testa questa per stravolgermi l'esistenza?"

 Dovremmo fare attenzione alle persone, a tutte le persone che incontriamo.

basterebbe fare attenzione a non far correre le paranoie che vi vengono in testa, a non farvi fim strani: più paranoie e più film vi fate e più ci viene la voglia di abbandonarvi all'Autogrill

 Un ciao, in alcuni casi, non è solo un ciao.

per noi si, se volete dirci altro... ditecelo. non leggiamo i tuoi sottotitoli: non compaiono.

 Un bacio senza un abbraccio a seguire non è solo un bacio come tanti altri baci.

 Un “ci sentiamo dopo” senza una chiamata nei giorni che verranno non è solo una chiamata mancata.

 Un “vorrei vederti” senza indicazioni sul posto e sull’ora non è solo una promessa di speranza.

 Tutti questi piccoli particolari sono vuoti in cui vanno a finire l’autostima, la fiducia, il desiderio, il coraggio, la forza.

questi sono vuoti che ti crei da sola, e ci vanno a finire anche la nostra pazienza, la nostra comprensione e la nostra voglia di contiuare. ti aspetti un abbraccio? dammelo! non ti uccido, vuoi sentirmi dopo? chiamami tu. ma, ti prego, valuta bene il momento e dimmi qualcosa di concreto. vuoi vedermi anche tu? proponi un appuntamento. proponilo seriamente, trova un posto od un evento che piaccia ad entrambi.

 Magari noi non ci crediamo, magari usciamo con qualcuno tanto per fare, magari non è il momento, magari può succedere.

magari non è il modo migliore per fare, tanto per fare. ma siamo disposti a tollerarlo, purchè voi facciate lo stesso con noi.

 Magari, però, chi abbiamo accanto non si sente come noi.

 Magari chi abbiamo accanto ci crede.

 E se ci crede è anche un po’ colpa nostra.

 E se ce l’abbiamo fatto credere e poi lo abbandoniamo, lui non sarà più lo stesso, in futuro, con nessuna delle persone che incontrerà.

tranquilla, ci si abituerà, se ne farà una ragione. la questione dev'essere semplice: la cosa non funziona per questo, questo e questo. se sei chiara, l'altra parte capisce, se trovi solo scuse del cazzo, la gente si fa paranoie.

 Quando non siamo pronti ad amare, stiamo da soli, oppure impariamo ad essere sinceri.

nessuno è mai pronto a nulla: non sono esami che ti puoi preparare. si reagisce solo a quello che arriva.

 Non roviniamo anche quelli che, invece, ad amare sarebbero pronti eccome.

La volontà nostra non è di rovinare nessuno. ma fattene una ragione, la teoria è diversa dalla pratica. La tua presenza nella mia vita, oltre allo gioie, mi crea problemi, spesso irrisolvibili, che da solo non avrei mai avuto. Se poi ci metti del tuo per farmi pesare questi problemi, non ti lamentare se ce ne andiamo. è meglio per tutti, anche per te.

 

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: braveheart_bg
Data di creazione: 03/10/2006
 

IL WEBMASTER

The Brave do not live forever, but the timid do not live at all

versione rinnovata della descrizione

dunque... sono nato in una pigra e calda domenica sera di qualche anno fa.
dopo una ridente infanzia ho frequantato con successo entrambe le scuole dell'obbligo e con alterni risultati ho portato in cascina anche le scuole superiori e una successivo corso di studi a livello professionale.
Felicemente single, per scelta mia, dopo attenta valutazione degli eventi e delle varie e splendide fanciulle che mi hanno fatto dono dei loro sentimenti e del loro prezioso tempo.
(A loro comunque vanno i miei ringraziamenti per tutto ciò che hanno saputo darmi, le mie scuse per non esere stato in grado di fare altrettanto e tutto il bene che posso volere loro.)

Attualmente mi sono insediato nel mio posto di lavoro "quasi" ideale... per ora tutto bene. avevo decisamente bisogno di serenità laorativa
Nella vita mi ritengo un "caotico genio", come dite? non sono modesto?
E' vero, ma non si può essere modesti quando si è i migliori.
Ho vari interessi: scrivo (a volte leggo), vado in moto, ascolto musica e svariate altre cose, decisamente interessanti.
Soprattutto ora finalmente mi diverto con il mio lavoro, tra alti e bassi e in mezzo alle difficoltà che, come in tutte le professioni, danno un po' di fastidio ma danno anche soddisfazione quando queste vengono superate.
ah, quasi dimenticavo: cucino! E anche bene.
Se mi cercate, mi troverete sicuramente al bar dove, se sarò abbastanza sano per capire che vi state presentando, vi offrirò da bere, come faccio con ogni buon amico che passa a trovarmi.
Se mi cercate ora, complice la stagione estiva, mi trovate a sonnecchiare nel mio pensatoio, sulla sponda bergamasca del Sebino; anche qui venite in pace e sarete trattati da amici.
Come avrete capito mi diverto molto a scherzare con le persone, ma so anche essere serio.
Beh, tra il serio ed il faceto, vi lascio un saluto (wow, ho fatto una rima!!!)
Un bacio alle belle donne.
Ed uno anche a quelle simpatiche.
Vi lascio il mio numero di telefono, che non si sa mai... 0123.456789

che dire di più su di me... conoscetemi.

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: braveheart_bg
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 41
Prov: BG
 

QUANTI SIAMO?

 

 

immagine