Community
 
CedrodelLib...
Sito
Foto
   
 
Un blog creato da CedrodelLibanodgl il 16/09/2008

Il Cedro del Libano

Promozione turistica e valorizzazione del territorio

 
 
 
 
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: CedrodelLibanodgl
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 113
Prov: LE
 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 

TAG

 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 
 
 
 
 
 
 

 

 

Castro: la passeggiata lungo le mura

Presto sarà possibile esplorare il castello di Castro (Le)... Attendendo il lieto evento, possiamo godere intanto di una piacevolissima passeggiata lungo le mura, per sbirciare tracce dell'antica difesa messapica, ed i resti del tempio della dea Minerva, da cui probabilmente il toponimo latino Castrum Minervae.

Se proprio nn v'importa nulla delle evidenze archeologiche, potrete sempre godere di un panorama mozzafiato, una vista sul mare tutta da godere!

 
 
 

FINALMENTE ON-LINE!!

E' visitabile, anche se ancora incompleto, www.cedrodellibano.it, sito per la promozione del territorio che si andrà via via arricchendo di nuovi contenuti, info turistiche e pillole di storia, arte e cultura.

Dategli un'occhiata e partecipate al sondaggio: la vostra opinione sui servizi offerti è importante per il Cedro del Libano!

 
 
 

La voce degli eroi a Mesagne

Foto di CedrodelLibanodgl

Vi racconto il workshop di ieri.... bellissimo, interessantissimo, superlativo!

L'incontro si è aperto con l'intervento del Dott. Emmanuele Petiti, che ha presentato il progetto di ricerca "Il Carro, l'Acqua e la Vite", incentrato sull'antropologia dei Messapi. Successivamente il Prof. Francesco Mallegni ha tenuto una lezione di antropologia umana, con rierimento particolare alle genti che hanno popolato la Puglia: dalla donna di Grotta Paglicci, all'Uomo di Altamura, per finire a Parabita, nella Grotta delle Veneri, dove sono stati ritrovati gli scheletri di un uomo e di una donna alti circa 1,80 m.

A seguire, si è parlato di Goti e Longobardi, della Canosa tardo-antica, di Arabia, Egitto, e poi ancora si è tornati nel Salento, a Roca Vecchia.

Imperdibile il racconto sulle esperienze di ricostruzioni facciali (sempre del Prof. Mallegni), e la lezione sulla paleonutrizionw, che sembra gettare nuova luce sui possibili casi di avvelenamento del passato.

 
 
 

Workshop messapico

Post n°7 pubblicato il 26 Settembre 2008 da CedrodelLibanodgl
 

Per tutti gli appassionati di archeologia, studenti, laureati, un appuntamento di sicuro interesse è quello di domani, a Mesagne (prov. Brindisi), nell'antico e centralissimo castello.

Un worshop tutto dedicato ai Messapi, una full immersion (dalle 9,00 alle 20,00) in cui saranno discussi gli aspetti antropologici di questa affacsinante (e ancora poco nota) civiltà.

Ah, tra i relatori anche il prof. Piero Angela.

Cliccando sul link si aprirà il file .pdf con il programma della giornata. Io ci sarò, e voi?

http://www.archaeogate.org/storage/216_event_822_2.pdf

 
 
 

Il naufragar m'è dolce in ... questi Mari

Non è un errore, tranquilli... QUESTI MARI è d'obbligo per chi vive nella Penisola Salentina, perchè sono due i mari che la bagnano, Ionio e Adriatico. Potrei mai preferire l'uno all'altro? No, assolutamente. entrambi sanno regalare emozioni uniche, ed impareggiabili. Da godere sempre. L'ideale sarebbe raggiungere Otranto, prima che arrivi la luce del giorno, accoccolarsi vicino al Faro di Punta Palascìa e attendere l'alba. Uno spettacolo imperdibile. Visitare il borgo antico della cittadina, perdendosi tra le bellezze architettoniche ed il fascino della sua storia. Non si piò non restare incantati davanti a quel mirabile mosaico che pavimenta la Cattedrale idruntina, nella Foresta di Pietra (la Cripta della Cattedrale con le infinite colonne). Se le temperature lo consentono, un buon bagno nelle sue acque limpide e adriatiche certo non guasta.

E lo Ionio? Anche lui merita il giusto tributo. Bisognerà quindi spostarsi, seguendo il percorso della litoranea fino a Leuca, dove si compie il magico rito dell'incontro tra i due Mari, fecondo come l'accostarsi di due sposi la prima notte di nozze.

E, prima che giunga il tramonto, sarà opportuno proseguire verso Gallipoli, e ancora più su, fino a Porto Cesareo. Lì si potrà godere del più bel tramonto che possa esistere.

E' un'esperienza da provare, da vivere e da rivivere. Perchè, dopo la prima volta, si sentirà sempre più forte il bisogno di seguire il Sole, la sua energia, svegliandosi con lui ad Otranto, e accompagnandolo verso la notte a Porto Cesareo.

 
 
 
Successivi »
 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

luciosordogambinorosannaaleteia.83rudiprinpaolillo.alessiapulcina85lucepallidaITALIANOinATTESAlucyu85sele91xCedrodelLibanodglLoStatistaamadeus_87fioreselvatico3faraglioniblu
 
 
 
 
 
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom