Creato da carmen46c il 27/06/2007

CARMEN AULETTA

I ricordi, certi ricordi, sono come tatuaggi, non vanno più via, sono parte della tua anima, della tua vita.

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

annarusso.87fosco6wanda.didarimario1985rmvercingetorige25305my_way70santiago.gamboasilenzioso.cuorekiwaiste.ale_2009carmen46clubopopantaleoefrancalumil_0tobias_shuffle
 

ULTIMI COMMENTI

Anatroccolo? Si...
Inviato da: carmen46c
il 13/03/2016 alle 07:25
 
Socrate52....non riesco a modificare il post e nemmeno a...
Inviato da: carmen46c
il 13/03/2016 alle 07:04
 
Eh si....hai centrato il punto! C' qualcosa che bolle...
Inviato da: carmen46c
il 12/03/2016 alle 13:32
 
Carissima Carmen ! Dire che sono contento per te ...
Inviato da: socrate52
il 12/03/2016 alle 13:17
 
BUON ANNO....c' la speranza che sia un po'...
Inviato da: fosco6
il 31/12/2013 alle 11:27
 
 
 

 

« uN'ALTRA SETTIMANACHI È CARMEN AULETTA ? »

A SPACCANAPULE

Post n°240 pubblicato il 14 Novembre 2013 da carmen46c
 

A SPACCANAPULE

 

 

 

A Spaccanapule , dint’ a ‘nu vico,

i’ pure ‘int’a ‘nu vascio  stesse ‘ecasa,

addò  se sente ‘nu prufumo antico

e all’aria ancora truove ‘e panne spase.

 

E’ ‘nu tiatro apierto tutt’ ‘e juorne

ca t’appresenta ‘o core ‘e ‘sta città.

Sient’  'ammuìna sempe allera attuorno

ca pur' a ‘o furastiero fa ‘ncantà.

 

So’ cchine ‘e storia chisti vicarielle

ca  ‘e mmure  pare vonno raccuntà.

E ttanta ggente, ricche e ppuverielle

cca vèneno pe vvennere e accattà.

 

Appriparàte stanno  ‘e bbancarelle

ca pure â sera truove a ccentenare

‘e vvide chiene ‘e tanti ccusarelle

assaje  bellelle e sso' sfizziose errare.

 

E ’addore ‘e panzarotte e ppizze fritte

te passa sott’a ‘o naso e sceta ‘a famma

ca nun riésce cchiù a  tenerla zitta,

si pure ‘a stute,  ancora  ‘ecchiù, se ‘nfiamma.

 

Accumincianno già a 'coppa ‘e Quartiere

‘nfino a Furcella è  ‘nu via vaje ‘eggente.

Cca pure ‘o niro, ‘o janco e ‘o furastiere

vò rummané,  ca Napule è accogliente.

 

‘O core ‘e ‘sta città è gruosso assaje,

'o siente ‘a ‘int’ ‘o  ggigante d’ 'amuntagna,

ca si lle cirche ‘a strada addò tu vaje

tt’ ‘a dice apprimma e doppo tt' accumpagna.

 

Carmen Auletta

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog