Creato da carmen46c il 27/06/2007

CARMEN AULETTA

I ricordi, certi ricordi, sono come tatuaggi, non vanno più via, sono parte della tua anima, della tua vita.

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

silenzioso.cuorekiwaiste.ale_2009carmen46clubopofosco6pantaleoefrancalumil_0tobias_shufflemax_6_66lacey_munroarrivera1etikapianuraamorino11IrrequietaD
 

ULTIMI COMMENTI

Anatroccolo? Si...
Inviato da: carmen46c
il 13/03/2016 alle 07:25
 
Socrate52....non riesco a modificare il post e nemmeno a...
Inviato da: carmen46c
il 13/03/2016 alle 07:04
 
Eh si....hai centrato il punto! C'è qualcosa che bolle...
Inviato da: carmen46c
il 12/03/2016 alle 13:32
 
Carissima Carmen ! Dire che sono contento per te è...
Inviato da: socrate52
il 12/03/2016 alle 13:17
 
BUON ANNO....c'è la speranza che sia un po'...
Inviato da: fosco6
il 31/12/2013 alle 11:27
 
 
 

 

« Pensieri nascostiAMMORE 'E PISCATORE »

Recensione della scrittrice Franca Poli al libro "Voci di Conchiglia 2"

Post n°196 pubblicato il 24 Maggio 2010 da carmen46c
 

Franca Poli, scrittrice, legge Carmen Auletta
Ho letto le poesie scritte da Carmen Auletta e pubblicate nella raccolta “Voci di conchiglia 2”.
Carmen è un’artista completa, scrive poesie che ti graffiano il cuore e con uguale bravura dipinge su tela i suoi versi, così mentre leggi “ pecché sul’a pazzià nun se mangia” puoi vedere lo scugnizzo seduto sul molo.
Attraverso un racconto che va dalla realtà al sogno e viceversa , Carmen con le sue poesie ci accompagna in un viaggio introspettivo tra sentimenti, sensazioni, emozioni. Ci parla del male oscuro, della tristezza dell’animo “nun o saccio che cos’è chell ca me piglia,vuless ca nisciun ‘a teness na cosa comm ‘a chesta o che ci somiglia….” Un animo sensibile forte e fragile a un tempo che sa scrivere col cuore “tra rami rinsecchiti e taglienti la mia anima vaga sperduta, ogni passo un brandello pendente dalla carne sanguinante e battuta”
Carmen è sicuramente per la sua storia un esempio di vita e coraggio, ricca di risorse offre a chi la legge un grande insegnamento “pens che a vita è semp belle cu tt’a sofferenza e se ce sta n’ora bona ,aggio deciso che m’a piglio, pecchè ‘e campà meglio nun s’adda maje perdere la speranza.
Grazie Carmen e non lasciarci mai senza poesie!

 
 
 
Vai alla Home Page del blog