Cherry's jam

assaggi, morsi, pezzi e bocconi

 

ULTIME VISITE AL BLOG

diegoamuracanescioltodgl10minieri.francescomartatom1rtrtwfalco58dglmia.euridicepupi13sbludiprussia2miarrampicosuivetriiun_coeur_en_hiverje_est_un_autremedeamistycateneraearditakendrabianca
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

DAS KABINETT DES DR.KALIGARI

 

M.ANTONIONI-ECLIPSE

M.ANTONIONI - BLOW-UP

 

KOYAANISQATSI-CLOUDSCAPE

S.KUBRICK-2001 A SPACE ODYSSEY

S.KUBRICK-A CLOCKWORK ORANGE

 

P.GREENWAY-M IS FOR MAN MUSIC MOTZART

 

J.MEESE - EZRA POUND

MANICM - HANK

 

C.BUKOWSKI- THE SECRET OF MY ENDURANCE

 

C.BUKOWSKI-THE MEN WITH BEAUTIFUL EYES

 

MODIGLIANI

PICASSO - GUERNICA

ANDY WARHOL

 

LUREL & HARDY - INTERVIEW

 

MARYLIN MANSON IN BOWLING FOR COLOMBINE

HAROLD PINTER V WAR ON SERBIA

CHARLES BUKOWSKI -

A LITTLE ATOMIC BOMB

 

STEVEN SHORE - LEZIONE IN PIAZZA 17/10/08

 

W.WENDERS - DER STAND DER DINGE

W.WENDERS-DER HIMMEL UBER BERLIN

 

KUROSAWA - DREAM

M.C.PIETRAGALLA-SAKOUNTALA

M.PASTORE-QUELLO CHE

POSSO DIRTI A PROPOSITO DELL'AMORE

 

 

 

MARMADUKE DUKE - KIDS GLOVES

 

SKIN-ARMY OF ME+BJORK-FEAT

FIGHTSTARS-A CITY ON FIRE

 

 

« *45** »

*

Post n°49 pubblicato il 24 Aprile 2010 da CherryM00N

Dal blog di bobsainclair  gioco letterario

"Il caso non esiste"

(Quell'oscuro oggetto del desiderio)

K:K

  Aveva nevicato incessantemente durante tutta la fase di luna crescente. Un vento furioso soffiava nella notte rossastra e opaca facendo mulinare nell'aria i cristalli di ghiaccio.  La bufera le confondeva l'olfatto, cancellando ogni segno od orma dal territorio innevato, ma il protratto digiuno non le lasciava altra scelta che uscire a caccia. La volpe doveva assolutamente nutrirsi e sfamare la cucciolata di quattro e non aveva fiutato una preda da giorni. Il desiderio impellente le acutizzava i sensi ma la mancanza di una qualunque traccia da seguire la faceva muovere erraticamente. Quando all'animale parve di udire un fruscio più basso del sibilo del vento oltre la massa nevosa che ricopriva i rovi, si avventò alla cieca.  Il colpo la centrò in fronte, sparato a 20 metri. Il corpo continuò la dinamica del balzo, poi si afflosciò nella neve, mollemente, restando immobile a fauci ed occhi spalancati. Solo il pelo continuò a muoversi, gonfio e soffice, scompigliato dal vento.

  Il cacciatore si avvicinò, sollevò al cielo la preda per la coda e per un attimo i loro occhi si specchiarono neri. Valutò soddisfatto che una pelliccia intatta di quelle dimensioni gli avrebbe reso almeno $300.  Una bella fortuna aver beccato qualcosa in quella notte da lupi. Avrebbe potuto mandare un assegno ad Ann, come acconto degli arretrati sugli alimenti dei bambini, tacitando per qualche settimana quel maledetto avvocato. Però...da un pezzo non si concedeva una serata come si deve. Già si vedeva, appena sceso in città, incassare il denaro ed entrare nel casinò, bersi qualche doppio whiskey in compagnia bionda e giocarsi il resto, sì, come sempre faceva, affidandosi al caso e tentando la sorte...

  Mik era rientrato da poche ore a N.Y. da una vacanza nelle Alpi Svizzere, durante la quale si era abbronzato sul lettino ad ultravioletti del centro estetico dell' hotel a 5 stelle, aveva trascorso le notti ai party del giro "giusto" tra piste bianche e musica Trance, fatto shopping nei negozi di lusso e nuove conoscenze al  Buddha Bar.  Il volo in prima classe l'aveva trascorso dormendo, forse per la prima volta in una settimana. 2 a.m., l'ora giusta per andare a vedere chi c'era in giro al Basement-Q e soprattutto cosa la notte avesse da offrire. Indossò gli ultimi acquisti: l'orologio in oro bianco con 3 quadranti e doppio cinturino in cuoio, e sopra alla canottiera nera griffata, la giacca a vento in seta arancio della 'K:K' con il collo, polsi e bordo del cappuccio in volpe. Per lui certi dettagli erano esseziali, certe scelte non lasciavano spazio al caso. Infilò il cellulare, qualche banconota da cento e la carta di credito in tasca ed uscì.

  All'angolo del vicolo con la Sesta, Dez attendeva nel buio appiattito al muro. Vide passare l'uomo: magro, statura bassa, giubbotto d'alta moda rifinito in pelo, puzza di soldi. Contò mentalmente 10 passi e cominciò a seguire la scritta nera <Killer:Karma> sullo sfondo di stoffa lucida. Con la destra strinse più forte il calcio dell'arma nella tasca della tuta, la tensione gli diede un rush di andrenalina e il cuore cominciò a martellargli alle tempie. 20 passi al prossimo vicolo. Pensò a Sweet Vixen e che il destino gli stava regalando l'occasione di comprarsi un'altra notte con lei. Accelerò il passo.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: CherryM00N
Data di creazione: 31/08/2008
 

                                          

___________________

                           

Page copy protected against web site content infringement by Copyscape

 TESTI E IMMAGINI SONO PROPRIETA' DELL'AUTORE SE NON ALTRIMENTI SPECIFICATO

 

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: CherryM00N
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Etā: 46
Prov: EE
 

UN TIRO DI

DADI

MAI ABOLIRA'

IL CASO

(Stephane Mallarme')

 ______________________

ORRIBILE NOTTE D'INSONNIA

 Orribile notte d'insonnia!
- senza la presenza benedetta
del tuo caro corpo accanto a me,
senza la tua bocca tanto baciata
anche se troppo scaltra
e sempre in malafede,

senza la tua bocca tutta menzogne,
ma così franca quando ci penso
e che sa consolarmi
sotto l'aspetto e la specie
di una fragola - e, buona commedia! -
di un plausibilissimo parlare,

e soprattutto il pentacolo
dei tuoi sensi e il miracolo
multiplo e uno, fiore e frutto,
dei tuoi duri occhi di strega,
duri e dolci a modo tuo...
Buon Dio! che terribile notte!

(Paul Verlaine)

 

FRAMMENTI


Mi ama? non mi ama? Mi spezzo le mani
e sparpaglio
le dita spezzate
cosi si strappano per l'auspicio e si gettano
in maggio
ghirlande di margherite in cui t'imbatti
Che le forbici e il rasoio svelino la canizie
Risuoni a non finire l'argento degli anni
Spero credo che non verra' mai
per me l'infame buonsenso

 

Conosco la forza delle parole conosco lo scampanio delle parole
Non sono di quelle a cui plaudono i palchi
Sono parole per cui le bare si slanciano
a camminare sui loro quattro piedini di quercia
Succede che le buttino via senza stamparle senza pubblicarle
Ma la parola galoppa con le cinghie tese
fa risonare i secoli e i treni strisciano
a leccare le mani callose della poesia
Conosco la forza delle parole. Sembra un niente
Un petalo caduto sotto i tacchi della danza
Ma l'uomo con l'anima le labbra le ossa


L'una e' ormai passata e tu forse sei a letto
La Via lattea e' nella notte un'argentea Oka'
Non ho fretta e con i lampi dei telegrammi
non ho ragione di svegliarti e turbarti
Come suol dirsi l'incidente e' chiuso
La barca dell'amore s'e' spezzata contro la vita quotidiana
Tra te e me i conti tornano ed e' vano elencare
guai dolori offese reciproche
Guarda che silenzio nel mondo
La notte ha imposto al cielo un tributo di stelle
In ore come queste ti alzi e parli
ai secoli alla storia all'universo

(V.V.Majakovskij - traduzione di I.Ambrogio)

 

THE GARDEN

En robe de parade.
Samain

Like a skein of loose silk blown against a wall
She walks by the railing of a path in Kensington Gardens,
And she is dying piece-meal
of a sort of emotional anaemia

And round about there is a rabble
Of the filthy, sturdy, unkillable
 infants of the very poor.
They shall inherit the earth.

In her is the end of breeding.
Her boredom is exquisite and excessive.
She would like some one to speak to her,
And is almost afraid that I
will commit that indiscretion.

Ezra Pound

 

POEM FOR AUNG SAN SUU KYI

Under house arrest

in her apartment

Aung San Suu Kyi keeps

the sun at her feet

for beauty in the fall,

warmth in the winter

and kickball in the spring

Wild flowers grow

on her censored bookshelves

and birds deliver

a hundred handwritten messages a day

from her family

She carries silence in her glass steps

listening to Mozart

in her head

played on a piano

every note

sublime

Outside the government crumbles

-Joan Baez- "Humanitas Newsletter", November 1991

 

 

WRITING

writing

often it is the only
thing
between you and
impossibility.
no drink,
no woman's love,
no wealth
can
match it.
nothing can save
you
except
writing.
it keeps the walls
from
failing.
the hordes from
closing in.
it blasts the
darkness.
writing is the
ultimate
psychiatrist,
the kindliest
god of all the
gods.
writing stalks
death.
it knows no
quit.
and writing
laughs
at itself,
at pain.
it is the last
expectation,
the last
explanation.
that's
what it
is.


(Charles Bukowski

from blank gun silencer - 1991)

 

ON THE FIRE SUICIDES OF THE BUDDHIST

They only burn themselves to reach Paradise"
- Mne. Nhu

original courage is good,
motivation be damned,
and if you say they are trained
to feel no pain,
are they
guarenteed this?
is it still not possible
to die for somebody else?

you sophisticates
who lay back and
make statements of explanation,
I have seen the red rose burning
and this means more.

(Charles Bukowski)

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 11