Creato da chioggiatv il 28/08/2009

ChioggiaTv

chioggiotti per passione

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Il tuo sì da sogno con S...Chiogga Danza: parte la ... »

Un sapore di ruggine e ossa

Post n°1294 pubblicato il 27 Novembre 2012 da chioggiatv
 

"Sì sì ok, un gran bel filmone premiato da critica e pubblico, lo guarderò, un giorno"
E' questo che ho pensato quando mi hanno parlato di "Un sapore di ruggine e ossa " di Jacques Audiard . E' una pellicola nata oltralpe, uscita in Italia nell'ottobre 2012; chi mi conosce sa che detesto le storie che trattano il binomio handicap-amore/sessualità in maniera pietistica e finta, motivo per cui sono sempre riluttante ad esaminare tali film.

L'opera di Audiard però parla di un tema portante che supera quello della disabilità: il dolore. Ali, il protagonista maschile, è uno squattrinato con un bimbo piccolo. Va a vivere dalla sorella ad Antibes in Francia dove trova lavoro come bodyguard. Una sera, fuori dal locale, incontra Stéphanie (il cui volto è di Marion Cotillard),bellissima donna, un po' snob e molto sicura di se.

Un sapore di ruggine e ossa


Mai due mondi potrebbero essere più diversi: lui grezzo uomo senza una lira, lei donna indipendente e altera; ma si sa, laddove la cultura separa, ci pensa il destino ad unire.

Stèphanie lavora in un parco come addestratrice di orche, ma un giorno rimane vittima di un incidente che, rendendola paraplegica, stravolgerà per sempre la sua vita.
I due ragazzi finiranno per avvicinarsi, in una stranissima compartecipazione al dolore l'uno dell'altra (più psicologico che fisico), che culminerà in un fortissimo e specialissimo legame.

Un sapore di ruggine ed ossa

UN SAPORE DI RUGGINE E OSSA


Personalmente, pur rimanendo diffidente verso questo genere di storie (troppo facile far impersonare il ruolo della disabile ad una bellona come la Cotillard, che guarda caso interpreta una paraplegica- il classico clichè), ho trovato questa vicenda intensa, malinconica e cruda, molto lontana dal solito film sociale tendente al roseo lieto fine.


La storia, ispirata ad una serie di racconti di Craig Davidson, propone un fortissimo linguaggio corporeo e anche sessuale che vale più di mille dialoghi.
Ho adorato la fotografia e, come sempre, il cinema francese si riconferma ad una spanna sopra tutto il resto.

 

Un sapore di ruggine ed ossa

 

Valentina Boscolo

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/Chioggiatv/trackback.php?msg=11747961

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

luponerodgl15u052888buba1952deltoro1superalex64l.simone29valentinadituoroil_contrappassostaffladolcevitaeveninforealbikestudiolegale.peliteatropapozze0rayan60giuseppa3Turgenev3
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom