Monna Lisa

pensieri in disordine sparso

 

Foto: sempre più...moderna ^_^

Foto: sente freddo anche lei!  ^_^ <3

 

 

QUESTA ME LA REGALA DODOLO!!!!!!!!

 

MONNA LISA INVERSA

La mia Monna Lisa

per gentile concessione di Salvatore Vito

 

ECCOLA QUA!!!!

 

FA CALDO............

GRAZIE SERENA ......

COSI' STO PIU' FRESCA!!!!!!

 

La Gioconda annoiata,

dono della mia amica Serena

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 41
 

ULTIME VISITE AL BLOG

CiaoGi_57simonanad18gioia58_rBridigalaxxxl_tuttasuifianchiIrrequietaDGothMakeUplubopoto_revivefoladadaniela_elasantigliano_silvysantinaricciamorino11
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PU SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore pu pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Sorprese

Post n°1001 pubblicato il 24 Marzo 2017 da CiaoGi_57

Era da qualche giorno che lo sentivo "strano" ma non gli avevo dato peso più di tanto, a torto, perchè poi alla fine certi problemi non si risolvono da soli, occorre un intervento esterno che capisca quello che è successo e cerchi di porvi rimedio per quanto possibile.

Così ieri mattina mi sono svegliata con la parte inferiore destra del viso gonfia e dolorante e mi sono data della cretina da sola che lo so che quel dente è particolare e non avrei dovuto far finta di nulla, e così ho chiamato il dentista, ho spiegato il problema alla sua assistente e stendiamo un velo pietoso sulla domanda che mi ha fatto: "ma non riesce a resistere fino a lunedì?" " Eh no, cara, mi dispiace veramente tanto, ma non credo proprio che un ascesso dentale possa resistere quattro giorni senza una terapia antibiotica senza che io nel frattempo non abbia dato di matto e ucciso nell'ordine il cane, marito, magari il figlio lo salvo, anche perchè è svelto e non credo di riuscire a prenderlo.

Così ieri pomeriggio dopo i soliti quaranta minuti di ritardo sull'orario dell'appuntamento, mi sono seduta sulla poltrona del dentista, che consultando la scheda mi ha ricordato che erano tre anni e mezzo che non mi facevo vedere (caspita come passa il tempo!!!!). Mi ha guardato in bocca, ha scosso il capo, mi ha fatto una radiografia, ha sentenziato che il dente è messo maluccio, che l'intervento fatto otto anni prima aveva fatto il suo corso e che le soluzioni erano due: o togliere il dente, o riprovare a fare lo stesso intervento, avvisandomi che però sicuramente non avrebbe "tenuto" altri otto anni, che lo stato del dente era peggiorato, e che anche la mia età non più giovanile mi remava contro.

Dopo averlo debitamente ringraziato per avermi ricordato che non sono più una ragazzina, ho optato per l'intervento, che a togliere i denti c'è sempre tempo, e quindi per ora terapia antibiotica per debellare l'ascesso, poi una seduta preparatoria, e poi, dopo una decina di giorni un nuovo intervento.

Che bel programmino!!!!!!!

E intanto ho trovato qualche cosa da fare per i prossimi due giorni da single: papi mi ha procurato una bellissima e buonissima ricotta di pecora, le uova fresche, la farina l'ho già comprata io: tour de force a fare tortelloni di ricotta!!!!!!!

 
 
 

Week end single mode

Post n°1000 pubblicato il 23 Marzo 2017 da CiaoGi_57
 

Come ogni anno la Creatura ha convinto il suo papà e domani partono per un fine settimana sulla neve.

Conan ha provato a coinvolgere una coppia di amici ad andare, così da potersi portare dietro anche me.

Per una volta ho rifiutato categoricamente!!!!!!!!!

Che per me un fine settimana all'anno in perfetta  solitudine è come una boccata d'aria fresca.

Vuoi mettere?!?!?!?!?!?! non devo preparare pranzi o cene per nessuno, non ho orari, posso buttare all'aria la casa senza dovermi interrompere e senza che nessuno trenta secondi dopo che ho lavato il pavimento debba per forza passare proprio di lì lasciando tutte le pedate sul bagnato. O debba con urgenza andare al bagno cinque minuti dopo che l'ho pulito.

La vita di coppia è bella, ma ogni tanto, una volta all'anno appunto, fa bene ad entrambi un week end single mode.

 
 
 

19 marzo festa del pap

Post n°999 pubblicato il 21 Marzo 2017 da CiaoGi_57
 

Che dire???? è la festa del papà e i figli li festeggiano in diversi modi: chi ce l'ha ancora con un regalino, gli auguri, chi non ce l'ha più con il ricordo.

Quindi domenica scorsa io e mia sorella, che il papà per fortuna ancora l'abbiamo, ci siamo ritrovate a casa sua, lo abbiamo debitamente baciato, abbracciato, gli abbiamo dato un regalino, poi lei è rimasta lì con lui per il pranzo e io me ne sono tornata a casa dove il mio consorte mi aspettava, che dovevamo andare a prendere una coppia di amici e andare poi ad un pranzo, con successiva festa danzante organizzato per raccogliere fondi. Quindi il programma è: fuori tutto il giorno, si mangia tanto, e si rientra a pomeriggio avanzato, per non dire in serata, con la pancia piena e quindi niente cena, e in questo senso io non avevo previsto proprio nulla: frigo semivuoto e nulla di pronto.

Senonchè, essendo appunto la festa del papà, ed essendo figliolina una figliola premurosa, ha ben pensato di autoinvitarsi a cena, e quel marpione di suo padre, quando ha pensato di avvisarmi????? ma mentre eravamo in auto, quindi ormai impossibilitata a prendere qualche cosa fuori dal congelatore, che si potesse scongelare in tempo per l'ora di cena!!!!!!!!

Chiedo alle mie amiche, che sanno, loro sanno...... che cosa avreste fatto voi al mio posto??????

Ecco, io sono sbottata!!!!!! Ecchediamine!!!!!!! ma non me lo potevi dire prima, visto che già lo sapevi prima che uscissimo di casa, che lo sai benissimo che a me le improvvisate piacciono tanto quanto una zuccata contro uno sportello aperto, e se ancora dopo quasi quarantanni di vita insieme ancora non l'hai capito, sei gnucco veramente!!!!!! Grossa discussione, toni accesi, che lui mi accusa di avercela con sua figlia, che lui avrà pure il diritto di invitarla a mangiare con lui, che se mio padre si fosse autoinvitato io che cosa avrei fatto..... insomma si arrampica sugli specchi, sapendo di avere torto marcio, ma cercando a tutti i costi di far passare me come la matrigna cattiva. (ebbene sì, ogni tanto vorrei davvero essere come la matrigna cattiva, almeno le cattiverie sarei io a farle e non a subirle).

Così, io più incazzata che mai, mi sono malignata la festa, che gli avrei tirato addosso tutto il menù, ce ne siamo dovuti andare prima di quanto avrei voluto, che mio marito la fa facile, ma non so davvero come potesse pretendere di arrivare a casa alle otto e trovare la cena pronta per le otto e mezza......

Arriviamo a casa e vado a cambiarmi, e lui quando mi vede in tuta, mi fa: "ma io sarei andato a fare un giro, tu ti sei già cambiata????" "eggià ho la bacchetta magica, la agito un momento e voilà, compare la tavola imbandita di ogni bendidio!!!"

E mi metto ad impastare tigelle(per fortuna che almeno la farina non l'avevo ancora usata tutta), affettare prosciutto, mortadella, speck. e poi cuocere le tigelle, preparare la tavola, mentre lui se ne sta comodamente seduto sul divano a parlare al telefono con l'amata figliolina, che manco a dirlo già si era dimenticata della cena col papino e stava organizzandosi con gli amici, e cerca scuse, come l'impasto delle tigelle: "ma c'è la panna, io la panna non la posso mangiare!!!" Come se non sapesse che io la panna non la uso MAI, per nulla, nemmeno nei dolci la metto.

Comunque alla fine ho chiamato pure il figlio e la morosa, che almeno ci fosse qualcuno che stemperasse un po' il mio nervosismo....... hanno mangiato come se non ci fosse un domani (io no, non ho mangiato per nulla), spazzolato via tutto, e alla fine lei si lamentava che aveva mangiato troppo.........

Una domenica da dimenticare!!!!!!!

 
 
 

RIUNIONE!!!!!!

Post n°998 pubblicato il 17 Marzo 2017 da CiaoGi_57
 

Ieri mattina, ero lì bella (sì vabbè), tranquilla (beh, insomma, preparavo la colazione per tutti, mentre davo i biscottini alla cucciola, facevo il te per Conan, il caffè per la Creatura e intanto provavo a mandare giù qualche cucchiaino di yogurt), e Conan, appunto se ne esce:

"te lo ricordi che questa mattina c'è la riunione vero????"

"no me ne ero completamente dimenticata!!!"

"Ecco, allora adesso te lo ricordi."

E io comincio ad avere l'ansia, perchè quando si fanno queste riunioni con le addette all'ufficio amministrativo, non ne esce mai nulla di buono per noi, quando noi sta per la sottoscritta e ragazzagiovanecherispondealtelefonoefaunsaccodialtrecose.

E infatti:

salta fuori che la scadenza per la consegna delle fatture deve essere tassativamente anticipata di tre giorni perchè è cambiata la normativa fiscale e bla bla bla........

Io la la mia collega (ragazzagiovane....) facciamo presente le difficoltà che avremmo ad ottemperare a questa chiamiamola "cosa", per un sacco di motivi diversi, indipendenti dalla nostra volontà, molto spesso dovuti alla sciatteria e noncuranza di altre persone che ci costringono a correre dietro a dei dati che in teoria dvremmo trovare già bell'è pronti.

E così, invece di porre rimedio ai guasti provocati da altri, il Capo Supremo, con l'approvazione di sua Altezza Serenissima Responsabile Amministrativa, hanno pensato bene di chiudere il mese fiscale il 25 di ogni mese........... bello vero?????

Così, oltre  correre le prime due settimane del mese, correrò anche l'ultima, che non ci crede nessuno che finite le fatture per l'otto del mese non ci sarà qualche cosa d'altro che mi faccia correre. Magari chissà, a furia di correre forse butterò giù un po' di ciccia accumulata... no ehh, vero? che correre con le gambe è diverso che correre con le dita sulla tastiera del PC!!!!!!!!

 
 
 

MALEDUCATA!!!!!

Post n°997 pubblicato il 06 Marzo 2017 da CiaoGi_57
 

Così mi sono sentita chiamare ieri pomeriggio, e forse forse non era del tutto sbagliato, anche se dal mio punto di vista ho risposto con maleducazione ad un provocazione maleducata.

ANTEFATTO:

Domenica pomeriggio, dopo il pranzo domenicale, consumato insieme al mio papà come tutte le domeniche, solo noi tre che il figlio e la morosa erano in montagna a sciare, dopo aver riassettato la cucina (che quando cucino io....), mi sono cambiata, messa in ghingheri (vabbè, insomma, ho fatto il minimo sindacale), messo guinzaglio alla pelosa e insieme al marito siamo partiti per una passeggiata. La meta era quella del parco cittadino, ma grossi e minacciosi nuvoloni neri ci hanno convinti a dirottare la meta per quella più rassicurante del centro città, che con i suoi famisi portici, in caso di diluvio ci avrebbero protetti.

Passeggiatona, privilegiando le stradine meno affollate, con scorci "diversi" dal solito, niente boutique e negozi sfavillanti, ma balconi antichi, affiancati a stabili rimessi a nuovo, un'atmosfera a tratti ancora "medioevale".

Verso le sei la pelosa decide che ne ha abbastanza e dopo avermi tirato verso la fontana che eroga acqua potabile (e lei sa benissimo dov'è e quando ha seta è là che vuole andare), le ho riempito la ciotola "da viaggio" che mi porto sempre dietro, ha fatto la sua bevuta, e si e diretta deciso verso il punto dove avevamo parcheggiato l'auto. Oh, questa, se per caso mi perdessi, o non mi ricordassi dove ho parcheggiato, funziona meglio di un navigatore!!!!!!

Comunque, per finire Conan, prima di dirigersi verso casa, fa un passaggio davanti al negozio di figliolina: "non mi ricordo se questa mattina, dopo che sono passato, ho rimesso l'allarme, lei sta uscendo (durante la passeggiata si erano già sentiti più e più volte) e se passa e non vede la luce rossa dell'allarme...." " ti sgrida????? hai davvero così paura???? ahahhaah!!!"

Poi, non contento, siccome è da due settimane che ha in testa di farle mettere in casa l'apparato per internet e sta girando tutti i gestori presenti sulla piazza per cercare l'offerta più favorevole, si dirige verso il grosso centro commerciale vicino a casa.

Ora, io non è che sia proprio entusiasta di chiudermi in un centro commerciale la domenica, anzi, se posso evito come la peste, se poi c'è la pelosa anche meno; troppa gente, troppo rumore, troppo caldo, ma tant'è, ho abbozzato.

Entriamo e lui si dirige verso il più vicino chiosco di un gestore telefonico e io e la piccola dietro, il marito si mette in fila e la pelosa adocchia un suo simile lì vicino, si avvicina, constata che il piccolo è ancora un cucciolo e dopo un brontolio di avvertimento gli piazza un abbaio a muso duro, un unico e breve "bau", mi metto tra lei e il cucciolo, anche se so che del male non gliene avrebbe fatto comunque e mi scuso con il ragazzo dall'altro lato del guinzaglio, lui ride e con il suo piccoletto al seguito se ne va. A questo punto si gira uno di quelli che erano in fila al chiosco e con fare arrogante e prepotente mi apostrofa: "il suo cane abbaia in modo fastidioso e io non lo sopporto."

Lo guardo stupefatta, lei aveva fatto un unico e rapido abbaio e poi si era messa tranquilla seduta ai miai piedi.....

" e allora????" gli chiedo

"e allora si allontani" e torna a girasi

Sono basita, veramente, credo che una cosa del genere farebbe imbufalire qualsiasi proprietario di un cane e mi parte un sonoro e chiarissimo "mavaffan......." e l'ho terminato ehhhh, l'ho proprio detto, non è mia abitudine, ma mi è proprio uscito dal cuore,e sono ancora convinta che se lo meritasse tutto.

Si gira la moglie inviperita e mi da della maleducata, a me............

Ripeto, non è mia abitudine, non è certo stata una reazione da signora, ma il primo ad essere stato maleducato è stato lui, e io sono davvero stanca di reagire in maniera "soft" alle provocazioni.... mo' basta, se tu sei maleducato con me, io ti pago con la stessa moneta... ecchecaspita!!!!!!

 
 
 

Leggerezza

Post n°996 pubblicato il 23 Febbraio 2017 da CiaoGi_57
 

Sì, davvero sarebbe proprio quello di cui avrei necessità in questo momento, in questo preciso istante: un po' di leggerezza.

- leggerezza sul lavoro, che qua ogni momento diventa sempre più pesante, ogni giorno sempre peggio, ogni mattina sempre più difficile prendere la strada per l'ufficio

- leggerezza in casa, che tra i problemi che ci si porta dietro dal lavoro, i silenzi sempre più lunghi e pesanti, il brontolio continuo per criticare questo e quello, senza capire che l'animo nostro non ci fa vedere al di là del nostro orticello, che tu critichi, ma sei il primo che non fa nulla per cambiare

- leggerezza quando vai per la strada, che basta un minimo e tu e gli altri scattate come molle come se una qualsiasi scorrettezza fosse un delitto di lesa maestà, e se magari ti adiri con quello che ti ha appena tagliato la strada, cento metri più avanti sei tu che scateni le ire di un altro automobilista a cui non hai correttamente segnalato che a quella rotonda no, non vuoi andare dritta, ma girare a sinistra....

- leggerezza nei rapporti umani, che basta un attimo e quella persona che hai amorevolmente e amichevolmente presa in giro, pensando che visti i rapporti capirà lo scherzo, e invece ti si rivolta come una furia offesa come un gatto a cui hai fatto una carezza mentre lui non ne aveva voglia

- leggerezza in ogni cosa, poter svolazzare lieve come una farfalla (che poi magari poveretta quella avrebbe anche voglia di potersi fermare ogni tanto), passare sopra alle meschinerie, alle cattiverie, non vederle, non sentirle, non capirle, voler bene ad ogni persona come se fosse un figlio, un fratello, un padre o una madre e non un potenziale nemico.

Ecco poi, se potessi vorrei un po' di leggerezza anche nel mio corpo, che porca di quella paletta, mi son lasciata andare un attimo e in un attimo ho riacquistato la leggerezza di un pachiderma obeso!!!!!!!!!

 
 
 

Forse questa la volta buona!!!

Post n°995 pubblicato il 03 Febbraio 2017 da CiaoGi_57
 

Sono ormai diversi anni che chiedo che i miei maschi di casa si attivino per montare un impianto d'allarme a casa nostra, non che li abbia assillati ehhhh, sia mai che io diventi all'improvviso una rompiscatole gnolona e fifona (mi sono trovata in casa tre soggetti con facce molto poco raccomandabili, ma non mi sono persa d'animo), però oramai non si contano più gli episodi di tentati e purtroppo molto spesso riusciti furti nelle case della nostra zona. Diciamo che con il cane mi sento abbastanza sicura, non è certo un cane aggressivo, però se sente un rumore o dei passi estranei si fa sentire e la sua voce si sente eccome se si sente; diciamo che fa da  deterrente, però non sempre è a casa: il pomeriggio, quando sono libera dal lavoro, la porto fuori, la domenica pomeriggio con Conan la portiamo sempre a fare un giro che dura diverse ore. Però io non sono una ansiosa, o fifona, spero che non capiti mai nulla. 

Ora però si sono decisi.

ANTEFATTO

Domenica scorsa con tutta la famiglia eravamo serenamente seduti al desco famigliare a fare la festa ai tortellini e alla faraona arrosto, e mentre noi eravamo sereni e tranquilli, qualcuno lavorava nel retro: hanno tagliato con una tronchese la catena che chiudeva il cancello, hanno forzato il portone e già avevano preparato il materiale (quattro grosse bobine di cavo elettrico) da caricare e portarsi via. Forse sono stati disturbati, forse hanno visto uno dei soci (che entra sempre dal portone posteriore) arrivare, insomma, se la sono data a gambe con poco o nulla, lasciando però danni anche abbastanza rilevanti.

Ecco, il fatto che la cosa sia avvenuta praticamente alle nostre spalle ha convinto l'umano maschio giovane, che finalmente si è attivato, ieri sera mi ha chiesto delucidazioni su come vorrei che fosse impostato, mi ha spiegato anche che posso attivare o disattivare l'allarme dal cellulare, e oggi........... hanno cominciato a fare l'impianto!!!!!!!!!! Forse è davvero la volta buona, si è spaventato il ragazzo, anche perchè se casa mia è vulnerabile, la sua lo è ancora di più e magari è meglio chiudere la stalla prima che scappino i buoi

 
 
 

A lume di candela

Post n°994 pubblicato il 30 Gennaio 2017 da CiaoGi_57
 

A mia memoria non era mai capitato.......

Sono le sette e un po' della domenica sera, io e Conan siamo spalmati sul divano dopo essere rientrati dalla passeggiata pomeridiana insieme alla cucciola che si sta pure lei riposando nel suo posto preferito: spalmata pure lei sul pavimento attaccata alla porta di ingresso di casa.... contenta lei.....

Siam lì, dicevo, che stiamo guardando il tiggì regionale e tutt' un tratto salta la corrente, poi ritorna, poi risalta e ritorna in una sequenza che dura una decina di minuti per poi saltare definitivamente e lasciarci al buio completo........

Aspetto un po', perchè è un classico che dopo che sei andato in cerca delle candele, sbattendo stinchi, ginocchia e tutto quello che ti fa tirare fuori dalla bocca le espressioni meno eleganti, le hai trovate, hai cercato un introvabile accendino, per ricordarti dopo esserti definitivamente scorticato le gambe su tutti gli spigoli di casa, che l'accendino appunto l'hai portato al piano di sopra per accendere le candeline (!!!!!) in camera da letto per l'aromaterapia. Col cavolo che faccio le scale al piano di sopra!!!!!!! Comunque passano dieci minuti e la luce non torna e mi rassegno ad accendere le candele.

Intanto si è fatta l'ora di preparare la cena, ed è lì che ti voglio...... ora lo so che non è poi passato tanto tempo da quando mia nonna preparava la cena tutte le sere a lume di candela, o come dice mio marito, sua mamma cuciva con il fievole lume di una fiammella tremolante, però io non ci sono abituata, e non è stato facile, ma alla fine qualche cosa in tavola ho messo. Già, che cosa c'era nei piatti?????? avevo fatto una minestra di lenticchie (che Conan odia le lenticchie e ogni volta che nelle ceste che ci omaggiano per Natale ne trovo un sacchetto lo regalo a mia sorella), però a lume di candela poteva sembrare un comune passato di legumi e quindi se lo è mangiato senza problemi mentre io ridevo sotto i baffi, che tanto lui alla luce fioca di quattro candele mica poteva accorgersene del mio sguardo malizioso, o magari l'ha scambiato per uno sguardo seduttivo.......... che a lume di candela ci sta tutto. sono passate le otto da un po' e la luce non torna, allora trova il numero del servizio segnalazione guasti e dall'altra parte gli rispondono che sono già a conoscenza del problema, che si tratta di un guasto "grave", che i tecnici sono già al lavoro e si prevede di ripristinare il funzionamento di tutte le utenze entro le ventitre!!!!!!!! E quindi??????? Che fai????? mahhhhhhh!!!! intanto arrivano, aiutati dalla luce delle torce del cellulare la creatura e la morosa, loro a lume di candela proprio non ci pensano e se ne escono a mangiare una pizza.......... io sparecchio la tavola e comincio a pensare a come organizzarmi per poter fare la doccia, che nel serbatorio della caldaia dovrebbe esserci acqua calda a sufficienza per fare entrambi le nostre consuete abluzioni serali.

E continuo a pensare a quanto è importante la corrente elettrica: manca quella e manca la luce, il riscaldamento, l'acqua calda, tutte le comodità a cui siamo abituati e che oramai diamo per scontate, penso ancora a mia suocera e a mia nonna, magari per loro non era un sacrificio, ci erano abituate: fare tutto con la luce del sole, andare a letto presto durante la stagione invernale.... e infatti entrambe hanno scodellato dieci figli!!!!!! Ecco, potrebbe davvero essere il modo per passare la serata!!!!!!! un romantico tetatet, dopo una cena a lume di candela......... comincio a farci sopra un pensierino............ e la luce ritorna!!!!!!!!!!

Sono quasi le dieci, e la serata finisce così come era cominciata: noi due spalmati sul divano a guardare la tivvù!!!!!!!!!

 
 
 

cuccioli o non cuccioli....

Post n°993 pubblicato il 25 Gennaio 2017 da CiaoGi_57
 

..... è un bel dilemma.

Se lasciare la mia canessa così com'è (vergine) o pensare ad una cucciolata.....

Eggià è un bel dilemma, ci sono tanti pro, ma altrettanti contro: intanto ho imparato che l'istinto materno alle femminuccie di cane arriva solo nel momento in cui partoriscono, prima di quello non sentono proprio per nulla la necessità di essere madri, poi quelli che dicono che bisogna far fare almeno una cucciolata per prevenire eventuali malattie dell'apparato genitale, dicono una cosa inesatta: una o nessuna è la stessa cosa. Poi dovrei trovare il maschio giusto, e quello sarebbe forse il meno, ci sono due allevamenti di samoiedo non troppo lontani con  maschi campioni di bellezza, quindi non dovrei nemmeno poi avere il problema di affido per i cuccioli, già sabato scorso sono entrata con lei in un nuovo punto vendita per pet e solo lì ne avrei già collocati quattro tra commessi e amici dei commessi.

Però, però l'impegno di una cucciolata per due mesi non è cosa da poco: mi sono informata, ho letto un po' di cose e francamente sono molto dubbiosa, non so, ci devo pensare ancora un po', non troppo, perchè il tempo passa, il prossimo calore sarà ad aprile e quello sarebbe proprio quello giusto: Niky avrebbe ormai tre anni, quindi matura, la stagione sarebbe l'ideale perchè nascerebbero in estate e quindi sarebbe più facile occuparsi di loro senza temere che possano prendere freddo e ammalarsi. Certo che se lei è come la mamma e la nonna che sfornano otto o nove cuccioli alla volta..... ecco, magari ci penso ancor aun pochino.

 
 
 

Come se avessi bisogno di conferme.....

Post n°992 pubblicato il 23 Gennaio 2017 da CiaoGi_57
 

....... che ti trovi a parlare con una perfetta sconosciuta, mai vista prima, e dopo i primi convenevoli, capisci che è una persona estremamente acuta, intelligente, discreta, preparata.

ANTEFATTO:

Mi ritrovo seduta ad un tavolo con un certo numero di parenti da parte di marito (nipoti e rispettivi mariti), il tavolo è tondo, il mio di marito è seduto dall'altra parte, di fronte a me, ma separato da un massiccio candelabro, per cui tra noi c'è un certo vedo/non vedo.

Ci sono ancora tre posti liberi, e un'altra nipote (che fa parte dello staff organizzativo dell'evento di beneficenza) fa sedere lì con noi la figlia più giovane (15 anni), un amico di lei (16 anni) e la madre, un donnino minuto, magra e piccolina, un po', come dire, a me il primo aggettivo che è venuto in mente è stato "aguzza", in realtà dopo un po' che ci parlavo (che alla fine si è trovata seduta di fianco a me) ho cambiato l'aggettivo da "aguzza" ad "acuta", che sembrerebbero sinonimi, ma hanno in realtà sue significati ben diversi.

La signora si presenta, ci raccontiamo un po' di cose, poi chiede a mio marito dove può averlo visto, lancia un paio di eventi durante i quali avrebbe potuto incontrarlo, ma niente da fare, non si trova la coincidenza, finchè non arriva mio cognato, il fratello del marito, che fa un paio di allusioni e quindi lei capisce dove l'ha visto: nel negozio di figliolina poco prima della festività, dove era andata a comprare qualche regalo su suggerimento di mio cognato che conosceva per aver recentemente acquistato da lui l'auto.

Quindi mi racconta l'impressione che ha avuto da quell'esperienza, cauta all'inizio, che aveva  pensato che figliolina fosse di entrambi, e capisco al volo che la cautela in realtà nasconde un giudizio non proprio positivo, le faccio capire che la fanciulla in questione non è un frutto mio e allora si lascia andare ed è ancora una volta la conferma che non sono io che sono prevenuta, gelosa, matrigna e che vedo solo i lati negativi..... in realtà anche chi la vede dal di fuori e ne ha anche solo una conoscenza superficiale e momentanea, coglie e capisce quello che vedo io, e non solo io.

Che alle volte mi faccio l'esame di coscenza e provo a capire se effettivamente sono io che la guardo dal lato sbagliato, se cambiando prospettiva posso trovare un punto su cui fissarmi a cercare qualche cosa di positivo, ma davvero non riesco a trovare nulla.

 
 
 

Giusto per dire due cose.....

Post n°991 pubblicato il 16 Gennaio 2017 da CiaoGi_57

....... ecco, appunto, niente di che ehhh, tutto va avanti come sempre: solito trantran, casa, lavoro, cucina, spesa.... niente di nuovo da segnalare..... oppure.....

Vabbè, la scorsa settimana cadeva il decimo anniversario dei mio matrimonio (festeggiamenti non pervenuti). però sabato sera mi sono tolta lo sfizio e durante la serata ho fatto dedicare al mio "amato sposo" una canzone, con relativo annuncio e quindi è stato "costretto" a ballarla insieme a me, stretti stretti, mentre gli altri commensali applaudivano.... ahaahhaahaha!!!!!!! me la sono davvero goduta.

Conan in questi giorni è preoccupato, molto preoccupato, più del solito, che per lui essere preoccupato è uno stato perenne. Ora lo preoccupa un rallentamento nelle commesse sul lavoro, lo preoccupa che il figlio non sia quasi mai d'accordo con lui sulle scelte professionali (si beccano almeno tre volte al giorno), ma quello che lo preoccupa più di tutto..... eggià proprio lei, figliolina. Il negozio non va bene, non ha un fatturato sufficiente, il commercialista, vedendo i conti, ha consigliato di chiudere e smettere così di metterci dentro altri soldi (che sarebbero poi quelli che Conan negli anni sarebbe riuscito a mettersi da parte per assicurarsi una vecchiaia serena). Quindi ora lui e lei sono di fronte a questa difficile scelta, ma c'è una cosa che lo preoccupa più di tutto, oltre a tutti i soldi buttati in quest'impresa che fin dall'inizio tutti dicevano destinata al fallimento, ma non perchè fosse un'idea campata in aria, ma perchè affidata a chi sappiamo non aveva possiblità di riuscita. non si può avere un negozio che vende cose non essenziali come articoli da regalo e bigiotteria, e aprirlo agli orari che fanno comodo alla "fanciulla", più di una volta ci sono passata davanti alle quattro del pomeriggio ed era ancora chiuso, in inverno....... non si può pensare che una persona che è maleducata con i clienti (e ad una scena ho assistio personalmente e mi sono vergognata io che non c'entravo nulla), possa poi avere una clientela affezionata che ritorna, anzi il passaparola è devastante, lo sento io quando vado dal parrucchiere, o in altri negozi del paese. Dicevo che quello che preoccupa Conan è il pensiero di cosa farà questa donna, una volta che il negozio non ci sarà più, da dove prenderà i soldi per mantenersi, ora che suo padre non ha più la possibilità di aiutarla finanziariamente???? Il pensiero lo sta devastando, non sta bene, è già andato due volte in meno di un mese da due cardiologi diversi, gli hanno cambiato medicine, ma non hanno risolto nulla. Lo vedo sempre teso, anche gli amici dicono che non è più lui e io non so proprio più come fare; ho provato a parlare con lei, ma sembra di parlare con un muro di gomma: le cose rimbalzano e poi fa pure peggio. Sono arrivata al punto di bloccare il contatto sul telefono di suo padre  una sera che non ne potevo più per vedere se la smette di rompere a tutte le ore del giorno e della notte, e allora chiama sul mio, blocco anche il mio e l'altra sera per poco non da di matto, ha chiamato sul telefono di casa in piena crisi isterica, preoccupata del fatto che se il suo sistema di allarme scatta per un qualsiasi tentativo di effrazione, automaticamente parte una chiamata anche sul cellulare di suo padre, e quindi se il telefono non avesse funzionato lui non sarebbe stato pronto ad accorrere in caso di bisogno!!!!!!! Il livello di demenza di questa persona è tale che più di una volta ha fatto scattare l'allarme in piena notte per essere sicura che suo padre fosse vigile e pronto a scattare in caso di necessità.

Manco più potrebbe sostentarsi con il mestiere più antico del mondo, che ormai è troppo vecchia e non potrebbe più sostenere la concorrenza delle giovanissime straniere che si vendono per una manciata di euro. Trovare un uomo che la sopporti per più di un paio di mesi ormai è impossibile e quindi pensare anche ad un eventuale matrimonio è fuori discussione.......

Ieri pomeriggio l'ultima chicca, questa la devo proprio raccontare perchè ci sarebbe veramente da scompisciarsi dalle risate, mentre a me viene da piangere: la fanciulla in questione sta entrando in menopausa, la sua ginecologa le ha consigliato l'applicazione del cerotto per una terapia ormonale sostitutiva, ora questo cerotto lei non riesce a trovarlo e allora ha chiesto a suo padre, visto che eravamo in centro e in Piazza Maggiore c'è la farmacia più fornita di tutta la provincia, di andarlo a cercare per lei!!!!!!!!! Io sono rimasta fuori dalla farmacia che avevo il cane e non mi sembrava il caso di entrare, ma avrei voluto vedere la faccia del farmacista che si è visto chiedere da un uomo oltre la settantina un cerotto per una terapia ormonale, come se la diretta interessato non fosse in grado di procurarselo da sola. Tanto per dire, quando l'ho fatta io questa terapia, lui manco lo sapeva, e non mi sarei mai sognata di mandarlo in farmacia al posto mio!!!!!!!

 
 
 

mamma mia che freddo che fa!!!!!!!!

Post n°990 pubblicato il 09 Gennaio 2017 da CiaoGi_57
 

Può essere che sia come dicono che non faceva un freddo così dal 1985, può essere che si sbaglino, che io quell'inverno me lo ricordo molto più freddo e soprattutto qua da noi venne una montagna di neve che io e papi mio che allora lavoravamo insieme ad un certo punto abbiamo caduto le armi e smesso di spalarla via dal magazzino che ci stavamo ammazzando senza risultati che quella tolta il giorno prima, alla notte ricadeva ancora più copiosa, dopodichè siamo arrivati ad avere anche 15° sotto zero. 

Ora qua di neve nemmeno l'ombra, in compenso è arrivata dove non sono abituati ad averla, non sono attezzati e sono veramente nei guai che secondo me non hanno nemmeno l'abbigliamento adatto a combattere un freddo così intenso. Dicevo niente neve, ma fa veramente freddo, tanto freddo. Sabato mattina ho telefonato al mio fornaio che mi tenesse il pane perchè non me la sentivo di uscire che Siri badava a dirmi "brrrr che freddo, ci sono 8° sotto zero!!!" sono uscita alle dieci e mezza e di gradi ce ne erano 2 sotto!!!!!!

Il giorno dell'Epifania, dopo pranzo ho chiesto a Conan di andare a fare un giretto in centro prima che tramontasse il sole e venisse troppo freddo. Eravamo bardati da alta montagna a fare lo "struscio" per le vie del centro, perfino la cucciola camminava svelta per combattere il freddo, che lei sta bene quando fa fresco, però ora dopo cena esce dieci minuti e poi chiede insistentemente di rientrare e si piazza nella sua cuccia collocata strategicamente vicino alla parete dove c'è il collettore del riscaldamento e i tubi caldi che riscaldano sia il pavimento che le pareti!!!!!! Cane artico!!!!!!! Eggià.

Ieri no, ho preferito restarmene a casa, giusto per vedere se a stare al caldo un'intera giornata mi avrebbe aiutata a debellare definitivamente la tosse che mi tormenta dall'inizio di dicembre e che sembra si sia particolarmente affezionata. Forse era la mossa giusta, che per oggi ancora non si è fatta sentire.

Questa mattina la mia macchinina dopo aver sputacchiato per un attimo, è caduta in coma profondo e non ne ha proprio voluto saperne di mettersi in moto, pensavo fosse la batteria definitivamente defunta, e invece ho provato poco fa con una temperatura diversa e al primo colpo è partita..... sperem.........

Sto dicendo e raccontando un sacco di mi.....ate (che io sono una signora e certe parole non riesco proprio a dirle) in realtà sto pensando alla mia amica Teresa: doveva entrare ieri in ospedale per un delicato intervento, e già secondo me arrivarci in ospedale non deve essere stata una cosa facile, vista la zona in cui abita. Credo che alla fine ci sia arrivata, altrimenti certamente mi avrebbe detto qualcosa, ora sono in attesa di notizie, spero che suo marito sia così gentile da avvisarmi, o che magari sia lei stessa a dirmi che è andato tutto bene e che sta bene. Dai Teresa che siamo tutti qua a pensare a te!!!!!

 
 
 

Bilanci

Post n°989 pubblicato il 03 Gennaio 2017 da CiaoGi_57

No, non voglio fare un bilancio dell'anno passato che non è stato propriamente uno dei migliori della mia vita, ho rischiato più volte di mandare a gambe all'aria il mio matrimonio, che certe cose fai fatica a mandarle giù, e ingoia, e ingoia, capisci tutto, stai vicino, dai appoggio e sostegno, e poi, quando sei tu ad averne bisogno, ti guardi intorno e non vedi nessuno e allora ti stufi di essere sempre tu quella comprensiva, quella paziente, quella sempre disponibile, e cominci a brontolare, a fare battute acide e chi non c'era abituato resta un po' interdetto e non capisce. Comunque siamo ancora qua, forse ho ancora un po' di residuo di pazienza, se raschio il fondo del barile trovo anche un po' di comprensione.......

Ho passato l'ultima settimana dell'anno a casa, in ferie. A me piace starmene a casa mia, non sono come tanti che dicono che per "staccare" devi andartene via, lontano, no a me la mia casa piace, mi piace occuparmene, fare le mie cose con calma, magari sistemare quell'armadio o quei cassetti che da tanto reclamano un po' di ordine, poi andarmene a fare una passeggiata con la mia cucciola (che il marito latita sempre, in prossimità delle feste poi, non ne parliamo).

Dunque mi ero fatta i miei programmini, magari anche un po' di riposo, che il Natale è stato veramente sfiancante, forse anche perchè ancora non mi sono ripresa del tutto dall'influenza, sono arrivata alla sera che ero sfinita e ho giurato a me stessa che non avrei toccato più i fornelli fino all'anno nuovo, che avremmo vissuto con gli avanzi del pranzo natalizio.......... eggià, proprio così......

....... ma non avevo fatto i conti con l'oste nella persona del mio adorato figliolo.

"ma', non è che hai delle lasagne nel congelatore???"

".......mmmmmmm..... no direi di no, perchè????"

" mi farebbe comodo una teglia di lasagne da portarmi in montagna per l'ultimo dell'anno, me le faresti vero????"

Si può dire di no ad una richiesta di tuo figlio????? Sì si potrebbe, certo che si potrebbe, ma io no, ho deciso che no, non potevo.

E così mi sono rimessa a spignattare, che già che le facevo, ne ho preparate una discreta quantità da mettere come scorta nel congelatore.

"ma', ho un po' di cose da lavare che vorrei portarmi dietro"

per lui un po' di cose erano sette camicie, ennemila magliette, una vagonata di mutande e calzini, pantaloni più tutta la biancheria da letto e da bagno.........

Mi sa che davvero era meglio se prenotavo una vacanza magari alle Canarie, che ci trovavo un sacco di pensionati che vanno a svernare e magari cominciavo a mettermi nell'ordine di idee per la pensione.

A proposito di pensione, ho provato a farmi un po' di conti per vedere se nell'anno nuovo riesco a cascare dentro all'Opzione Donna. Ecco, come età potrei anche rientrare, ma quando sono andata a fare i conti dell'assegno mensile, ho stabilito che ho ancora un sacco di anni di lavoro da fare, migliaia di fatture, consuntivi, registrazioni.... mi viene la nausea.

 
 
 

Letterina a Babbo Natale.

Post n°988 pubblicato il 21 Dicembre 2016 da CiaoGi_57
 

Che dite, la scrivo anch'io la letterina a Babbo Natale, anche se ormai l'età per chiedere qualche cosa ad un'entità astratta è passata da un pezzo??????

Vabbè, dai, tanto.... male non fa.

Dunque,

Caro Babbo Natale, per quest'anno, visto che l'ultimo periodo non è stato proprio bello bello, che io faccio finta di niente, ma, vabbè, tu SAI, di richieste ne avrei un po' tante, vedi un po' tu.

Prima cosa vorrei che il mio papà stesse sempre bene, che fosse sereno e tranquillo ancora per tanto tantissimo tempo.

Poi vorrei un po' di tranquillità per Conan, che negli ultimi tempi ne ha meno del solito per via di quella cara e amorevole figliola che se continua così lo manda all'ospedale. Credo che alla sua età un po' di vita tranquilla se la sia meritata che dici?!?!!?!!?!

Vorrei anche che la Creatura potesse realizzare tutti i suoi sogni, qualunque essi siano, che continui ad essere il bravo ragazzo che è, e che magari ogni tanto, mica sempre ehhh, un bacio e un abbraccio alla sua mamma lo elargisse.

Poi c'è la mia sorellina, detta anche Ansia, che stia un po' tranquilla e serena, che pure lei se lo meriterebbe.

Poi senti, vedi se ti riesce di trovare un qualcuno, compagno o marito (sarebbe meglio marito, ma non posso pretendere un miracolo) per figliolina, che così magari impegnata a dare il tormento a lui, lascia un po' tranquillo suo padre.

Dici che ti ho chiesto tanto e non posso andare ancora avanti??????

Allora lascio al tuo buon cuore l'ultima richiesta: non ti chiedo di portarmi qualche cosa ma di portarti via un po' della ciccia che mi è cresciuta addosso, che veramente ho smesso di guardarmi allo specchio che mi schifo da sola.... ahhhhh, dici che per i miracoli non sei attrezzato?????? Vabbè, proverò a mettermi a dieta allora, ma sicuramente dopo che sarai passato tu, che per il giorno di Natale proprio non se ne parla!!!!!!!!! 

 
 
 

Spirito natalizio??????

Post n°987 pubblicato il 14 Dicembre 2016 da CiaoGi_57
 

Mahhhh, chissà, quest'anno tarda ad arrivare, e sì che le città hanno cominciato in anticipo ad addobbarsi, accendere le luminarie, mettere in mostra vetrine accattivanti, la TV è già da un pezzo che ci stranteca i cabasisi..... insomma il Natale incombe, ma non nella mia testa.

Venti giorni fa io, Papi e Surella abbiamo conferito in una riunione agli alti vertici per stabilire il menù (che ci sarebbe mai stato da stabilire che il menù è quello oramai da tempo immemore, però dovevamo ribadirlo). La questione più impegnativa era quella della produzione dei tortellini. Gli anni passati ci si radunava a casa di papi, con mammà, la zia, che aveva sostituito mammà nell'impasto della sfoglia, che lei non era più in grado di farlo, io più di dieci uova di sfoglia alla volta non riesco a fare e quindi arrivava il rinforzo della zia che alla sua verde età di ottantaseianniottantasei è capace di impastare e"tirare" una sfoglia di trentauova (una cosa mostruosa) senza colpo ferire.

I pomeriggi in cui ci si trovava per questo tour de force erano anche l'occasione per fare due chiacchiere, un po' di pettegolezzi, tanti ricordi... insomma era un rito che andava oltre la mera preparazione di una montagna di tortellini.

L'abbiamo fatto anche l'anno scorso, ma, mancava un componente della compagnia e la sua mancanza incombeva pesantemente.... è stato angosciante e quest'anno non me la sono sentita di ripetere l'esperienza, in più la zia è in ospedale per un intervento e quindi..... niente tortellini????? sia mai!!!!!!!

Mi è venuto in mente che una carissima amica ha uno stuolo di anziane 'sdore nel suo paese, che nel periodo prenatalizio si mettono insieme e preparano tortellini a richiesta, la qualità è senza confronti, costano un po' meno di quello che li fanno pagare i negozi di pasta fresca (da impegnarsi un rene per un chilo di tortellini),e loro arrotondano la pensione.

E così i tortellini sono già pronti, al sicuro nel congelatore della mia amica, sabato li vado a prendere e questa è fatta.

Il resto è il solito: brodo con la gallina "buona" allevata dalle amorevoli mani del mio papà alla quale ha "tirato il collo" la zia (che lui non ha cuore di uccidere le sue galline), salamini e cotechini, arrosto, purè, patate al forno, panettone e sfizi vari.

Però lo spirito del Natale proprio non ne vuol sapere di uscire. Avrei già dovuto preparare l'albero, ma con il fatto che la settimana scorsa stavo male, per il momento l'ho solo tirato fuori, assemblato (che è diviso in quattro parti)e ora è lì alcentro del salone che aspetta che qualcuno (chi sarà mai??) si decida ad addobbarlo.

Forse, dopo aver preparato l'albero, insieme alle palle e alle lucine, verrà fuori anche lo spirito del Natale.

 
 
 

Ancora KO

Post n°986 pubblicato il 09 Dicembre 2016 da CiaoGi_57
 
Tag: sfoghi

E questa volta non parlo di me, che vabbè, tra tosse, raffreddore, nausea e mal di testa non è che sto messa proprio bene bene....... noooooo, questa volta parlo della salute del mio amato sposo (!!!!!), Conan il Barbaro, che con le sue potenti braccia cinge e protegge figliolina sua (sono parole di lei ehhhh, io non mi sono inventata nulla).

Che questa grandissima testa di tolla (figliolina ehhh), spreme come limoni tutti quelli che per caso  o per disgrazia gravitano intorno alle sue grazie, eppoi......... ciaopippo come dice una cara amica qua sul virtuale.

E' capace di chiedere a sua madre, piegata in due dal mal di schiena con sua madre (la nonna) invalida e totalmente non autosufficiente, di andare lei ad aprire il negozio perchè "non ci vede dal mal di testa" poi si scopre che doveva andare a rifarsi le unghie (sì perchè questa oltre ad essere stronza, opportunista, egoista, bugiarda, e proprio cattiva di indole è pure tutta finta: unghie, capelli, pure le ciglia posticce ha....).

A suo padre manco chiede più, tanto lui è sempre a disposizione, ogni sera parte alle sette e un quarto per andare in negozio, chiudere e accompagnarla al parcheggio dove ha lasciato la macchina, che lei ha paura di fare brutti incontri, che la rapinino, che la violentino, fosse pure che l'ha lasciata davanti al negozio (dove non si potrebbe in quanto zona pedonale, ma tant'è per certa gente i divieti sono fatti per essere infranti altrimenti che gusto c'è, salvo poi sbraitare contro i vigili se si azzardano, non dico a farle la multa, ma dio ne scampi e liberi, di dirle di togliere l'auto da lì). Poi magari lo intrattiene a fargli sistemare questo e quell'altro e lui arriva a casa alle dieci di sera, poi dopo cena si mette a fare le registrazioni contabili del negozio, e magari a mezzanotte esce e le va a portare le medicine che lei si è dimenticata in auto sotto casa....... che poi non è che 'sto povero cristo (molto coglione direi) alla sua età fa la vita da pensionato, come sarebbe pure giusto che facesse, che i settanta li ha già compiuti da un po'... macchè: alla mattina si alza alle sette e fino a sera corre come un forsennato: contatti con i clienti, ricerca di nuovi lavori, controlli in amministrazione, litigate con i soci (quelle ormai all'ordine del giorno), litigate con il figlio (almeno tre volte al giorno quei due si beccano come due galli in un pollaio).

Alla fine, anche il fisico più forte (e lui non è tra quelli che può vantare una salute di ferro), crolla e infatti............ è più di un mese che noto che c'è qualche cosa che non va: le guance sempre più incavate, il colorito sempre più grigiastro, e io che gli dico che se la sta cercando e che si azzarda a lamentarsi di essere stanco lo prendo pure a ceffoni.........

L'altra sera mi chiama, alle otto, per avvisarmi che è dal suo cardiologo, che "sente" che c'è qualche cosa che non va e 'sto medico (un santo) l'ha fatto andare immediatamente per una visita. Ora non c'è nulla di particolarmente drammatico, ma si tratta di una tachicardia fastidiosa, sicuramente accentuata dallo stress e dalla stanchezza. Non ha voluto che andassi ad assistere alla visita (non c'è bisogno, mi ha detto) ho scoperto poi ieri che c'era lei... ecco, se l'avessi saputo mi sarei precipitata, che un paio di cosette le avevo da spiegare al medico, che magari così si sarebbe fatto un'idea più precisa della situazione.

Intanto ieri abbiamo passato la giornata a casa: lui con la pressione sotto i tacchi, io che ogni volta che mi muovevo scatenavo attacchi di tosse devastanti.... ho solo portato a fare un giretto la cucciola, che direi che in questi giorni (forse la proverbiale empatia dei samoiedo) è stata bravissima, pazientissima.. un vero cane da pet terapy.

In centro del paesone c'erano le bancarelle di Natale, tutti i negozi della piazza dovevano essere aperti.... tutti.... ehmmmmm......... tranne uno, che ha aperto quando ormai calava il sole......... evvabbè............ poi si lamenta che gli incassi sono pochi..... eccerto che la gente non compra se il negozio è chiuso..........

Ora mi sono un po' sfogata e sto un po' meglio, che l'acido e la bile a ristagnare a lungo andare fanno male...........

 
 
 

doppio KO con salto carpiato

Post n°985 pubblicato il 06 Dicembre 2016 da CiaoGi_57
 

Eggà, perchè pensavo di essermela cavata in una giornata e invece.........

sabato pomeriggio inoltrato, verso sera, faccio un salto a trovare una zia in ospedale, ci sono i suoi figli, che colgono l'occasione del mio arrivo per potersene andare un po' prima del solito, tanto sanno bene che ho una lunga lunghissima esperienza di assistenza a persone ammalate, anche più gravemente di quanto non lo sia la zia, che a parte i calcoli al fegato e un focolaio di polmonite e ottantaseianniottantasei sulle spalle sembra in gamba e si alza da sola. Comunque resto lì perchè mi fa piacere passare un po' di tempo con lei che mi ricorda tanto la mia mamma, stesso carattere generoso e altruista, stessa voglia di combattere le avversità e i malanni che la vita ha loro portato.

Le portano la cena, poi finito di cenare l'accompagno in bagno, poi l'aiuto a tornare a letto, e ad un certo punto mi scappano due colpi di tosse.

"Senti che tosse che hai!!!!" mi fa lei

"ma no zia, è solo un po' di secchezza in gola, che negli ospedali fa sempre troppo caldo"

E invece.......

domenica mattina, levataccia quasi all'alba che c'è da festeggiare il compleanno della Creatura e ho otto persone da mettere a tavola e secondo le richieste del festeggiato ci sono due primi, tortellini e lasagne al forno, due secondi: coniglio arrosto con patate e arrosto di tacchino ripieno in crosta di pane integrale con purè, poi vabbè gli antipasti, ma lì a parte la salsina alioli richiesta espressamente dalla ragazza di mio figlio, ho preso cose già pronte.

Comunque in tutti questi preparativi mi accompagna un mal di testa lancinante, senso di nausea, tosse ( e questa volta l'aria secca dell'ospedale non c'entrava), poi quando il cibo che stavo cucinando avrebbe in teoria dovuto sprigionare appetitosi profumi, io sentivo solo odori nauseabondi!!!!!!!!

Provo la temperatura... eccallalà!!!!!!!! la febbre che incombe...... arrivano mia sorella e papi che dicono che si sente il profumo dalla strada... e meno male che ero già preoccupata di aver cucinato robe immangiabili........

Il pranzo è andato alla grande, peccato che io non sia riuscita a mangiare nulla.... mi sono ritrovata alla fine con piatti, bicchieri e tegami da far andare tre lavastoviglie, la febbre che saliva e io che mi rassegnavo a non poter andare nemmeno a votare. Evvabbè, non credo che sia stato il mio non voto determinante al risultato.

Ieri ho passato tutta la giornata a letto, tra sonno e dormiveglia, mentre mi passavano davanti le pubblicità dei vari farmaci anti influenzali, che alle volta guardo con nostalgia, pensando a come sarebbe bello passare un paio di giorni a casa coccolata (da chi????) senza rotture di scatole, senza dover cucinare, pensare a dovere andare a fare la spesa........ e invece è un'emerita cavolata!!!! se stai a casa per l'influenza è perchè stai male, ma così male che non puoi fare niente altro che stare male e sperare che passi il più in fretta possibile.

Oggi va meglio, niente febbre, il mal di testa è rintanato dietro un angolo del cervello, sta lì un po' in sordina, come se volesse dire "veh che sono ancora qua, non ti illudere troppo, potrei tornare da un momento all'altro, oppure andarmente definitivamente", la tosse che mi squassa, però va meglio, spero che sia tutto in discesa da ora in poi.

In ufficio c'è la decimazione: mancano in tre, io sono tornata (che c'ho le fatture da fare), ma fossi stata un altra, al diavolo le fatture e me ne sarei rimasta a casa, la nostra centralinista mi sa che pure lei è sulla buona strada............. con tutto questo ci siamo domandati chi fosse stato "l'Untore" che aveva sparso bacilli a piene mani...... è venuto fuori in nome del Capo, che ha curato con tanto amore figliolina sua, fino ad uscire a mezzanotte per portarle le medicine (a me manco un bicchier d'acqua ha portato), e così lui se l'è cavata con un po' di raffreddore e tosse, a noi c'ha devastati.

 
 
 

KO!!!!

Post n°984 pubblicato il 30 Novembre 2016 da CiaoGi_57
 

E niente di che.. mi ha messa KO una roba stranissima, che però se vado a ritroso nel tempo mi era già successa.

Lunedì mattina mi sono alzata con un mal di testa feroce, ma proprio di quelli che ti fanno dire che la daresti via al primo che passa per la strada....

E' aumentato via via nel corso della mattinata e insieme a quello ho iniziato ad avere un senso di nausea fortissimo, che pure quello è andato aumentando fino ad arrivare a dover correre in bagno per buttare fuori... che???? nulla, non avevo nulla nello stomaco.......

Alla terza corsa in bagno (e l'ultima è stata proprio sul filo di lana, sono arrivata appena in tempo), ho realizzato che non era più cosa, che tanto al lavoro non sarei riuscita a combinare nulla, avrei rischiato di combinare un disastro nel caso avessi trovato il bagno occupato (cosa molto probabile visto che siamo in nove in ufficio e abbiamo un solo bagno), e nel caso si fosse trattato di iniziali sintomi influenzali era meglio che mi isolassi per non contagiare tutti.

Quindi me ne sono andata, a casa ho cercato disperatamente del Plasil per vedere di fermare 'sta cosa devastante (mentre lo cercavo in mezzo alle altre medicine ho "dato" ben tre volte), sono finalmente riuscita a trovarlo, ne ho ingollate due compresse, che a quel punto una mi avrebbe fatto giusto il solletico, un'altra compressa per vedere di far andare via il mal di testa, che a quel punto mi sembrava veramente di impazzire.

Poi mi sono stesa sul divano, con la cucciola che mi guardava dapprima sul perplesso, poi sul preoccupato, poi non so, che tra una cosa e l'altra io non c'ero più, moribonda, un'ameba flaccida.

Sono arrivati i miei due uomini all'ora di pranzo che io stavo ancora lì più morta che viva, ma per fortuna sembrava che il peggio fosse passato, ma avevo freddo, un freddo, ma un freddo... due plaid addosso e battevo i denti......... 

Ho passato il pomeriggio così, ogni volta che tentavo di alzarmi mi girava la testa e mi ripigliava la nausea...... è arrivata sera, ho avvisato mia sorella che non sarei andata da papà (sempre per la paura che fosse influenza e per carità non mi sembrav ail caso di andare a portare bacilli a domicilio.

Ieri mattina ero di nuovo io, passato tutto...... avevo un esame clinico da fare, sono andata, fatto, poi volevo fare anche il cambio del medico curante, fatto pure quello e siccome mi ero presa tutta la giornata libera ho preso la cucciola e con lei ho fatto una lunga lunghissima passaeggiata. Era un freddo barbino, tirava pure un vento gelido, me era una splendida giornata di sole, lei era perfettamente a suo agio, finalmente il clima a lei congeniale, ce la siamo davvero goduta, con pure un momento un po' così, tra il comico e boh, non ce la faccio a definirlo...... insomma siamo lì che attraversiamo il passaggio a livello sulla strada che porta al parco e lei si "accuccia" e, vabbè una bella produzione di cacca....... quindi, mentre una ragazzina cinese che passava di lì se la ride di gusto, mentre io cerco la borsina dei sacchetti per "raccogliere" e intento le dico "veh, che proprio qua la dovevi mollare, non potevi aspettare cinque metri più in là che ora manca solo che si abbassino le stanghe mentre io son qua che raccolgo!?!!?!!?"

E me la sono davvero tirata!!!!!!!! ho cominciato a sentire "dleng dleng" e le stanghe che cominciavano ad abbassarsi, e logicamente la roba mi sfuggiva, non riuscivo a tirarla su in un colpo solo come faccio di solito... panico..... finalmente è tutta nel sacchetto e via....... fuori pericolo!!!!!!!!! mentre lei mi guarda perplessa.........

 
 
 

E se i carabinieri suonano alla tua porta.....

Post n°983 pubblicato il 28 Novembre 2016 da CiaoGi_57
 

.... e sono le tre del mattino, e tu sai che tuo figlio è fuori con gli amici, che fai??????? Ti piglia minimo una sincope, poi tiri fuori un filo di voce per rispondere al citofono e mentre ti figuri le peggio cose e quello ti chiede se tu sei tu, e poi ti fa un'altra domanda e tu capisci che tuo figlio non c'entra nulla e sono lì per un altro motivo e mentre in contemporanea mandi un sospiro di sollievo, cerchi di svegliare il marito (che sarebbe lui quello che stanno cercando) e ti mordi la lingua evitando di mandare a quel paese il solerte carabiniere che ti sta avvisando di persona tipo piccione viaggiatore, visto che quelli che ti hanno cercato al cellulare, al telefono aziendale senza ricevere risposta, han pensato bene che era il caso di tirare giù dal letto anche noi......

E niente, vabbè, in uno dei nostri cantieri hanno tentato un furto di pannelli fotovoltaici, dalle case vicino qualcuno ha notato dei movimenti strani, ha giustamente chiamato i carabinieri, i ladri son scappati e hanno lasciato a terra 220 pannelli fotovoltaici ......... na' sciocchezza, che poi erano tutti da sistemare, mettere in un luogo chiuso e sicuro...... insomma, una passeggiata di salute!!!!!!!!

Risultato: sabato sera Conan era uno straccetto bianco bianco, con l'aria sfatta, le occhiaie.......... e povero, mi chiedi pure se voglio uscire, ma siediti lì e mangia la cena che ti ho preparato e poi va a dormire che ne hai bisogno.......

Domenica mattina si è alzato alle undici e mezza!!!!!!!!

 
 
 

Anto'... fa caldo.....

Post n°982 pubblicato il 23 Novembre 2016 da CiaoGi_57
 

Eggià, io che credevo che il Generale Inverno fosse già arrivato, visto le temperature della scorsa settimana, che pure Siri batteva i denti dal freddo anche se se ne stava sempre al riparo dentro la borsa o in tasca, a proposito ho lincenziato Siri e al suo posto ora c'è un maschietto, lo devo chiamare sempre Siri che sennò non mi risponde, ho provato a metterlo alla prova questa mattina, ma mi sa che è gnucco come la sua corrispondente femminile..... se lo ringrazio per qualche cosa che gli ho chiesto mi canta l'aria di Figaro, ma si può?!?!?!?!?

Comunque non divaghiamo, che poi Siri lo sistemo dopo, son due giorni che fa un caldo assurdo, e io che ho (finalmente) tirato fuori tutti gli abiti, i maglioni, i pantaloni, i cappotti, le sciarpe e i guanti pronta ad affrontare il gelido inverno, che pure la Cucciola quest'anno ha un mantello invernale che se vengono -20° dice che l'aria è tiepida, ora io, dicevo sto boccheggiando insieme a lei, ieri c'erano 18°!!!!!!! e oggi non credo che si discosterà da lì più di tanto.

Ok, va bene per il riscaldamento: caldaia al minimo e poco consumo di gas, però io che avevo l'organismo che si stava faticosamente adattando a temperature relativamente rigide (che 3° al mattino e 8° al pomeriggio non si possono definire temperature rigide), ora mi si sconvolge: mi si gonfiano i piedi dentro alle scarpe chiuse o agli stivaletti, ho mal di testa, alla notte mi prende la sudarella, mi si è risvegliata la gastrite (ma quella forse non è colpa del tempo, ma dall'acido che quotidianamente mi tocca ingoiare, e chi sa capisce), sono insofferente e poco fa c'è mancato poco che io, che sono sempre estremamente cortese con tutti al telefono, mandassi a quel paese l'ennesimo operatore di un call center della Tim che mi voleva proporre un contratto vantaggiosissimo (!!!!!). Mi sono fermata appena in tempo, che capisco questi benedetti ragazzi che non hanno altra prospettiva se non quella di guadagnarsi due soldi facendo per mestiere i rompiballe, però, però..... veramente rompono........

vabbè, intanto oggi sono a casa, nel pomeriggio porto la Cucciola al parco, magari incontriamo qualcuno dei suoi amici pelosi, così si sfoga un po', che poi, quando la temperatura è così, mi si spegne povera...... dopo una corsetta la vedi con la lingua di fuori, poi si siede e comincia ad abbaiare a quei forsennati dal pelo corto, che corrono come matti, sembra che li chiami e gli dica "sentite raga', venite un po' qua che facciamo una briscola, due chiacchiere, ci raccontiamo qualche cosa sulle ultime cavolate che fanno quegli invorniti dall'altra parte del guinzaglio, ma stiamo fermi, calmi, che a correre si suda....... Anto'!!!!!! fa caldo!!!!!!"

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: CiaoGi_57
Data di creazione: 14/02/2009
 

GRAZIE SIR

m

 

DOPO IL PRIMO BICCHIERE

n

 

QUALCUNO VUOLE UN CAFF?????!?!!?!!

 

 

FUORI COME UN BALCONE!!!!!!

 

LA GIOCONDA CON LAIFON

 

 

 

UN ALTRO REGALO DEL MIO AMICO PRECICCHIO

n

 

DAGLI AMICI SI ACCETTA QUESTO ED ALTRO

m

 

TAGLIO CORTO!!!!!!