Creato da DolceA0 il 28/04/2006
Cinema e altro

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
site statistics
 

 

« THE CRYING LIGHT - ANTON...COMING HOME »

ANTONY SENZA JOHNSONS - ROMA CAVEA AUDITORIUM 28 LUGLIO 2009

Post n°472 pubblicato il 01 Agosto 2009 da DolceA0

Antony si presenta nell’oscurità della Cavea. Il suo pubblico, dopo l’ovazione al momento della sua comparsa, è lì in silenzio pronto ad ascoltarlo. Sappiamo che non è con i Johnsons, anche se almeno uno è lì, seduta tra i musicisti dell’Orchestra Sinfonietta di Roma, e sappiamo pure che è il giorno del suo compleanno, teneramente sottolineato da Antony e calorosamente festeggiato dal pubblico.

Lui appare come una donna brutta e mal vestita, con un gusto che tradisce le sue origini inglesi. Capelli lisci lunghi. Indossa dei pantaloni e una maglia a maniche lunghe,  con sopra un’improbabile scamiciata con dei grossi bottoni.

Parte lo show. Antony canta, e la sua voce a tratti colpisce al cuore. E’ talmente malinconica che mi induce quasi un pianto. Oppure è soave, come in una preghiera d’amore. O ancora, è possente come quando diventa l’unico strumento a suonare.

La scelta di questa setlist -  i brani non sono così noti e mancano le pietre miliari come ad es. Hope There's Someone e You Are My Sister - è particolare, come il personaggio del resto.

Avere a disposizione un’orchestra di 50 elementi e non usarla quasi mai....!!!

E questo concerto ha l’aria di essere una provocazione. L’orchestra, infatti, ha solo contrappuntato qua e là -  con qualche piccolo movimento sonoro, e spesso con l’apporto di un solo strumento o al massimo due (il piano e il violino) -  la grandiosa voce di Antony.

Antony, lontano dal pianoforte, incombente e smisurato, al centro del palco sembra a suo agio nel danzare con le mani o con i timbri sonori. Ogni tanto si ferma a dialogare con il pubblico facendo sorridere quelli che riescono a seguire il suo inglese, troppo veloce per me, sic!

Soltanto una volta, non so in quale brano, mi è parso di riconoscere note strumentali minimali alla Nyman che coinvolgevano l’intero staff dei musicisti...con l'effetto di apparire come un ammutinamento dell’orchestra che reclamava il suo spazio!

Certo a distanza di pochi mesi, per il musicista inglese, era complesso presentarsi di nuovo al pubblico romano senza un’idea geniale. Ma la sfida della musica senza musica non è stata vincente, secondo me.

Complessivamente però... sarà stata la calda voce di Antony, sarà stata la leggera brezza romana, sarà stata la compagnia...per me è stata una serata magica!

Voto 6 al concerto 8 al resto!

Vado un po' di giorni in vacanza.

A presto!

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: