Creato da: je_est_un_autre il 04/11/2008
Date la colpa alla mia insonnia

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Guarda, a dir molto siete in:

 
Citazioni nei Blog Amici: 96
 

Ultime visite al Blog

ANIMAdigattaNERAla.cameriera.seccaje_est_un_autrefenormone0beside_meVerainvisibileviburnorossoMarianneWerefkinvaniloquioselenezaresperiMenteantropoeticomonnalisa_e_nebbiaLaLigneNoir
 

Ultimi commenti

E lo fermerei prima di passare in esame il resto del corpo...
Inviato da: camminate strambe
il 21/10/2014 alle 15:36
 
Grazie a te per come scrivi. Se un blog mi piace mi prendo...
Inviato da: Verainvisibile
il 21/10/2014 alle 13:59
 
Gulp.
Inviato da: je_est_un_autre
il 21/10/2014 alle 13:48
 
Mannò, ha ragione camminate! Caccole, in Emilia Romagna...
Inviato da: je_est_un_autre
il 21/10/2014 alle 13:47
 
Le cispe, le caccole degli occhi si chiamano cispe. Che...
Inviato da: viburnorosso
il 21/10/2014 alle 13:18
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« Domenica (raccontino)Circonvallazione Casilina »

I Dialoghi impossibili: Io & Arturo (X)

Post n°180 pubblicato il 06 Maggio 2012 da je_est_un_autre

ARTURO: A Roma?

IO: Precisamente, a Roma.

ARTURO: E che ci vai a fare, fin laggiù?

IO: Vado in questo posto, è un teatro occupato, è un'azione militante, la nostra. Mi hai guardato bene? hai visto che cipiglio ho messo su? Stavo quasi pensando di rispolverare la mia vecchia mimetica.

ARTURO: Occupato? Un posto occupato? Vuoi dire barricate e incidenti con la polizia? Slap, slap, ma è pazzesco. Ma dico io, sei sicuro di volerlo fare? Hai un'età.

IO: Non mi conosci, pivello. E' che qui la situazione dei lavoratori è disperata, non ci si può chiamare fuori, porteremo avanti la lotta fino in fondo. Costi quel che costi.

ARTURO: Fossi in te starei in orecchio, Robespierre. Ti ho sempre visto uno da retrovie. Slap, slap. Senza offesa.

IO: Sè, buonanotte, non sai quanto ti sbagli, anzi: mi sento barricadero come non mai. E poi laggiù si produce cultura, ragazzo mio, è un fermento, un'occupazione attiva, altrochè. Ma poi che te lo dico a fare?

ARTURO: Sì, ma le notti pomicione con le giovani ragazze occupanti mi sa che te le scordi, ormai.

IO: Ma santapace, mi piacerebbe sapere chi ti mette in testa certe sciocchezze.

ARTURO: Ma infatti. Che poi tutto questo a dire il vero mi fa assai preoccupare. Non vedi come sono preoccupato? Slap.

IO: Veramente? Ehi, grazie, sono sorpreso. Beh, fratello, non stare in pensiero. Il partigiano Je_est venderà cara la pellaccia. Ahr! Ahr!

ARTURO: Sì perchè pensavo, slap, e in tua assenza, io? La dispensa è piena? Hai dato disposizioni a chi di dovere? Lasagne ce ne sono? Non rimarrò senza cena, vero?

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Rispondi al commento:
zahalia
zahalia il 14/05/12 alle 09:45 via WEB
Riferirò, immantinente.
 
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: