Community
 
arieleO
   
 

CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Rivieccio porta Minnelli...Il "Mistero" pop di Pa... »

"Il re muore" tra le chanson

Post n°436 pubblicato il 05 Aprile 2011 da arieleO
 

La battuta-chiave de «Il re muore» di Ionesco (non per niente collocata in posizione fortemente icastica, alla fine) è quella che pronuncia la regina Margherita: «Tu non hai più la parola, il tuo cuore non ha più bisogno di battere, non vale più la pena di respirare. Era un'agitazione completamente inutile, non è vero?».
   Infatti, il tema decisivo del celebre testo - al di là della morte fisica del re (che non a caso si chiama Bérenger, come l'uomo medio protagonista di altri lavori di Ionesco) - è una morte metaforica, vale a dire la morte della fede in una qualsiasi possibile interpretazione del mondo. Si tratta, insomma, della sconfitta senza rimedio dell'ideologia, sovrastata e corrosa dalla continua e progressiva caduta di valori verificabile sull'orizzonte della civiltà occidentale.
   Ma, nell'allestimento de «Il re muore» che la compagnia beneventana Solot presenta nel Ridotto del Mercadante, la battuta citata non c'è. Giacché Pino Carbone, autore dell'adattamento e regista, pensa esattamente il contrario di quel che pensava Ionesco: «"Il re muore" è l'uomo che cerca di affermare a tutti i costi la sua esistenza, che riesce a trovarsi e riconoscersi quando sembra troppo tardi, quando ha la sensazione di fine».
   Ebbene, come si realizzano, nello spettacolo, il «trovarsi» e «riconoscersi» di cui parla Carbone? Si realizzano, a quanto pare, nel misterioso modo che segue: i tre interpreti in campo (Andrea de Goyzueta, Francesca De Nicolais e Giovanni Del Monte) si dividono i sei personaggi previsti dall'autore e, mentre ne ripetono alla men peggio (peggio più che meno) parte delle battute, di volta in volta, e con grande impegno, strillano canzoni francesi, pitturano sedie, si azzuffano per gioco, scrivono forsennatamente su fogli e brogliacci che poi scaraventano in giro o si tirano addosso.
   Ma qui davvero si sprecano, i punti interrogativi. Misterioso è anche il perché vengano affidati a una donna il ruolo di Bérenger e ad uomini le parti femminili di spicco. E misterioso, soprattutto, è il motivo per cui lo Stabile di Napoli ha deciso di regalare a una cosa del genere la bellezza di undici recite.

                                            Enrico Fiore

(«Il Mattino», 5 aprile 2011)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

tescasciulocchimascia.aniellodolcisiochiara.muscettaandrejwaidaarieleOkotroneviviveGiampierosczeppolinefortunato.calvinomascianello0asc.ferraragiannipanico0delynno
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom