CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Il Parioli intitolato a ...Il contro-Risorgimento d... »

Proietti fra Eduardo e Nino Taranto

Post n°503 pubblicato il 03 Dicembre 2011 da arieleO
 

Lo dico subito (così posso tirare il fiato) e in breve (perché ho poco spazio a disposizione). E cioè: alla luce dello show che presenta all'Augusteo, «Di nuovo buonasera... a tutti», dico che bisognerebbe conferire a Gigi Proietti la cittadinanza onoraria spettacolare di Napoli. E aggiungo - a costo d'essere pubblicamente lapidato nel cortile del Maschio Angioino - che, per quanto riguarda la tecnica e la versatilità espressiva, occorre riconoscere in lui, pur romano de Roma a 24 carati e consanguineo puro di Petrolini, un degnissimo erede di Viviani e Nino Taranto.
   Non per caso, a far da cornice allo show in parola è proprio quel varietà (completo, qui, di girls e boys) che trovò nell'antica Partenope la sua indiscussa capitale e in cui eccelsero, per l'appunto, Don Raffaele e il Commendatore per antonomasia. D'altronde, che Proietti rivolga uno sguardo privilegiato a Napoli viene dimostrato dal fatto che lo spettacolo s'apre con una rivisitazione creativa e irresistibile (vedi l'invenzione surreale del cappello che Michele non riesce ad appendere all'attaccapanni) dell'atto unico di Eduardo «Pericolosamente»; e, a ribadire l'omaggio alla nostra più accorsata tradizione, arriva persino un'inconfondibile macchietta, quella «E non sta bene» di Pisano e Cioffi che fu, giusto, uno dei grandi successi di Taranto.
   Per il resto, i cavalli di battaglia che - a partire da «A me gli occhi, please» - nei trentacinque anni successivi abbiamo visto e rivisto: dalla lezione sulla «carrettella» alla parodia del cantante sudamericano di bolero, dal vecchio incasinato tra le favole all'amara riscrittura di «Questo amore» di Prévert firmata dall'indimenticabile Roberto Lerici. Attenzione, però. Vanno applicate a questi pezzi le stesse parole che Calvino riservò a certi libri: «D'un classico ogni rilettura è una lettura di scoperta come la prima».
   Accanto al mattatore (capite, adesso, perché il teatro di Proietti batte la televisione di Fiorello?) si distinguono pure le figlie Carlotta e Susanna e i napoletani Marco Simeoli e Loredana Piedimonte. E sulle acclamazioni è inutile insistere.

                                         Enrico Fiore

(«Il Mattino», 3 dicembre 2011)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

okaywhymeasc.ferraragerardapintogiovannideluiselucataiutiluigia.giudicearieleOstudiolegalegrittimariateresalevaivanoschiaFocas89TeodoradiBisanzioaspide340formicheteatrofortunato.calvino
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom