CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Addio a Leo AloisioRipresa del colloquio »

"Ferito a morte" e immobile

Post n°472 pubblicato il 13 Settembre 2011 da arieleO
 

Lo ripeto. Tra Raffaele La Capria (intendo la sua poetica, la sua scrittura, i suoi temi centrali) e il teatro esiste una distanza incolmabile. A partire dal fatto che il teatro ammette soltanto l'opzione del presente, mentre in La Capria svolgono un ruolo assolutamente decisivo i salti di spazio e di tempo che costituiscono, invece, il cardine fondamentale di ciò che si chiama specifico filmico. Non a caso, del resto, La Capria è stato un grande sceneggiatore, soprattutto per quel Francesco Rosi che sedeva accanto a lui, nel teatro Comunale di Benevento, alla «prima» dell'adattamento di «Ferito a morte» dato nell'ambito della rassegna Città Spettacolo.
   Ebbene, parliamo di un allestimento che - fatta salva la lodevole intenzione di celebrare i cinquant'anni di quel romanzo - ribadisce la differenza sostanziale fra il corpo (appunto l'epifania scenica) e l'immagine (ovvero l'apriorismo letterario). E dell'attestarsi dell'autore dalle parti del cinema è prova, in «Ferito a morte», l'episodio (tanto significativo che La Capria non ha potuto fare a meno d'inserirlo nella personale antologia della propria opera intitolata «Chiamiamolo Candido») in cui la spigola «scompare» dietro il cassettone o sotto il letto di Massimo. Un episodio che si traduce in un'autentica dissolvenza incrociata: che poi, a sua volta, traduce lo scarto - in La Capria ineluttabile - fra la realtà e il pensiero, fra la storia e la metafisica. Senza contare che il teatro sconta quasi stabilmente la caduta in quel naturalismo che lo stesso La Capria giudicò, puramente e semplicemente, «repressivo».
   Ora, Claudio Di Palma, regista dell'allestimento in questione, mostra di rendersi perfettamente conto del problema, e tenta di risolverlo con vari espedienti: primi fra tutti il flashback (Massimo compare in un edificio abbandonato e fatiscente, con i pilastri di cemento armato inclinati e una valigia di foggia vecchia accanto al letto sfatto) e l'esibizione in primo piano di un monumentale registratore (l'«autosufficienza» e la «separatezza» del testo romanzesco). Ma la materia espressiva partorita da La Capria è troppo densa, onnivora e potente per non avere il sopravvento.
   Ne deriva uno spettacolo immobile, che, com'era facile attendersi, consiste in una sterile successione di monologhi. E non rimane, quindi, che l'esercizio di stile messo in campo con la perizia di sempre da Mariano Rigillo. Al suo fianco, fra gli altri, Anna Teresa Rossini e Alfonso Postiglione. Scene di Luigi Ferrigno, costumi di Annalisa Giacci, musiche di Paolo Vivaldi.

                                       Enrico Fiore

(«Il Mattino», 13 settembre 2011)

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/Controscena/trackback.php?msg=10611340

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
asc.ferrara
asc.ferrara il 03/11/11 alle 17:16 via WEB
Gentile Dott. Fiore, ma perché il Suo blog è "fermo" al 13 settembre? Grazie e saluti, ascanio ferrara
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
gabriele riegler il 17/04/12 alle 08:25 via WEB
Caro Enrico, solo ora al Mercadante ho visto l'allestimento di Ferito a morte e sono andato alla ricerca del tuo "pezzo" che come succede nel 90% dei casi condivido pienamente. Il teatro è altro. Gabriele Riegler
 
 
arieleO
arieleO il 17/04/12 alle 16:18 via WEB
Caro Gabriele, ti ringrazio della stima che accordi alle mie recensioni. Ma ciò che dici a proposito di "Ferito a morte" dovresti ripeterlo a Mariano Rigillo, il protagonista di quello spettacolo: il quale Rigillo - per proprio conto ferito a morte, evidentemente, dall'ipocrisia e dal compromesso - non si è risparmiato, mentre provava la messinscena in questione a Benevento, nel dichiararmi (ci ospitava lo stesso albergo) il suo parere negativo circa l'adattamento teatrale del romanzo di La Capria. Enrico Fiore
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

aspide340formicheteatrofortunato.calvinogaetanofusco0fabriziolombardo1984gigilbertoarieleOschiavo.turismoasc.ferrarasamkettgenioprodmilluminodimmensopalehendrixFraChianconefrida0204
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom