CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

Messaggi del 12/05/2012

Omaggio a Strehler senza Strehler

Post n°581 pubblicato il 12 Maggio 2012 da arieleO
 

Dietro lo spettacolo che chiude al Mercadante la stagione dello Stabile di Napoli - «Remake. Un racconto di tempesta», testo e regia di Myriam Tanant - ci sono sì, come da titolo e da copione, il capolavoro di Shakespeare e l'incontro fra una stagista e una grande attrice, Giulia Lazzarini, che le rievoca il celebre allestimento de «La tempesta» firmato nel '78 da Strehler e in cui lei interpretava il ruolo di Ariel; ma c'è soprattutto, come da ispirazione e da scopo, «Elvira, o la passione teatrale», lo spettacolo strehleriano dell'86 (qui, d'altronde, richiamato) che vide la stessa Lazzarini impegnata da coprotagonista.
   Si trattava delle sette lezioni (sulla sesta scena del quarto atto del «Don Giovanni» di Molière) che fra il 14 febbraio e il 21 settembre del 1940 Louis Jouvet impartì presso il Conservatorio di Parigi ai propri allievi e, segnatamente, all'assai dotata Claudia. E Strehler ne ricavò uno spettacolo bellissimo e commovente, in cui spasimava un continuo scambio fra il teatro e la vita: lui, Strehler, era insieme Jouvet, uno dei suoi maestri, e se stesso in quanto maestro, appunto, di quella Giulia Lazzarini che a sua volta era insieme Claudia e se stessa.
   In breve, alle tre domande capitali messe sul tappeto da Jouvet - che cos'è il teatro? perché si fa teatro? perché si va a teatro? - Strehler rispose con una constatazione: il teatro è uguale alla vita. Nasce, muore e rinasce in ogni momento, e non è mai lo stesso del momento precedente. Sono queste la dannazione e la gloria del teatrante.
   Al Mercadante, invece, c'imbattiamo in uno statico compitino in classe (ma non sarebbe stata più produttiva una semplice conferenza?) che assembla alla men peggio spunti autobiografici della Lazzarini, citazioni da «La tempesta» di Shakespeare, brani in video dell'allestimento strehleriano (con l'indimenticabile Tino Carraro nelle vesti di Prospero), risaputissimi particolari di cronaca e commenti del regista a proposito di quella messinscena e accenni tanto fugaci quanto superficiali e scontati alla natura e alla pratica del teatro.
   Restano la tecnica e la tenera comunicativa di Giulia Lazzarini: la quale, si capisce, va meglio quando, in video, vola come Ariel che quando, dal vivo, si propone con qualche azzardo come Prospero. E l'affianca la buona volontà di Maria Alberta Navello. Ma non ci sono (e vi pare un'assenza da poco?) né l'acutezza teorica di Jouvet né la magia poetica di Strehler.

                                        Enrico Fiore

(«Il Mattino», 12 maggio 2012)

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

asc.ferraraprincipessa77dglarieleOsamkettcybpaolorosario.imparatolocurtogiovannimarinaconfalondcoi.6104clcksellambrosino.lindaandrenzitescasciulocchimascia.aniello
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom