Creato da Yaris167 il 19/10/2006

Counselling di Yaris

Relazione, crescita, sviluppo del potenziale più autentico

 

 

Quanto contano le parole…?

Post n°1246 pubblicato il 16 Gennaio 2017 da Yaris167
 

Mi sono imbattuta recentemente in due video che hanno attirato la mia attenzione. Il primo riguardava i discorsi del Presidente Obama. Discorsi che dal punto di vista tecnico potrei definire emozionali e, quindi, miranti a colpire il “cuore” del popolo americano. Ho letto che si preparava lui stesso i discorsi e poi andava “a braccio” e, se il risultato è stato ciò che ha lasciato alle sue spalle, direi che se la sua politica ha mostrato inevitabili “defiance” altrettanto non si può dire rispetto a ciò che ha saputo suscitare tra la gente…. 

L’altro video, riguarda la premiazione di Matthew McConaughey winning Best Actor 2014, per il film Dallas Buyers Club, diretto da Jean-Marc Vallée con protagonisti Matthew McConaughey e Jared Leto. La forza delle parole pronunciate, l’emozione non controllata, gli occhi lucidi nel ringraziare la sua famiglia (madre, moglie, figli e anche il padre in cielo) esprimono qualcosa di cui, noi italiani Un popolo di poeti, di artisti, di eroi, di santi, di pensatori, di scienziati, di navigatori, di trasmigatori (così è scritto sul Palazzo della Civiltà Italiana dell’EUR a Roma” stiamo perdendo il senso: la credibilità.

A partire dal pensiero di Aristotele, la percezione della maggioranza delle persone indica la credibilità come una qualità della persona. Mi perdoni Aristotele, l’ardire, ma non penso sia del tutto esatto. L’autorevolezza del parlare e la credibilità scaturiscono dalla relazione con l’interlocutore, sia esso pubblico sia privato e in ciò che suscita in termini di coinvolgimento, condivisione, emozione, voglia di agire, senso di appartenenza, comune sentire...

Fuori da un tale contesto, la comunicazione diviene manieristica e tiepida, e al massimo può suscitare un sorriso ironico o di cortesia. Motivo per cui può lasciare un seguito o, all’opposto, restare ciò che sono....Parole.

Yaris

 

Le parole non sono fiato, evanescenza, convenzione. Le parole sono "cose". Niente esiste se non ha nome, perché siamo noi a far esistere il mondo.
Roberto Vecchioni

 
 
 

L'ineffabile coscienza di esistere

Post n°1245 pubblicato il 11 Gennaio 2017 da Yaris167
 

Ciò che la natura richiede al melo è che produca mele e al pero che produca pere.
Da me la natura vuole che io sia semplicemente un uomo,
 ma un uomo cosciente di ciò che è.
Carl Gustav Jung






E' nel silenzio che prende spazio il fluire delle emozioni e, sempre nel silenzio, si abbandonano i pensieri. E' nel silenzio si fa strada quella voce interiore che, a volte rimprovera come un grillo parlante e altre volte pulisce i filtri di una percezione disattenta.

Ma è quando si lascia andare anche quella voce, quando il suo suono perde sia il fascino dell'incanto che aggancia verso facili entusiasmi sia  un presunto rigore logico che, attraverso i pensieri, si trasforma nel suo esatto contrario, occludendo la mente, che si fa esperienza della coscienza e può emergere quel sentire unico che dona la comprensione: il Sentire di Coscienza...

Di questo "sentire" non abbiamo che rari sprazzi, spesso confusi con l'insight, l'Eureka! delle intuizioni. In realtà sono esperienze più profonde di coscienza pura che possono aprirsi regalando la  consapevolezza di esistere:  *La spinta trasmutativa dell'individuo che attacca certezze e relazioni, beni e progetti, dando avvio a una nuova e diversa evoluzione esistenziale.


Yaris


 
 
 

Silenzio

Post n°1244 pubblicato il 08 Gennaio 2017 da Yaris167
 

il problema non è di permettere alle persone di esprimersi 
ma di fornir loro delle nicchie di solitudine e silenzio, 
a partire dalle quali avrebbero finalmente qualcosa da dire… .
La dolcezza di non avere niente da dire, il diritto di non avere niente da dire, 
dal momento che questa è la condizione per cui si forma qualcosa di raro 
o rarefatto che merita di essere detto

(Roberto Rossellini)

Il problema non è più consentire alle persone di esprimersi, ma fornire piccoli intervalli di solitudine e silenzio in cui possano infine trovare qualcosa da dire. Le forze repressive non impediscono alle persone di esprimersi, ma piuttosto le costringono a farlo.
Che sollievo non avere niente da dire, avere il diritto di non dire niente, solo in questo modo abbiamo la possibilità di incorniciare il non comune, l’eccezionale perfino, la cosa che possa valere la pena di essere detta.

(Gilles Deleuze)









Sol Halabi, Silencio


Simili queste due citazioni eppur differenti. Un regista e un filosofo due modi diversi di cogliere la realtà e di rappresentarla con linguaggi diversi per dire una stessa cosa: non si interrompe il silenzio se non per dire qualcosa che merita di essere detta perché non comune.

Eppure le relazioni interpersonali sono fatte di comunicazione, esigono comunicazione e dialogo. E  quanto è proprio il silenzio a spaventare? Che sia altrui o con se stessi poco importa, ciò che conta che il silenzio, se protratto, innesca automatismi di pensiero (difficili da capire in un’epoca che ci immerge nell’ipercomunicazione), mentre a volte non abbiamo davvero nulla da dire o scarsa voglia di comunicare per vivere semplicemente ciò che il silenzio contiene...

Yaris


Benché l’onda delle parole ci sovrasti sempre,
le nostre profondità sono sempre silenti.
Kahlil Gibran




 
 
 

Una Figlia..una Donna...Katia

Post n°1243 pubblicato il 05 Gennaio 2017 da Yaris167
 

Pochi legami possono essere così intensi come quello che si instaura tra madre e figlia. Prima ancora di quel cordone ombelicale da cui trarrà nutrimento per la crescita, prima ancora di quel seno da cui trarrà il latte per alimentarla, una madre nutre quella figlia con la sua trepida attesa sognandone i lineamenti, immaginandone i confini, necessariamente diversi dai suoi...


Ma la madre, la figura materna è un mito, anzi un archetipo che si sviluppa nella pulsione creativa. Ciò che una figlia diviene ha poco a che vedere con il mito della maternità:  cresce e si trasforma nel contrasto e nella differenza con la madre reale. Con tutto ciò che i canoni vorrebbero diverso nell'etichettare "il ruolo" di madre.



Insegnerai a Volare, ma non voleranno il Tuo Volo.
Insegnerai a Sognare, ma non sogneranno il Tuo Sogno.
Insegnerai a Vivere, ma non vivranno la Tua Vita.
Ma in ogni Volo, in ogni Sogno e in ogni Vita,
rimarrà per sempre l’impronta dell’insegnamento ricevuto.

Madre Teresa de Calcuta



Essere madre non vuol dire trasmettere soltanto il proprio bagaglio di vissuti, esperienze e contraddizioni. Essere madre vuol dire saper riconoscere e accogliere la conflittualità con la figlia, come evento sacro necessario per difendere il proprio spazio, per conquistarsi una libertà dai condizionamenti del proprio passato, vivendone tutte le sfumature anche più dolorose,  e attendere quel lento passaggio che trasformerà la figlia in una donna...






Finché un giorno, poche parole, ti diranno che quel momento è arrivato  e... Tua Figlia,  è ormai una Donna..

BUON COMPLEANNO KATIA!!

Yaris 
 
 
 

Grazie a Tutti e.... Buon 2017!

Post n°1242 pubblicato il 31 Dicembre 2016 da Yaris167
 

L’essere umano è una locanda,
ogni mattina arriva qualcuno di nuovo.
Una gioia, una depressione, una meschinità,
qualche momento di consapevolezza arriva di tanto in tanto,
come un visitatore inatteso.
Dai il benvenuto a tutti, intrattienili tutti!
Anche se è una folla di dispiaceri
che devasta violenta la casa
spogliandola di tutto il mobilio,
lo stesso, tratta ogni ospite con onore:
potrebbe darsi che ti stia liberando
in vista di nuovi piaceri.
Ai pensieri tetri, alla vergogna, alla malizia,
vai incontro sulla porta ridendo,
e invitali a entrare.
Sii grato per tutto quel che arriva,
perché ogni cosa è stata mandata
come guida dell’aldilà.

 Jalal al Din Rumi





Non sempre le cose accadono come vorremmo che accadessero e alla fine dell'anno i progetti e le speranze per un anno diverso che porti tutto ciò che abbiamo sperato, diventa un rito. Il rito siamo NOI, con la Nostra cocciutaggine, con il Nostro non arrenderci, non abbandonando le speranze di poter ottenere quello che desideriamo. 

Che sia la serenità, una guarigione, un lavoro e, soprattutto, la pace nelle famiglie, Il mio augurio è che questo rito si compia e si trasformi in realtà.

BUON 2017!

Yaris



 
 
 
Successivi »
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: Yaris167
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 62
Prov: GR
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Yaris167gabbiano642014ITALIANOinATTESApaolovilla2007IrrequietaDNuvola_volachristie_malryprashansagredo58g1b9tux61giessedgl1moschettiere62archetypon
 

FACEBOOK

 
 

Living Well  Blogs - BlogCatalog Blog Directory 

PageRank

 

Add to Google Reader or Homepage

  Contatore per siti

         

Ebuzzing - Top dei blog - Multi theme

Teads - Top dei blog

 

Healthy Lifestyle Blogs - BlogCatalog Blog Directory

 

http://digilander.libero.it/AngeloSenzaVeli/universo-blogger.jpg

 

CARL ROGERS: UN RIVOLUZIONARIO SILENZIOSO

Punto focale è l'individuo, non il problema.
Lo scopo non è quello di risolvere un problema particolare,
ma di aiutare l'individuo a crescere
perché possa affrontare sia il problema attuale,
sia quelli successivi in maniera più integrata.


 

PERSON EFFECTIVENESS TRAINING

Persone Efficaci


Percorso formativo per la crescita individuale e relazionale.

Il corso Persone Efficaci si prefigge di sviluppare o migliorare la sensibilità e le competenze necessarie per affrontare con successo i complessi e molteplici aspetti della relazione tra persone: la qualità del rapporto, le competenze interpersonali e le abilità comunicative in ogni ambito.
Il corso si rivolge a genitori, educatori, formatori, operatori socio – psico
- pedagogici del terzo settore, insegnanti di scuola elementare, media inferiore e superiore che intendano migliorare la relazione educativa e formativa nella quale sono quotidianamente impegnati. 

 
Se sei interessato al corso o a consulenze private contatta l'autore del Blog formatore autorizzato IACP:

yaris167@hotmail.com 

avrai tutte le informazioni necessarie.

 

 

I MIEI BLOG AMICI

- Tu sei Quello
- Ombre di Luce
- Le ali della vita
- Neverland
- Pregiudizio
- IMPRESSIONI
- Hesitant Ballad
- OrbiTango
- The Fairy Round
- Travelling Miles
- pensieri e parole
- al tempo...!
- Napoli That's Amore
- SICILIA MIA
- CARPE DIEM
- C'era una volta...
- Zeubunga
- NO POTHO REPOSARE...
- FINO ALLA FINE
- Emergenza Alcolismo
- CAFFE' DE LA PAIX
- a t i s h a
- TEMPO SENZA TEMPO
- VOLONTA DI DIALOGO
- Mape iabbu
- MA KI ME LO FA FARE
- NUR ALA NUR
- biografiANONIMA
- uomo
- PSICOTERAPIA
- Dolce nell Anima
- ricordi
- CL0CHARD
- PersoneSpeciali
- MARCO PICCOLO
- Paolo Buttiglieri
- CHE SARA?
- Lilium inter spinas
- Per ricordare.......
- Parole mai scritte 2
- Gestalt Rimini
- Pensieri
- Rinascere
- pensiero anima cuore
- the best of Blu_Art
- filtr
- Scrivi sul mio Blog
- Donne in ascolto
- Il mondo di retni
- Anima di cristallo
- SEMPLICEMENTE IO
- manet
- La finestra di Ciro
- counseling-integrato
- lera dellacquario
- Autismo
- il mare infinito
- photography
- ilfiumedisusi
- Attesa ...
- Petre & Palore
- Dialogo silenzioso
- Bruna Verdone
- la voce dellanima
- Londa è il mare
- socialdieta
- Ame Phènix
- Le Mie Emozioni...
- RISVEGLIO INTERIORE
- Sogni digitali
- Dolce_eternity
- Pensieri di Diogene
- SENZA TITOLO
- Docenti Inidonei e +
- Donna, lavoro e casa
- EMOZIONARMI
- CARICO A CHIACCHIERE
- 1000RICETTE DI DELIA
- antropoetico
- Il CORAGGIO
- MINICAOS IN LIBERTA
- angelo senza veli
- Sentimentalmente
- dino secondo barili
- MAPPAMUNDI
- DIARIO Appunti Vari
- elisa.r79
- ZOE BAU
- DON CAMILLO
- delirio
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

HUMAN RIGHTS DAY


 

 
Citazioni nei Blog Amici: 61