Community
 
KeyLeague
Sito
Foto
   
Creato da: KeyLeague il 17/04/2010
RICETTE E TANTO ALTRO

 

W LE DONNE

 

 

 

PRIMO PREMIO TOP 30

 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

lord_lycan612xxx_bluebaby_xxxERAM6paperinopa_1974chiara992ivana.conti1953ISSOUFfatamatta_2008MARINAIODILUNGOCORSOpicciroaprilia4circolofrancy71_12belmoro_45est.la.belle.epoque
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

blog.libero.it/dominomania

Blog d'argento

 
 

 

 
« SAPOR DI..........POLENTAOSSO O NON OSSO.... »

FRITTATINE SFIZIOSE.....quando la storia entra in cucina

Post n°467 pubblicato il 17 Novembre 2011 da mina_1954

 

 

Le" frittatine sfiziose" sono delle appetitose e coloratissime frittate insaporite con prosciutto cotto, carote e piselli cotte al forno.

La ricetta delle "frittatine" è perfetta sia per i vostri bambini, che potranno gustare un secondo piatto saporito, ricche di verdure, ma anche per tutte quelle persone che vorrebbero mangiare qualcosa di sfizioso e che non amano il fritto.

Noi vi proponiamo una versione delle "frittatine " preparate con prosciutto cotto, carote e piselli, ma infinite sono le combinazioni che voi potrete creare per i vostri figli!

Potete anche scegliere formine diverse e sbizzarrirvi per creare le vostre personalissime e coloratissime frittatine .....

Per preparare le frittatine  per prima cosa tagliate le carote  a piccoli cubetti e poi scottatele 2/3 minuti con i piselli  in acqua bollente salata. In una padella antiaderente fate soffriggere lo scalogno tritato finemente con poco olio, quando inizierà a imbiondire aggiungete i pisellini e le carote  e fate insaporire per qualche minuto.

Incorporate il prezzemolo tritato finemente.

Aggiungete anche il prosciutto cotto tagliato a pezzettini e mescolate bene. Stendete un foglio di carta da forno su una teglia e disponetevi delle formine di metallo (tagliapasta) dalle forme che preferite, noi abbiamo utilizzato dei cuoricini. Imburrateli e infarinateli bene all'interno e poi versatevi il composto di uova e verdure  fino ad un'altezza di circa 2 cm. Fate cuocere in forno ventilato a 190°C per circa 20 minuti.

Sfornate ed estraete le " frittatine "dalle formine  in metallo aiutandovi con la lama di un coltello e facendo attenzione a non romperle.

Servite le frittatine sfiziose tiepide con un’insalatina di pomodori o verdurine saltate in padella

seguite la sequenza fotografica vi aiuterà a preparare le "frittatine"

 

 

 

 

LO SCALOGNO QUESTO MISTERIOSO

E OTTIMO INGREDIENTE

 

 

 

 

 

Lo scalogno  è una pianta erbacea a bulbo ha un sapore simile alla cipolla, ma molto più delicato e aromatico, mentre a differenza dell’aglio, è meno acre; ha inoltre il grande vantaggio di non appesantire l’alito, si coltiva nei mesi di novembre-dicembre; la raccolta avviene in due periodi differenti in base all’utilizzo: la raccolta effettuata nel mese di giugno, ci fornisce un prodotto da consumare fresco, mentre quella effettuata nel mese di luglio ci da un prodotto che sarà utilizzato per la conservazione. Nella nostra penisola è molto apprezzato lo scalogno viene coltivato nei territori tra Faenza, Forlì e Imola.

Lo Scalogno di Romagna (Allium ascalonicum) è un tipo di cipolla originaria della Palestina, in particolare dalla città di Ascalona, da cui trarrebbe il nome. Il suo uso è già citato nel 1200. Ascalona (in ebraico אַשְׁקְלוֹן, Ashkelon o Ashqelon ascolta in arabo عسقلان ʿAsqalān) è una città nel Negev occidentale, nel Distretto Meridionale di Israele, con 108.300 abitanti. Presso la moderna Ascalona ci sono i resti dell'antico porto, che fiorì fin dall'Età del Bronzo sotto una successione di popoli inclusi i Canaaniti, i Filistei, i Babilonesi, i Fenici, i Romani, i Musulmani e i Crociati. Fu alla fine distrutta dai Mamelucchi nel tardo XIII secolo. La città moderna fu fondata negli anni cinquanta, fuori dalla città araba di al-Majdal, che esisteva almeno dal XVI secolo, sul sito della antica Migdal Ashqelon, esistente dai tempi biblici e in seguito distrutta e abbandonata. Le prime zone in cui lo scalogno è comparso si trovano in Asia centrale (Turkmenistan, Uzbekistan, Kirghizistan, Afghanistan), regione in cui molte specie esistono ancora allo stato selvaggio. Da qui la pianta si sarebbe diffusa verso l'India e verso il Mediterraneo orientale, anche se le zone esatte in cui le prime varietà di scalogno sarebbero state addomesticate non sono ancora state individuate. Il nome, scientifico quanto volgare, sembra derivare da quello dell'antico porto mediterraneo di Ascalona, (situato nella parte meridionale dell'odierno Israele poco a nord di Gaza) Plinio scrive che i greci avevano sei tipi di cipolle, tra cui appunto la scalogna, mentre lo scrittore del I secolo Columella sostiene le virtù dello scalogno, affermando che questa cipolla è la migliore di tutte le varietà[4]. Non è tuttavia certo, date le somiglianze fra alcune varietà di cipolle e gli scalogni, se gli Antichi si riferissero alle stesse varietà a noi note.

 Lo scalogno che coltiviamo attualmente arrivò in Europa tra il XII-XIII secolo per opera dei crociati che rientravano dalla Terra santa (si ricordi la Battaglia di Ascalona

 

 

 

 

 

durante la prima crociata  già nel Duecento in Francia, lo scalogno aveva un ruolo importante nella cucina tradizionale In un codice manoscritto del secolo XIV conservato presso la Biblioteca Universitaria di Bologna vengono citate torte a base di scalogno Alcune fonti riportano che lo scalogno sia stato introdotto nelle Americhe da Hernando de Soto durante la sua esplorazione della Lousiana. Lo scalogno era ritenuto già dagli antichi uno stimolante delle funzioni sessuali (come tale è citato anche da Ovidio) e nelle campagne di tutta Italia molte leggende popolari attribuiscono allo scalogno proprietà afrodisiache: il medico romano Castore Durante scrisse degli effetti eccitanti dello scalogno in un libro pubblicato nel 1586

 

Esistono molte varietà di scalogno, le più comuni sono:

scalogno grigio o comune, piccolo di forma allungata buccia grigia e testa violacea la polpa è soda e piccante scalogno di Jersey, corto e rigonfio, la buccia rosacea la polpa è venata e poco piccante scalogno coscia di pollo, dalla forma allungata e la buccia dorata (simile a quella delle cipolle scalogno di Romagna, dal 1997 gode del marchio IGP, la sua forma sembra un fiaschetto allungato, con lunghe radici, buccia color bruno dorato; il bulbo si presenta con sfumature rosa-violacee, dal sapore pungente ma più aromatico rispetto alla cipolla e più delicato dell’aglio. Lo scalogno può essere consumato sia cotto che crudo; oggigiorno viene usato prevalentemente per dare ai piatti un tocco raffinato in sostituzione di cipolla o aglio, dal sapore più marcato; è l’ingrediente essenziale per la preparazione delle salse, la Bordolese, la Bernese e la salsa al vino rosso o al burro bianco. Ottimo nelle insalate, accompagna la carne e il pesce cotto alla griglia. Gli steli verdi sono molto saporiti e possono essere usati al posto dell’erba cipollina, i bulbi invece, possono essere usati per aromatizzare olio o aceto dopo la cottura, lo scalogno risulta più digeribile della cipolla. Lo scalogno è prevalente formato da acqua; contiene pochissimo potassio, vitamina C e pochi zuccheri. Tantissime invece le proprietà terapeutiche: aperitive, digestive e antiossidanti; la presenza di silicio aiuta a rinforzare capelli e unghie; il solfuro di allile (l'olio volatile responsabile della lacrimazione quando si taglia...), ha effetto diuretico. Consumato crudo non si disperde il contenuto di vitamina C.

 

 

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog