Community
 
DeportivoAp...
   
 

Deportivo Apollo

Siamo intramontabili

 

TAG

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

 

« Marcegaglia: Unità d'It...Alla scoperta delle orig... »

Ferrara l'arma letale di Marco Travaglio 12/2/2011 Il Fatto Quotidiano

Post n°642 pubblicato il 13 Febbraio 2011 da DeportivoApollo
 

Caro Cavaliere, siamo sempre noi: quelli che le han sempre detto tutto il faccia, mai dietrole spalle. Gli unici di cui può fidarsi. Dia retta: lasci perdere Giuliano Ferrara. Col suo bacio della morte, ne ha fatti più secchi lui che il colera. Ricorda il Pci? Ferrara c’era, sappiamo come è finito. Ricorda Craxi? Ferrara c’era, sappiamo com’è finito. Ricorda il rpimo governo Berlusconi? Lui c’era, ministro dei rapporti col Parlamento e portavoce: sappiamo com’è finito, dopo sette mesi appena. Ricorda le elezioni al Mugello? Lui c’era: sappiamo com’è finita, centrodestra al 16% e Di Pietro in trionfo. Ricorda la guerra in Iraq? Lui c’era, anzi era più bushiano di Bush, tant’è che le truppe angloamericane entrarono in Baghdad a bordo di Giuliano Ferrara: sappiamo com’è finita, una ritirata che Caporetto al confronto fu una marcia trionfale. Ricorda la lista NO ABORTO? Ferrara c’era. Sappiampo com’è finita, più uova in faccia che voti. Non le rammento le percentuali da albumina dei programmi tv di Ferrara e i bilanci comatosi del Foglio che ha più giornalisti che lettori, perché temo che lei li conosca meglio di me. Fra le grandi catastrofi del Novecento, Ferrara ha mancato solo il terremoto di Messina e l’ultimo viaggio del Titanic, ma non per cattiva volontà: perchènon era ancora nato. Per ulteriori informazioni rivolgersi alle ultime vittime dei suoi mortiferi effluvi: D’Alema, da lui sostenuto per il Quirinale (fu eletto Napolitano); Rutelli da lui appoggiato per il Campidoglio (vinse Alemanno); Vetroni da lui elogiato per il dialogo con lei (e ora disperso); Sarah Palin, da lui lanciata contro Obama (infatti….). Ancora quattro mesi fa, Fini aveva il vento in poppa, poi Ferrarapericolosamente gli si avvicinò e gli fece financo dei complimenti: non se n’è più riavuto, pover’uomo. Poi, in lontananza, ha scorto un solo uomo, diciamo un ometto, ancora in vita: lei, Cavaliere. E le si è avventato contro per completare l’opera. Ora le dà consigli, le scrive discorsi, le fa interviste decidendo domande e risposte (le ha perfino fatto dire “sono un peccatore”: ma come si permette?), monologa al tg1 grazie alla momentanea assenza di giornalisti (infatti c’era la Petruni) e ora le organizza pure una strana manifestazione al Teatro Dal Verme (e dove, se no?), con mutande appese e testimonial del calibro di Ostellino e Sallusti (lo zio Tibia, quello che si crede Giovanni Rana e va in tv a conversare del più e del meno con Cavour e Garibaldi). Il tutto per difendere i bungabunga “contro i puritani”: lui che fino all’altroieri la menava con i Family Day e voleva addirittura obbligare le donne sterili a impiantarsi embrioni malati nell’utero. Ecco, Cavaliere, non le viene il dubbio che Ferrara sia l’arma letale che le sganciano addosso i suoi nemici interni? Si guardi allo specchio, signor Presidente: fino a qualche settimana fa lei sguazzava nella discoteca del bungabunga con trenta-quaranta supergnocche da urlo e ora si aggira mesto fra un Ferrara, un Sallusti, un Signorini e un Brachino (c’era pure Brachino, abbiamo letto, all’ultimo vertice di arcore: ma si rende conto, Brachino?). Noi che ormai la capiamo al volo, abbiamo colto il significato profondo di quella sua frase, l’altro giorno: “Fosse per me, andrei per il mondo a fondare ospedali”. Era un estremo, disperato tentativo di liberarsi della morsa di questi parassiti e saprofiti che le succhiano gli ultimi umori vitali. Se ne stanno lì come i secondi della boxe, appollaiati all’angolo a dare buoni consigli, mentre lei sul ring prende botte da orbi sempre più suonato e rintronato: “Vai Silvio che sei il migliore!”, “Avanti così che è fatta!”, “Ancora un destro e hai la vittoria in pugno!”. Lo sanno benissimo che, se lei molla, devono trovarsi un lavoro, o un altro padrone. Dia retta a noi, li mandi a lavorare e se ne vada per il mondo a fondare ospedali. Così magari, finalmente, la ricoverano.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/DeportivoApollo/trackback.php?msg=9878326

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
SIM il 13/02/11 alle 18:05 via WEB
Bellissimo! Bravo Bencio!
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: DeportivoApollo
Data di creazione: 04/12/2005
 

ULTIME VISITE AL BLOG

vir1999pontrajazzverde_occhio_13quadrifoglionisidagdasperoni25SerriLucianavannitripstrangelovesmackLoreMasijhonny_flanaganDeportivoApolloandreab48unamamma1francoilpigrosimodonati
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIMI COMMENTI

Grande Antonioooooo!
Inviato da: simodonati
il 06/03/2012 alle 23:05
 
perchè ho la maglia Viola!!!
Inviato da: bencio
il 05/03/2012 alle 14:45
 
il Bencio è il più forte dei 4 nella foto!!
Inviato da: LoreMasi
il 05/03/2012 alle 13:28
 
Hanno già rimosso il blog!!!!! Pazzesco...è questa...
Inviato da: stefbenci@libero.it
il 17/07/2011 alle 21:30
 
Bellissimo! Bravo Bencio!
Inviato da: SIM
il 13/02/2011 alle 18:05
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.