Creato da: diegobaratono il 02/05/2008
New Archaeology Archeologia sperimentale ricerche archeologiche d'avanguardia news dal Mondo

Area personale

 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 

Contatta l'autore

Nickname: diegobaratono
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 56
Prov: TO
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Ultime visite al Blog

GothMakeUpdiegobaratonoIrrequietaDlubopor.anto77Anima.in.Voloalbachiara.blafarmaciadepocaLolieMiuRa.In.Meamorino11Lisa20141Fanny_WilmotStolen_words
 
 

LINK DA CONSULTARE

- LiriciGreci.org
- Egittophilia
- Egittologia.net
- Pyramidales
- WORLDTRUTH
- Bibliotheca Alexandrina
- Osservatorio virtuale
- INAF-Osservatorio Astronomico Torino
- Giza Plateau Mapping Project
- AERA, Ancient Egypt Research Associates
- Il Museo Egizio di Torino
- Il Museo Egizio del Cairo
- Ecco il Louvre
- Ecco il British Museum
- Musei Vaticani
- Egyptians Gods
- Previsioni meteo
- Insolazione
- California Institute of Technology
- Astrocaltech
- Geologicaltech
- A tutto Caltech
- Massachussetts Institute of Tecnology
- Ecco gli Uffizi
- Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia
- Terremoti in tempo reale
- MONITORAGGIO TERREMOTI REAL TIME
- ESA (Agenzia Spaziale Europea)
- NASA
- LIETI CALICI
- LIETI CALICI II
- Science
- ScienceNews
- C.N.R. (Consiglio Nazionale delle Ricerche)
- Moon Phases
- Ordine Cisterciense
- Abbazia di Casamari
- Abbazia di Fossanova
- Abbazia di Staffarda
- Abbazia di Morimondo
- Pompei
- Ercolano
- Amalfi
- Tutto Darwin
- Tutto Lyell
- Ordine Templare
- Politecnico di Torino
- Università Amedeo Avogadro di Alessandria
- Università di Oxford
- Università di Cambridge
- Isaac Newton
- Albert Einstein
- A tutta birra
- A tutta birra II
- Tutto Mendel
- LIETI CALICI III
- Abbazia di Tiglieto
- Abbazia di Chiaravalle
- The heritage - key
- CERN European Organization for Nuclear Research
- Science Daily
- A caccia di meteore ...
- World Digital Library
- Library of Congress
- Antikitera News
- BIBLIOTECA DIGITALE ITALIANA
- Il giornale di Galileo
- Galileo Galilei
- Enciclopedia Egittologica on line
- Scienze cartografiche
- El - Giza pyramids
- Caravaggio
- REUTERSNEWS
- CNNNEWS
- ANSANEWS
- English Heritage
- NATURE
- ENCICLOPEDIA TRECCANI ONLINE
- ENCICLOPEDIA BRITANNICA ONLINE
- EGYPTIAN ARCHAEOLOGY
- PRINCETON UNIVERSITY
- NationalGeographicNews
- RELIGIONI A CONFRONTO
- USHEBTIS EGIPCIOS
- Talking Pyramids
- LIETI CALICI IV
- Sito di ...vino
- La Banca del Vino
- MATHEMATICA ON LINE
- ARKEOMOUNT
- Egyptians Gods II
- TESTI DELLE PIRAMIDI
- DAVID ROBERTS
- COLLEZIONI INTERNAZIONALI ON - LINE
- LIETI CALICI V
- GEOMETRIA SACRA
- IPSE DIXIT
- THE GRIFFITH INSTITUTE
- ARCHIVIO SEGRETO VATICANO
- ABBINAMENTI VINO CIBO
 

 

 

GRANDE SCOPERTA AD ASSUAN: RITROVATA TOMBA INTEGRA DEL MEDIO REGNO

Post n°1383 pubblicato il 22 Marzo 2017 da diegobaratono

DA: " djedmedu.wordpress.com"


Assuan: scoperta tomba intatta di Medio Regno
C7hHDeFXwAISQ0U

Source: MoA

Grandissima scoperta quella effettuata a chiusura di missione del Proyecto Qubbet el-Hawa”, ad Assuan Ovest. Gli archeologi spagnoli diretti da Alejandro Jiménez-Serrano (Universitad de Jaén) hanno individuato una ricca tomba intatta di Medio Regno appartenente a un certo Shemai, figlio di Khema, nomarca sotto Amenemhat II (1919-1885), e di Saterhotep e soprattutto fratello di Sarenput II, uno dei più importanti governatori di Elefantina della XII dinastia, in carica sotto i regni di Sesostri II (1885-1878) e Sesostri III (1878-1846).

L’alto rango sociale del defunto è sottolineato dal corredo, ritrovato completo all’interno della camera funeraria scavata nella roccia: due sarcofagi – interno ed esterno – in legno di cedro (foto in alto), una copertura policroma in cartonnage posta sulla mummia con maschera e collare in perfetto stato di conservazione, una serie di vasi ceramici e i tipici modellini lignei dell’epoca, che ritraggono imbarcazioni e scene di vita quotidiana.

Purtroppo, al momento, non sono state rilasciate foto di questi oggetti, quindi si aspettano ulteriori informazioni dal Ministero delle Antichità e dal sito della missione: http://uja.molobo.es/.

Qubbet el Hawa discovery by Luxor Times 2.jpg

Source: MoA

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SCOPERTE "COLOSSALI"

Post n°1382 pubblicato il 10 Marzo 2017 da diegobaratono

DA: "djedmedu.wordpress.com"


Scoperto colosso ramesside a Eliopoli

17203039_1350550654990581_4741275139701183399_n.jpg

Source: MoA

A Eliopoli, l’odierna Matariya nella periferia nord del Cairo, la missione egiziano-tedesca diretta da Ayman Ashmawi e Dietrich Raue (Universität Leipzig) ha individuato alcuni frammenti appartenenti a una statua in quarzite alta circa 8 metri. Il colosso, pur non recando alcuna iscrizione, è identificabile con Ramesse II (1279-1212) perché si trova nell’area di Souq Al-Khamis, all’ingresso del tempio del faraone scoperto nell’ultimo anno (link 1link 2). I blocchi ora finiranno al Grand Egyptian Museum dove verranno restaurati, rimontati ed esposti.

Nella stessa zona, è stata trovata anche la parte superiore di una stata in calcare di Seti II (1199-1193; in basso a destra), questa volta riconoscibile grazie al cartiglio inciso sulla spalla. Il frammento misura circa 80 cm.

Per altre foto: https://tinyurl.com/zlhl45p

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SCOPERTE ALTRE STATUE DI SEKHMET A TEBE

Post n°1381 pubblicato il 09 Marzo 2017 da diegobaratono

DA: "djedmedu.wordpress.com"


Scoperte altre statue di Sekhmet nel tempio funerario di Amenofi III
16995989_1349169601795353_8891047399673882276_n

Source: MoA

Kom el-Hettan, Tebe Ovest, dall’inizio dell’anno, la missione egiziano-tedesca del “The Colossi of Memnon and Amenhotep III Temple Conservation Project” – diretta da Hourig Sourouzian – ha individuato frammenti relativi a 66 statue in diorite di Sekhmet. La scoperta è stata effettuata nell’area tra la corte a peristilio e la sala ipostila del tempio funerario di Amenofi III (1387-1350) durante lo scavo del muro che separa i due ambienti. La dea è rappresentata sia seduta in trono sia stante con scettro di papiro nella mano sinistra e ankh nella destra. Inoltre, nella grande corte, è stata trovata anche una statua perfettamente integra dello faraone stesso seduto in trono (immagine in basso a destra), alta 2,48 metri e realizzata in granito nero.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SCOPERTE ANTICHE MA SEMPRE ATTUALI... VENT'ANNI DOPO: LA DONNA DI PAZYRYK

Post n°1380 pubblicato il 09 Marzo 2017 da diegobaratono

DA: "scfh.ru"

LA DONNA DI PAZYRYK

Twenty Years After


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

NUOVO SOFTWARE PER STUDIARE I VULCANI

Post n°1379 pubblicato il 02 Marzo 2017 da diegobaratono

DA: "it.notizie.yahoo.com"


"Un nuovo software studia passato, presente e futuro dei vulcani
Askanews2 marzo 2017



Roma, 2 mar. (askanews) - Si chiama Fierce il nuovo software utilizzato da un team di ricercatori dell'Osservatorio etneo dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv-Oe), per studiare i relitti di magma non eruttato (dicchi magmatici) e ricostruire gli antichi sistemi di alimentazione dei vulcani confrontandoli con quelli attuali, per ipotizzare possibili futuri scenari eruttivi. Fierce (che sta per Finding volcanic eruptive centers by a grid-searching algorithm in R) è stato elaborato in collaborazione con il Dipartimento politecnico di ingegneria e architettura dell'Università di Udine e con l'Instituto de bio y geociencias del noroeste argentino di Salta, ed è in grado di analizzare la disposizione geometrica dei dicchi e individuare la posizione dei centri vulcanici che li hanno generati. La ricerca è stata pubblicata su Bullettin of volcanology.
"Questo software - ha spiegato Marco Neri, vulcanologo dell'Ingv-Oe - è stato applicato a cinque vulcani dalle caratteristiche differenti: i vulcani italiani Etna, Stromboli e Somma-Vesuvio; l'americano Summer Coon; e, infine, l'argentino Vicuña Pampa".

I dicchi magmatici osservati lungo le pareti erose dei vulcani, come nella Valle del Bove dell'Etna o nella Sciara del Fuoco dello Stromboli sono formati da magma che, raffreddandosi lentamente all'interno delle fratture, si solidifica diventando roccia dura e compatta.

"Trovandosi all'interno dei vulcani - ha proseguito il vulcanologo - i dicchi restano ai nostri occhi quasi sempre invisibili. Solo in rari casi possono affiorare in superficie, quando il vulcano è profondamente eroso o quando violente esplosioni formano profonde caldere". Tutti questi processi fanno emergere strati interni degli apparati vulcanici e mostrano i dicchi e gli antichi sistemi di alimentazione magmatica.

"Studiare i dicchi significa, quindi - ha concluso Marco Neri - analizzare il passato di un vulcano e i suoi antichi sistemi di alimentazione, per capirne l'evoluzione geologica. Nel corso dei secoli i vulcani cambiano, modificano la loro forma, la posizione delle camere magmatiche e dei condotti eruttivi. La comprensione di questo passato, quindi, può dare informazioni utili anche sul futuro di un vulcano e su come esso evolverà".


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »