Creato da: diegobaratono il 02/05/2008
New Archaeology Archeologia sperimentale ricerche archeologiche d'avanguardia news dal Mondo

Area personale

 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 

Contatta l'autore

Nickname: diegobaratono
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 55
Prov: TO
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Ultime visite al Blog

diegobaratonolady.degli.anni.50deteriora_sequorroncadellecandidomakavelikatrito_oneAmal.Nabila.NurPerturbabiIesaverio_tracuzzigianfrancob54flavio.avezzuagrosertstreet.hasslechristie_malry
 
 

LINK DA CONSULTARE

- LiriciGreci.org
- Egittophilia
- Egittologia.net
- Pyramidales
- WORLDTRUTH
- Bibliotheca Alexandrina
- Osservatorio virtuale
- INAF-Osservatorio Astronomico Torino
- Giza Plateau Mapping Project
- AERA, Ancient Egypt Research Associates
- Il Museo Egizio di Torino
- Il Museo Egizio del Cairo
- Ecco il Louvre
- Ecco il British Museum
- Musei Vaticani
- Egyptians Gods
- Previsioni meteo
- Insolazione
- California Institute of Technology
- Astrocaltech
- Geologicaltech
- A tutto Caltech
- Massachussetts Institute of Tecnology
- Ecco gli Uffizi
- Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia
- Terremoti in tempo reale
- Monitoraggio Terremoti in tempo reale
- ESA (Agenzia Spaziale Europea)
- NASA
- LIETI CALICI
- LIETI CALICI II
- Science
- ScienceNews
- C.N.R. (Consiglio Nazionale delle Ricerche)
- Moon Phases
- Ordine Cisterciense
- Abbazia di Casamari
- Abbazia di Fossanova
- Abbazia di Staffarda
- Abbazia di Morimondo
- Pompei
- Ercolano
- Amalfi
- Tutto Darwin
- Tutto Lyell
- Ordine Templare
- Politecnico di Torino
- Università Amedeo Avogadro di Alessandria
- Università di Oxford
- Università di Cambridge
- Isaac Newton
- Albert Einstein
- A tutta birra
- A tutta birra II
- Tutto Mendel
- LIETI CALICI III
- Abbazia di Tiglieto
- Abbazia di Chiaravalle
- The heritage - key
- CERN European Organization for Nuclear Research
- Science Daily
- A caccia di meteore ...
- World Digital Library
- Library of Congress
- Antikitera News
- BIBLIOTECA DIGITALE ITALIANA
- Il giornale di Galileo
- Galileo Galilei
- Enciclopedia Egittologica on line
- Scienze cartografiche
- El - Giza pyramids
- Caravaggio
- REUTERSNEWS
- CNNNEWS
- ANSANEWS
- English Heritage
- NATURE
- ENCICLOPEDIA TRECCANI ONLINE
- ENCICLOPEDIA BRITANNICA ONLINE
- EGYPTIAN ARCHAEOLOGY
- PRINCETON UNIVERSITY
- NationalGeographicNews
- RELIGIONI A CONFRONTO
- USHEBTIS EGIPCIOS
- Talking Pyramids
- LIETI CALICI IV
- Sito di ...vino
- La Banca del Vino
- MATHEMATICA ON LINE
- ARKEOMOUNT
- Egyptians Gods II
- TESTI DELLE PIRAMIDI
- DAVID ROBERTS
- COLLEZIONI INTERNAZIONALI ON - LINE
- LIETI CALICI V
- GEOMETRIA SACRA
- IPSE DIXIT
- THE GRIFFITH INSTITUTE
- ARCHIVIO SEGRETO VATICANO
- ABBINAMENTI VINO CIBO
 

 

 

MERAVIGLIE ANTICHE E MODERNE... STREPITOSO!

Post n°1283 pubblicato il 31 Luglio 2016 da diegobaratono


DA: "nationalgeographic.it"

ECCO IL LINK: 

tecnologia,scienza,energia,avventure,ambiente

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

ECCO LE MAPPE DEI SITI DELL'EGITTO ANTICO E DEI MUSEI

Post n°1282 pubblicato il 28 Luglio 2016 da diegobaratono


Da: "egitalloyd.blogspot.it"
A Map of Egypt's 
Archaeological Sites to 
Be Launched
A map of all 
of Egypt's
 archaeological
 sites and
 museums has
been created and will be 
launched for the first 
time on sites around 
the country. 
Written By/ Nevine El-Aref.

The Geographic Information 
System (GIS) at the Ministry 
of Antiquities has 
created an archaeological 
map locating all the 
archaeological sites and 
museums over Egypt.

The map is in both Arabic 
and English and will be 
provided to all 
archaeological sites 
and museums.

Azza El-Kholy, the 
head of the GIS department, 
explained that it created 
this map upon a request
from the Antiquities 
Minister Khaled El-Enany, 
and would facilitate 
museum and archaeological 
site visits for both 
Egyptians and foreigners.

El-Kholy pointed out 
that a number of departments 
participated in the preparation 
of this map including the 
permanent committees 
and missions as well as the 
department of space and 
property.

El-Kholy also added that 
the GIS is in the process 
of finalising a digital version 
of the map to be put on the 
ministry's web page that 
is set to be launched in August.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

UN PAPIRO INSEGNA L'EFFICIENZA DELL'EGITTO ANTICO

Post n°1279 pubblicato il 26 Luglio 2016 da diegobaratono

DA: "egitalloyd.blogspot.it"

Tuesday, July 26, 2016
Short Story: Learning From Papyrus
The Khufu papyrus archive on show 
at the Egyptian Museum shows the 
highly efficient administrative system 
in place during the pharaoh’s reign.
A collection of three dozen fragments of 
papyri has been put on display for the 
first time in a special exhibition in 
the foyer of the Egyptian Museum in 
Tahrir Square in Cairo after their 
discovery in 2013 in the entrance to two 
caves at Wadi Al-Jarf 119 km from 
Suez by a Franco-Egyptian mission 
led by French Egyptologist Pierre Tallet 
and Egyptian Egyptologist 
Al-Sayed Mahfouz, writes Nevine El-Aref.

Mahfouz described the discovery of 
the papyri as “very important” because 
they show the history of international 
maritime navigation in Egypt and 
of ancient Egyptian writing during the 
Old Kingdom. The papyri are written 
in early hieratic writing and hieroglyphics.

Wadi Al-Jarf is one of the oldest 
ports discovered anywhere in the 
world, though two others, Wadi Gawasis 
south of Safaga and Ain Sokhna south 
of Suez, are of similar structure and 
have also been discovered on the 
Red Sea coast dating from 
the later Middle Kingdom. The 
papyri make up “the oldest archive 
of ancient Egyptian writing ever 
discovered,” Mahfouz told the 
Al-Ahram Weekly, explaining that 
that they were older than the 
Al-Gebelein papyri dating to the 
end of the Fourth Dynasty and the 
Abusir papyri dating to the end 
of the fifth.

“We know from these papyri that 
the reign of Khufu was 26 years long 
and not 16 or 20 as had previously 
been thought,” he said. He added 
that the papyri contained 
documents recording the 
commodities delivered to workers 
in Wadi Al-Jarf in antiquity. These 
came from various places in the 
Nile Delta, confirming central control 
over the country’s affairs at the time. 
The text of the papyri is in the form 
of a table showing each category 
of commodity and registering what 
should be given to workers. Black 
characters show what has been 
delivered by the administration, and 
red is used to indicate what is still 
expected.

Among the papyri are two fragments 
of a large papyrus measuring 1.5 to 2m 
long known as the “Log of Merer” 
and showing the daily lives of 
workers at Wadi Al-Jarf. Mahfouz 
said that Merer, whose name means 
“beloved one,” was a middle-ranking 
official in charge of skilled workers 
and sailors, probably numbering 
around 40 men, at the time. 
These used to transport limestone 
blocks from the Torah quarries 
on the east bank of the Nile to 
the Pyramid of Khufu at Giza.

The blocks were moved across 
the Nile and by canal in two or 
three days. The document indicates 
that there was also a logistics 
centre called Ro-She Khufu where 
most of the procedures were 
carried out. This was under the 
authority of vizier Ankh-Haef, a 
half-brother of Khufu, who was 
probably the architect responsible 
for the construction of the Great 
Pyramid in its final stages as 
the original architect, Hemiunu, 
died during the construction work.

“This papyrus in particular is a 
very important discovery because 
it gives details of the administrators 
who directed the construction work 
on the Great Pyramid and the 
strong administrative regime 
during Khufu’s reign,” Mahfouz 
said, adding that it also showed 
that the Pyramid’s construction 
was a national project. A collection 
of ropes, the remains of boats, 
and anchors was also discovered.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

COMPLESSITA' GENETICHE DAL VICINO ORIENTE

Post n°1278 pubblicato il 26 Luglio 2016 da diegobaratono

DA: "classicult.it"


Link: 

Complessa storia genetica del Vicino Oriente all’alba dell’agricoltura | ClassiCult



COMPLESSA STORIA GENETICA DEL VICINO ORIENTE ALL’ALBA DELL’AGRICOLTURA

JULY 26, 2016 



Il primo studio su larga scala dei genomi completi da resti umani nel Vicino Oriente, pubblicato su Nature, ha individuato tre popolazioni distinte di agricoltori, vissute nel Vicino Oriente all’alba dell’agricoltura, tra 12 e 8 mila anni fa.


Uno dei tre gruppi era già stato individuato in Anatolia (attuale Turchia), gli altri due invece sono descritti per la prima volta e provengono dall’Iran e dal Levante. Similmente a quanto evidenziato da un altro recentissimo studio, sembrerebbe che la diffusione dell’agricoltura sia legata al fatto che gruppi esistenti la inventarono o adottarono le tecnologie agricole. Non si sarebbe dunque trattato di sostituzione di popolazioni.




Ron Pinhasi dell’University College Dublin spiega che alcune delle prime pratiche agricole possono essere osservate nei Monti Zagros e nel Levante, in Giordania e Israele: si tratta di due confini della Mezzaluna Fertile. Con lo studio si voleva vedere se i primi agricoltori fossero geneticamente simili o se assomigliassero ai cacciatori raccoglitori che abitavano le aree in precedenza. Ne è risultato che gli attuali abitanti dell’Eurasia occidentale discendono da quattro gruppi principali: cacciatori raccoglitori dell’odierna Europa Occidentale, cacciatori raccoglitori dell’Europa orientale e della steppa russa, agricoltori dall’Iran e agricoltori dal Levante. Queste popolazioni, così diverse tra loro, costituiscono oggi la popolazione relativamente omogenea dell’Eurasia.


Nonostante i progressi tecnologici negli strumenti per lo studio del DNA antico, gli studiosi si sono ritrovati ad affrontare un problema: il clima caldo del Vicino Oriente aveva degradato molto del DNA nelle ossa dissotterrate. I ricercatori lo hanno superato estraendo il DNA dalle ossa dell’orecchio: qui esso è presente in percentuali fino a 100 volte superiori che in altre parti del corpo. Si sono inoltre utilizzate tecniche combinate per ricavare informazioni di alta qualità dai genomi di 44 abitanti del Vicino Oriente che vissero tra 14 mila e 3.400 anni fa.


Nei 5.000 anni successivi, i gruppi di agricoltori dal Vicino Oriente si mescolarono tra loro e coi cacciatori raccoglitori in Europa: al tempo dell’Età del Bronzo le popolazioni somigliavano a quelle attuali. Gli agricoltori dell’Anatolia si diffusero poi in Europa, mentre quelli del gruppo di Levante si mossero a sud in Africa Orientale, le popolazioni relazionate a quelle in Iran e Caucaso si spostarono nella steppa russa, e le popolazioni relazionate a quelle in Iran e ai cacciatori raccoglitori della steppa si diffusero nell’Asia Meridionale.


Pinhasi spiega che il Vicino Oriente era l’anello mancante per comprendere molte migrazioni umane. La ricerca fornisce pure indizi su una popolazione, ancora più antica e al momento a livello di ipotesi, visto che i resti relativi non sono ancora stati ritrovati: si tratta degli Eurasiatici di base (in Inglese: Basal Eurasians). Ogni singolo gruppo nel Vicino Oriente sembra avere antenati di questo tipo, fino al 50% nei gruppi più antichi. Sorprendentemente, gli Eurasiatici di base non avevano DNA proveniente da Neanderthal, al contrario degli altri gruppi non africani che hanno almeno un 2% dello stesso. Questo potrebbe spiegare perché gli Eurasiatici occidentali hanno meno DNA da Neanderthal degli abitanti dell’Estremo Oriente, anche se i Neanderthal vissero nell’Eurasia occidentale. Gli Eurasiatici di base potrebbero essere vissuti in aree del Vicino Oriente che non entrarono in contatto coi Neanderthal.



Lo studio “Genomic insights into the origin of farming in the ancient Near East”, di Iosif Lazaridis, Dani Nadel, Gary Rollefson, Deborah C. Merrett, Nadin Rohland, Swapan Mallick, Daniel Fernandes, Mario Novak, Beatriz Gamarra, Kendra Sirak, Sarah Connell, Kristin Stewardson, Eadaoin Harney, Qiaomei Fu, Gloria Gonzalez-Fortes, Eppie R. Jones, Songül Alpaslan Roodenberg, György Lengyel, Fanny Bocquentin, Boris Gasparian, Janet M. Monge, Michael Gregg, Vered Eshed, Ahuva-Sivan Mizrahi, Christopher Meiklejohn, Fokke Gerritsen, Luminita Bejenaru, Matthias Blüher, Archie Campbell, Gianpiero Cavalleri, David Comas, Philippe Froguel, Edmund Gilbert, Shona M. Kerr, Peter Kovacs, Johannes Krause, Darren McGettigan, Michael Merrigan, D. Andrew Merriwether, Seamus O’Reilly, Martin B. Richards, Ornella Semino, Michel Shamoon-Pour, Gheorghe Stefanescu, Michael Stumvoll, Anke Tönjes, Antonio Torroni, James F. Wilson, Loic Yengo, Nelli A. Hovhannisyan, Nick Patterson, Ron Pinhasi & David Reich, è stato pubblicato su Nature.

Link: NatureEurekAlert! via Harvard Medical School



 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

COSA INSEGNA L'EGITTO ANTICO SU DI UN MONDO SENZA CONFLITTI RELIGIOSI

Post n°1275 pubblicato il 25 Luglio 2016 da diegobaratono

DA: "theguardian.com"

What ancient Egypt tells us about a world without religious conflict

Neil MacGregor’s final triumph at the British Museumis a show that tells the story of the shared lives and deities of Jews,Christians and Muslims in Egypt’sdiverse past – proof that we don’t have to be divided in the present

What ancient Egypt tells us about a world without religious conflict | Art and design | The Guardian

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »