Creato da: avv.vanessalancione il 07/04/2013
blog di approfondimento legale, pubblicazione di sentenze, monografie di argomenti, attualità giuridiche

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

bon.pierxc67bartriev1afamilymanSonoSorrisosemili0studiobencinibonemeiosva88noarellalexelle2solemar_72asia1958aanastasia_55Kimi.777
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 

'NA TAZZULELLA 'E CAFE'

Post n°2 pubblicato il 07 Aprile 2013 da avv.vanessalancione
 
Foto di avv.vanessalancione


La Corte di Cassazione  con sentenza n. 7819 del 28 marzo 2013 ha recentemente statuito la possibilità per la Banca di licenziare un proprio dipendente "colpevole" di aver abbandonato il posto di lavoro per recarsi al bar per una pausa caffè.

Ed invero, nello specifico, il dipendente ha in primis rifiutato di compiere un'operazione richiestagli da un utente per poi lasciare incustodita la propria cassa davanti una fila di ben 15 utenti, per godersi un buon caffè.

Alla luce di ciò, la Suprema Corte, con la succitata sentenza, ha affermato la legittimità della giusta causa di licenziamento statuendo che: "La giusta causa di licenziamento di un cassiere di banca, affidatario di somme anche rilevanti, deve essere verificata con riguardo non solo all'interesse patrimoniale della datrice di lavoro, ma anche, sia pure indirettamente, alla potenziale lesione dell'interesse pubblico alla sana e prudente gestione del credito. Né il rigoroso rispetto delle regole di maneggio del denaro può essere sostituito da non meglio specificate regole di buon senso, inidonee ad assicurare la conservazione del denaro della banca e dei clienti" e precisando, al riguardo, che il comportamento tenuto dall'impiegato di banca significava negazione del potere organizzativo e disciplinare della datrice di lavoro manifestatasi per fatti concludenti invece che in forma espressa ( e quale comportamento più concludente di quello di fare una pausa caffè durante l'orario di lavoro e in presenza di 15 utenti in doverosa attesa?).

Tutto questo anche per dar voce ai tanti utenti di banche e uffici postali che, durante le interminabili fila, si lamentano spesso dell'inerzia dei dipendenti che si allontanano dalle casse. Ammettiamolo, chi di voi non ha mai sentito qualcuno in fila lamentarsi così:"ma dove sono? a bere il caffè?". Da oggi qualcuno ci crederà davvero!

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 1

Post n°1 pubblicato il 07 Aprile 2013 da avv.vanessalancione
 
Foto di avv.vanessalancione

Dike  è il nome della divinità greca della Giustizia ed è il nome che ho voluto dare al mio blog che parlerà essenzialmente di diritto, di  giurisprudenza, insomma, di giustizia in tutte le sue accezioni e sfumature. Qui proporrò le sentenze più significative che potranno essere di spunto e di riflessione per chiunque abbia un quesito o anche una semplice curiosità in merito.

Lo scopo si questo blog è di rendere la legge un argomento di discussione per tutti, perchè oltre ad essere un tema attuale è essenzialmente il fulcro della società ed è necessario che tutti imparino a conoscerla, ad interpretarla e a saperne fare un uso corretto per la gestione dei propri diritti.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso