Creato da meraviglia65 il 05/04/2010

Il mio blog...

ovvero quello che mi passa per la mente

 

Che pazzia fareste?

Post n°131 pubblicato il 30 Maggio 2012 da meraviglia65
 

Ciao a tutti.
Ieri è stata una giornata terribile. Il terremoto ha sconquassato buona parte dell'Italia, molte persone hanno passato momenti terribili, pieni di paura, rabbia, sconforto, tristezza, dolore, amarezza. Con tutto il rispetto per coloro che hanno perso la vita, per coloro che hanno perso i loro cari, la casa, l'attività, per coloro che soffrono, per coloro, diretti interessati, forze dell'ordine, o volontari che siano, che lavorano per ripulire, recuperare, far rinascere, io voglio pensare a qualcosa che mi faccia risollevare il morale. Mi sono detta che la fine del mondo è vicina. I Maya lo hanno previsto: il 21 dicembre 2012 è la data fatidica. Quindi, in previsione di rimanerci secca, di schiattare, o di finire in qualche impensabile modo la mia misera esistenza su questa terra, mi è venuta una strana idea. Prima di morire vorrei fare una pazzia, una cosa che normalmente non farei mai, che non penserei mai nemmeno di fare. Però non ho molto le idee chiare. Chiedo, pertanto, il vostro aiuto, e domando a voi: 

Che pazzia fareste sapendo di dover morire presto?

Aspetto i vostri suggerimenti, le vostre idee, le vostre pazzie...

Buona giornata a tutti.

Un sorriso
meraviglia65

 

 
 
 

La mia solita fortuna...

Post n°127 pubblicato il 27 Aprile 2012 da meraviglia65
 

Ieri sono andata a farmi fare gli occhiali nuovi. Ahimè, purtroppo l'età avanza anche per me e ora devo proprio cambiarli e fare le lenti progressive, perchè, senza, da lontano non vedo niente e da vicino nemmeno. Quindi pensando al disagio che ho al lavoro nel continuare a mettere e togliere gli occhiali attuali (e nel continuare a non vedere bene in ogni caso), pensando che servirà per un miglioramento della mia vita, ma anche della mia vista e, soprattutto, tralasciando l'insignificante particolare che mi sarebbero costati come una settimana di vacanza a ferragosto in Sardegna in un hotel 5 stelle, completamente rassegnata all'inevitabile calamità che mi ha colpita, mi sono fatta coraggio e sono entrata nel negozio. Ho parlato con il consulente ottico, mi sono fatta consigliare sulla scelta della montatura e delle lenti, mi sono fatta spiegare tutto per bene e alla fine non ho potuto fare a meno di esimermi dal....lasciare un acconto. Ma vi rendete conto che mi sono costati quasi come un mese di stipendio? Roba da matti. Uscita dal negozio mi sono sentita terribilmente in colpa per la mega-spesa che avevo appena fatto, ma mi sono giustificata dicendomi che comunque ho scelto le lenti migliori, perchè, dopotutto, la vista è molto importante. E così, dopo aver passato un'ora e mezza ad autoconvincermi che avevo fatto la cosa giusta e che erano soldi spesi bene, con il cuore infranto e il portafoglio notevolmente alleggerito, mi sono voluta riscattare, perchè avevo bisogno di qualcosa che mi risollevasse temporaneamente il morale. Girando per il supermercato, più per distrazione che per bisogno reale, mi sono ritrovata nella corsia degli stuzzichini. Golosa di cibo salato come sono, non ho resistito e ho comperato un sacchettino di patatine, piccolo però, di quelli per bambini con dentro la sorpresa. Era tanto che non ne vedevo, anche perchè ora punto ai sacchetti grossi, ora sono più interessata al cibo che alle sorprese. Ho trovato un sacchetto che, come sorpresa, aveva i pupazzetti dei personaggi Looney Tunes: li vedete qui come appaiono sul sacchetto che ho fotografato dopo averlo vuotato.

Ci sono Wile Coyote, Bugs Bunny, Speedy Gonzales, Daffy Duck, Titti, Gatto Silvestro, Beep Beep e Yosemite Sam. Sono tutti personaggi che ho conosciuto da bambina attraverso i cartoni animati e che ho amato molto, soprattutto le coppie Wile Coyote – Beep Beep, i miei preferiti in assoluto, e Gatto Silvestro – Titti. Ora mi sono detta: “Compro il sacchetto, mi mangio le patatine e mi tengo il simpatico pupazzetto sulla macchina, che mi fa compagnia durante il tragitto casa-lavoro, basta che non mi capiti Yosemite Sam che è l'unico che non mi piace.” Ora, fortunata come sono, volete sapere chi ho trovato? Guardate un po' qui.

 

Buona giornata a tutti.

 




Un sorriso
meraviglia65

 

 

 
 
 

Devo farcela...

Post n°126 pubblicato il 23 Aprile 2012 da meraviglia65
 

Devo trovare la forza di reagire: ora o mai più. 
Tutti voi, con i vostri commenti e con i messaggi privati mi avete incoraggiato a reagire, a scrollarmi di dosso i pensieri negativi.
Non cerco giustificazioni, ma lo stato fisico in cui mi trovo non mi aiuta molto a pensare positivamente. So che non dovrei lamentarmi perchè non ho niente di grave, ma ogni giorno esce un dolore nuovo e comincio veramente ad essere stufa di questa situazione  senza fine. Sono pure meteopatica (si dice così? Boh!!) e il tempo inclemente peggiora la situazione. Però la giornata luminosa di ieri mi ha dato la forza di uscire sul balcone e di godermi i caldi raggi del sole. Saranno tutte stronzate, ma sentire quel calore mi ha dato la carica per pensare diversamente, come se avessi fatto il pieno di energia e mi fossi finalmente rimessa in moto. E così dopo tanto tempo passato a riposare sul divano o a letto, senza fare assolutamente niente di niente, se non autodeprimermi per il mio stato in costante peggioramento, mi sono messa a fare qualche piccolo lavoretto in casa: stendere i panni, spolverare in sala, riordinare i vestiti sparsi per la camera. Lo so che sono cose normali, che le persone fanno tutti i giorni quasi automaticamente, ma per me è stata una grande conquista. Ero scivolata in un baratro in cui non vedevo l'uscita, e la cosa stava prendendo una piega poco piacevole. Ero presa da un vortice in cui vedevo tutto nero. Qualcuno di voi mi ha aiutato in modo particolare, ma non faccio nomi: le persone interessate sanno che parlo di loro. A voi dico grazie di cuore, mi avete fatto sorridere e capire che non può finire così, non deve finire così. Ringrazio pure il nuovo amico che mi ha tenuto compagnia nel week end, anche la sua amicizia ha contribuito a farmi ritornare me stessa. Quindi ora mi spiace per voi, ma torno ad assillarvi con i miei post, e per la gioia di qualcuno lascio pure una barzelletta. Almeno la settimana inizia con un sorriso.

Un uomo stava uscendo di casa una mattina subito dopo aver bevuto il caffè, quando si fermò ad osservare uno strano funerale, con uno strano seguito, che si avviava al vicino cimitero.
C'era una vettura funebre, nera che apriva il funerale, seguita ad una quindicina di metri da un'altra vettura funebre nera. Dietro la seconda vettura funebre c'era un uomo vestito di nero, da solo, che seguiva i feretri con un cane Pit Bull al guinzaglio. Appena dopo c'erano circa 200 uomini che seguivano il corteo in fila indiana.
L'uomo non poté resistere alla curiosità e, con molto rispetto, si avvicinò all'uomo col cane e gli chiese:
"Sono molto spiacente per la sua perdita, e capisco che è un brutto momento per disturbare, ma io non ho mai visto un funerale come questo. Che tipo di funerale è?"
L'uomo in lutto cominciò a spiegare:
"La prima carrozza funebre è per mia moglie."
"E che cosa le è successo?"
"Il mio cane l'ha attaccata e l'ha uccisa"
"E chi c'è nella seconda carrozza?"
"Mia suocera. Lei stava tentando di aiutare mia moglie, quando il cane si è girato ed ha attaccato anche lei."
Tra i due uomini trascorse qualche momento di silenzio intenso e pieno di pensieri.
"Posso avere il cane in prestito?"
"Si metta in fila."

  

Buona giornata a tutti.

 




Un sorriso
meraviglia65

 

 
 
 

Mollo tutto...

Post n°125 pubblicato il 17 Aprile 2012 da meraviglia65
 

Sì, proprio così, mollo tutto.
Come ho detto nel post precedente, sono stanca fisicamente e psicologicamente. I miei problemi di salute, pur non essendo gravi,  mi stanno debilitando, mi stanno annientando i sensi. Ma non è solo questo il problema. Proprio ieri ho ricevuto una mail che mi ha fatto riflettere molto su come sto affrontando la mia vita in relazione alle persone che ho trovato qui su Libero, mi ha fatto pensare ai miei sentimenti, a quello che provo per le persone con cui sono in contatto. Quelle parole sono arrivate come una pugnalata dritta al cuore e ora mi sento smarrita, sto andando alla deriva su una zattera senza remi in mezzo ad un oceano in tempesta (e nemmeno so nuotare). Credo sia la giusta punizione, perchè in queste condizioni sono riuscita solo a combinare casini, a ferire e far soffrire le persone che mi vogliono bene e a star male io. Un amico in un suo post parla di pace interiore, un altro parla di spensieratezza e felicità. Io le ho perse, tutte quante. Quindi abbandono la nave, prima di fare qualcosa di irreparabile. Mi isolo per un pò sperando di ritrovare l'equilibrio che ho perduto.
Grazie a tutti coloro che mi hanno seguita finora, che hanno letto e commentato il blog, che mi hanno fatto compagnia. Grazie soprattutto a coloro che mi hanno consolata e sostenuta nei momenti difficili.

Buona proseguimento a tutti.




Un sorriso
meraviglia65

 
 
 

In risposta al post precedente...

Post n°124 pubblicato il 13 Aprile 2012 da meraviglia65

Ho letto le vostre reazioni al mio post precedente e ritenevo giusto rispondere a tutti voi che avete commentato, ma sono troppo stanca, fisicamente e mentalmente, quindi dico solo che so per certo che nessuna delle persone a cui era rivolto il mio sfogo leggerà il mio post e, se lo farà, sicuramente non capirà che mi rivolgevo a lui, perchè, come giustamente ha fatto notare Dr. U, le persone interessate sono tutti uomini.
Ringrazio comunque tutti per la partecipazione, anche chi mi ha scritto in privato.

 

Buona giornata a tutti.




Un sorriso
meraviglia65

 
 
 

Adesso basta...

Post n°123 pubblicato il 11 Aprile 2012 da meraviglia65
 

Sì, adesso basta! Mi sono stufata di alcuni dei miei cosiddetti "amici", delle persone che si dichiarano tali, ma che poi, se non li contatto io, se non scrivo io per informarmi su di loro, non si fanno mai sentire. Se vi considerate amici miei, e se quotidianamente entrate in questo spazio per comunicare con altre persone, allora che vi costa ogni tanto, e attenzione, sto dicendo ogni tanto e non tutti i santi giorni, che vi costa scrivermi e chiedermi...Come stai Marzia? Come vanno le cose? E la salute? Come procede il lavoro? Che fai di bello? Dove te ne andrai in vacanza? Come procedono i tuoi hobbies? Invece niente, silenzio assoluto. Con molti di voi mi sono aperta, confidando particolari molto privati della mia vita, ma sembra che questo non basti, sembra che ad alcuni non importi proprio un bel niente e, dopo aver ottenuto la mia figurina, diventano latitanti. Capisco che inizialmente sembra ci possa essere una certa affinità, ma se questa non si consolida, almeno un messaggio di commiato sarebbe gradito. E  mi rivolgo espressamente a chi sta qui tutti i giorni, perchè so che alcuni entrano raramente, e loro sono più che giustificati.
Per esempio tu...non dirmi..."Scusa, ma in questo periodo non mi sento molto bene, mi collego poco, non sono molto dell'umore giusto per stare qui" e poi invece vedo che le tue amicizie lievitano come il pane nel forno....e io che mi preoccupavo perfino per la tua salute.
Oppure tu...non dirmi...."Ma se so che non ci sei che ti scrivo a fare?" se siamo amici non è indispensabile scriversi sempre in diretta no?
E tu?...non fare quello dispiaciuto per i miei problemi e poi, quando io smetto di scriverti, tu ti dimentichi di me.
E tu invece? Che rispondi al mio messaggio di auguri pasquali dopo mesi che non ti sento e poi ripiombi nel silenzio stampa?
E parliamo di te, che ti scusi per avermi trascurata, che mi dici che ti manca la tua carissima amica, ma poi per mesi non trovi nemmeno il tempo per scrivermi un semplice ciao?
E poi ci sei tu, che finché ti serviva una spalla su cui piangere sei rimasto in contatto con me, ma poi quando hai risolto i tuoi problemi sei svanito nel nulla, senza nemmeno preoccuparti del fatto che ora sono io ad avere problemi da risolvere e che ora sono io ad aver bisogno di un amico a cui appoggiarmi, ma tu sei sparito.
Non voglio l'esclusiva dell'amicizia di nessuno, così come io non tollero che mi si chieda, però un minimo di coerenza non guasterebbe.
Mi sono veramente stufata di essere sempre la prima a scrivere, di essere quella che fa il primo passo, di correre dietro a delle presunte amicizie che non sono per niente interessate a me. L'amicizia va coltivata e soprattutto è una via a doppio senso e se non si sviluppa così, non ha senso di esistere e di chiamarsi tale. Quindi da ora, se volete mie notizie, me le dovrete chiedere voi. Io non contatto più nessuno di mia iniziativa, risponderò solo a chi mi scriverà. E ovviamente, a tempo debito, pure le figurine dal mio spazio amici spariranno.
Scusate la polemica, ma dovevo togliermi questo sassolino.

Buona giornata a tutti.




Un sorriso
meraviglia65

 
 
 

Buona Pasqua.

Post n°122 pubblicato il 06 Aprile 2012 da meraviglia65
 

A tutti i miei amici e a tutti coloro che passano di qui...
ovunque voi siate, qualunque cosa voi facciate, in qualunque stato fisico vi troviate, con chiunque passerete i prossimi giorni, lascio un sincero augurio di trascorrere una felice e serena Pasqua.




Un sorriso
meraviglia65

 
 
 

Questa è casa mia...

Post n°121 pubblicato il 30 Marzo 2012 da meraviglia65
 

Sì, questo blog è casa mia e, come diceva la canzone......questa è casa mia e qui comando io......pertanto, visto che, oltre alle polemiche, alle discussioni, agli insulti e alle spiegazioni lette nei vostri commenti riguardo al mio post sulla partita, ho ricevuto anche messaggi alquanto inquietanti da parte di alcuni di voi, ora dico la mia. Dichiaro apertamente che quello che io posto qui non voglio che diventi argomento di diatriba per chi mi legge. Anzi, se ci deve essere discussione ben venga, ma senza insulti da parte di nessuno verso nessuno. Le persone che leggono i post e i commenti devono sentirsi  loro agio qui. Uno di voi, poco tempo fa, mi ha detto che entrare e leggere il mio blog lo faceva sentire come se fosse in un salotto, tra amici a prendere un caffè e fare due chiacchiere tutti insieme. Questo è lo spirito che voglio. Le discussioni "da bar" andate a farle altrove. Qui solo simpatia e serenità. Se no mi sento a disagio pure io e poi mi fate venire voglia di buttarvi tutti fuori da casa mia, che equivale a dire che non scrivo più niente. Quindi, se vi fa piacere sorseggiare una bevanda con me, ricordatevi di comportarvi bene, dopo esservi accomodati qui.
Grazie. 

Buona giornata a tutti.




Un sorriso
meraviglia65

 
 
 

Time out...

Post n°120 pubblicato il 27 Marzo 2012 da meraviglia65
 
Tag: calcio, tifo

Ok basta... stop... fermi e zitti... fate tutti un bel respiro... inspirate... espirate... inspirate ed espirate... molto lentamente... bravi...così. Benissimo, ancora... inspirate ed espirate.. ecco... forse ora ci siamo rilassati tutti un pò. Eh si, perchè non pensavo, con un post semplice e corto, di scatenare il finimondo. Mi riferisco al mio post precedente. Una semplice battuta, tra l'altro indirizzata solo ad una persona con cui ho "vissuto" l'emozione della partita, ha scatenato gli animi delle due tifoserie e se ne sono dette di tutti i colori. Quindi ora basta. Argomento chiuso. OK????????? Per di più, da donna che si rispetti, non mi intendo di calcio, ci capisco pochissimo, non lo seguo mai, quindi non dovevo manco permettermi di toccare questo argomento. Chiedo scusa e prometto che non lo farò più. Bene e dopo questo che dire? Niente. Dite voi quello che volete, io ho il cervello in pappa.

 Buona giornata a tutti.




Un sorriso
meraviglia65

 
 
 

Juventus - Milan...

Post n°119 pubblicato il 21 Marzo 2012 da meraviglia65
 

Sapete che fanno tre milanisti sotto una macchina? Guardano la coppa.

:-)))AHAHAHHAAHHAHAHAH

Dopo due interminabili ore, con momenti in cui ho rischiato l'infarto, ora mi posso permettere questa battuta per prendere in giro un amico milanista. Ciao Capocciò!!!
 

Buona giornata a tutti.




Un sorriso
meraviglia65

 
 
 

Buon lunedì...

Post n°118 pubblicato il 19 Marzo 2012 da meraviglia65
 

Iniziamo la settimana con un sorriso:

I sette nani sono arrivati al Vaticano ed incontrano il Papa. Brontolo:
- Senti Papa, c'è una suora più bassa di noi?
- No.
- Dai, pensaci un attimo.
- Ma no, non c'è.
Ancora Brontolo, un po' arrabbiato:
- Ma Papa, pensaci ancora. Sei sicuro al 100%?
- Senti, sono sicurissimo che non c'è una suora più bassa di voi.
I sei nani dietro:
- Brontolo si è scopato un pinguino, Brontolo si è scopato un pinguino ...

PS: nessun riferimento a Massi, che a volte è molto Brontolo, ma non è un nano ;-))

Buona giornata a tutti.




Un sorriso
meraviglia65

 
 
 

Ahahah...che risata!

Post n°117 pubblicato il 13 Marzo 2012 da meraviglia65
 

"In autostrada ho visto una coda di 6 km"
"Accidenti! Chissà quanto era grosso il cane."


Buona giornata a tutti.




Un sorriso
meraviglia65

 
 
 

La mia "assistente"...

Post n°116 pubblicato il 08 Marzo 2012 da meraviglia65
 

Ok, messaggio rivolto ai miei amici, soprattutto ai maschietti; fatemi capire una cosa. Ora c'è una ragazza in ufficio con me che mi aiuta, l'ho definita "la mia assistente", sì perchè mi illudo sia la mia assistente e non la mia sostituta. E' giovane, carina e anche simpatica. Alle prime armi con il lavoro, ma abbastanza sveglia, impara bene, anche se non troppo in fretta, per mia fortuna. Mi sta aiutando molto, anche perchè le sto facendo fare tutti i lavori più pallosi...ahahah, ebbene sì, un pò stronza la sono pure io. Ma perchè ora siete tutti interessati a lei? Tutti a dirmi: presentami la tua assistente... salutami la tua assistente... com'è la tua assistente... è carina la tua assistente... e come si chiama la tua assistente... quanti anni ha la tua assistente... per non dire chi mi ha chiesto le misure e si è interessato delle sue curve. Ma insommaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!! Io ora mi sento buttata in disparte, non mi vuole più nessuno, ma quanto siete poco sensibili. Già sto passando un periodo nero e voi mi snobbate così? Basta!!! Non vi dico più niente. 

Buona giornata a tutti.




Un sorriso
meraviglia65

 
 
 

Dubbio amletico...

Post n°115 pubblicato il 07 Marzo 2012 da meraviglia65
 
Tag: chat, lavoro

Ciao ragazzi, da me grandi novità. Come sapete sono rientrata al lavoro e lì mi aspettava una sorpresa. Ma no, che pensate? Non mi hanno preparato una festa di bentornata. Anzi!! Infatti nel mio ufficio ho trovato una nuova ragazza che mi aspettava. Il mio boss mi ha detto: "Visto che non ce la fai con il tuo lavoro, perchè hai tanto da fare e sei sempre indietro, ho pensato di prenderti un aiuto. Così, intanto che lei impara il lavoro, ti aiuta, tu ti metti al pari e lavori meglio." Ragioniamo. Se ha fatto bloccare tutti gli accessi alle chat è perchè sa che perdo molto tempo in quello. Allora caro boss mi chiedo: la ragazza nuova l'hai presa veramente per aiutare me o quando lei ha imparato tu mi lasci a casa?

Buona giornata a tutti.




Un sorriso
meraviglia65

 
 
 

Sono tornata...

Post n°114 pubblicato il 05 Marzo 2012 da meraviglia65
 

Innanzittutto Buongiorno a tutti. Oggi rientro al lavoro dopo le vicissitudini legate alla mia salute. Finalmente mi sono ripresa anche se i miei esami del sangue rivelano che il mio ferro è affondato come il Titanic e i globuli rossi sono alla deriva come la Allegra. Ma tranquilli, è tutto sotto controllo. Sto recuperando le forze e intendo tornare più agguerrita che mai. Qualcuno, nel frattempo, oltre a starmi vicino spiritualmente in questo periodo un pò ballerino, ha espresso il desiderio di avere aggiornamenti relativi alla mia dieta. Beh, dopo quasi due mesi dall'inizio, annuncio ufficialmente che ho perso 3,6 kg. Mi ritengo soddisfatta, sto rispettando la tabella di marcia. Sì, perchè mi sono fissata un obiettivo da raggiungere entro una certa data e, visto che sto pure perdendo un pò di memoria, per vedere a che punto sono mi sono fatta pure uno schemino in Excel, con tanto di grafico colorato, per tenere i conti e vedere gli sviluppi.
Oggi, dicevo, rientro al lavoro e non so che mi aspetta. Ci sarà il caos totale o saranno riusciti ad andare avanti senza di me? Visto che tre settimane fa ero risultata super-indispensabile dopo solo un giorno di assenza, che avranno combinato ora che sono stata a casa altri dieci giorni? In realtà sono un pò preoccupata, anche perchè, dopo che sono tornata a casa dall'ospedale e mandato il certificato di malattia che scadeva venerdì scorso, nessuno mi ha più telefonato per chiedermi notizie sulla mia salute o per chiedermi cose di lavoro. Si saranno arrangiati da soli e/o addirittura si saranno dimenticati di me? Forse rientro e trovo la lettera di licenziamento sulla mia scrivania, occupata ora da una sostituta efficientissima, e magari pure giovane e gnocca, che hanno assunto nel frattempo. Beh, in caso di licenziamento ho già trovato una soluzione alternativa. La mia amica Ale ha dichiarato di essere oberata di lavoro. Non il lavoro lavoro, ma quello che le comporta voler gestire il suo blog, che è la sua passione, i relativi commenti, i contatti privati. Quindi mi sono offerta di farle da assistente. E perchè non accettare? La paga non l'abbiamo ancora definita, ma potremmo lavorare insieme e mi è permesso chattare tutto il tempo. Non male vero? Anche perchè in relazione a questo argomento devo comunicare un

AVVISO IMPORTANTE

Da oggi in ufficio avrò il pc sotto controllo per quanto riguarda gli accessi a internet e bloccato verso tutti i siti di chat.

Pertanto se mi mandate mail o messaggi o fate commenti nel mio blog, li potrò vedere solo collegandomi da casa alla sera, sempre se ne avrò la possibilità. Quindi non datemi per dispersa e abbiate fede, prima o poi mi faccio viva. Stando a casa in questi giorni ci ho pensato molto a questa nuova situazione, a questa astinenza forzata. Da casa le difficoltà a entrare sono tante, quindi sinceramente non so se ha ancora senso restare qui, tenere i contatti con voi e scrivere nel blog. Sono demoralizzata e mi viene voglia di mollare tutto quanto. D'altra parte, però, mi spiace molto perdere i contatti con le persone con cui mi sento in privato o che mi segue qui. Ho instaurato amicizie a cui tengo moltissimo. Quindi per ora proverò, nei limiti delle mie possibilità, a tenere vivo questo mio piccolo angolo di paradiso e vediamo gli sviluppi. Sono desolata per la brutta notizia, anche se ad alcuni non sconvolgerà certo la vita, ma sappiate che è molto dura anche per me.

Buon proseguimento e Buona giornata a tutti.

 

 




Un sorriso
meraviglia65

 
 
 

...

Post n°113 pubblicato il 29 Febbraio 2012 da meraviglia65

....."che le pulci di mille cani rognosi infestino il culo di chi vi vuole male e che le sue braccia siano troppo corte per grattarsi".....

(letta e copiata da un altro profilo)

Chissà perchè leggendo questa frase mi è venuta in mente una persona sola. Riuscite a immaginare chi? 

 

Buona giornata a tutti.





Un sorriso
meraviglia65

 
 
 

La sfortuna continua...

Post n°112 pubblicato il 28 Febbraio 2012 da meraviglia65
 

Dopo una settimana nera come quella descritta nel post precedente, me ne torno al lavoro con la  stessa voglia, lo stesso entusiasmo e la stessa euforia di chi si dirige verso il muro della fucilazione. Il mio primo incontro è il Padre del Boss che mi dice:"Mi raccomando, adesso vai in ufficio e non esci più, così lavori sempre." Lo guardo di striscio, perchè mi stanno già uscendo i fulmini dagli occhi e non mi va di andare in galera per averlo carbonizzato. Ma vi pare? Comunque arrivo in ufficio e mi aspetta una notizia bomba: il boss ha deciso di bloccare gli accessi a msn, a facebook e a tutte, ma proprio tutte, le chat. Mi sono vista tutta la mia vita passare davanti. Mi ha presa un colpo apoplettico. Ma che notizia del cavolo è? Di lunedì mattina poi? Non ci posso pensare che non mi potrò più collegare dal lavoro, non potrò più scambiare messaggi con i miei amici, non potrò più leggere le mail, non potrò più curiosare nei blog degli altri. Il nulla, praticamente solo lavoro.  Ok che è quello che dovrei fare, ma un pò di svago ogni tanto ci vuole no? Così la settimana inizia sotto il peggiore degli auspici. Chissà che mi capiterà ancora.  E infatti, a confermare questa infausta premessa, ci si mette di nuovo la salute a farla da padrona. Così, dopo due giorni di lavoro, in cui mi viene continuamente ricordato che sono stata a casa la settimana prima, martedì sera inizio ad avere un piccolo disturbo che si protrae per tutta la notte. Fortunatamente niente di grave, ma questo l'ho scoperto dopo. Infatti la sua persistenza mi spaventa e mi porta, la mattina successiva, ad andare al pronto soccorso, dove, dopo una visita accurata, vengo ricoverata d'urgenza e sottoposta ad un piccolo intervento. Sul momento sono rimasta un pò traumatizzata dalla notizia, ma ho trovato personale gentile che mi ha spiegato bene tutto e mi ha tranquillizzata. Quindi me ne sono stata due giorni in ospedale, immaginando il casino che si era creato di nuovo al lavoro. Ma me ne sono fregata: la mia salute è più importante. Ma vi immaginate le reazioni in ufficio? No, tranquilli, non mi sono venuti a cercare in ospedale, ci mancava pure quello, però si sono create situazioni discutibili. Ieri poi, vista la debolezza che mi è rimasta addosso e visto che difficilmente sarei riuscita ad affrontare una giornata di lavoro, ho deciso di tornare dal mio medico che mi ha prescritto ancora esami di accertamento e un'altra settimana di riposo per recuperare le forze. Mi sento talmente debilitata che non vi dico quanto tempo ci ho messo a scrivere queste poche righe. 


Buona giornata a tutti.





Un sorriso
meraviglia65

 

 
 
 

Diritto alla malattia

Post n°111 pubblicato il 24 Febbraio 2012 da meraviglia65
 

Quella passata è stata una settimana da dimenticare sotto ogni punto di vista. Martedi mattina mi sveglio con il malessere di cui avevo già accennato. Mando quindi un sms alla collega, quella simpatica, con cui siamo pappa e ciccia, per avvisare che non vado al lavoro. Poco dopo mi arriva un suo sms per informarmi che in ufficio si stanno incazzando di brutto perchè io non ci sono. Ma cavolo, sono diventata improvvisamente così indispensabile e importante? Mah, non mi sembrava. Comunque nel pomeriggio mi chiama su ordine del boss per sapere se il giorno dopo torno, ma io sto ancora male, ho la febbre alta e non riesco nemmeno a stare in piedi e lei riferisce. La mattina dopo invio altro sms alla collega con l'annuncio che ho passato un'altra notte d'inferno, che sto ancora malissimo e che il medico mi ha dato mutua fino a venerdì. Poco dopo mi chiama il padre del mio boss. E qui ora apro una parentesi su questo personaggio, perchè nella mia azienda è una figura molto particolare. E' un uomo anziano, meridionale fino alle ossa (non sono per niente razzista, leghista o discriminante, anzi ho tanti amici meridionali e sono tutti ottime persone, lo dico solo per rendere meglio l'idea dell'uomo in questione), che ha lavorato duramente una vita, e su questo gliene do merito, ma ora che è fuori dai giochi, anche se il figlio gli permette di aiutarlo in qualche modo, ma secondo me lo fa solo per non farlo sentire inutile, pensa di essere lui il capo. Non si rende ben conto però che il suo modo di lavorare è antiquato, il suo modo di pensare altamente preistorico, le sue idee cozzano contro tutto e tutti in questa realtà decisamente diversa dalla sua di quarant'anni fa. Infatti se tutti lo odiano un motivo ci sarà; sarà lui ad avere dei problemi o tutte le altre decine di persone che fanno l'impossibile ogni giorno per non avere a che fare con lui? Comunque dicevo che la mattina del mercoledì mi telefona e con tono sgarbatamente antipatico, irrimediabilmente scontroso, insopportabilmente arrogante e incomprensibilmente dialettale, inizia questo dialogo:

Padre del Boss: “Ma tu devi tornare a lavorare, qui c'è da fare!!!”

Meraviglia:”Lo so, ma ho la febbre alta, ho vomitato tutta notte. Sto male, come faccio?”

PdB: “Ma qui c'è da lavorare, non puoi stare a casa.”

M: “Ma come faccio? Devo continuare a correre in bagno, lì manco l'acqua c'è. Non posso proprio!”

PdB: “E domani torni però,vero? Domani stai meglio.”

M: “E lo spero che starò meglio, ma vediamo come va la giornata.”

PdB: “No, no, domani stai meglio e torni.”

E riattacca il telefono senza darmi modo di replicare. A questo punto inizio ad alterarmi. Ma ti pare che sto qui viene a dare ordini a me, che sono in malattia? E con quel tono poi? Ma roba da matti!!!

Il giovedì mattina mi chiama il boss, chiedendomi se posso fargli il favore di andare perchè ci sono delle fatture urgenti da fare. Io dico se proprio sono indispensabili e urgentissime, che mi portino il materiale e le faccio da casa. Sono malata, faccio fatica a stare in piedi, non me la sento di uscire di casa. E poi sono in malattia, ma ti pare? Allora mi dice che vediamo il giorno dopo.

Il venerdì mattina mi richiama il Padre del Boss e stavolta, con tono stranamente gentile, mi dice:

PdB: “Ma ce la fai a venire?”

M: “Non riesco a stare in piedi, non rischio a mettermi in macchina e farmi 30 km di strada. Se mi succede qualcosa?”

PdB: “Allora se non te la senti di guidare ti veniamo a prendere noi.”

M: “Ma le ho detto che faccio fatica, sono senza forze, non riesco a stare poi in ufficio tutto il giorno.”

PdB: “Ma noooo, vieni, fai il lavoro e dopo un'oretta ti portiamo a casa.”

Penso tra me e me:(E mò mi incazzo di brutto. Non ti conosco? Una volta che sono lì, col cavolo che poi mi fai tornare a casa dopo un'ora. E visto che non sai che lavoro devo fare, manco pensi che un'ora non basta, ma che ci vuole mezza giornata.)

M: “Il problema è che se vengo lì poi non riesco a salire le scale per entrare in ufficio, non vorrei svenire sulle scale o nel corridoio, perchè (e qui sfodero la mia carta vincente) se mi succede qualcosa che sto male, poi metto nei casini anche voi.”

A queste parole magiche si arrende.

Nel primo pomeriggio arriva un fattorino con i documenti per farmi fare il fatidico lavoro “urgentissimo” che andava fatto martedì, con le istruzioni di avvisarlo quando ho finito che passa a prendere il tutto. Ci lavoro tutto il pomeriggio, e con grande sforzo pure, per fare tutto il più in fretta possibile, quando finisco lo chiamo e lui mi risponde: “Ora non posso venire, il Boss ha detto di dirti di portare tutto tu in ufficio, quando vieni lunedì.” Meno male che era lontano, perchè sono partite delle saette dal mio cervello che li avrei fulminati tutti quanti. Ma non era urgentissimo questo lavoro? Non era vitale farlo in questi giorni? Non era così fondamentale da non potermi far stare tranquilla a casa a curarmi con calma? Ora potete aspettare lunedì? Ma ve possino...

 

Buona giornata a tutti.





Un sorriso
meraviglia65

 

 

 
 
 

Lunedì nero....

Post n°110 pubblicato il 14 Febbraio 2012 da meraviglia65
 

...e martedì d'inferno. Ma partiamo dall'inizio.
Ieri mattina, dopo il mio solito weekend in cui vengo assalita dai dolori, parto con la mia macchinina per andare al lavoro: meno 7 gradi. Ok non importa, accendo il riscaldamento e lungo il tragitto mi scaldo. Ho i vetri sporchi, aziono il tergicristallo e non esce niente: acqua finita, così mi faccio il viaggio cercando di capire cosa ho davanti a me sulla strada. Arrivo al lavoro con il sorriso, non dovuto ad una paresi per il freddo, ma per la piacevole chiacchierata con la mia amica Ale e mi accorgo che ho ricevuto un sms dalla collega che è già in ufficio:"Preparati. Qui non funziona il riscaldamento. Ci sono 6 gradi." Di bene in meglio. Entro ed effettivamente ho quasi le stalattiti sul pc, ma sono stoica e mi metto al lavoro, con tanto di giubbotto, sciarpa, guanti e cuffia, tanto che una renna sperduta di passaggio mi ha scambiato per Babbo Natale e mi ha chiesto indicazioni per il Polo Nord. Accendo il pc e...toh...non funziona libero. Posso entrare in internet, vedere le notizie, le previsioni del tempo, collegarmi con le banche, entrare nel programma che uso per lavorare, ma libero no. E che caspita, è una congiura questa. Visto che il mio lavoro si svolge principalmente usando un programma in internet, suggerisco al mio capo che potrei prendere su tuttii documenti  e andare a lavorare a casa. Il sadico mi guarda con un ghigno e mi dice:" No, avrai mica freddo!" Per decenza non riporto i commenti che ho fatto tra me e me  Così tra i salti mortali, fatti con il solo scopo di scaldarmi, riesco ad arrivare alla pausa pranzo. Devo andare alla posta, bene mi dico, almeno lì mi scalderò. Povera illusa, il freddo è pure da loro. Dopo un'attesa di 45 minuti esco. Ok, ora vado al bar a farmi un bel panino caldo, ma è lunedì e il mio bar preferito è chiuso. Dirotto su un altro. Carino, accogliente, peccato che l'ultimo tavolino libero è quello vicino alla porta di ingresso, così ogni volta che qualcuno entra o esce mi tornano i brividi. Mangio comunque il mio panino coperta come un eschimese e me ne torno in ufficio. Lì il gelo è ancora sovrano, nonostante l'idraulico sia già intervenuto un paio di volte. Ok, almeno ora libero funziona, ma che caspita. Ho decine di messaggi a cui rispondere, solo a me non andava? Mi destreggio tra messaggi, banche, mail, telefonate e finalmente arriva l'ora di tornare a casa. Serata tranquilla ma stanotte non so bene il motivo ma....beh...non so come dirlo in modo elegante. Diciamo che mi sono allenata per la corsa ad ostacoli e in velocità, obbiettivo: water. Forse il freddo preso ieri mi ha fatto male al pancino (chiamiamolo pure così, sigh!!) e quando starò meglio conto di aver perso un paio di chili. Quindi oggi sono di riposo, si fa per dire e tra una corsa e l'altra finalmente sono riuscita a finire questo post.


Buona giornata a tutti.



Un sorriso
meraviglia65

 

 

 
 
 

Caro amico...

Post n°109 pubblicato il 10 Febbraio 2012 da meraviglia65
 

Caro amico di community, ti lascio questo messaggio per chiarire una cosa una volta per tutte. 
Come la maggior parte delle persone che frequentano questa community e con cui ci si sente più o meno con assiduità, anch'io ho una vita reale al di fuori di Libero con tutta una serie di impegni di cui mi devo occupare, ho una famiglia da seguire, coccolare, gestire, ho un lavoro da svolgere nel migliore dei modi, che, tra l'altro, ultimamente ho trascurato notevolmente, preferendo stare qui a chattare con te, facendo accumulare pratiche su pratiche. Inoltre non sono una blogger che deve sempre pubblicare qualcosa, né tantomeno sono obbligata a doverti lasciare un saluto tutti i giorni o a doverti giustificare la mia assenza. Quindi, se per uno o più giorni non hai mie notizie, ti prego: non allarmarti. Non pensare subito di chiamare Polizia o Carabinieri per denunciare la mia scomparsa, non informarti presso ospedali o obitori se ho avuto un incidente, non mandare la mia foto a RaiTre per farlo annunciare al programma "Chi l'ha visto?", non allertare la Protezione Civile, la Croce Rossa, il Corpo Sommozzatori, il Genio Civile, i Vigili del Fuoco, il Soccorso Speleologico, l'Aeronautica Militare, il corpo degli Alpini, la Guardia Forestale, ecc...perchè non ho ancora fatto niente di così grave a nessuno da poterti far pensare che qualcuno abbia potuto commettere un omicidio nei miei confronti, né passionale, né di vendetta. Se non ti scrivo non significa che mi sei diventato antipatico, che non mi interessa più la tua amicizia, che non mi piace più la tua compagnia. Non lo faccio per mantenere le distanze, perchè ho voglia di farti un dispetto, perchè so che il mio silenzio ti fa soffrire, perchè non ne voglia più sapere di te, perchè non ti voglio più bene. Probabilmente è solo che ho avuto impegni più importanti e/o urgenti di cui occuparmi. A volte lo so in anticipo e riesco ad avvisare, a volte sono imprevisti e, in quanto tali, non mi hanno dato la possibilità di comunicarlo per tempo. Quindi se dopo avermi mandato un ragionevole numero di messaggi vedi che non rispondo, prima di informarmi che ti disperi per la mia assenza, prima di immaginare quale catastrofe hai scatenato con uno dei tuoi ultimi messaggi, prima di pensare che io voglia che tu sparisca dalla mia vita, o che tra noi è "tutto finito", prima di tutto ciò...pensa. Pensa che forse ho qualche problemino da risolvere, che forse sono incasinata al lavoro, che forse non mi posso collegare a Libero, che forse non posso accedere ad un pc, che forse non sono nemmeno al lavoro. Se poi sei disperato veramente, ti vuoi mettere il cuore in pace e hai altri modi per contattarmi oltre il pc, allora usali, chiamami o manda sms. Ma stai tranquillo: prima o poi torno. OK?????
E visto che ora posso, informo che nemmeno oggi ci sarò. Sempre sperando di arrivare in ufficio: sono le 4 di mattina e le strade sono già ricoperte da uno spesso strato di neve. E c'è pure un bel vento, quasi una bufera, come quelle che si vedono nei film. Speriamo bene, per me e anche per te. Anzi. in qualunque parte d'Italia tu ti trovi, se puoi, fammi sapere che tempo fa lì.

Buona giornata a tutti.




Un sorriso
meraviglia65
                                  
                                                                                           

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

mangialamelaconmemeraviglia65maltese70tambo66losaiquantotiamosavcaNarciso_Alemax_6_66incognitxxxiesaia62lemaanziongianpy5voglio.compagniarossogialloeblupiasintein733Brindisidoc
 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2015 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.