Creato da FLORESDEUSTAD il 04/11/2012

FLORESDEUSTAD

FLORESDEUSTAD

 

Fine estate.

Post n°137 pubblicato il 13 Settembre 2017 da FLORESDEUSTAD

 

 

 

E giunge un’altra fine estate.
Ma questa volta mi giunge possedendo
un qualcosa di diverso...
...come un senso di incompiuto
che il vento mi soffia in viso.
Questa fine estate è così per me.
Non so su quali luoghi, questo vento,
abbia planato prima di giungere
ad accarezzarmi il viso...
...a sfiorarmi le labbra.
Non so quali profumi abbia raccolto
e portato con sé...
né su quanta polvere arsa dal sole
abbia scolpito parole ascoltate
e sussurrate chissà dove...
...chissà da chi.
E non conosco nemmeno su quali
oceani abbia veleggiato,
facendo l’amore con bianche
increspature di onde impetuose.
Non è la prima volta che questo vento
di fine estate mi bacia sulle labbra.
Chissà perché, questa volta,
lo attendevo proprio così.
Lo desideravo forse incosciamente...
così...in questo suo modo malinconico
di avvolgermi l’anima...
Porta con sè un sorriso romantico
questa volta...
e d'improvviso, ne riconosco
l’essenza di un addio...
vero, autentico, reale...
A tratti è ruvido...
...ma è terribilmente...
...maledettamente romantico,
persino dolce nella sua definitiva
ed irreversibile valenza.
Ma come faccio a pensarlo?
Come mai mi domando...e perché?
So solo che ora i miei pensieri
non sono né tristi e né amareggiati...
Ecco...forse sono solo colmi
di quella pesante consapevolezza
che quella magia...
...quella magia non esiste più.
Quella magia si è spenta pian piano,
ricoprendosi di polvere arsa dal sole...
...odorando di mare tumultuoso
ormai lontano...
e,cadendo silenziosamente
dai miei desideri
e dai miei pensieri, è caduta senza
emettere rumore alcuno...
adagiandosi senza più nemmeno
un labile sospiro.
Inaspettatamente la mia anima
è ora pacata...
...arresa...
...ormai arresa a questa inaspettata
...tranquilla...
...dolcissima quiete di
fine estate.

    FdU

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Il mio viso

Post n°136 pubblicato il 04 Settembre 2017 da FLORESDEUSTAD

 

 


E' notte fonda e non dormo...
il caldo è asfissiante...opprimente...
ed il mio mio viso è bagnato di sudore.
La finestra è aperta, e solo i gabbiani
sembrano essere padroni
sul silenzio del mare.
Osservo il cielo da molto tempo...


...vedo le stelle...

...percepisco il loro moto perpetuo,
fino a regalarmi il chiarore della luna che,
entrando in punta di piedi,
illumina la stanza.
Un leggero movimento al mio fianco
mi fa voltare....
...ed il suo viso è rivolto al mio...
...accanto al mio...
Dorme...
...immobile...
...il respiro appena accennato...
La osservo...
...e....improvviso...
...inaspettato...
...quel tuffo al cuore...
E' come cadere da un'altezza vertiginosa.
E'...bellissima,
 come non mai...
lo avevo colpevolmente dimenticato.
E' meravigliosa nel sonno...
Il disegno del naso perfetto...
...le labbra sembrano sorridere
come solo lei sa fare...
le sfioro appena per non svegliarla...
...i capelli appena scomposti sul viso
la fanno sembrare quella ragazzina
di tanti sorrisi...di tanti sguardi...
ed il suo odore mi ricorda i suoi sospiri...
........
E rimango un tempo infinito a guardarla...
Penso a ciò che ero, sempre
guardandola dormire...
penso a ciò che è stato...a ciò per cui ho promesso
tanto tempo fa...
a ciò per cui non sono più riuscito ad essere per Lei...
...a ciò che non sarò più per lei...
Mi volto ed osservo di nuovo il cielo...
ed il mio viso è ancora bagnato...
...ma non per il caldo asfissiante...
...non per il caldo opprimente...

FdU

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Gli specchi.

Post n°135 pubblicato il 15 Dicembre 2016 da FLORESDEUSTAD



Questa canzone...sì...questa che stai
ascoltando anche tu,ora, adesso
mentre leggi queste parole...
la ritrovo dopo molto, moltissimo
tempo...e tutto torna in mente...

Era una fredda, limpida mattina...
e la quiete del mare a due passi da me,
mi faceva socchiudere le palpebre per
assaporare meglio l'odore del mare.
Un brivido di freddo,
e quel bar deserto,
con le pareti di legno laccato
color crema che incorniciavano
grandi specchi antichi,
con ricami dorati ormai logori,
mi promettevano un caffè bollente,
nero, forte e profumato....
Entrando, ed ordinando distrattamente
il caffè, voltai le spalle al bancone,
mettendomi a leggere superficialmente
i titoli di uno sgualcito e
troppo letto giornale buttato
su un tavolino...
Ero in piedi...godendo del tepore
di un enorme lampadario di cristallo,
quando la filodiffusione
mando' in onda proprio
questa canzone che stai ascoltando
anche tu...

E' bellissima...
...è rarefatta...interessante...
corposa di note magiche..
voce profonda...

Senza nemmeno accorgermene,
cominciai a tenere il tempo con un piede,
senza staccare la punta dal pavimento...
solo con il tallone...come faccio io.
Il caffè portato dal camerire mi fece
sollevare lo sguardo verso
lo specchio che avevo di fronte,
ed oltre alla sua presenza, nel riflesso
notai una donna di spalle...
La sua immagine di spalle mi incuriosì.
La osservai bevendo il caffè,
tenendo sempre compagnia al ritmo
di questa meravigliosa canzone.
Era sola...elegante senza eccedere.
Misi a fuoco la mia visuale oltre lei,
nello specchio che aveva di fronte,
vidi che parte del viso era nascosto da
una tazza bianca e fumante
che teneva con entrambe le mani...
Mi osservava...e mi sorprese...
mi osservava tenere il tempo in quel modo.
Era strano pensai...due sconosciuti
che si osservavano riflessi, dandosi le spalle,
come se fossero in due mondi distanti...
eppure così vicini...
Due vite...due presenze....
due strade che si incrociavano.
Rimanemmo così qualche secondo, e poi...
impercettibilmente, lei cominciò a tenere
il tempo come facevo io...
anche lei senza sollevare la punta...
Alzai lo sguardo un po' sorpreso
nuovamente su di lei.
I suoi occhi sorrisero un attimo...
...come divertiti...
Non vidi le labbra...ma i suoi occhi
sorrisero, ne sono sicuro ancora adesso...
Abbassò lo sguardo...uno...forse due secondi...
e tornarono ad osservarmi nel riflesso.
Io.... riflesso...lei riflessa...
spalle contro spalle...un lampadario antico
illuminato che ci scaldava...
e nell'aria questa canzone...
Eravamo due perfetti sconosciuti,
e senza alcuna parola
stavamo ballando insieme,
tenendoci stretti da uno sguardo
fisso..intenso e divertito..
Un filo steso tra noi oltre il tempo...
...oltre lo spazio...oltre la ragione...
Ballavamo lentamente...
osservandoci dentro gli occhi...
...tenendoci strette a noi
le altrui anime, in quel momento nude,
prive di qualsiasi corpo fisico.
Non esisteva caffè nero...
lampadario illuminato...
...non esistevano specchi dorati...
...legni logori color crema...
Eravamo solo due che ballavano
una canzone senza tempo...
sospesi in uno spazio indefinito,
...maledettamente intenso...
Ballamo così...fino al termine
di questa canzone...poi...
distolse lo sguardo, abbassandolo...
e la trovai più bella che mai.
Non feci in tempo nè a voltarmi...
nè ad avvicinarmi a lei...
scomparve in un attimo...
senza voltarsi...scomparve.
La cercai in tutti i riflessi...
tra i ricami dorati...
inutilmente...
Forse avevo immaginato tutto,
forse la magia di questa canzone
mi aveva stregato...
Si forse era così...
Terminai di bere il caffè
ormai freddo...
Ero ancora in quello spazio
senza tempo...
Andai al bancone e pagai il caffè,
e mentre andavo via, feci in tempo
a vedere il cameriere togliere
da sopra il bancone
una tazza bianca baciata
da un ricordo di rossetto.


FdU

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Non dire...

Post n°134 pubblicato il 03 Dicembre 2016 da FLORESDEUSTAD




Voglio che tu venga a me
senza un passato.
Le cose che hai imparato...
...dimenticale.
Dimentica d'esser già
stata qui prima...
in altre stanze da letto...
in altri luoghi.
Vieni da me,
come fosse la prima volta.
Non dire di aver amato gli uomini
fino al giorno in cui
...l'avrai provato.


(web)

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Un sorriso.

Post n°133 pubblicato il 21 Novembre 2016 da FLORESDEUSTAD



Non voglio più recidere
bellissmi fiori...
Non voglio più donarli
per riempirne gli occhi...
...so che morirebbero per nulla.
Posso donare solo un sorriso.
Ma il mio sorriso non nasce
per riempirne gli occhi...
nasce per regalare
le mie emozioni..
...il mio profumo...
...i miei colori...
Basta solo un altro sorriso
affinchè possa crescere.
Di quei fiori ormai recisi
me ne vestirò l'anima...
ed un solo sorriso...
...basterà per farli crescere.


FdU

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
Successivi »
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

FLORESDEUSTADattimoxattimo_20130Estelle_ktu0pensier0Dolce_Anima_Affinethe_oracle73silverbullet7elementoscostante1lialalailaalexxia_74deadin2004debby.1971RomanticPearlMinistradelkaosss