Creato da nataieri73 il 04/12/2006
“Io sto benissimo nel mondo, lo trovo meraviglioso, mi sento attrezzato alla vita, come un gatto. È la società borghese che non mi piace. È la degenerazione della vita del mondo. Hitler è stato il tipico prodotto della piccola borghesia. Anche Stalin è un prodotto piccolo-borghese.” (P.P.P., intervista a La Stampa, 12/07/1968)

proibito il dissenso?

Trieste, 8 denunciati per le contestazioni a Berlusconi
PROIBITO IL DISSENSO
di Margherita Hack
Fra breve succederà come sotto il fascismo: durante le visite di illustri personaggi, i dissidenti, opportunamente schedati dalle questure, erano ospiti per qualche giorno delle patrie galere.

Contestavano Berlusconi: 8 denunce
 

Pino Impastato, ucciso due volte

Alla mafia piace uccidere anche i simboli. Noi alziamo il dito medio come simbolo della nostra lotta, le nostre armi sono il disprezzo, il rifiuto, la denuncia. Mafia, arriverà il giorno in cui sarai inghiottita nel fuoco appiccato da te stessa con l'aiuto di qualche cittadino onesto, magistrato onesto, intellettuale onesto....muori maledetta mafia, una volta per tutte!!!

http://digilander.libero.it/WinstonMontag/immblo_file/querciapeppino.jpg 

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 15
 

Ultime visite al Blog

dome.oLUX_DIAPHANUMhank.bukangeloo611motototonataieri73pastoreavvfedelemaxransirwalteritaly_gioginfizz4unamamma1capriolefeeling384giulia.migneco
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« PETIZIONE PER AUTO AD IDROGENO Vite in vendita »

Il Discorso

Post n°36 pubblicato il 15 Marzo 2007 da nataieri73
 

immagineOggi Giorgio Napolitano apre la giornata con un discorso, fondamentale per le sorti della nazione. Il discorso comincia così: in questo clima di grande confusione, è opportuno ristabilire le regole e gli equilibri del vivere civile. In uno stato moderno e governato da leggi moderne, dove i diritti di tutta la cittadinanaza vengono garantiti senza distinzioni alcune, bisogna apportare delle modifiche sostanziali che riguardano gli strumenti di governo. Ogni cittadino di questo paese, che rispetta la legge e le regole del vivere civile, paga le tasse e partecipa alla crescita economica, culturale e sociale dell'Italia, ha diritto ad essere rappresentato e tutelato dalle leggi dello stato. Nessuna divisione di carattere religioso o etnico può ostacolare questa concezione. L'applicazione di questo principio è urgente, in quanto nel paese assistiamo da ormai troppo tempo ad un'ingerenza illecita e offensiva della Chiesa nei confronti di milioni di cittadini italiani. La Chiesa sta perpetrando atti di razzismo e intolleranza impropri di un paese civile che rispetta i principi della sua costituzione. Anzi, la Chiesa istiga comportamenti di razzismo e intolleranza indegni di un paese  che deve confrontarsi con il resto del mondo ed essere esempio di libertà, diritti civili ampiamente condivisi senza criteri di appartenenza, senza false opportunistiche strumentalizzazioni. L'Italia deve porre fine, con leggi severe e precise, a queste ingerenze. Lo stato fa le sue leggi, la Chiesa faccia i suoi sermoni. Lo stato legiferi in parlamento di questioni che lo Riguardano, la Chiesa parli delle sue faccende negli appositi luoghi di culto. Non accettiamo ulteriori ingerenze, ma soltanto proposte di miglioramento. A me si uniscono, il Presidente del consiglio e tutto il Governo italiano e gran parte del parlamento.

Vostro Giorgio Napolitano

Era proprio un bel sogno. Si ho sognato il Presidente Napolitano fare questo discorso. Ma anch'io, come gli omosessuali, sono malata?

Il presidente, nel sogno, diceva di no. Me lo diceva a tu per tu.  Beh, grazie presidente, anche se era solo un sogno.

I HAVE A DREAM.

MARTIN LUTHER KING

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/Femminaribelle/trackback.php?msg=2422438

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
homosapiens78
homosapiens78 il 15/03/07 alle 10:51 via WEB
Purtroppo stiamo vivendo giorni difficili, strani, confusionari. Io trovo estremamente difficile avere chiaro il quadro della situazione. Ti svegli e cominciano gli intrecci Chiesa-politica-istituzioni ... situazione paradossale direi. La cosa grave è che da un po di tempo ci si sta dimenticando dell'importanza della nostra carta costituzionale che nn è soltanto un baluardo della democrazia da sventolare a destra e a manca. Dimentichiamo che la Costituzione è il faro che deve mostrare la via alla politica e alle istituzioni. Da un po assistiamo invece al calpestio dei principi fondamentali su cui si basa il nostro paese. Abbiamo cominciato con la Lega e la secessione, abbiamo continuato con la guerra nei balcani per passare dal precariato ed arrivare ad attentare alla laicità dello stato. Ma non siamo un paese laico? E il cardinal Ruini e il vaticano che ruolo stanno avendo? E' giusta la loro influenza nella politica Italiana? L'aver invitato gli italiani a dire no al referendum sulla procreazione assistita è normale? L'aver invitato i partiti di estrazione cattolica ad opporsi ai pacs prima e ai d.i.c.o oggi è cosa normale? Credo che navighiamo in cattive acque. Ma più che puntare il dito contro il vaticano lo punterei contro il sistema politico e partitico attuale. Oggi si fa di tutto per allargare il proprio bacino di voti e in un paese perbenista come il nostro chi si piglia la briga di ammonire il papa ... Che Dio ci salvi dal vaticano e da Mastella :)) Ciao ... credo che scherzare ci è poermesso ancora no?
(Rispondi)
 
nataieri73
nataieri73 il 15/03/07 alle 11:22 via WEB
E' proprio per questo che ho sognato un discorso fatto dal Presidente della Repubblica, che dovrebbe essere la più alta carica politica...ma so che resterà un sogno, che ciò non avverrà mai. Stiamo subendo un processo di reale involuzione, a questo punto bisognerebbe ascoltare la gente, poichè il 60 per cento delle persone, così almeno emerge dai "sondaggi", è a favore dei matrimoni tra gay e di tutte le cose dette qui sopra e da noi due in questo momento...le nuove generazioni, po, sarannop pèure vuoti vacui ma forse sono meglio di quello che pensiamo noi, figli degli anni settanta, travolti dagli ottanta, ammazzati dai novanta. Ciao e grazie per il tuo commento.
(Rispondi)
nataieri73
nataieri73 il 15/03/07 alle 11:23 via WEB
E po se non si può più scherzare siamo fritti! A parte che in Italia abiamo una satira deboluiccia, appena fai sul serio partono offese querele e il comico diventa affare di stato. Ma per favore...sapessi quanti schiaffoni darei a certi politici....
(Rispondi)
AliceVirtu
AliceVirtu il 16/03/07 alle 12:19 via WEB
Condivido la tua visione della società attuale e trovo il tuo blog veramente nteressante! Posso aggiungerti tra i blog amici? Baci
(Rispondi)
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 18/03/07 alle 20:33 via WEB
Beh, sono rimasta a leggere sgomenta fino alla fine e in questi pochi secondi, sconvolta ho pensato che forse qualcosa fosse cambiato, ho attinto alla passionalità ed alla forza del mio idealismo per crederci una volta ancora... sono stati pochi secondi, si ma belli! Judith
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 18/03/07 alle 23:21 via WEB
Come disse il grande Eduardo de Filippo " Fujtevenn...."...ma lui era un uomo di teatro, aveva un'alibi su questa terra. Noi gente comune, che il teatro lo dobbiamo pagare per vederlo, cioè l'alibi, siamo detsinati a vedere i nostri sogni perire. Ma allo stesso tempo il teatro, così come la musica, l'arte, la scrittura, la poesia, ci aiutano a tramandare la forza di questi sogni, seppure in un rinnovamento continuo di linguaggi e di forme espressive. E sti cazzi!!!
(Rispondi)
IlyeDani
IlyeDani il 20/03/07 alle 14:25 via WEB
Incredibile, mentre leggevo pensavo: "Ma come, è stato pubbicato il 15 un articolo del genere e giornali e tv non hanno scritto e detto niente?Ma questa è una svolta, sapevo che Napolitano è una persona intelligente!?" Quando ho capito che era fonte della tua immaginazione, sono rimasta un pò delusa. Da quando avevo 14 anni ho iniziato a vivere un rapporto conflittuale con la Chiesa, e non perchè, come si può pensare, a quell'età si è un pò contro tutto e tutti, ma perchè non accettavo l'intromissione costante in temi che iniziavo a conoscere e che mi sembravano già abbastanza dolorosi per i diretti interessati da trovare assurdo infierire con la falsa e antiquata "morale cattolica"..dopo anni ho cercato di considerare e prendere solo il buono, ma oggi davvero non ne posso più, è come se a tutti i costi la Chiesa volesse farsi una cattiva pubblicità mettendo bocca tutti i giorni solo sui Dico e su 'sta benedetta famiglia tradizionale.. qualcuno avvisa il Vaticano che esiste altro?Grazie!
(Rispondi)
 
nataieri73
nataieri73 il 20/03/07 alle 15:36 via WEB
Mi dispiace averti deluso, non sai del resto quanta sofferenza c'è in me: a volte mi chiedo, ma il modello di questa chiesa nostrana non sarà forse il modello Taliban? Non so se sai l'ultima ( mica tanto, è una notizia ovviamente passata in sordina di qualche settimana fa ) il Papa in un documento del suo sito personale definisce gli omosessuali "persone malate" e quel gran simpaticone di Andreotti in un articolo pubblicato da un editore senza vergogna scrive che gay=pedofili. Ma la maggior parte dei pedofili non erano preti? Non si sono sciolte intere diocesi e andate in bancarottta per colpa di questi bravi uomini di chiesa? Comunque per quanto ci riguarda, viva la libertà, viva l'uguaglianza, viva la diversità, viva la chiesa che parla poco e agisce molto nel bene comune e secondo questi principi ( soiprattutto il rispetto per i diritti umani ) e abbasso la chiesa omofoba e controriformista che ci ritroviamo in questo "belpaese".
(Rispondi)
IlyeDani
IlyeDani il 21/03/07 alle 09:56 via WEB
Bella faccia tosta considerando che quando casi di pedofilia tra preti vengono segnalati agli alti prelati si assiste ad un semplice spostamento da una chiesa ad un'altra, allontando lo scandalo ma sottoponendo al rischio di abuso altri bambini .. questa giustizia fai da te, il volersi lavare i panni sporchi in famiglia non ha niente da invidiare alle "migliori" organizzazioni mafiose. Sono contenta di vivere tutti i giorni esperienze di spirito cristiano puro e semplice ben distante da chi si permette di additare le "diversità" e che non deve essere danneggiato da una chiesa antica e destinata ad essere sempre più sola.
(Rispondi)
 
nataieri73
nataieri73 il 21/03/07 alle 11:29 via WEB
Hai perfettamente ragione. Perciò m'incazzo come una belva quando li sento parlare di difesa della famiglia: ma quale famiglia, quale? Quella tradizionale dove si consumano il 99 per cento degli abusi e delle violenze su donne e bambini? Pensa che la Bindi pochi giorni, pressata da vescovi, cardinali e politici senz'anima ha osato dire che mai darebbe in adozione a una coppia gay un bambino, perchè i mbambini stanno meglio in Africa nelle loro tribù...certo, a morire di aids, la mbambine infibulate e violentate, con una percentuale spaventosa che non arriva ai cinque anni di età. Sai comè, meglio l'aids, l'infibulazione, la fame, le violenze inaudite, la morte prematura piuttosto che affidarli a due sodomiti peccatori ( così vengono definiti i gay). Ma che vadano tutti all'inferno! Scusa ma mi fanno proprio arrabbiare, tra l'altro molte persone in questo paese hanno subito un lavaggio del cervello grazie ai Media per cui, appena gli parli della Spagna e dei progressi civili che sta facendo ti dicono che la Spagna fa schifo, Zapatero è uno str...ma insomma, noi italiani chi i crediamo di essere? Pensiamo davvero di essere esempio di virtù? A giudicare dal giudizio che spesso hanno di noi all'estero non mi sembra. Forse una sana autocritica non guasterebbe e soprattutto rimboccarsi le maniche per cambiare un pò in meglio questo paese. Atto primo, mettere i vescovi e la Chiesa al loro posto. Atto secondo, garantire maggiori diritti a gay, donne, bambini, l'asse debole di questo paese. Ciao carisssima sei splendida!
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.