Community
 
Fior_di_Spina
Profilo
Blog
Sito
Foto
   
 
Blog
Un blog creato da Fior_di_Spina il 16/08/2008

Alba Inversa

Parlo in silenzio, urlo dal profondo. Lacrimo quel veleno ai troppi sconosciuto. Sono eclissi di luna, germoglio di dolore. Io, Alba Inversa.

 
 

 

Cercami... Trovami.

Post n°628 pubblicato il 19 Febbraio 2013 da Fior_di_Spina

Trovare Parole...


Clicca: -Veleno di Spina-

 

-Veleno di Spina-

 
 
 

.

Post n°627 pubblicato il 17 Marzo 2012 da Fior_di_Spina
 
Tag: Clic

parole muoiono dentro

come lacrime non versate


marciscono

nel veleno del silenzio


clic

 
 
 

Nebbia

Post n°626 pubblicato il 03 Marzo 2012 da Fior_di_Spina
 

Emergono dal nulla
dita Scheletriche
di rami rinsecchiti
mentre Piovono su loro
pensieri di Pioggia.

Cadendo e scivolando
l'agonia Silenziosa
nutre Radici
affondate nel male più cupo.

Linfa di Veleno scorre
appena Sotto la pelle.

 

Dita come Artigli...

 
 
 

Per chi Vuole pensare...

Post n°625 pubblicato il 28 Febbraio 2012 da Fior_di_Spina
 

"I veri pessimisti
sono i venditori di Ottimismo.

Disperano tanto dell'Uomo
da ingannarlo
con le speranze"

(Giuseppe Pontiggia)

 

...

 
 
 

Ci sono vite...

Post n°624 pubblicato il 27 Febbraio 2012 da Fior_di_Spina
 

Ci sono vite perdute,
vite che non trovano una strada sicura,
una rotta certa.

Ottenebrate dal dolore, si nutrono di insicurezze.
Esistenze atterrite tracimanti timori, chiuse in una torre a disperare.
Esseri che provano sensazioni che altri non realizzano, nè immaginano.

Un sottile, malvagio, insano piacere li pervade,
un ghigno diabolico si stampa sul loro volto,
perché quelle emozioni sono uniche, irripetibili, magiche.

Perché pur isolandoli, sono esse che li rendono uomini.

(Salvatore D'Anna)

Salvatore d'Anna

 
 
 

Immagino...

Post n°623 pubblicato il 25 Febbraio 2012 da Fior_di_Spina
 

"La Nebbia è così Fitta che anche gli Spettri hanno bisogno di candele"

 

la nebbia è così fitta che anche gli spettri hanno bisogno di candele

 

"Per essere un Vero illuminato
bisogna saper Fissare l'Oscurità con gli Occhi aperti."

 

(Not Forgotten - Film)

 
 
 

Silence

Post n°622 pubblicato il 22 Febbraio 2012 da Fior_di_Spina
 

E' il bisogno.
La necessità.
La pelle compressa dal ribollire dei pensieri si tende, come a voler esplodere.
Afferro una penna, continuazione delle mie dita tremanti per lo sforzo di contenere, e un pezzo di carta. Va bene qualsiasi cosa, un foglio strappato, uno scontrino.

Bisogno-Necessità di espellere ciò che di marcio mi consuma.

Il conato di vomito è potente, mi scuote le membra, ma lo stomaco è pieno solo di incapacità.
E la punta della biro ondeggia sulla tavola bianca senza riuscire a sputare nulla.
Una linea, due... mezzo cerchio, tratteggi ripetuti e ossessivi, righe come sbarre di prigione.

Tutto il mio dolore ristretto in uno scarabocchio senza senso.

Non mi resta che deglutire e ingoiare l'acido veleno di un rigurgito incapace di spurgare parole.

 

Vomito silenzio...

 
 
 

...

Post n°621 pubblicato il 16 Febbraio 2012 da Fior_di_Spina
 

Bassorilievo di vita,
ogni scheggia di dolore
ha inciso sulla banalità del quotidiano
un disegno di sangue
nella mia anima.

Il tormento
cesella la mia pelle
con cicatrici
che sembrano arabeschi.

Sono Unica
come un'opera d'arte,
in-tagliata
nell'inquietudine.


Incisioni di Buio.

 

 
 
 

Quiete...

Post n°620 pubblicato il 15 Febbraio 2012 da Fior_di_Spina
 

Tumultuoso
Cumulo di Parole
che Opprime
un petto Silenzioso.

Spine nascoste tra Petali di Velluto.
Saette di Dolore tra sorrisi senza Fiato.

Scarabocchio il Tormento
su fogli inutili.

Insofferente a ogni luce che mi Circonda
voglio solo un Abisso Nero
dove Trovare Quiete e
oblio dal Vivere.

 

Spine in una Bolla.

 
 
 

Eco di Tormento

Post n°619 pubblicato il 14 Febbraio 2012 da Fior_di_Spina
 

Foto Mia.

 

Il Cielo
è Vapore di polvere d'Oro,

il Sole
una Palla Arancio sbiadita.

Tutto è Soffuso
in questa Cartolina di Natale...
Tetti di Neve,
case piene e vuote.

Stringo i Denti.
Non deve scendere nemmeno una Goccia.

Ma Affogo.
Dentro.

 

"Tutta la mia vita ho aspettato
in questo profumo di dolore...
  I fiori del Male"

(Cola in Gola
il Sangue del Tormento
- l'eco, l'eco del tormento -
che Strappa i Respiri)

 

 
 
 

Ridi Pagliaccio

Post n°618 pubblicato il 13 Febbraio 2012 da Fior_di_Spina
 

Tutti mi Guardano

e da me si Aspettano questo:

la Gioia.


E io li accontento.

Gioco, rido, Canto.


Attingo ogni Disperazione

dentro me

e la Trasformo

-per Loro-

in Energia.


Non sanno nemmeno il Male che mi Fanno.

 

Vedono solo il sorriso

Rosso Sangue

dipinto sulle Labbra

scordandosi di Guardare 

la Lacrima Nera

che scivola

dall'Anima.


Ridi Pagliaccio, Ridi.

 

Guardi le Labbra Rosse e non Vedi la Lacrima Nera

 
 
 

Vorrei...

Post n°617 pubblicato il 08 Febbraio 2012 da Fior_di_Spina
 

Vorrei... Sciogliermi...

Come una statua Fredda
mi vedo
fuori di Me
-dal tempo, dallo spazio-
Invisibile
mescolata a Sorrisi senza Volto
guardo Loro
e la Vita che scorre
e le persone che Parlano.

Discorsi inutili
Bocche piene
Pensieri vuoti

Pozzanghere senza profondità.

 

E vorrei
Sciogliermi

piccola Pozza di lacrime

buco Nero in cui Perdermi

 

E dimenticare
la banalità che Pervade
ovunque Poso lo sguardo.

 
 
 

...

Post n°616 pubblicato il 05 Febbraio 2012 da Fior_di_Spina
 

La CLAUSTROFOBIA (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti e di tutti i luoghi angusti in cui il soggetto si ritiene accerchiato e privo di libertà spaziale attorno a sé.

È una delle fobie specifiche: le persone che ne soffrono manifestano una sensazione di malessere generale che risveglia paure archetipe (solitudine, vuoto, impotenza) e si può manifestare con attacchi di panico, senso di oppressione, difficoltà di respirazione, iperventilazione, sudorazione e nausea.

(WIKIPEDIA)

...

 
 
 

Parole

Post n°615 pubblicato il 03 Febbraio 2012 da Fior_di_Spina
 

Consunte ormai.
Abusate, violentate.
Detesto l'incapacità di esprimermi.

Spalanco la Voragine
dei miei Pensieri,
e trovo solo

inadeguati, inutili, insignificanti

Vocaboli Scaduti.

Dolore aggiunto a Dolore è non Saper Esprimere Dolore.
Dolore aggiunto a Dolore è non Saper Esprimere Dolore.

 
 
 

...silenzio...

Post n°614 pubblicato il 02 Febbraio 2012 da Fior_di_Spina
 

Shhh...
                                                                                     Foto mia


   La Neve copre  
      ogni goccia     
      di Sangue.    

 
 
 

Candore Inverso...

Post n°613 pubblicato il 29 Gennaio 2012 da Fior_di_Spina
 

Le mie Lacrime
sono di China,

vomito del Catrame
che si Nutre di Me...

 

Nero pece esonda dai Pensieri.

 
 
 

Monolito Metamorfico.

Post n°612 pubblicato il 22 Gennaio 2012 da Fior_di_Spina
 

Rinchiusi
Ognuno nella Propria Solitudine
non si hanno più
Occhi e Orecchie
per guardare e sentire
La Solitudine degli altri.

E non resta che
Versare Lacrime
per se Stessi.

Ognuno, solo.

Soli.

 
 
 

Tramonto

Post n°611 pubblicato il 16 Gennaio 2012 da Fior_di_Spina
 

Girandola di Niente
ruota
Vorticosa
su se stessa.


Sogna il Vento
per avere un Fine.

Attende,,,

Una Fine.

 
 
 

La Spina del Diavolo

Post n°610 pubblicato il 15 Gennaio 2012 da Fior_di_Spina
 

"Che cos’è un fantasma?

Un evento terribile condannato a ripetersi all’infinito
Forse solo un istante di dolore
Qualcosa di morto che sembra ancora vivo
Un sentimento sospeso nel tempo
Come una fotografia sfocata
Come un insetto intrappolato nell’ambra"

(La Spina del Diavolo - Film)

 

Questo sono...

 
 
 

Oggi, h. 15.45

Post n°609 pubblicato il 14 Gennaio 2012 da Fior_di_Spina
 

Strada di campagna, ci passano giusto due macchine.
E io vado veloce, lo so, più di quello che dovrei, ma non so trattenere il bisogno di schiacciare l'acceleratore.
80, 90, quando arrivo a 100 chilometri orari, mi stabilizzo.
So che a destra e a sinistra ci sono i campi, ma non li vedo.

E' la nebbia.

Viaggio nel nulla, con Mater Lacrimarum dei Cradle Of Filth che mi urla nelle orecchie. Il volume è al massimo, l'autoradio non permette di più. Vibra lo sterno al ritmo delle note torturate. E' l'unico modo che conosco per ascoltare seriamente la musica.
Mentre sfreccio sento, so, che i cani infernali si affiancano alla macchina, ne percepisco l'abbaiare tra le parole gridate:

"Lei è nostra Madre delle Lacrime
L'ululato del vento
Lei è l'amante di tutte le nostre paure
Mater Lacrimarum"

Una curva e la nebbia è sparita, splende il sole sui campi, vedo perfino le montagne. Sbatto le palpebre per difendere gli occhi feriti da questo chiarore che non mi appartiene.
Se non fossi così stanca, girerei la macchina per tornare a correre nell'abbraccio della cenere umida.
Ma poi cambia anche la canzone, gli accordi iniziali d Nymphétamine, mi fanno sorridere.
E' evidente il contrasto tra la voce di lei, e i suoni di lui. La luce e l'abisso, carezze e graffi, nenia che culla e grida.

Proseguo per la mia strada.

E' vero, il sole mi illumina il viso, ma io possiedo l'ombra della nebbia nel cuore.

 
 
 
Successivi »