Creato da Gioiasole il 24/11/2006

Funambola

Il segreto per andare avanti è iniziare (S. Berger)

 

 

« Poi non lamentiamoci9 giugno 2010 »

Ma un bel "ma che te ne frega", no?

Post n°151 pubblicato il 07 Aprile 2010 da Gioiasole

"...cerco solo di non dire niente di sbagliato. E allora va a finire che non parlo, e faccio la figura di quello che non ha niente da dire." Diego De Silva, Non avevo capito niente


Credo che le cose vadano dette senza tanti giri di parole; eppure è un'arte che non ho ancora imparato. Più che l’assenza di parole, mi sorprende il fatto che, anche se la voglia di comunicare è tanta, esse gìrino a vuoto in un serbatoio pieno senza trovare la loro naturale via d’uscita. Ecco: naturale. Abbiamo qualcosa da dire? Diciamola. Invece no: siamo pieni di sovrastrutture, di schifosissimi limiti che il più delle volte ci siamo creati da soli e, anche, accidenti a loro, di paure. Paura di dire pure la cosa più giusta ma nel modo sbagliato, di essere fraintesi, di annoiare, di essere fuori luogo, di non essere accettati, in fin dei conti. La cosa più importante diventa il mostrarsi in un certo modo: naturalmente è sempre un modo che pur ci piace, che ci attrae, ma che poi alla fine non ci fa affatto dire quello che volevamo dire.

Accadde una normalissima mattina, in un bar normalissimo di una normalissima cittadina di provincia: mi stavo gustando un meraviglioso cappuccino, di quelli densi e pannosi che ti fanno venire voglia di fare come i bambini e di spazzolare con la lingua bordo bordo per raccogliere tutta la panna adagiata nella tazza, quand’ecco che dalla radio sparano a tutto volume “Felicità” di Albano e Romina. Come mi sono goduta quel momento, non si può raccontare. Non avevo compagnia, eravamo io e la mia tazzona accoccolata tra le mani, cantavo “un bicchiere di vino con un panino, la felicità” ed ero felice. Felice di non dover vedere nessuno snobbissimo paio d’occhi fuori dalle orbite per quella canzone che tutto è considerata fuorché trendy, felice di non dovermi sorbire chiacchiere inutili, sorrisi inutili, smancerie inutili. Felice di non dovermi preoccupare della canzone giusta, del vestito giusto, del trucco giusto, delle parole giuste. Ero felice di essere felice di quella normalissima mattina. Ero felice. Punto. Ed è bella, la felicità, quando puoi condiverla con qualcuno. Ma se avessi raccontato a qualcuno, che pur mi adora, quanto mi era piaciuto ascoltare Felicità di Albano e Romina, sarei stata presa per una povera quarantenne rincoglionita sul viale del tramonto. Perché è ovvio che, poi, non ce l’ho fatta e l’ho raccontato e col “mi sa che un po’ ti sei rincoglionita” si è persa tutta la magia di quel momento.

Ok, non ho detto praticamente nulla, eppure ho detto tutto quello che avevo da dire: ho un milione di cose belle, ridicole, divertenti, spensierate, ma anche tristi e deprimenti, perché ci stanno, da tirare fuori, ma non ci riesco. Finché Santa Sovrastruttura mi resterà appollaiata sulla spalla come una scimmia.

 

P.S.: Però quando ci penso, a quella normalissima mattina, mi sbrilluccicano ancora gli occhi.

Le cose che non dici

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
site statistics
 

AREA PERSONALE

 
E ti vengo a cercare anche solo per vederti o parlare perché ho bisogno della tua presenza per capire meglio la mia essenza
E ti vengo a cercare con la scusa di doverti parlare perché mi piace ciò che pensi e che dici perché in te vedo le mie radici
E ti vengo a cercare perché sto bene con te perché ho bisogno della tua presenza
F. Battiato
 
 
"Non possiamo sapere cosa ci potrà accadere nello strano intreccio della vita. Noi però possiamo decidere cosa deve accadere dentro di noi, come possiamo affrontare le cose, e quale decisione prendere, e in fin dei conti è ciò che veramente conta." J.F. Newton
 

ULTIME VISITE AL BLOG

releardglfraduro0soloperunamicocloridanocinieri.cinieriodio_via_col_ventoraffaellasvergolaGioiasolemassimo.schinchiilike06bal_zacalicino84criscapeossimoraossidianaviola
 

Non vi è nulla di meno seducente della presenza ossessiva, quasi ingombrante di una persona che invade ogni spazio della vita dell'altro. Impara dai musicisti a dosare le pause. Come nella musica le pause hanno la funzione di creare attesa, di lasciare senza fiato, così la tua assenza e il tuo silenzio possono alimentare il desiderio che l'altro ha di stare con te.

 

ULTIMI COMMENTI

Buon Natale, un anno dopo... :) W.
Inviato da: falco58dgl
il 23/12/2011 alle 15:21
 
Ognuno ha una carica emotiva "finita"...
Inviato da: upmarine
il 30/08/2011 alle 17:31
 
va be', li prenderò anche come auguri di...
Inviato da: odio_via_col_vento
il 24/04/2011 alle 21:53
 
e tanti auguri di buon anno :)
Inviato da: nnsmettodsognare
il 12/01/2011 alle 11:06
 
Scusa il ritardo ma sono ancora in tempo, spero, per farti...
Inviato da: arimatec
il 02/01/2011 alle 14:50
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: Gioiasole
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 48
Prov: PE
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.