Blog
Un blog creato da IlGiocoDellePerle8 il 31/08/2011

Il Gioco del Mondo

Rayuela...un sassolino e la punta di una scarpa

 
 

 

« OrienteInsieme »

Vita sul mare, tra l'amore e la morte

Post n°206 pubblicato il 21 Aprile 2013 da mizar44

Parlo di quel mare che ho visto tante volte a poppa delle navi: un foglio blu solcato da una scia che a poco a poco si dissolve, come una frase d'amore scritta invano.

Amare: gia solo la parola ha dentro il mare. E a pensarci, è  sempre e solo il flusso instancabile del mare ad unire due rive diverse, opposte, lontane. A toccarle della stessa sostanza, ad eludere e confondere ogni lontananza. Una cosa che somiglia all'amore.

Il mare e l'amore, che hanno l'uno i principi dell'altro, e leggi solubili nell'altra. Così facile è allora prestarsi a vicenda le luci, le ombre, le immagini e i suoni: somigliano a simboli che diventano codici.

Si racconta lo sciabordio del mare per evocare una malinconia amorosa, dare voce al desiderio inespreimibile; all'alba di un sentimento appena nato o al naufragio di un sentimento stanco e già vissuto.

Si descrive l'energia del mare, la sua spuma, per raccontare meglio una passione, le sue ansie, i suoi affanni e il suo furore. Quando un sentimento nasce, emerge piano, silenzioso e inarrestabile come la mare. Un flusso che sommerge le rive conosciute, le trasforma e gli infonde nuova e sconosciuta vita. Non si vede più terra, non c'è punto cospicuo, non c'è orientamento nè più convenzione.

Nell'alto mare della passione d'amore ci si imbarca in un viaggio che è senza ritorno, con bagali di attese, con ondate di ansia e la meta è insicura, vagante. Si manovra il timone con gli occhi bendati, si attraversa uno stretto senza carte nè luce di fari, si dirige la prua verso il senso presunto del sole, e si arriva in un punto impreciso del largo, dove un sogno anelato, improvviso compare. Ed è lì che ti aspetta qualcuno, in quel giro di boa dove un cambio di rotta ti vira la vita. E quando il cuore raggiunge il livello del mare, in quella frontiera tra l'abisso e la luce, l'amore più volte diventa dolore.E' un mare che unisce e divide, che divora e respinge, che fa veleggiare illusioni e sprofondare emozioni, che imbarca passeggeri di amori cloandestini e getta a riva sogni di impossibili passioni.

E' cosi che succede la resa, nel residuo dell'ultima onda, dell'ultima stretta, dell'ultimo bacio negato. Amore che allora deve morire per non più ferire. Ma non è ancora arrivata la fine. E' ancora più giù, dove nessuno scandaglio ti aiuta a capire. Ancora più in fondo del mare nascente che invece, quel giorno d'inizio, sapeva evocare un futuro stellare.

Non più parole, non più promesse o carezze: nel fondo del mare solo relitti di una felicità che è stata. Laggiù non ci sono parole: l'abisso del mare è un vuoto abitato che non conosce parole. Cassetto remoto di tutte le avventure finite, delle occasioni mancate, delle ambizioni fallite, di tutte le speranze che non sono approdate.

Sotto la superfice del mare, giù dove il sole non arriva a far palpitare la vita, comincia un altro pianeta. Di ombre nell'ombra. E' così che ogni volta cxhe si guarda lontano sul mare, anche il più radioso dei mari, c'è sempre nel fondo degli occhi un'inquieta emozione, lo spettro di una perduta passione. E' un'eco lontana, emerge dal fondo e si avverte soltanto. 


Che sia questo morire? 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/GiocoDellePerle8/trackback.php?msg=12052750

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
claudia.sogno
claudia.sogno il 22/04/13 alle 21:21 via WEB
sei l'inatteso, un Jumanji
l'anomala ondata
in un giorno perfetto
ti sento arrivare,
dono del mare
 
 
mizar44
mizar44 il 25/04/13 alle 09:16 via WEB
il mare restituisce sempre tutto...soprattutto i ricordi... per gli uomini e le donne di mare rappresenta l'aspirazione ad una vita che viva sopra le righe...sopra le onde...sopra le ore e i giorni...come sa bene una surfista di anime...che chiamo handalusia....
 
   
claudia.sogno
claudia.sogno il 25/04/13 alle 18:23 via WEB
Hangloose...hanno nome quelle onde,il posto dove si posa l'aria
 
     
hangl00se
hangl00se il 25/04/13 alle 18:39 via WEB
Abbiamo imparato a navigare su onde ... ora dobbiamo imparare a navigare nel vento
 
     
claudia.sogno
claudia.sogno il 26/04/13 alle 22:28 via WEB
navigheremo col vento a manciate di luce
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

ULTIMI COMMENTI

Benvenuta Gioh alla rayuela più trascurata al...
Inviato da: IlGiocoDellePerle8
il 03/11/2013 alle 23:12
 
E' stimolante poter scrivere qui, fra tante altre...
Inviato da: gioh87
il 13/10/2013 alle 09:47
 
ush!
Inviato da: Perturbabile
il 23/09/2013 alle 09:10
 
sei sempre pastaMadre quando scrivi Ush...
Inviato da: claudia.sogno
il 21/09/2013 alle 14:30
 
ti abbraccio Gioè...da quantotroppo non passo da qui..
Inviato da: claudia.sogno
il 21/09/2013 alle 14:29
 
 

Ideatore&Autore del blog

claudia.sogno

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova