Creato da gnappa82 il 05/07/2006
 

Magna Magna

Ricette testate e raccomandate...!!!Blog di frivolezze che ogni tanto diventa serio...ma non troppo spesso ;) !!!...Chi in un momento di follia non ha sognato di conquistare il mondo?! :D

 

Messaggi del 12/07/2006

Risotto con zucchine e zafferano

Post n°16 pubblicato il 12 Luglio 2006 da gnappa82
 
Foto di gnappa82







Ingredienti per 4 persone:

  • 360g di riso arborio
  • 4 zucchine di media grandezza
  • 1 bustina di zafferano
  • Brodo vegetale(preparato con dadi senza grassi vegetali idrogenati se è possibile)q.b.
  • Cipolla q.b.
  • Olio q.b.
  • Burro q.b.
  • 150g di caciocavallo
  • Sale q.b.
Procedimanto:
In una pentola antiaderente preparare un leggero soffritto con la cipolla e l'olio.
Tagliare le zucchine a cubetti e unirle al soffritto portando avanti la cottura.
Quando saranno ben rosolate,unirvi il riso e farlo tostare.
Continuare la cottura unendo a poco a poco il brodo vegetale.
Quando il riso è quasi cotto unire lo zafferano sciolto in un pò di brodo e aggiustare di sale.
A fine cottura spegnere il fuoco e unire una o due noci di burro per far mantecare il riso e arricchire infine con i cubetti di caciocavallo.

Difficoltà:Media
Tempo:40 minuti

Cuoco:Gnappa

Breve storia dello zafferano:

La pianta, originaria dell'Asia Minore, fu impiegata fin dall'antichità per uso tintorio, farmacologico, cosmetico e gastronomico. Le sue proprietà erano note agli Egizi come conferma il Papiro di Ebers del 1550 a.C. ca, ma anche in ambito cretese-miceneo, tanto che il fiore dello zafferano è raffigurato nelle pareti del Palazzo di Cnosso. Nella Bibbia e precisamente nel Cantico dei Cantici, lo zafferano viene associato alle piante più aromatiche e pregiate che nascono nel giardino. Conosciuto anche in India, è citato nei Veda, tra i più antichi testi del brahamanesimo ed ancora usato dai monaci buddisti per tingere le loro vesti. I Greci, successivamente i Romani e gli uomini del Medioevo, chiamarono la pianta "croco" (dal greco "krokos").Omero nell'Iliade indica il croco, insieme al loto e al giacinto, tra i fiori del letto di nuvole di Zeus, re dell'Olimpo. Il medico greco Ippocrate loda le sue facoltà farmacologiche raccomandandolo contro i reumatismi, la gotta e il mal di denti. Il collega Galeno addirittura lo prescrive per tutti i mali. I Romani lo usarono soprattutto in cucina: famose le ricette di Apicio con salse a base di croco per condire il pesce. Gli Arabi lo diffusero in Spagna, che ancora oggi è la più grande produttrice di questa pianta. Si deve pertanto agli Arabi il mutamento nel corso del Medioevo del nome, da croco a zafferano. La parola deriva dal persiano "sahafaran", da "asfar" (giallo), passato nell'arabo "za'faran" e quindi nello spagnolo "azafran". Il giallo si riferisce al colore assunto dagli stimmi dopo la cottura.Soprattutto in Italia, con lo sviluppo della civiltà mercantile del sec. XIII, lo zafferano fu coltivato e commerciato come pianta tintoria, in particolare per colorare panni di lana, seta, lino e fu usato anche nella pittura. Nel Medioevo continuò comunque anche l'uso farmacologico, come antispasmodico e sedativo, contro i dolori mestruali e dentali, l'insonnia, l'isteria. Lo zafferano fu ritenuto importante per la salute di stomaco, milza, fegato, cuore. Si pensò perfino che favorisse il parto, ritardasse la vecchiaia e aumentasse le capacità amatorie. Di conseguenza, oltre che in svariati liquori, nei profumi e nei cosmetici, lo zafferano ebbe largo impiego tra Medioevo e Rinascimento anche in cucina. Fu così la regina delle spezie prima che si diffondessero altre piante a seguito della scoperta dell'America.In Italia centrale fu usato per condire carni di capretto, piccione, pollo, pesci quali lucci e tinche, minestre, frittate, formaggi, biscotti, frittelle... Fu accompagnato a farro, ceci, piselli, zucche, fave, rape, funghi…Una pianta così magica non poteva non colpire i poeti, affascinati, tra l'altro, dalla bellezza del fiore violetto, dagli stimmi di un rosso infuocato e da un colorante dal giallo splendente.

Fonte: www.cittadellapieve.org


 
 
 

IMPORTANTE

AREA PERSONALE

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: gnappa82
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 35
Prov: CZ
 

TAG

 

ULTIME VISITE AL BLOG

andreadifelicegiallojohnnypinacarelloQuivisunusdepopulomiciola2010baru555capitanellaprometeo3000diletta.castelligiu1308nosdeofrancesco67ISOLANO19dolcesettembre.1anna.001caponiroberta
 
Citazioni nei Blog Amici: 43
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

MICHELINO...

NICOLINO...




 

PERLE DI SAGGEZZA



"Ho gente che mi ama...
non devo frequentare
chi non mi stima!"


Per gentile concessione dal blog di Elyrav


"Tutti i grandi sono
stati bambini una volta

(Ma pochi di essi
se ne ricordano)"


Tratto da:Il piccolo Principe

"Running over the same
old ground
what have we
Found?
The same old
fears
wish you
were here"

Tratto da:Wish you were here
(Pink Floyd)


"Non lasciarti convincere
che vinca sempre il più
abile
la stupidità divora
facce e nomi
senza storia"

Tratto da:L'impossibile vivere
(Renato Zero)

"Ciò che desideriamo
e non possiamo
conseguire
ci è più caro
di quello che
abbiamo già conseguito"


Gibran
 

"Gli uomini comprano
dai mercanti
le cose già fatte,
ma poichè non esistono
mercanti di amici
gli uomini non hanno
pù amici.
Se vuoi un amico
Addomesticami"

Tratto da:Il Piccolo Principe

 
 

ULTERIORE PERLA DI SAGGEZZA...

"C'è un unico tipo di
amore che regge:
Quello incorrisposto!"

Tratto da "Ombre e nebbia"
(film del 1992 di Woody Allen)

"Se il dito indica
il cielo,
l'imbecille guarda
il dito!!"

Tratto da "Il favoloso mondo di Amelie"

"Chi ora fugge
presto inseguirà
Chi non accetta doni
ne offrirà
e se non ama
presto comunque amerà"

Tratto dal foglietto dei BaciPerugina
(Saffo)

 
 
 
Template creato da STELLINACADENTE20