Gocce

Momenti di vita condivisi

 

 

 

 

ARPA E VIOLINI

 

 

 

 

 

 

 

 

"Non le dicevo niente, la guadavo....

E mi innamoravo."

(da Il Postino)

 

 

Solo un briciolo di attenzione....

Post n°3349 pubblicato il 20 Aprile 2015 da anna545

Sono solo un post!
Sto qui ad occupare un piccolo spazio su questa pagina dove parole, tante parole mi hanno regalato la vita. Non ho nessuna pretesa, non cerco attenzione, non mi sto dando importanza, sono stato scritto e silenzioso...  resto in attesa. Qualcuno prima o poi mi leggerà! Di nascosto spio l'espressione di chi mi sta leggendo, quasi riesco a leggerne il pensiero... Osservo attento il viso di una donna un po' triste che gira tra un blog e l'altro per cercare qualcosa che allevi la sua pena. Guarda guarda un altro lettore che va cercando post erotici  per tirarsi un po su, non si ferma neppure a leggere, se ne va pensando:  "Un'altra depressa!!!!  Sto qui, sono fatto di parole che forse nell'insieme non dicono  nulla ma che ti hanno costretto a fermarti e leggermi. Bene, ora che lo hai fatto e che tutto sommato s
ono forsel'unico post senza foto aggiunta, senza rime, senza poesia, regalami un sorriso, dopo tutto per essere qui sono state usate un sacco di consonanti, di vocali, qualche virgola. Ho solo il compito  di riempire questo spazio "nero" che da solo si sentirebbe inutile.....

 

 
 
 

Caos

Post n°3348 pubblicato il 20 Aprile 2015 da anna545

Da bambina non mi adattavo a dover imparare le regole, sopratutto quelle della scuola, non volevo realizzarmi nella "norma", in quello standard che tutti pretendevano. Mentre cercavano di farmi diventare "brava" sviluppavo in me pensieri che mi portavano a seguire altri fini. Poco mi importavano i giudizi e i successivi castighi! Mi sono rovinata con la crescita, dando, educatamente, troppo spazio al parere altrui.... Ora che sono "grande" mi chiedo: "E se tornassi ad essere bambina fuori dalla norma"?
Woowww che caos succederebbe!!!

 
 
 

Adesso

Post n°3347 pubblicato il 20 Aprile 2015 da anna545

Adesso! Se riesco stare in esso, io sono presente a me stessa.
Non vengo assalita da emozioni negative, non provo rancori, mi si cuce addosso un abito di estraneità. Consapevole di ciò, ogni giorno cerco di restare per qualche minuto, da sola, fuori dal tempo, fuori da tutto. Mi affido alla vita separandomi così, se pur per pochi istanti, dalle cose comuni. E vivo l'Adesso!!!!

 
 
 

Cenere....

Post n°3346 pubblicato il 20 Aprile 2015 da anna545



A Te amico/a mio/a un piccolo suggerimento...

"Nel passato hai gioito e sofferto? Ebbene prendi un pezzo di carta e una matita, trova un posticino tranquillo dentro la tua casa e scrivi su di esso tutti quei momenti. Ricorda il più possibile, torna indietro più che puoi, raccontati anche quello che hai cercato di "nascondere" a te stesso/a, scrivi tutto, ma proprio tutto... Stropiccia poi il foglio, riducilo a una piccola pallottolina... Guardalo e di a te stesso/a che lì dentro è racchiuso il tuo passato, riaprilo, stendilo con le mani, rileggi una, due volte ciò che in esso è scritto, le offese subite, quelle procurate, le gioie vissute o regalate, l'amore che ti ha ferito/a, l'amore che ti ha reso forte, le cadute e le riprese, le false amicizie, i sorrisi di circostanza, le parole di addio che ti hanno fatto soffrire.... Brucialo! Brucia tutto ciò, se ti è possibile disperdi le ceneri. E ti sentirai rinascere, pronto/a a nuove gioie, nuovi amori,  forse nuove sofferenze, ma pronto/a a vivere l'oggi, senza più voltarsi indietro..
Guarda ciò che era, ora volteggia nel vento, cenere ... nulla più"..

Facile a dirsi? Prova!!!

 

 

 

 
 
 

Domande

Post n°3345 pubblicato il 20 Aprile 2015 da anna545

L'anima, questa benedetta compagna che ci portiamo addosso ha delle esigenze ben precise che manifesta quotidianamente, ma noi siamo in sintonia con esse? Oppure possediamo un'idea diciamo "statica" di noi stessi? Quanti di voi (almeno una volta) non ha mai detto: "Io sono fatto/a così"? A volte ci costringiamo a vivere dietro una maschera ben diversa dalla nostra vera natura... per timore o per comodità? Qualcuno vuol rispondere a queste forse sciocche e inutili domande?

 

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: anna545
Data di creazione: 23/10/2010
 

TAG

 

 

 

 

La donna uscì dalla costola dell’uomo, non dai piedi per essere calpestata,nè dalla testa per essere superiore.
Ma dal lato per essere uguale, sotto il braccio per essere protetta e accanto al cuore per essere amata.
William Shakespeare

 

 

 

 

L’amore non dà nulla fuorché sé stesso
e non coglie nulla se non da sé stesso.
L’amore non possiede,
né vorrebbe essere posseduto
poiché l’amore basta a all’amore.
Kahlil Gibran