Creato da: Guerrino35 il 17/08/2006
blog ufficiale del libro Quando

immagine

Per richiedere Quando

ndreditore@yahoo.it

 

Contatta l'autore

Nickname: Guerrino35
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 82
Prov: TO
 

Tag

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 19
 

Ultime visite al Blog

misteropaganoIrrequietaDElemento.Scostantechristie_malrytobias_shuffleil_pablomariofiorenza.mGuerrino35ranocchia56makavelikaGiuseppeLivioL2moschettiere62sognatric3mgf70martollo
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« SIGONELLALa narrazione che ha ucc... »

CINQUE ANNI DI GUERRA IN SIRIA

Post n°477 pubblicato il 24 Marzo 2016 da Guerrino35

Cinque anni di guerra in Siria

Higinio Polo | elviejotopo.com
Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

15/03/2016

Oggi fanno cinque anni da quando è iniziata la guerra in Siria. La maggior parte delle fonti ne data l'inizio al 15 marzo 2011.

In quei giorni sulla stampa internazionale si parlava di manifestazioni a Damasco e in altre città siriane, di confuse informazioni sui morti nelle proteste represse dalla polizia e anche delle manifestazioni dei sostenitori di Bashar al-Assad, nella caotica ondata delle "primavere arabe" che ha avuto inizio in Tunisia, per proseguire in Egitto e in altri paesi. L'emergere di nuovi attori politici in Siria, come la "Organizzazione siriana per i diritti umani", che ha fornito informazioni ai media di tutto il mondo e che dietro aveva la mano dei governi occidentali, ha iniziato a cambiare la situazione. Allo stesso tempo, in quei giorni di marzo, Francia e Gran Bretagna stavano preparando la guerra contro Gheddafi, mentre Obama, che aveva minacciato il leader libico, dichiarava di non essere intenzionato a inviare truppe in Libia, ma che avrebbe agito secondo un altro piano. Una settimana dopo l'inizio della guerra in Siria, la flotta Usa si preparava a lanciare l'attacco in Libia, e gli aerei inglesi, americani e francesi cominciarono a bombardare il paese. E l'Arabia Saudita interveniva in Bahrain per reprimere le proteste della popolazione.

Non c'è dubbio che le prime proteste in Siria siano state duramente represse dal governo e il numero dei manifestanti morti, anche se oggi ancora non ben definito, lo dimostra. Queste manifestazioni di protesta furono rapidamente riconvertite dalle monarchie del Golfo e dai servizi segreti nordamericani in gruppi armati beneficiari di finanziamenti, armi e sostegno diplomatico, oltre a un enorme impatto sui media occidentali. L'emergere dell'Esercito Libero Siriano, costituito dai settori dell'opposizione siriana più estremi, da disertori dell'esercito e da jihadisti che iniziavano ad arrivare nel paese, fra i primi gruppi armati, segnarono l'inizio di una guerra civile aperta.

Quelle "primavere arabe", che da quanto si supponeva avrebbero inaugurato un'epoca democratica e di libertà in gran parte del Medio Oriente e del Nord Africa, hanno condotto al caos libico (Gheddafi è stato ucciso nell'ottobre 2011, probabilmente da commandos guidati dai servizi segreti occidentali), in cui oggi anche i bambini vengono rapiti e impiccati. Hanno portato anche al colpo di stato egiziano, sostenuto dagli Stati Uniti, e in Yemen alla caduta di Ali Abdullah Saleh del febbraio 2012, avvenuta dopo il sanguinoso intervento militare di Arabia Saudita, Qatar, Emirati Arabi Uniti, con la complicità e l'appoggio statunitense, che prosegue oggi anche se non suscita tanta attenzione internazionale.

La Siria è stata trasformata in un campo di battaglia dove diverse milizie e gruppi terroristici sponsorizzati da Arabia Saudita, Turchia e dalle monarchie del Golfo Persico, aiutati dagli Stati Uniti e in compagnia di Daesh e al-Qaeda che occupano gran parte del paese, con i gruppi curdi che si oppongono sia al governo di Damasco che ai jihadisti, si fronteggiano con l'esercito siriano di Bashar al-Assad, che riceve l'aiuto dell'Iran e del libanese Hezbollah, oltre ai bombardamenti russi che attaccano le truppe jihadiste che si oppongono al governo di Damasco. La Turchia, l'Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti si sono dimostrati disposti a inviare truppe in Siria, con l'obiettivo palese di rovesciare il governo siriano.

Gli incerti negoziati di Ginevra, stimolati da Mosca e infine accettati da Washington, possono essere il modo per raggiungere la pace. Ma la tregua è molto fragile. Gli Stati Uniti volevano fin dall'inizio rovesciare il governo siriano con la vecchia scusa di promuovere la democrazia, pretesto che ha già inondato di sangue tutto il Medio Oriente, dall'Afghanistan all'Iraq, passando per Siria e Yemen, per non parlare della Libia. Perché il mostro della guerra è sempre peggio di una dittatura. L'irresponsabilità Usa ha scatenato il massacro di centinaia di migliaia di siriani e un esodo di milioni di persone che affollano i paesi vicini e che lottano anche per raggiungere l'Europa. La cecità dei paesi dell'Unione europea, sempre accomodante verso Washington, li ha portati a sostenere i gruppi terroristici stimolati dagli Stati Uniti... senza prevedere che la guerra e la crisi umanitaria da essa innescata avrebbe causato centinaia di migliaia di profughi che cercano di raggiungere l'Europa, rifugiati che ora l'Unione europea vuole ignorare, in uno spettacolo vergognoso fatto di indifferenza e irresponsabilità dei principali governi europei.

Gli Stati Uniti hanno chiamato "opposizione moderata siriana" i feroci gruppi jihadisti da loro armati, che sul terreno non differiscono nelle loro azioni dal Fronte al-Nusra o da Daesh. In questo senso, il linguaggio fa parte della strategia di guerra. Questa "Coalizione Nazionale" promossa dagli Stati Uniti raggruppa decine di distaccamenti armati, molti dei quali dipendenti dai paesi della regione, dall'Arabia Saudita alla Turchia, come pure i gruppi guidati dai servizi segreti, tra cui emergono in particolare quelli di Israele. Va ricordato che nel marzo 2011 Israele aveva insistito con gli Stati Uniti perché venisse subito attaccato l'Iran e, per delega, il suo alleato nella regione, la Siria. In realtà, attaccare la Siria era stata un'ipotesi costantemente avanzata negli anni di presidenza Bush, inerzia poi proseguita da Obama. Il New York Times riportava nel gennaio 2002 che il principe Abdulaziz, capo dei servizi segreti dell'Arabia Saudita, estremamente turbato, aveva così risposto ai funzionari del governo Usa: "Alcuni giorni dite di voler attaccare l'Iraq, altri giorni la Somalia, altri ancora il Libano, altri la Siria ... Chi volete attaccare, tutto il mondo arabo? E volete che vi sosteniamo? È impossibile, impossibile". In seguito, lo scoppio delle "primavere arabe" avrebbe inaugurato uno scenario diverso e l'Arabia Saudita appoggiò il partito dei sostenitori del rovesciamento del governo di Damasco. Fino ad oggi.

Ora i bombardieri del Pentagono si limitano ad attaccare Daesh, la sinistra creatura partorita dalla disastrosa occupazione statunitense dell'Iraq e dai gravi errori dei suoi militari e funzionari nella gestione del paese. Gli Stati Uniti hanno inoltre trascinato gli alleati della Nato, sia pure con riluttanza, nelle loro avventure in Medio Oriente e Nord Africa, mentre la cancrena in Iraq e in Afghanistan, in Yemen e Libia avanza, mentre la sofferenza senza fine del popolo palestinese prosegue ignorata e Israele continua uccidere e mentre Washington lavora per tentare di limitare il peso di Mosca nella regione.

Allo stesso tempo, gli Stati Uniti hanno cercato di evitare morti tra i loro soldati perché i cittadini americani non vedessero le scene desolanti dell'arrivo dei sacchi per cadaveri negli aeroporti, ma senza preoccuparsi troppo del fatto che altri alleati avrebbero preso il loro posto nel gigantesco letamaio in cui è stato trasformato il Medio Oriente. Né il governo Usa ha espresso preoccupazione per la gigantesca crisi dei rifugiati causata dalle loro guerre: la stragrande maggioranza di coloro che arrivano in Turchia, Libano e Giordania, come in Europa, sono cittadini afgani, iracheni e siriani. Una crisi che sta lacerando il continente europeo, riempiendolo di barriere, xenofobia, di indifferenza per la sofferenza altrui e di bande di estrema destra, mentre i governi europei convivono con la violazione dei diritti umani dei rifugiati, con l'umiliazione, con la vergogna.

Le scene dei rifugiati sotto la pioggia, al freddo, repressi dalla polizia in alcuni paesi europei, dei bambini davanti alle recinzioni; i trecentomila morti, gli undici milioni di sfollati, i cinque milioni di profughi: queste sono le uniche vittorie statunitensi, dopo cinque anni di guerra in Siria.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: