Blog
Un blog creato da CercoLei05 il 04/06/2011

FEROCE SALADINO

INDIGNAZIONE

 
 

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

I MIEI LINK PREFERITI

Citazioni nei Blog Amici: 8
 

I DUE EROI

DUE GRANDI PERSONAGGI, DI CUI L'ITALIA NON DEVE MAI DIMENTICARSI

 

 

DIAFRAMMA - SIBERIA

 

NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica perché aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/01. Ove ci fossero immagini o testi che violino i diritti d'autore, su richiesta saranno rimossi immediatamente.

 

 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Post n°53 pubblicato il 09 Novembre 2011 da CercoLei05

BYE BYE BERLUSKA

SPERIAMO!!!!!!

 
 
 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Post n°52 pubblicato il 20 Ottobre 2011 da CercoLei05

RESTIAMO UMANI

Soleterre per la Palestina

Soleterre sta raccogliendo i fondi per la realizzazione di una scuola in Palestina.

La struttura sarà dedicata a Vittorio Arrigoni, ucciso lo scorso 15 aprile.

I fondi raccolti saranno consegnati all'associazione locale AL JENOUB.

Si può donare on line attraverso il sito http://www.soleterre.org/, oppure tramite c/c postale 665588 intestato a 'Soleterre ONLUS' specificando la causale PALESTINA.

IL PROGETTO

Nella Striscia di Gaza i bambini sotto i cinque anni rappresentano circa il 20% della popolazione totale, e le donne rappresentano la metà del popolo palestinese. In generale la scuola materna nella Striscia di Gaza è molto limitata, sopratutto nelle aree del confine. Il quartiere di Rafah, striscia di Gaza, è chiuso su tre lati, a sud dai confini con l'Egitto, a est da Israele e aovest dal Mar Mediterraneo. Nonostante l'importanza dell'istruzione prescolare e dell'analfabetismo femminile sono stati condotti soltanto piccoli progetti nella comunità. Alla luce del quadro di cui sopra, ASWH si impegna a migliorare l'educazione del bambino e la qualità della vita delle donne, attraverso l'approccio dell'empowerment e il rafforzamento delle loro capacità. ASWH sta progettando di istituire un centro nel quale saranno presenti la scuola materna per i bambini sotto cinque anni, la scuola materna e un centro di formazione per le donne analfabete. L'educazione materna e primaria è un aspetto fondamentale per l'apprendimento del bambino e per il suo regolare sviluppo.

L'importanza della formazione della scuola materna sta nel fatto che i bambini di ventino più fiduciosi, entusiasti e ambiziosi e che nel futuro possano diventare persone di successo, la scuola materna e primaria inoltre aiuta ad espandere la gamma di esperienze di apprendimento dei bambini. Alcuni bambini in età prescolare e scolare attraverso l’istruzione potranno avere maggiori possibilità nel loro futuro. Contesto organizzativo: ASWH è stata fondata nel 2005 nel quartiere di Rafah, con l'obiettivo di sensibilizzare la popolazione femminile sugli aspetti sanitari e il sostegno psicologico ed economico alle famiglie bisognose. Si trova in Kherbit El Adas (area emarginata) e si occupa dell’istruzione dei bambini aiutandoli nelle attività scolastiche. L'organizzazione ha bilancio finanziario e amministrativo che regolano le attività quotidiane e garantisce che tutti i lavori effettuati siano conformi al piano stabilito. Inoltre, l'organizzazione ha un'efficac sistema di report e monitoraggio che permette di analizzare l'impatto delle singole attività all'interno del progetto.

Descrizione del problema: A causa dell'instabilità politica ed economica in tutta la Striscia di Gaza e più in generale nelle aree di confine l'accesso ai servizi completi di formazione è limitato a una parte esigua di popolazione. Vediamo di seguito le più significative cause dirette e indirette.

Cause indirette:

1 – Basse se non nulle condizioni socio-economiche a causa del tasso elevato di disoccupazione e povertà 

2 – Accelerazione del tasso di matrimoni precoci tra le classi a basso reddito,

3 – L'impatto della cultura tradizionale nelle zone di riferimento verso i temi dell'educazione.

Cause dirette:

1 – Il livello di consapevolezza dell’educazione femminile, come anche dell’educazione nelle scuole materne e primarie è molto basso nelle zone di confine

2 – Mancanza di servizi di istruzione per le donne povere

3 – Mancanza di ambiente favorevole per empowerment delle donne e i bambini

Gruppo target: donne analfabete e bambini sotto i cinque anni che vivono nelle zone di confine del distretto di Rafah.

Obiettivo strategico: Contribuire al miglioramento del livello di istruzione per le donne e i bambini sotto i cinque anni sulle aree di confine.

Obiettivi specifici: Creare un centro educativo nel quale ci sarà la scuola materna, primaria e un centro didattico per le donne analfabete.

 
 
 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Post n°51 pubblicato il 10 Ottobre 2011 da CercoLei05

Pubblicato il rapporto “L’opposizione che salva la maggioranza”

L'Associazione Openpolis pubblica “L'opposizione che salva la maggioranza” - Rapporto sul voto in Parlamento nella XVI legislatura.
Prosegue il lavoro per conoscere l’attività dei nostri rappresentanti e svelare i meccanismi della politica italiana.

Maggioranza salvata. Il rapporto, attraverso l’analisi di tutte le votazioni elettroniche d’aula, si concentra sulle votazioni con maggioranza salvata, ovvero quelle in cui la maggioranza di Governo è riuscita a far approvare le sue proposte grazie ai voti e alle assenze dei parlamentari di opposizione. In questi casi quindi, se tutti i parlamentari di opposizione fossero stati presenti e avessero votato contro la maggioranza, quest’ultima sarebbe stata battuta nella votazione.

Più di un voto su tre. Il non-voto dell’opposizione è talmente ricorrente da assumere un carattere sistemico rispetto l’attività parlamentare. Infatti, finora in questa legislatura su un totale di 14.494 votazioni le situazioni di maggioranza salvata sono state 5.098, ovvero il 35%.

Opposizione part-time. Tutti i deputati e i senatori dell’opposizione hanno contribuito almeno una volta a “salvare la maggioranza”, non partecipando al voto. Se li mettiamo in classifica, risaltano nelle prime posizioni i nomi dei segretari di partito: alla Camera, Bersani è primo (2.306 salvataggi), Di Pietro è terzo (2.019 salvataggi) e Cesa è quattordicesimo (1.437 salvataggi) mentre al Senato, Bonino è prima (1.331 salvataggi).

Le leggi. Molti provvedimenti sono stati approvati anche grazie alle assenze dell’opposizione nelle votazioni finali. Quei voti cioè che rappresentano un passaggio decisivo nell’iter di approvazione di una legge perché consentono al provvedimento di passare all’altro ramo del Parlamento o di diventare legge. Fra i più significativi: Salvataggio Alitalia, Contrasto immigrazione clandestina, Rifiuti in Campania, Riforma Brunetta della Pubblica amministrazione, Terremoto in Abruzzo e Scudo fiscale.

CHE NE PENSATE?

Per approfondimenti: http://maggioranzasalva.openpolis.it/

 
 
 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Post n°50 pubblicato il 10 Ottobre 2011 da CercoLei05

GLI ILLUMINATI, ESISTONO ?

Girando sul web ho trovato questo video che mi piacerebbe condividere con voi...

ATTENZIONE.... Le immagini contenute in questo video possono urtare la sensibilità di alcuni utenti...

Sconsiglio la visione a persone impressionabili... Grazie... A presto...

dal blog di BigBoss

 
 
 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Post n°49 pubblicato il 07 Ottobre 2011 da CercoLei05
Foto di CercoLei05

La siciliana ribelle (2008)

Il 5 novembre 1991, Rita Atria, 17 anni, denuncia gli assassini del padre e del fratello, entrambi mafiosi. Minacciata, fugge a Roma sotto l'ala protettiva di Paolo Borsellino. La strage di via D'Amelio mette Rita di fronte alla dismisura della sua battaglia.

Questa sera RAITRE manda in onda un film a lei dedicato.

26 luglio 2011 - 19 anni fa si tolse la vita Rita Atria, sette giorni dopo la morte del giudice Paolo Borsellino. Fu la sua tragica reazione all’assassinio di chi l’aveva ascoltata e aiutata a passare dalla voglia di ‘vendetta’ contro chi le aveva ammazzato il padre e il fratello al desiderio di ‘giustizia’.

Una giovane donna coraggiosa, che ha sfidato Cosa nostra e la sua stessa famiglia. Si è tirata fuori dall’asfissia mafiosa collaborando con la giustizia. Ha perso i suoi affetti. E’ stata costretta a vivere isolata, protetta da uno Stato che si è dimostrato incapace di tutelarla. Ma non è mai tornata indietro nella sua scelta di legalità e giustizia. Rita, “Rituzza” come veniva chiamata, è morta sola. Ha deciso di togliersi la vita pochi giorni dopo la strage di via D’Amelio a Palermo. Con Paolo Borsellino aveva stretto un rapporto umano, molto stretto. Il magistrato palermitano era diventato per Rita un appoggio, un punto di riferimento. Con la morte di Boorsellino Rita è sprofondata nella soluti dine in una città, Roma, dove non poteva avere alcun legame. Il 26 luglio del 1992 Rita decise di farla finita. Fu una sconfitta per lo Stato incapace di proteggere una ragazza innamorata della giustizia.


"Rita, non t'immischiare, non fare fesserie" le aveva detto ripetutamente la madre, ma, Rita aveva incontrato Paolo Borsellinoun uomo buono che le sorride dolcemente, e lei parla, parla…racconta fatti. Fa nomi. Indica persone, compreso l'ex sindaco democristiano Culicchia, che ha gestito e governato il dopo terremoto.

"Fimmina lingua longa e amica degli sbirri" disse qualcuno intenzionalmente, e così al suo funerale, di tutto il paese, non andò nessuno. Non andò neppure sua madre...

 
 
 
Successivi »
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

psicologiaforenseCercoLei05alexpix1975hors.de.concoursbal_zaclo_snorkischik1ormaliberagiordyforeverlubopolorifumorstuavitamea1armanduk100lunasola4strong_passion
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 

 

 

UN PO' DI MUSICA