Creato da spindrift il 10/01/2007
Drinks, Food & Fun
 

Area personale

 

QUESTO BLOG E' SEGNALATO DA:

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Blogarama - The Blog Directory

Ricercasiti.net directory segnala il tuo sito gratis

 Segnala il tuo sito nel web

 cuorepulito1958

Blog Divertente, Barzelette, divertenti barzellette umorismoimmagine

 

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 

Tag

 

AWARDS

 

Award Artspace 2000

 

Oroscopo del giorno

Ironic Room

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

lubopostreet.hassleitaly_giospindriftvulnerabile14fin_che_ci_sonobartriev1MarquisDeLaPhoenixAMARANT0linovenasensibilealcuoreGraphic_Userbell_avvocatooscardellestelle
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

kourabiedes

Post n°438 pubblicato il 16 Dicembre 2014 da spindrift
 
Tag: Ricette
Foto di spindrift

In Grecia il dolce di Natale è il kourabiedes; la ricetta di questi pasticcini alle mandorle e burro risale alla seconda metà del 1400, dopo la conquista ottomana.
Come per tutte le cose più buone, fu l’influenza bizantina a dare vita a questi buonissimi pasticcini.
Si narra che fu proprio per rendere onore ai nuovi conquistatori che i pasticceri greci diedero ai kourabiedes la tipica forma a mezzaluna.
Il burro e le mandorle sono gli ingredienti principali dei biscotti delle feste ellenici: morbidezza e profumo sapientemente miscelati per trasformare ogni boccone in puro piacere.

Ricetta dei kourabiedes, i pasticcini di Natale greci alle mandorle e burro

Ingredienti per circa 40 kourabiedes:
225gr burro (è consigliabile usare burro di capra, come fanno i greci)
125gr zucchero a velo
1/2 cucchiaino di estratto di vaniglia
1 tuorlo d’uovo
1/2 cucchiaino di lievito per dolci
2 cucchiaini di succo di limone oppure un bicchierino di brandy o metaxa
375gr farina tipo 0
150gr mandorle spellate
zucchero a velo per ricoprire

Metodo:
Tritate le mandorle fino ad avere una polvere grossolana e tostatele in una padella asciutta su fuoco medio. Tenetele d’occhio per non farle buciare, basteranno un paiod i minuti.
Lasciatele raffreddare da una parte.
Montate il burro per almeno 10 minuti, facendolo diventare spumoso.
Unite lo zucchero a velo e continuate a mescolare, poi aggiungete il tuorlo, l’estratto di vaniglia e il lievito, che avrete fatto sciogliere nel succo di limone/Brandy/Metaxa.
Assicuratevi che sia tutto ben amalgamato e poi versate lentamente la farina.
Attenzione: la farina va aggiunta poco alla volta, l’impasto deve essere morbido al tatto. Nel caso risulti duro, aggiungete un po’ di succo di limone/brandy/metaxa.
Incorporate delicatamente le mandorle alla pastella.
Create una piccola pallina e allungatela con le mani in modo da formare una mezzaluna.
Disponete su una teglia da forno i kourabiedes e infornate a 180° C per circa 15 minuti o fino a doratura.
Cospargete un piatto con lo zucchero a velo, sistemate i kourabiedes e ricopriteli con altro zucchero a velo.
Non resta che mordere e lasciarsi prendere dal sapore del burro e delle mandorle.

 

Fonte: sito cakemania.it

 
 
 

Bavarese alla vaniglia

Post n°437 pubblicato il 10 Dicembre 2014 da spindrift
 
Tag: Ricette

Le bavaresi sono di origine francese, e sono diventate presto un classico della cucina internazionale perché di facile esecuzione. La base è sempre una crema alla quale si aggiunge colla di pesce per aumentarne la consistenza. Per conferire delicatezza al composto si aggiunge panna montata, altro ingrediente di base. Come i budini, le bavaresi prendono forma dagli stampi in cui sono poste a solidificare e vanno tenute al freddo fino al momento di servire. Si toglieranno più facilmente dallo stampo se questo verrà immerso per alcuni secondi in acqua bollente. Capovolte sul piatto di portata si potranno infine decorare con frutta candita o creme di diversi colori.

La colla di pesce si trova in commercio in fogli trasparenti che, messi a bagno per dieci minuti in acqua fredda, e strizzati, si uniscono agli altri ingredienti se questi devono ancora subire cottura, oppure si sciolgono prima a calore moderato con acqua o altro liquido di base nel caso di preparati a freddo.

Ingredienti : (per 6 persone)

  • 1/2 l di latte
  • 1/2 stecca di vaniglia
  • 150 g di zucchero
  • 4 tuorli
  • 2 fogli di colla di pesce
  • 2 cucchiai di olio di mandorle dolci
  • 2 dl di panna montata

 

Preparazione:
In una casseruola portate ad ebollizione a fuoco moderato il latte con la stecca di vaniglia. In un’altra casseruola sbattete i tuorli con lo zucchero e diluiteli con il latte bollente, versato lentamente. Ponete la casseruola sul fuoco, addensate la crema a calore dolce, senza farla bollire e mescolando continuamente. Ammollate la colla di pesce per 10 minuti in acqua fredda, strizzatela bene e unitela alla crema, amalgamando con cura. Togliete il recipiente dal fuoco e lasciate raffreddare la crema, mescolando di tanto in tanto perché sulla superficie non si formi la pellicina. Quando sarà fredda, mettetela per alcuni minuti in frigorifero. Incorporatevi 2/3 della panna montata con delicatezza. Ungete con l’olio di mandorle uno stampo da budino e tenetelo capovolto per un po’ in modo che l’eccesso d’olio sgoccioli giù. Riempitelo con la crema e ponete lo stampo in frigorifero per 2 ore. Sformate la bavarese e cospargetela di panna montata.

 

Fonte: Ginger & Tomato

 
 
 

Charlotte alla crema duchessa

Post n°436 pubblicato il 10 Dicembre 2014 da spindrift
 
Tag: Ricette
Foto di spindrift

Per la preparazione di questa torta Charlotte alla crema duchessa è assolutamente necessario un veloce ripasso della preparazione della crema pasticciera, visto che è un ingrediente base per questa torta.

Crema pasticciera

Ingredienti: 5 tuorli d'uovo, 1 cucchiaino di farina, 150gr. di zucchero, ½  litro di latte, 25gr. di burro, ½ stecca di vaniglia

Mettete il latte in un pentolino, fatelo scaldare e diventare ben caldo, senza farlo mai bollire. Aggiungete la stecca di vaniglia e lasciatela in infusione mentre mantenete il latte alla stessa temperatura, bollente, sul fuoco. In una casseruola sistemate lo zucchero e aggiungete i 5 tuorli d'uovo, sbattete bene e quando il composto sarà omogeno aggiungete la farina setacciata e mescolate di nuovo, fino ad amalgamare di nuovo tutti gli ingredienti. Aggiungete al composto preparato il latte bollente, dopo aver tolto la stecca di vaniglia, poi ponete sul fuoco e cuocete il tutto a fiamma moderata per una decina di minuti, mescolando di continuo. Una volta tolta dal fuoco la crema aggiungete il burro e continuate a mescolare fino a che la crema non si sarà raffreddata, evitando che si formi una leggera pellicola in superficie.

Una volta pronta la vostra crema dovete dividerla in due partiin una ciotola mettetene una quantità minore rispetto alla metà, visto che andrà unita alle castagne, proprio per dar vita a una purea di castagne, mentre l'altra parte di crema vi servirà così com'è.

 

Ingredienti:

400 gr. castagne 160 gr. crema pasticciera 200 gr. savoiardi 3 bicchieri rum Marron Glaces |panna montata

 

Preparazione:

Sbucciate le castagne e mettetele a cuocere in poca acqua con un pizzico di sale. Pelatele e poi mettetele in una casseruola, con il fornello a fiamma media. Schiacciatele con un cucchiaio di legno e poi aggiungete una parte di crema. Infine unite un cucchiaio di rum.

Allungate il rum rimasto con dell'acqua e bagnate da una sola parte i savoiardi che vi serviranno per foderare uno stampo. Sistemateli poi sul fondo dello stampo (rettangolare o quadrato), con il lato bagnato verso l'alto.

Versate sui savoiardi una parte della crema alle castagne, ricoprite con un altro strato di savoiardi e poi versate la crema pasticciera su di esso. Continuate così fino ad esaurimento delle creme.

Concludete con uno stato di savoiardi imbevuti nel rum. Ponete in frigo e lasciate che la charlotte prenda la giusta consistenza prima di impiattarla.

Fate molta attenzione non solo a comporre, ma anche a maneggiare questo dolce, dovrà aver raggiunto la giusta consistenza: se cedono i savoiardi c’è davvero il rischio che possa crollare tutto!

 

 

Fonte: Ginger & Tomato

 

 

 
 
 

TRONCHETTO DI NATALE CON RIPIENO DI CASTAGNE

Post n°435 pubblicato il 10 Dicembre 2014 da spindrift
 
Tag: Ricette

Solitamente il tronchetto al cioccolato più classico si farcisce con una crema al burro al cioccolato. In questa versione l'impasto estreno è preparato con chiare d'uovo e cioccolato, mentre il ripieno è composto da una dolcissima crema di castagne mescolata con miele e panna. Proprio per la purea di castagne posso darvi un consiglio sulla preparazione: ne servono 200gr. per la ricetta; scottate per un paio di minuti 400gr. di castagne con la buccia intaccata. Poi togliete la buccia e la pelle. Fatele poi sobbollire per 20 minuti circa, fino a quando saranno tenere comunque e dopo averle scolate passarle al setaccio.

Ecco infine cosa fare prima di partire con la preparazione in sè della ricetta, ovvero prima di passare agli ingredienti organizziamo il lavoto e gli strumenti!

Preparativi:

  • Scaldare il forno a 200°C.
  • Sistemare un pezzo di carta da forno su una teglia per pizza.
  • Ungere una teglia dai bordi bassi (32 x 22 cm) e foderarla con carta da forno.
  • Se le avete preparare 2 tasche da pasticciere con 2 punte semplici da 1,5 cm di diametro, se ne avete solo una andrà bene lo stesso, rallenterà solo un po' le fasi di preparazione.

Ingredienti:

chiare d'uovo 190 gr. zucchero 90 gr. cioccolato fondente sciolto, un po' raffreddato 60 gr.farina setacciata cacao in polvere per decorare zucchero a velo per decorare 200 gr. purea di castagne 4 cucchiaio panna 1 cucchiaio miele denso

 

Preparazione:

Dopo aver seguito i punti della preparazione indicati nell'introduzione iniziare con la ricetta. In una grande ciotola montare i bianchi a neve, sbatterci poi 175gr. di zucchero, aggiungendo un cucchiaio alla volta.

Per preparare i funghetti di meringa mettere 3 cucchiai dei bianchi montati in una ciotola e frullarci dentro il resto dello zucchero. Mettere questa meringa in una tasca e spremere i gambi e i cappelli dei funghi, come indicato in fondo alla ricetta, nella teglia da pizza e poi sistemare la teglia nel forno, in basso.

Se nella tasca è avanzata della meringa unirla alle chiare montate e mescolate con lo zucchero e poi aggiungere la farina e il cioccolato sciolto. Mettere questo composto nella seconda tasca e coprire il fondo della teglia unta con tanti cannelli, uno accanto all'altro, seguendo sempre le istruzioni in fondo alla ricetta.

Mettere anche la teglia in forno, lasciare per 12 minuti, fino a quando la pasta sarà rassodata e cresciuta. Tirare fuori la teglia, spegnare il forno e lasciare i funghetti di meringa ancora dentro a raffreddarsi.

Rovesciate la pasta al cioccolato su un foglio di carta forno, staccare delicatamente la carta appoggiata sulla teglia, se rimasta attaccata e poi far raffreddare la pasta, coprendola con altra carta da forno e rovesciandovi sopra la teglia. Nel frattempo preparate il ripieno, sbattendo la purea di castagne con la panna e con il miele, fino ad ottenere una crema liscia.

Staccare i funghi dalla carta e attaccare le teste ai gambi con un po' di ripieno alle castagne. Liberate il dolce dalla teglia e dalla carta e spalmatelo con il ripieno. Arrotolarlo con cura, aiutandosi con la carta messa sotto, e iniziando dal lato più corto.  Infine spolverare il tutto con il cacao in polvere e poi con lo zucchero a velo.

 

Fonte: Ginger & Tomato

 
 
 

Būche de Noėl al cocco e cioccolato bianco

Post n°434 pubblicato il 10 Dicembre 2014 da spindrift
 
Tag: Ricette
Foto di spindrift

 

Ingredienti:

150 gr. cioccolato bianco uova albumi 100 gr. farina 00 100 gr. zucchero semolato 3 cucchiaio latte intero 1 dl panna da montare 200 gr. farina di cocco 80 gr. burro 1 cucchiaio rum

 

 

Preparazione:

Montate i tuorli con lo zucchero fino a ottenere un composto gonfio e chiaro. Incorporate la farina setacciata, infine amalgamate delicatamente al composto gli albumi montati a neve ferma.

Foderate la placca da forno con un foglio di carta da forno imburrata. Versate il composto in uno strato omogeneo alto 1 cm. abbondante e cuocetelo in forno caldo a 180° per 20' Al termine della cottura, capovolgete la pasta su un altro foglio di carta da forno bagnato e strizzato, staccate la carta di cottura,arrotolate subito il rettangolo di pasta strettamente nella carta pulita e lasciate raffreddare.

Spezzetate il cioccolato e fatelo fondere a bagnomaria con il burro,il latte, il rum, fino ad ottenere una crema omogenea. Incorporate i due albumi rimasti montati a neve ben ferma,poi la panna fredda montata.

rotolate la pasta,farcitela con circa 2/ 3 della spuma di cioccolato bianco e arrotolatela di nuovo. Cospargete un grande foglio di carta d’alluminio con il cocco grattugiato. Spalmate il rotolo con la spuma rimasta, poi passatelo nel cocco, in modo da ricoprirlo completamente.

 

Mettete il rotolo in frigorifero per almeno 2 ore. Toglietelo dal frigorifero e pareggiate le estremita’.

 

Pubblicato su www.agomagia.wordpress.com

 

Fonte: Ginger & Tomato

 
 
 

TRONCHETTO DI NATALE ( Būche de Noel)

Post n°433 pubblicato il 10 Dicembre 2014 da spindrift
 
Tag: Ricette

 

Le Bûche de Noël  o tronchetto di Natale è uno dei dolci di Natale più apprezzati. Prima di procedere alla farcitura consiglio, se non volete che rimanga troppo asciutta, di bagnare leggermente la pasta con uno sciroppo di acqua e zucchero preparato precedentemente e lasciato intiepidire, ma fate attenzione a non metterne troppo, altrimenti nell’operazione di avvolgimento richiate di romperlo irrimediabilmente in più punti e sarà difficile rimediare. Per quanto riguarda la teglia iosolitamente uso direttamente la placca da forno rivestita di carta da forno facendo attenzione a spalmare bene il composto in maniera omogenea per evitare un brutto aspetto estetico al momento di sfornarlo.

 Buon appetito.

Crema al mascarpone e Nutella

Per questa crema vi serviranno 300 g di mascarpone, ½ busta di zucchero vanigliato, 2 tuorli, 2 cucchiai di amaretto di saronno e  nutella a volontà. Si procede così: si sbattono i tuorli con lo sbattitore elettrico insieme allo zucchero vanigliato, si aggiunge l’amaretto di saronno ed infine  il mascarpone. Dopo aver mescolato accuratamente, si aggiunge tanta nutella quanta serve per ottenere un composto denso. 

 

Crema al burro

Per la crema al burro vi serviranno: 500 gr di burro, 4 cucchiai di cacao amaro, 370 gr di zucchero a velo, 400 gr di panna liquida, 4 cucchiai di caffè forte, 4 cucchiai di rhum, noci o pistacchi tritati. Si procede così: si monta il burro con lo zucchero, si aggiunge il cacao setacciato, il caffè, la panna ed il rhum molto delicatamante. Inutile dire che si conserva al freddo fino al momento di servire.

 

Crema di ricotta  e amarene

In questo caso si aggiungono delle amarene, ma si può optare anche per delle gocce di cioccolato. Per la crema di ricotta e amarene vi serviranno: 500 gr di ricotta di pecora, 3 cucchiai di zucchero, 1 stecca di vaniglia, amarene sciroppate. Si procede molto semplicemente così: si monta la ricotta con lo zucchero, si aggiungono i semi estratti dalla stecca di vaniglia. Infine si aggiungono le amarene sciroppate. Per avere un coore della crema sul rosa, le amarenevanno mescolate alla ricotta, altrimenti si spalma il composto sul tronchetto e si adagiano sopra.

 

Pubblicato su www.agomagia.wordpress.com

 

Fonte: Ginger & Tomato

 
 
 

Polenta al gorgonzola con zucchine trifolate

Post n°432 pubblicato il 10 Dicembre 2014 da spindrift
 
Tag: Ricette
Foto di spindrift

Ingredienti: (per 4 persone)

250 gr. polenta 1 lt. acqua 50 gr. burro 300 gr. gorgonzola dolce 200 gr. galbanino 3zucchinette genovesi olio extravergine d'oliva 1 spicchio aglio dado vegetale sale

 

Preparazione:


Tagliare le zucchine a listarelle; fate profumare l'olio con l'aglio che avrete prima schiacciato e privato dell'anima, fatevi saltare le zucchine  e aggiungete il dado  e fatele cuocere per 15/20 minuti.
 

Fate sciogliere il burro  in un pentolino dai bordi alti, aggiungete il gorgonzola  ed il galbanino  e fate sciogliere a fuoco lentissimo, fino ad ottenere una crema abbastanza omogenea.
 

Fate bollire l'acqua salata e versatevi la polenta a pioggia, girate sempre per evitare che si attacchi al fondo, aggiungete il burro  e mescolate, a fuoco medio, fino a quando non si sarà staccata dal fondo.
 

Versatela su di un piatto piano o su di un tagliere di legno, fategli un buco al centro  e versatevi dentro i formaggi sciolti, stando attenti a non scottarvi e servite la polenta tiepida contornata dalle zucchine.

 

pubblicato su www.agomagia.wordpress.com

 

Fonte: Ginger & Tomato

 

 

 
 
 

Pancakes allo yogurt con salsa di cachi

Post n°431 pubblicato il 08 Dicembre 2014 da spindrift
 
Tag: Ricette
Foto di spindrift

 

Ingredienti per 2 persone

per la salsa:

2 cachi maturi

2 cucchiai colmi di zucchero

Succo di ½ limone

 

per i pancakes:

1 uovo

1 cucchiaio di zucchero

1 vasetto di yogurt bianco

100 g farina

½ bustina di LIEVITO PANE DEGLI ANGELI

40 ml latte

Aroma Vaniglia PANEANGELI

 

Per decorare:

Mandorle affettate PANEANGELI

Riccioli di cioccolato PANEANGELI 

in alternativa

Vitalis Müesli Croccante Frutta Secca cameo 

 

Preparazione:

Per prima cosa realizzate la salsa di cachi: ricavate la polpa dai frutti maturi. Frullatela con lo zucchero e il succo di limone (quest’ultimo servirà a non fare annerire la salsa), conservatela in frigo in un vasetto. In una ciotola, con l’aiuto di una frusta a mano o di una forchetta, sbattete l’uovo con lo zucchero.

Incorporate uno alla volta lo yogurt, qualche goccia di aroma vaniglia, la farina setacciata, il lievito e il latte. Il composto dovrà avere una consistenza non troppo liquida quindi regolate il latte di conseguenza.

Riscaldate sul fuoco una padella antiaderente piatta (va benissimo quella delle crepes). Con l’aiuto di un cucchiaio, formate dei dischetti di composto della dimensione che preferite (i miei sono di circa 10 cm di diametro).

Quando saranno spuntate le bollicine giratele. Cuociono pochissimi minuti per lato.

Spalmate i pancakes con la salsa di cachi, sovrapponeteli e decorateli a piacere con mandorle, cioccolato o con i Müesli alla Frutta Secca.

 

pubblicato su www.agomagia.wordpress.com

 
 
 

IL FORMAGGIO FATTO IN CASA

Post n°430 pubblicato il 06 Dicembre 2014 da spindrift
 
Tag: Ricette

Chi di voi ha già provato a fare il formaggio in casa?

E’ una ricetta alla portata di tutti per fare in casa un formaggio di tipo primo sale.

Fateci caso: non ha caglio animale né vegetale, coagula con il succo di limone o con l’aceto bianco. Somiglia molto alla ricotta ma non è ricotta, precisiamolo altrimenti si scatena il putiferio: la ricotta si fa con il siero avanzato dalla lavorazione del formaggio che viene appunto ri-cotto.


Ingredienti:
500 ml latte fresco intero
50 ml panna fresca
2 cucchiai di aceto di mele o il succo di 1 limone
1 pizzico di sale


Preparazione:
Faccio scaldare il latte sul fuoco con la panna e il pizzico di sale sino a raggiungere gli 85°C. Se non avete il termometro da cucina, spegnete il fuoco appena prima dell’ebollizione, quando si formano le prime bolle ai bordi della pentola.
ricotta
Aggiungo i cucchiai di aceto di mele o il succo di limone, poi mescolo con una frusta da cucina per un minuto, a fuoco bassissimo.
I primi “fiocchi” si separano dal composto, che inizia a coagulare. Non desistete se non accade nulla, unite ancora poco aceto o succo di limone e continuate a mescolare.
Spengo il fuoco. Lascio riposare nella pentola che copro con un canovaccio pulito e lavato senza ammorbidente, aspettando che arrivi a temperatura ambiente.
Trasferisco in un colino e poi in una fuscella da ricotta, acquistata in precedenza. Fa niente se non l’avete, il vostro primo sale sarà meno bello ma pazienza. Una volta inseriti i fiocchi nella fuscella, lascio che il siero spurghi per qualche ora fuori dal frigorifero. Servirà più tempo se preferite metterla in frigo.
Non butto il siero che avanza, lo tengo per conservare il primo sale nel suo liquido, nella remota ipotesi che avanzi dopo il primo assaggio.
Se avete usato l’aceto è possibile che la vostra simil-ricotta ne conservi il sapore, giusto un po’ ovviamente. Nel caso servitela con l’insalata.

pubblicato su www.agomagia.wordpress.com

 

Fonte: articolo reperito sul web

 
 
 

MANI DI LARA - Cake design di Natale con Francesca Ghidini

Post n°429 pubblicato il 05 Dicembre 2014 da spindrift
 
Tag: Ricette

 

 

 

 

pubblicato su www.agomagia.wordpress.com

 
 
 
Successivi »