Community
 
ITALIANOinA...
   
Creato da ITALIANOinATTESA il 30/11/2008
Siamo anelli aperti o chiusi di catene mai costruite, IinA_M@.

RADIO DgVoice
I love my web radio !

Evento in corso: Violenza sugli uomini

Questo rifugio è aperto anche:
agli stranieri compresi arabi ed africani, 
ai meridionali compresi i napoletani, 
ai padani compresi i veneti,
agli zingari di ogni dove
ed ai nani con o senza biancaneve. 

ISTAT GI

 

 

Area personale

 

Contatta l'autore

Nickname: ITALIANOinATTESA
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 5
Prov: EE
 

Ultime visite al Blog

bal_zacITALIANOinATTESAs0uldamnedgaza64Pennamaledettalo_snorkibizzina61dolly.1Kimi.777rteo1DJ_PonhziLylandragpf85psicologiaforensedatum_per_formam
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

RICERCA LAVORO

TMnews

RAInews24

"Ahi" disse il topo, "il mondo diventa ogni giorno più angusto. Prima era così ampio che avevo paura, continuavo a correre ed ero felice di vedere finalmente a sinistra e a destra in lontananza delle pareti, ma queste lunghe pareti si corrono incontro l'un l'altra così rapidamente che io sono già nell'ultima stanza, e lì, nell'angolo, c'è la trappola nella quale cadrò" - "Devi solo cambiare la direzione della corsa", disse il gatto e lo mangiò .....

Ristretti

Per rendere il tuo

profilo o BLOG stupendo

clikka sull'immagine di Angela

 

HOIMPARATOCHEBISOGNA

ed i suoi 3 amici MICI

SONO LA MASCOTTE DEL BLOG

Photo Sharing and Video Hosting at PhotobucketPhoto Sharing and Video Hosting at PhotobucketPhoto Sharing and Video Hosting at Photobucket

 CORSO HTML

UNICEF

me

MIAO

Guida

Radio Dgvoice

1° Pagina Guida Google

 

      Miaoooooo.......    

Stampa Giornali

Italiani  Riflessioni

Meteo DOP RALT

FB SC VAP

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 131
 

I miei Blog Amici

- mare
- voiomanoposo
- la giustizia
- gardiniablue
- il mare infinito
- Ostinatamente ZVen
- I like freee!!!
- ehi ce nessuno qui
- Gira si la vòi gira
- PENSIERI...LIBERI
- MILIONI DI EURO
- UNA DONNA PERDUTA
- OutOfTarget
- IGNORANTECONSAPEVOLE
- silenzio_urlato
- La vita e meraviglia
- PSICOALCHIMIE
- CREATIVE CHARME
- Frammenti di governi
- LAVOROeSALUTE news
- PAESAGGI DELLANIMA
- POLVERE DI STELLE
- ora di basta!!!!
- WtuttiiNemici
- osservatorio politic
- luce e ombra
- Galandriel_fairy
- RADIO DgVoice
- IL PACCO QUOTIDIANO
- per te mariu
- PoverA DemocraziA
- -Le Ali di Achille-
- di tutto , di più
- XXI secolo?
- twOneOnenoneOne
- ECCHIME
- Informarsi meglio...
- Cera una volta...
- NOTTE STELLATA
- Ultimi pensieri
- MADHOUSE GATES
- assenza di gravita
- Il raccoglitore
- PREPARIAMOCI
- buone notizie
- THE VOICE OF SOUL
- Servitori del Popolo
- BOLLE DI SAPONE
- trilogia mentale
- LEGA DEMOCRATICA
- Luomo dei difetti
- Fenice_ANGELA
- Donna, lavoro e casa
- basta chiacchiere
- TraccenellaRete
- A ruota libera
- la vita
- Mondo Community!
- Anarres
- Hengel Degli Angeli
- Il VENTO dellOVEST
- LUCIDA FOLLIA
- frammenti...
- Pensieri e Parole
- Bambola di stracci
- Ravvedimento morale
- Fatti e Misfatti
- PENSIERI SPARSI
- Lumil
- ROUGH ENOUGH
- Desperate Mammy
- EmoZIOnarMI
- Altromondo17
- ECHI
- Parole nel vento
- Last Tramp
- KRONOS
- OPINABILE...
- Libere Riflessioni
- La befana
- salsedine del sogno
- Scusate il mio cane,
- semplici attenzioni
- Parliamone
- Lo Specchio
- Distanti Trasparenze
- musica
- Percorsi e trascorsi
- sniper
- MusicaeAltro20
- MAIXIN-WEI
- Un popolo distrutto
- RIFLESSIONI
- Krokorax Bay
- il vecchio prof
- RICOMINCIO DA QUI
- Per gioco
- IL MIO MONDO BLOG
- Penna_Maledetta
 

I miei link preferiti

- BERLUSCASTOP
- polisblog.it
- Guido Scorza
- Crisi Finanziaria
- napoli.blogolandia.it
- LIQUIDA.IT
- DIRITTI D'AUTORE
- scienzamarcia.blogspot.com
- www.italiopoli.it
- IT.REUTERS.COM
- WINEUROPA.IT
- www.giornalettismo.com
- www.europaquotidiano.it
- Viviana Vivarelli
- democrazialegalita
- noberlusconiday
- Articolo21.org
- Italialaica.it/
- Dimensionenotizia.com
- rivistaindipendenza.org
- AGORAVOX.IT
- SCUDO DELLA RETE
- LIBERISTA.SPLIDER
- RETI INVISIBILI
- Diversamente Occupati
- fortresseurope.blogspot.com
- IL TAFANO
- classaction.it
- italiapiugiusta.com
- www.dicearchia.it
- Storia del fascismo
- UNONOTIZIE
- termometropolitico.it
- GESTIONE BLOG
- Etnografia.it/
- I AM SORRY
- lavoce.info
- http://www.signoraggio.it
- LOCCIDENTALE
- SANTARUINA.SPLIDER.COM
- SPINOZA
- CANDIDAPROIETTI POESIE
- libertaegiustizia.it
- VERIFICA FOTO - ROSS
- CONTROLLO BOX ROSS
- PIRANDELLO LA CARRIOLA
- AVVELENATA
- PRIMO LEVI
- VAFFANCULO
- PIERINO LEZIONE DI SCORREGGE
- Claudio Messora
- ECOBLOG.IT
- laltranotizia.net
- ITALIANIMBRCILLI
- Case di piacere
- SOCIALEANIMALE
- tabula rasa informazione
- psicocafe.blogosfere.it
- psicologoinfamiglia.myblog.it
- AFORISMI
- ELEAML
- Critica sociale
- FEEDJIT.COM
- ilparlamentare.it
- glitter-graphics.com
- NIENTEANSIA
- ROSS traduzione
- http://www.marxists.org
- VOTAONTONIO
- wumingfoundation.com
- http://www.riforme.info
- ASCENSORE.COM
- FANPAGE NOI ITALIANI
- malgradopoi
- officinaalkemica
- altreconomia
- Acomeanonimo
- DETTI NAPOLETANI
- come fare un sito
- PW milionidieuro
- PW calcolatore
- PW
- Punteggiatura
- lastradaweb.it
- Ridim immagini
- DAGOSPIA
- DEMOCRAZIAOGGI
- http://blog.libero.it/POLITICDAY/
- InformareXresistere
- cittànuove
- CASE CONDIVISE
- ILPOPOLOVENETO
- Lo Spiffero
- Attivissimo
- marirosario
- Federica
- occulto
- sondaggi
- psicologi napoli
- Federica
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« No i soldi ai partiti, S...mani »

2 giugno 2012 - Anniversario della Repubblica

2 giugno 1946 - 2 giugno 2012

Grazie Fratelli dell'Emilia - Romagna

1946, i bimbi dei treni della felicità

 

I vecchi nelle campagne ancora oggi affermano che dove mangia uno possono mangiare in due. E' una frase elementare, emblematica di quella cultura contadina dell'ospitalità che passa dal cibo, dalla tavola luogo di incontro e condivisione sereno, gioviale. Un modo d'essere talmente naturale che spiega come mai ci si sia dimenticati, a livello storiografico come politico, di una delle pagine migliori della ricostruzione dell'Italia dopo l'occupazione nazifascista e la guerra: quella dei “treni della felicità”. Un'esperienza che salvò migliaia di bambini da un destino di povertà, malattia e sfruttamento.
Una storia commovente, esaltante, che lo scrittore Giovanni Rinaldi e il regista Alessandro Piva hanno riscoperto e ricostruito con passione, attraverso la raccolta di testimonianze per il film-documentario “Pasta nera”, la cui genesi è narrata nel libro “I treni della felicità” di Rinaldi.

Era l'inverno del 1945. L'Italia da nord a sud aveva sofferto per i bombardamenti, la miseria e per la violenza degli eserciti stranieri, nemici o alleati che fossero; un'Italia stremata, affamata, ma con un'incredibile voglia di rinascita e fame di futuro.
Era un'epoca di emergenze per far fronte alle quali, immediatamente dopo la Liberazione, in ogni città sorgevano comitati per risolvere i problemi contingenti come la distribuzione dei viveri, lo sgombero delle macerie belliche, la tutela dell'infanzia. Tanti infatti i bambini abbandonati a se stessi, orfani o, come in gran parte del meridione, residenti in zone distrutte dalle bombe, da calamità naturali, soggette ad epidemie, dove la fame e la disoccupazione erano quotidianità.

A Milano Teresa Noce, battagliera dirigente comunista e partigiana da poco rientrata dal campo di Ravensbrük, intuisce che solo un gesto di solidarietà può risolvere almeno temporaneamente la drammatica situazione di bisogno dei bambini. Con ciò che rimane dei Gruppi di difesa della donna, poi confluiti nella nascente Udi – Unione donne italiane, la Noce chiede ai compagni di Reggio Emilia, realtà prevalentemente agricola e quindi con maggiori risorse alimentari rispetto a Milano, di ospitare in quei mesi alcuni bambini.

«La risposta fu al di là di ogni legittima speranza. – Si legge nella prefazione di Miriam Mafai a “I treni della felicità” – Tanto generosa che si decise di estenderla e radicarla nel Mezzogiorno (…) Furono trasferiti così, nei due inverni immediatamente successivi alla fine del conflitto, alcune decine di migliaia di bambini che lasciarono le loro famiglie per essere ospitati da altrettante famiglie contadine, nei paesi del reggiano, del modenese, del bolognese. Lì vennero rivestiti, mandati a scuola, curati».
Ma quelle donne, che avevano tessuto la Resistenza e svezzato la Repubblica, non si fermarono raggiunto il loro primo obiettivo. Così, dal 1945 al 1952, anni duri per tutto il Paese, furono ospitati nel centro-nord ben 70.000 bambini, grazie anche all'appoggio del Pci, dei Cln locali, delle sezioni Anpi, delle amministrazioni e della popolazione in genere. Un numero sorprendente.

Alessandro Piva e Giovanni Rinaldi hanno incontrato quasi per caso questa storia. Mentre stavano svolgendo ricerche sulle lotte branciantili in Puglia sono venuti a conoscenza dello sciopero di San Severo in provincia di Foggia, nel 1950, uno sciopero che ebbe conseguenze drammatiche con l'incarcerazione di 180 manifestanti. Molti arrestati erano marito e moglie i cui figli di fatto si trovarono soli, in una realtà dove anche la solidarietà umana era messa a dura prova dal niente posseduto da ogni famiglia. Questo dettaglio incuriosì gli autori che scoprirono così che circa 70 di questi “figli della rivolta” vennero mandati presso famiglie in Romagna e nelle Marche per essere accuditi, grazie a quella rete di solidarietà nata all'indomani della Liberazione, in attesa del processo e dell'assoluzione dei genitori, che arriverà nel '52.

L'umanità della vicenda li ha conquistati portandoli per anni alla ricerca dei bimbi di allora, per capire cos'avesse significato per loro prendere un treno per la prima volta nella vita; fare un viaggio di un'intera giornata senza i propri punti di riferimento: i genitori; venire catapultati in un altro mondo con dialetti, usanze e sapori diversi. Capire le motivazioni di chi li ospitò, di chi se li trovò come fratelli e sorelle.

Nelle interviste raccolte i ricordi emergono senza filtri e restituiscono interamente quegli anni di difficoltà, altruismo e ottimismo.
E' la commozione gioiosa che lega ogni pagina e immagine di Rinaldi e Piva, la commozione e semplicità di chi racconta rivivendo quei giorni, quel senso di accoglienza vera che faceva sentire i bambini parte delle famigle ospitanti.

«Lorica ci dice solo poche parole: “mio padre e mio fratello sono stati uccisi dai fascisti in un rastrellamento. Ho deciso di ospitare una bambina che aveva bisogno di aiuto per colmare questo vuoto immenso». Un momento malinconico narrato nel volume di Rinaldi, che spiega da dove venisse quella voglia di riscoprirsi uomini; ma ciò che emerge con maggior forza dalle interviste raccolte sono i momenti sereni, felici e comici dei legami che si crearono fra le persone, come nel racconto che fa ridendo Giovanni Berardi: « Franco (…).La notte non riusciva a prendere sonno: “Franco e dormi, va!”, dicevo. “Non ho sonno! Non ho sonno!, rispondeva lui. Il giorno dopo si svegliava e cominciava a guardare avanti e indietro da tutte le parti. (…) E allora, giorni dopo, quando incominciò a mangiare le tagliatelle, disse: “Noi c'avevano detto che qua c'erano i comunsiti che mangiavano i bambini”. “E' per quello, è per quello che avevi paura?” chiedevo. “Sì, stavo attento (...)”».

Oppure tornano le sensazioni delle scoperte fatte, come quella di Erminia Tancredi detta Mimì: «Mi sembrava di essere in una favola, perchè dentro quel treno vedevo tutte queste luci che si rispecchiavano nel mare, non potevo riuscire a capire cos'era, perchè neanche lo sapevo che c'era il mare. Ho svegliato anche mio fratello dicendogli: “Guarda cosa c'è lì, guarda cosa c'è!”, e poi, dopo, una di quelle signore che ci accompagnavano mi ha detto: “Quello è il mare”».

La storia dei bambini che partirono con i treni della felicità è straordinaria al punto da sembrare frutto di fantasia, che non stonerebbe narrata con un “c'era una volta...”, ma è assolutamente vera e fa parte della nostra cultura.
“Questo è un paese che ha bisogno di ricordarsi che ha fatto delle cose bellissime” (Luciana Viviani in “Pasta nera”).
Gemma Bigi

link permanente a questa pagina: http://anpi.it/a636/

 

2 giugno 2010 - Lega rappresentata dal sottosegretario Belsito  Napolitano polemico con Maroni (Ministro degli Interni!) sul 2 giugno: «Chiedete a lui perché non c'era»

.

.

Dedicato a:

Manu:  PROPONGO COME COMMISSARIO STRORDINARIO PER IL TERREMOTO DELL'EMILIA BARBARA D'URSO!

Monica: La mia terra continua a tremare

E tutti gli altri amici dell'Emilia-Romagna.

.

Buon anniversario Italia

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://gold.libero.it/ITALIANOinATTESA/trackback.php?msg=11352771

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
ITALIANOinATTESA
ITALIANOinATTESA il 01/06/12 alle 18:57 via WEB
...sempre ...sempre ...sempre ...per non dimenticare.
(Rispondi)
 
jigendaisuke
jigendaisuke il 01/06/12 alle 19:22 via WEB
una delle pagine più belle della storia italiana! Ciao
(Rispondi)
 
 
ITALIANOinATTESA
ITALIANOinATTESA il 01/06/12 alle 20:06 via WEB
...riscrivibile ...soltanto se lo si lasciasse fare. un saluto, M@.
(Rispondi)
 
 
 
jigendaisuke
jigendaisuke il 03/06/12 alle 22:05 via WEB
e francamente spero che lo rifacciano!
(Rispondi)
 
 
 
 
ITALIANOinATTESA
ITALIANOinATTESA il 03/06/12 alle 22:35 via WEB
...le condizioni sociali mi sembrano deteriorate; ciò non vuol dire che non ci possano essere spinte per soluzioni personali ...anche di massa, ma sarebbe una cosa diversa.
(Rispondi)
 
semprepazza
semprepazza il 01/06/12 alle 20:58 via WEB
Ammiro questa gente che non si lascia abbattere e non resta ad aspettare la manna dal cielo, è l'Italia migliore.
(Rispondi)
 
 
ITALIANOinATTESA
ITALIANOinATTESA il 01/06/12 alle 22:41 via WEB
lo stato spesso si distrae e lascia i suoi sudditi a provvedere da soli a lottare contro le avversità naturali che si susseguono a ritmo incalzante.
(Rispondi)
 
occhineri2005
occhineri2005 il 01/06/12 alle 23:04 via WEB
MARIO ,SAI CHE HO TRASCURATO ILBLOG X MOTIVI SERI...MA SEGUO ANCHE ALTROVE....DOBBIAMO AIUTARLI IN TUTTI I MODI,DA ME STANNO PER ARRIVARE I CUGINI DI MODENA..
(Rispondi)
 
 
ITALIANOinATTESA
ITALIANOinATTESA il 01/06/12 alle 23:25 via WEB
un pensiero di solidarietà per i tuoi cugini; spero che non abbiano avuto danni e che tutto passi al più presto. noi qui eravamo un po' abituati alle scosse soprattutto del bradisismo, ma la preoccupazione e sempre tanta. un saluto. M@.
(Rispondi)
 
occhineri2005
occhineri2005 il 01/06/12 alle 23:05 via WEB
ANGELO SI TROVA IN EMILIA,COSI' PURE SIMONA ED ALTRI CHE NON CONOSCI,MI HANNO SCRITTO E TELEFONATO,CHE DIO LI AIUTI
(Rispondi)
 
 
ITALIANOinATTESA
ITALIANOinATTESA il 01/06/12 alle 23:32 via WEB
se senti Angelo e Maria da un saluto da parte mia; intanto buon WE a te, M@.
(Rispondi)
 
occhineri2005
occhineri2005 il 01/06/12 alle 23:06 via WEB
ECCO,SE LO STATO SI DISTRAE ,NOI NON DOBBIAMO FARLO
(Rispondi)
 
LunaRossa550
LunaRossa550 il 02/06/12 alle 01:26 via WEB
bellissimo pezzo di storia.
peraltro ci sono state anche altre situazioni dove la generosità del popolo è emersa.
mi viene in mente come avevano risposto i pugliesi agli sbarchi degli Albanesi, un esempio tra tutti.
c'è più buono di quanto ci immaginiamo, solo che non siamo capaci a farlo emergere.
bellissimo anche il passaggio dove il bimbo temeva i comunisti mangia bambini :)))
qualcuno ha voluto riprendere il tema ma fortunatamente con scarso successo.
(Rispondi)
 
 
ITALIANOinATTESA
ITALIANOinATTESA il 02/06/12 alle 15:54 via WEB
effettivamente dovremmo, più di frequente, trattare le pagine belle della nostra convivenza non certo per sterili nostalgie, ma per trarre da esse insegnamenti e la forza per inoltrarci con consapevolezza verso nuovi percorsi. Oggi, forse, poteva essere un'occasione.
(Rispondi)
 
trollen
trollen il 02/06/12 alle 07:53 via WEB
Questo è lo spirito italiano puro... Quello che è un motore ed un freno al tempo stesso. C'è chi fa "speculazione" sullo spirito di sacrificio, la volontà/capacità degli italiani di AIUTARE, TIRARE LA CINGHIA, sacrificare tutto per GLI ALTRI ITALIANI o SOFFERENTI. Io sono grato a chi ha fatto e fa tanto per gli altri, ma entro in un Proto Soccorso di un ospedale e mi rendo conto che se non ci fosse il volontariato l' Ospedale sarebbe paralizzato! Eppure quell' ospedale ci costa circa 4 volte quello che costerebbe all' estero! Domanda: Essere buoni paga? Essere partecipativi paga o fa fare la figura dei fessi? Io non riesco a non partecipare, ma a volte mi dico: "Cornuto e mazziato?" perchè? Cerchiamo di dire grazie a chi fa e partecipa con amore, ma cerchiamo anche di NON FARCI PRENDERE PER I FONDELLI! Faccio riferimento anche al 2 giugno, festa delle forze armate... Oggi sono tutti professionisti, ben pagati... Credo che le forze armate oggi siano ben altra cosa rispetto a quello che erano ai tempi della leva... ed anche tanti festeggiamenti hanno perso il loro significato... Se si fosse tutti lavoratori autonomi con partita iva ed emissione di fattura... averebbe senso festeggiare il 1° Maggio?
(Rispondi)
 
 
ITALIANOinATTESA
ITALIANOinATTESA il 02/06/12 alle 15:41 via WEB
Sai che vedo Gio': una gabbia intorno a noi rappresentata dalle istituzioni che ciascun figuro al potere cerca di creare a sua immagine e somiglianza sempre con lo scopo di renderci inoffensivi per fare quello che gli passa per la testa che troppe volte corrisponde ai c...i suoi. un saluto, M@.
(Rispondi)
 
ironwoman63
ironwoman63 il 02/06/12 alle 09:36 via WEB
della serie la partecipazione politica e sociale, crea sempre cose positive; l'indifferenza distrugge!! buona festa della Repubblica, anche se ormai di Repubblica e' rimasto davvero poco!ciao
(Rispondi)
 
 
ITALIANOinATTESA
ITALIANOinATTESA il 02/06/12 alle 15:29 via WEB
E' l'esatto senso del post, cara Lulù; le tue 10 parole sintetizzano ottimamente tutto il post. Grazie per esserci, M@.
(Rispondi)
 
dolly.1
dolly.1 il 02/06/12 alle 23:41 via WEB
Elogio e rispetto a queste persone che ce la vogliono fare senza aspettare i ritardi aiuti. L'indifferenza è la piaga della nostra società e Paese. Un caro saluto. Dolly
(Rispondi)
 
 
ITALIANOinATTESA
ITALIANOinATTESA il 03/06/12 alle 10:17 via WEB
appunto; se almeno gli sciacalli, politici o speculatori, non stessero ad essere d'intralcio. Buona domenica, M@.
(Rispondi)
 
OutOfTarget
OutOfTarget il 02/06/12 alle 23:59 via WEB
Forse abbiamo bisogno di una scossa dell'ottavo, nono grado che sconquassi tutta l'Italia per ritrovarci.
(Rispondi)
 
 
ITALIANOinATTESA
ITALIANOinATTESA il 03/06/12 alle 10:14 via WEB
illuminata interpretazione, sperando che sia del tipo giusto.
(Rispondi)
 
LunaRossa550
LunaRossa550 il 03/06/12 alle 09:07 via WEB
Serena domenica a tutti
a chi l'ha persa
a chi l'ha dimenticata
ed a chi continua ad esserlo :)
(Rispondi)
 
 
ITALIANOinATTESA
ITALIANOinATTESA il 03/06/12 alle 10:18 via WEB
...ed allora buona domenica a tutti a meno di quelli che non lo meritano ...e non son pochi; M@.
(Rispondi)
 
ninograg1
ninograg1 il 03/06/12 alle 21:42 via WEB
uno stato civile che non ci considera sudditi fa in un certo modo... non come da noi. avremmo dovuto fare come nel 76: niente parata e ricevimento e devoluzione ai terremotati
(Rispondi)
 
 
ITALIANOinATTESA
ITALIANOinATTESA il 03/06/12 alle 22:40 via WEB
Per la verità, per quanto ho potuto capire, non mi sembra che il "ricevimento" abbia avuto una eccessiva sfarzosità. Certo che con un po' di fantasia si poteva inventare una "celebrazione" dell'anniversario in modo innovativo con serietà e senza costi.
(Rispondi)
 
 
 
ninograg1
ninograg1 il 05/06/12 alle 23:05 via WEB
il punto é: a che serve fare una giornata di lutto nazionale quando si festeggia? parliamo di simboli e allora una nazione ferita non FESTEGGIA!!!!!
(Rispondi)
 
occhineri2005
occhineri2005 il 04/06/12 alle 23:08 via WEB
BE' MARIO,SE RICORDO BENE,IL NOSTRO PERTINI EVITO' PER SEI ANNI ...COMUNQUE IL 2 GIUGNO ANDAVA RICORDATO,GRAZIE MARIO
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.