DietroLaMaschera

Bagliori di me

 

... L' abitudine è la più infame delle malattie perchè ci fa accettare qualsiasi disgrazia, qualsiasi dolore, qualsiasi morte.

Per abitudine si vive accanto a persone odiose, si impara a portar le catene, a subire ingiustizie, a soffrire, ci si rassegna al dolore, alla solitudine, a tutto.

L' abitudine è il più spietato dei veleni perchè entra in noi lentamente, silenziosamente, cresce a poco a poco nutrendosi della nostra inconsapevolezza, e quando scopriamo d' averla addosso ogni fibra di noi si è adeguata, ogni gesto s' è condizionato, non esiste più medicina che possa guarirci. ...

(Oriana Fallaci, Un Uomo )

 

 

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

 

Il valore dello stare da soli.

Post n°45 pubblicato il 04 Ottobre 2011 da LaMaschera_E_ilVolto

"Soltanto una persona che vive benissimo il suo stare da solo è in grado di entrare in relazione, perché il suo non è un bisogno. 
Quella persona non è un mendicante, non ti chiede nulla, nemmeno la tua compagnia.
È una persona che dona. Condivide semplicemente, forte della sua abbondanza di gioia, di pace, di silenzio, di beatitudine.
È allora che l'amore ha tutto un altro aroma, allora è una condivisione.
E se entrambe le persone conoscono la bellezza dell'essere soli, allora l'amore raggiunge il suo punto più alto, cosa che molto raramente è stata possibile.
È allora che l'amore giunge fino alle stelle." 

(Osho)

 
 
 

ritorni...

Post n°44 pubblicato il 02 Ottobre 2011 da LaMaschera_E_ilVolto

Dopo tanto tempo ritorno sul mio blog.

Mi accorgo che mi mancava questo modo di interagire nel virtuale, mi è più consono di un forum, molto più di Facebook e infinitamente più di una chat.

Sì, adesso capisco che ne avevo nostalgia.

Il problema, ora, è che non ricordo più come funziona il blog di Libero! Dovrò ricominciare a studiare, mi sa ;)

Benritrovati ragazzi...! ;)

 
 
 

.

Post n°43 pubblicato il 29 Maggio 2010 da LaMaschera_E_ilVolto

 
 
 

Precisazioni

Post n°42 pubblicato il 10 Maggio 2010 da LaMaschera_E_ilVolto

Ho sempre pensato che internet fosse una grande opportunità per potersi mostrare così come si è.

Protetti dall’anonimato, possiamo mostrarci esattamente per come siamo, parlare di ciò che vogliamo, esprimere qualsiasi opinione senza aver paura di essere giudicati e condannati.

Nella vita reale cerco di essere quanto più possibile me stessa, ho pagato e continuo a pagare un altissimo prezzo per questa libertà. Ho perso amici, parenti, occasioni di lavoro. La mia vita, lo ammetto, avrebbe potuto essere meno faticosa se fossi scesa a patti con ciò che sono e ciò che sarebbe meglio mostrare di me stessa alle persone.

Ma, dopo aver perso questa libertà per tanto, troppo, tempo, ho scelto, in modo parecchio snob, lo ammetto, il piacere impagabile di essere me stessa e mandare a quel paese gli altri e la loro approvazione.

Però, ammetto anche questo, non sempre posso permettermi, nella vita quotidiana, di dire ciò che penso o fare ciò che vorrei fare. Questo perché l’essere umano è un animale sociale e, entro certi limiti, deve adeguarsi a determinate regole non scritte per restare in società.

Internet, quindi, mi dà la preziosa opportunità di dire tutto ciò che penso, scrivere di ciò che mi piace e parlare di tutto ciò che mi passa per la testa.

Qui sopra, rifacendomi a chi me l’ha chiesto,  io sono il Volto, sono solo e sempre me stessa e, se ciò a qualcuno non piace, non è costretto a leggermi.

Faccia una cortesia a me e a se stesso e vada a cliccare nell’angolino in alto a destra dove c’è scritto: "blog seguente".  Grazie.

 
 
 

.

Post n°41 pubblicato il 02 Maggio 2010 da LaMaschera_E_ilVolto



Girando per blog mi sono imbattuta in questo scritto e ho deciso, a mia volta,  di trascriverlo sul mio blog.

 


Cosa significa Appartenere.
Tra il Padrone e la schiava si crea una legame di appartenenza all'interno del quale la slave sarà protetta, usata, soddisfatta dal Master.
Tale rapporto (
il "rapporto di coppia" più profondo e solido possibile) conferirà alla slave la sicurezza e la forza nei confronti del resto del mondo.
Qualunque cosa la slave affronti, nel mondo esterno al rapporto, ella saprà sempre che appartiene al Master e lui sarà dalla sua parte, per
proteggerla dagli altri e da se stessa.
Appartenere al Padrone non è un atto di violenza o costrizione ma un' aspirazione di una persona che sente nella sua anima la forza dell'essere una slave.
Una slave decide e sceglie di appartenere al suo Master , non esiste alcun atto violento che possa o debba condizionare questa scelta.
La slave
SCEGLIE di mettersi nelle mani del Master nella convinzione che una slave con il suo Padrone esprime tutto il suo potenziale che senza il Padrone rimarrebbe chiuso e inespresso.
Con questa scelta decide di mettere la sua vita nelle mani di una Guida (che deve essere seria e responsabile) sapendo che per la sua essenza
questa guida è elemento essenziale per esprimere la sua stessa anima, e dunque essere soddisfatta e felice.
Nel decidere di appartenere ad un Master la slave si impegna a smettere di preoccuparsi di sé perchè tale preoccupazione sarà lasciata a colui che da quel momento la possiederà .
Sarà il Master a preoccuparsi delle paure della slave, delle sue aspirazioni, dei suoi bisogni , e sarà sempre il Padrone a decidere i comportamenti che essa dovrà assumere e le correzioni che dovrà subire per esprimersi in modo corretto ed efficace.
Ciò che però deve essere essenziale nel rapporto di appartenenza è la certezza che tale legame protegge la slave da ogni evento esteriore che possa metterla in discussione, e rende un' isola felice il rapporto BDSM con il suo Master.
Oltre al piacere sessuale della sottomissione e la soddisfazione del riuscire ad esprimersi totalmente senza vergogne, paure e timidezze con ilproprio Master (la propria guida)
la slave troverà nel Master se davvero deciderà di appartenergli totalmente , una Guida valorizzante della propria anima ,della propria persona, e della propria vita.

 

Una piccola riflessione:

Al di là del fatto che si possa condividere o meno questo genere di rapporto, mi è venuto spontaneo chiedermi, leggendo alcuni punti di ciò che è stato scritto, se davvero possa esistere una situazione del genere, una relazione d’amore così profonda e assoluta, in cui ognuno possa darsi così completamente all’altro e ricevere altrettanto in cambio. O, invece, se è solo un’invenzione letteraria ....

 
 
 

.

Post n°40 pubblicato il 01 Maggio 2010 da LaMaschera_E_ilVolto

Ogni tanto bisogna fare
una pausa
contemplarsi
senza l'abitudine quotidiana
esaminare il passato
dato per dato
tappa per tappa
mattonella per mattonella
e non piangersi le menzogne
ma cantarsi le verità.

 

(Mario Benedetti)

 
 
 

.

Post n°39 pubblicato il 29 Aprile 2010 da LaMaschera_E_ilVolto


A volte mi guardo allo specchio e non riconosco il volto che vi scorgo dentro.

A volte mi guardo allo specchio e mi parlo.

Immobile, osservo la persona che giace lì in fondo.

Una bambina di cento anni, una vecchia di tre.

Stanche della vita e affamate di vita.

Troppo stanche per continuare a correre, troppo affamate per rinunciarci.

A volte trovo il coraggio per fare loro delle domande.

Non sempre ho il coraggio di ascoltare le loro risposte.

E ci sono sere in cui di domande non ne ho più.

Ma mai come in quelle sere avrei bisogno delle loro risposte...


 
 
 

.

Post n°38 pubblicato il 22 Aprile 2010 da LaMaschera_E_ilVolto




Ho sempre pensato che ogni essere umano fosse come un diamante: una pietra preziosa che, potenzialmente, è in grado di emanare luci e colori splendidi.

Potenzialmente.

Sì, perché, senza la luce adeguata, un diamante altro non è che una pietra opaca.

Similmente le persone.

Riescono a dare il meglio di sé solo se adeguatamente stimolate. Lo stesso dicasi per la loro parte peggiore.

Merito del loro catalizzatore: altre persone che, a loro volta, riescono a far emergere un determinato aspetto del carattere dell’altro.

Solo che, in questo modo, può venire a crearsi un circolo vizioso: ognuno reagisce agli stimoli dell’altro, reagendo, a sua volta, a ciò che sente provenire da chi gli sta accanto.

Tutto bene finchè le percezioni sono positive, costruttive, libere.

Non serve spiegare, invece, cosa può succedere quando si innesca il lato negativo del circolo vizioso…

 
 
 

.

Post n°37 pubblicato il 08 Aprile 2010 da LaMaschera_E_ilVolto




...costa molto essere autentiche, signora mia, e in questa cosa non si deve essere tirchie, perché una è più autentica quanto più assomiglia all’ idea che ha di se stessa...

 
 
 

.

Post n°36 pubblicato il 02 Febbraio 2010 da LaMaschera_E_ilVolto



L'uomo gioca solo quando egli è uomo nel pieno significato della parola, ed è interamente uomo solo quando gioca
(Friedrich Schiller, Sull'educazione estetica dell'uomo, 1795)

Nell'uomo autentico si nasconde un bambino: che vuole giocare.
(Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra, 1885)


A volte dimentico le cose essenziali della vita.
Per fortuna dura poco.

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: LaMaschera_E_ilVolto
Data di creazione: 12/05/2009
 

ULTIME VISITE AL BLOG

dago130stefbsx88anto.pintertoffy79argonauta1964Sir_PatrikLaMaschera_E_ilVoltomartinaseri89abilefelinoArdat_Lilipiergiorgio_2010Sarina9010c11051999roxyt76costantinoloprete
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom