Creato da maria_zema il 30/12/2010

I Love Green

Sito sulle amiche piante

 

 

Sedano

Post n°265 pubblicato il 25 Settembre 2014 da maria_zema
 
Tag: Sedano

Il testo è tratto da: Cucina calabrese: Ricette, Prodotti tipici, Identità, Catanzaro, 2014, pp. 257-59.

Sedano

Apium graveolens

Famiglia delle ombrellifere

Il nome generico della pianta è quello usato dai Romani, mentre il nome specifico deriva dal latino grávis, grave, in riferimento all’intenso odore che la pianta emana.

Per i Greci il sedano era una pianta sacra tanto che con le sue foglie si intrecciavano corone per gli atleti vincitori. Plutarco racconta che i soldati Siracusani, comandati da Timoleonte, considerarono un presagio funesto l’avere incontrato degli asini che trasportavano sedano, dal momento che con la pianta si ornavano le tombe e da questa usanza derivava il detto “Ha bisogno di sedano” per indicare una persona che stava per morire. Ma Timoleonte, per ridare fiducia ai suoi soldati, disse che la corona era stata spontaneamente portata nelle loro mani prima della vittoria, alludendo all’uso dei Corinzi di coronare con sedano i vincitori dei giochi Istmici, e per primo si mise sul capo una corona di sedano e così fecero i capitani e i soldati. Secondo Plinio i Greci rifiutavano addirittura di usare il sedano in cucina perché ritenevano che fosse un sacrilegio perché il sedano era riservato ai banchetti funebri. Il divieto di mangiare sedano viene spiegato da Clemente Alessandrino secondo cui i sacerdoti dei misteri coribantici proibivano che il sedano fosse messo sulla tavola perché credevano che esso fosse nato dal sangue di quel fratello che loro stessi avevano assassinato. Nel mondo romano la corona di sedano adornava i paretcipanti al convito. A questa usanza accenna Orazio nelle Odi: Né manchino rose al simposio,/né il vivo apio né fugace giglio (I, 36. 15-16); Chi corre/ad intrecciare ghirlande/di mirto e d’apio? (II, 7, 22-25);Ho un orcioletto di vino di Albano/ultranovenne, Fillide, dell’apio/nell’orto per intessere corone,/edera, e molta,/per adornarti le fulgenti chiome (IV, 11, 1-4).

Columella fornisce la ricetta di una specialità per facilitare la digestione, il celebre oxyporum, una composizione di pepe bianco (o nero), semi di sedano, radice di silfio, formaggio e miele che, al momento del suo utilizzo andava allungata con aceto e garum. Il sedano insaporisce anche il moretum del pastore Symilo che, nel poemetto dello pseudo-Virgilio, stende sulla rozza focaccia fatta di farina e acqua cotta sulla pietra incandescente l’impasto aromatico e piccante preparato nel mortaio di pietra con formaggio stagionato, aglio, ruta, sedano, coriandolo, olio e aceto.

In una raccolta di testi di antichi autori risalente probabilmente al X secolo, Geoponica, il sedano è proibito alle donne che allattano perché arresta il latte. Chi soffre di alitosi, scrive l’anonimo redattore, mangiando sedano risolve il problema. Anche gli attori mangiano sedano per avere l’alito profumato. Nel ’400, con Michele Savonarola il sedano è accreditato come pianta afrodisiaca. Il medico padovano esorta le donne a non mangiare sedano perché stimola al rapporto sessuale anche quelle che vogliono rimanere caste.

Sull’uso del sedano in cucinaPlatina scrive:

“Le radici del sedano sono molto efficaci come contravveleno. Inoltre, essendo amaro, il sedano è più adatto in medicina che in cucina. Vi sono alcuni che lo chiamano erba ambrosiana.” 1

Sulla coltivazione del sedano per uso alimentare, considerato un’autentica primizia, Vincenzo Tanara, agronomo bolognese del ’600, scrive che i primi “rinnovatori” della coltura si erano arricchiti e così:

La coltura degli orti ha tanto oprato,

che l’apio de’ sepolcri famigliare,

il cui sol nome a mensa era vietato,

sia divenut’or cibo singolare.

Tanara fornisce anche qualche ricetta per portare sulla tavola gli “sceleri”: si servono crudi con sale e pepe; se ne può fare una minestra cuocendoli in “bocconcini” con prosciutto “legato” con uova; si ricopre la carne lessa con gli “sceleri”, formaggio grattugiato e pepe; se si vogliono usare per il pesce si fanno cuocere con tarantello dissalato. Si adoperano in tutte le minestre e nei pasticci. Le cimette delle foglie tenere si servono in insalata con burro e formaggio di Parma. È necessario accompagnarli con pepe macinato perché sono molto “flatosi”.

Il sedano è un ingrediente del sugo di pomodori di Francesco Leonardi, maestro di casa del principe Orloff e poi cuoco particolare e scalco dell’imperatrice Caterina II, il primo grande cuoco ad usare abitualmente il sugo di pomodori, ottenuto con pomodori, privati dei semi, e fatti cuocere con cipolle, sedano, aglio e basilico.

I “selleri” fanno parte della cucina pitagorica di Vincenzo Corrado, che scrive:

“I sellari sono l’istessi che l’appj presso gli antichi, che servivano per ornamento de’ Sepolcri, senza che ne facessero uso per cibo; ma mercé la cognizione de’ moderni son divenuti i sellari necessarj alla cucina, e gustosissimi al palato. Eccone le varie maniere di prepararli.” 2

Meritano di essere ricordati la conserva di sedano, buona “per confortare lo stomaco e gradevole al gusto”, di Vincenzo Agnoletti, credenziere e liquorista di Maria Luigia d’Asburgo-Lorena, moglie di Napoleone e l’Ortocubo, cubetti di sedano di Verona fritti e cosparsi di paprica (i cubetti non devono superare 1 cm.), “formula” del critico d’arte futurista P. A. Sa-ladin.

 Uso in cucina– Sull’uso in cucina del sedano Paolo Mantegazza scrive: “I nostri antichi padri, i romani, nei loro conviti s’incoronavano il capo di sedano per tenere lontana l’ebbrezza; noi non portiamo più queste corone perché abbiamo perduto fede nella loro vita antialcoolica, ma continuiamo a mangiare sedano crudo come antipasto e il sedano cotto in molti intingoli diversi.”3

 1 B. Platina, Il piacere onesto e la buona salute. A cura di Emilio Faccioli. Cit., p. 73.

2 V. Corrado, Del cibo pitagorico, seguito dal Trattato delle Patate. Introduzione di Tullio Gregory, Donzelli Editore, Roma, 2001, p. 105.

 

3 P. Mantegazza, Almanacco igienico popolare. Anno decimosettimo. Piccolo dizionario della cucina. Cit., p. 104.

 
 
 

L'albero della canicola

Post n°263 pubblicato il 11 Agosto 2014 da maria_zema
 

Il testo seguente è tratto da: A. Cattabiani, Lunario, Milano 1994, p. 278.

L’albero della canicola: il nocciolo

Proprio in agosto giungono a maturazione le nocciole. A Caprarola, sui monti Cimini, nel Lazio settentrionale, le si festeggia con una sagra che si svolge alla fine del mese. Il nocciolo era un albero magico per i Celti che gli avevano dedicato nel loro calendario arboreo il mese compreso fra il 5 agosto e il primo di settembre.

      Il frutto del nocciolo, ben protetto dal guscio, simboleggiava per loro la saggezza interiore. In tempi mitici, in Irlanda vi era una sorgente, detta pozzo di Connle, sopra la quale si piegavano i rami dei nove noccioli dell’arte poetica: si diceva che mangiandone i frutti si acquisisse bellezza e conoscenza.

      In una favola inglese un medico ordina a un uomo di nome Farquhar di procurarsi una bacchetta di nocciolo simile alla sua e di recarsi con una bottiglia davanti all’ingresso della tana del serpente bianco che vive presso un nocciolo. Catturato il serpente facendolo entrare nella bottiglia, Farquhar accende un fuoco con l’albero, fa bollire il rettile in una pentola e poi lo mangia. Acquisisce così la scienza universale e diventa un medico infallibile.

      Tuttavia il nocciolo aveva anche altre qualità. Le fate delle nostre favole intagliavano le loro carrozze in una nocciola, immagine botanica della luna, della Grande Madre che protegge la vita sulla terra. Per questo motivo è anche simbolo di fertilità, tant’è vero che in passato alle nozze si distribuivano noci e nocciole come augurio di fecondità. Si dice infine che il legno del nocciolo abbia il potere di rivelare tutto ciò che è celato. Un suo rametto biforcuto, usato ancora oggi dai rabdomanti, da sempre è servito come bacchetta magica e ha permesso – così perlomeno si racconta – di individuare criminali e ladri.

 

 

 
 
 

Il nocciolo

Post n°262 pubblicato il 11 Agosto 2014 da maria_zema
 

Il testo seguente è tratto da: Jacques Brosse, Storie e leggende degli alberi, Pordenone 1989, pp. 145-146

Il nocciolo di J. Brosse

Già a febbraio-marzo, anche con la neve, il nocciolo o corilo annuncia il ritorno della primavera. I suoi amenti, fino allora compatti e grigiastri, si dispiegano, tutti cosparsi di una fine polvere gialla, il polline che il vento disseminerà. Le foglie appaiono più tardi; il lembo, tenero e peloso, si tende a poco a poco sulle nervature, ed esse si fanno ampie, dentate e appuntite. Al loro riparo si sviluppano le nocciole nei loro gusci di legno delicatamente lavorati, circondati da una gorgiera scavata e arricciata. Il nocciolo, che può diventare un alberello di 9 metri, di solito è un frondoso frutice che non supera i 4-5 metri. Non vive a lungo, ma si rigenera da sé, grazie ai vigorosi polloni del ceppo.

   Lo si trova in tutta Europa, in Asia Minore e nel Nordafrica; era ben noto agli uomini della preistoria, per i quali le nocciole costituivano una risorsa utilissima, dato che non vanno a male in inverno. Ma greci e romani le accusavano di causare mal di testa, gonfiezza di stomaco e appesantimento. Il loro nome greco era “noci del Ponto”, non perché il nocciolo fosse originario di quella regione che costeggia il Ponto Eusino (mar Nero), ma perché la specie vi fu migliorata. I romani chiamavano la nocciola abellana, dal nome della cittadina campana che ne aveva fatto la sua specialità. Abella, divenuta poi Avellino, ha dato origine al francese avelines, avellane, che designa le nocciole di grosse dimensioni, parola poi sostituita da noisette, piccola noce; l’italiano ha nocciola, ma lo spagnolo avellano. Noisetier, nocciolo, risale al XVI secolo; prima si diceva coudre o coudrier, dal latino gallico colurus, latino classico corylus, perché la nocciola ha la forma di un elmo, corus in greco. La radice europea kosel, “corilo”, ha dato l’inglese hazel e il tedesco Hasel. Nomi di località dalle forme più varie attestano la presenza del nocciolo: La Coudrée, Le Corroy, Le Caurel, La Queudre, Corlaie, Le Bois-des-Caures, Lavelanet, Nouzières, La Vaissière, Les Aulagneries.

   Presso i celti, che lo chiamavano coll, il corilo era l’albero del nono mese dell’anno, dal 5 agosto al 1° settembre, non soltanto perché i suoi frutti maturano allora, ma perché nove era il suo numero. Così, nove noccioli riparavano la fonte meravigliosa chiamata “pozzo di Connla”, vicino a Tipperary, il che sembra indicare – nove è il numero dell’albero sacro – che si votava loro un culto. La nocciola, ben protetta dal suo guscio, era per i celti il simbolo della saggezza interiore; si diceva che mangiare nocciole procurasse la conoscenza delle arti e delle scienze segrete. Uno dei mitici re dell’antica Irlanda aveva nome Mac Coll o Mac Cuill, “figlio del nocciolo”, forse per via dei suoi poteri. I druidi e i bardi usavano tavolette divinatorie di nocciolo come “supporto d’ispirazione”; vi incidevano gli ogam, le lettere magiche. Ma, soprattutto, il rametto biforcuto del nocciolo, usato ancor oggi dai rabdomanti, è da sempre servito come bacchetta magica; consentiva di scoprire non soltanto l’acqua, i minerali e i tesori nascosti sotto terra, ma anche i criminali e i ladri, e dava a chi lo adoperava la facoltà di diventare invisibile.

Tradizione popolare

Avellana. Pedi di nuciddi, nuciddaCorylus avellana L.

Alberetto sacro alla cui ombra si può dormire senza timore, perché vi fu cullato il bambino Gesù:

Sutta un pedi di nucidda

cc’è una naca picciridda;

cci annacaru lu Bambinu

San Giuseppi e San Jachinu (Naso).

È il frutto col quale si giuoca dai fanciulli e dalle donne per le feste natalizie. Vedi i miei Giuochi fanciulleschi, n. 51. Un proverbio, che forse fu un’antica gridata dei venditori:

Cosi di picciriddi:

puma, mènnuli e nuciddi.

Aviri lu cori quantu ’na nucidda, esser di poco animo, esser timido.

G. Pitrè, Usi e costumi credenze e pregiudizi del popolo siciliano raccolti e descritti da Giuseppe Pitrè, III, Palermo, 1889, p. 241

 

 

 
 
 

Erbario simbolico: Il gelso nero

Post n°259 pubblicato il 23 Giugno 2014 da maria_zema
 

Erbario simbolico: Il gelso nero

La tenera storia d’amore, raccontata da Ovidio nelle Metamorfosi, fra Piramo, il più bello di tutti i giovani, e Tisbe, la più splendida di tutte le fanciulle che l’Oriente avesse mai avuto, è legata all’albero del gelso nero (Morus nigra). I due giovani abitavano a Babilonia in due case contigue, si amavano e avrebbero voluto sposarsi, ma le famiglie contrastavano il loro amore e gli innamorati potevano soltanto scambiarsi dolci parole attraverso una sottile fessura del muro che divideva le loro case. Una sera decisero di eludere la sorveglianza dei parenti e di incontrarsi segretamente vicino al sepolcro di Nino, mitico re di Babilonia, presso la fonte dove sorgeva un alto gelso carico di frutti bianchi come neve. Tisbe, dopo aver eluso la vigilanza della famiglia, col volto velato, arrivò per prima e sedette in attesa sotto l’albero. L’amore la rendeva audace. Ma ecco apparire da lontano, al chiarore della luna, una leonessa con le zanne ancora sporche del sangue delle prede appena straziate, che si avvicinava alla fonte per bere. Terrorizzata, Tisbe fuggì per nascondersi, ma nella fuga perse il delicato velo che la copriva. Fu la belva a trovarlo dov’era caduto mentre, saziata la sete, ritornava nella selva e lo lacerò con gli artigli e le fauci insanguinate. Giunto all’appuntamento, Piramo scorse nella polvere le orme lasciate dalla fiera e tremó per la vita di Tisbe, ma quando trovò il velo in quello stato, si convinse che l’amata era stata sbranata. Disperato e piangente raccolse quei brandelli, li baciò e li portò con sé ai piedi dell’albero esclamando: “Imbéviti ora anche di un fiotto del sangue mio!” e si trafisse il cuore con il pugnale che aveva al fianco. Dalla ferita il suo sangue sprizzò in un alto getto colpendo l’albero vicino e provocando cosí la trasformazione dei frutti che da bianchi divennero scuri. Tisbe, tornata al luogo convenuto per non mancare all’appuntamento con l’amato, ancora tremante di paura e ansiosa di incontrarlo per raccontargli quale pericolo avesse evitato, riconobbe il posto e la forma della pianta, ma fu assalita dal dubbio per il colore dei frutti. Mentre esitava a riconoscere il luogo che poco prima aveva abbandonato, vide un corpo palpitante sul suolo insaguinato e indietreggiò timorosa, ma subito dopo, riconoscendo il suo amore, piangendo disperatamente si precipitò ad abbracciarlo e, inondando di lacrime le ferite e baciando il viso ormai freddo, gridò: “Piramo, rispondi! È la tua carissima Tisbe che ti chiama. Mi senti? Alza lo sguardo spento!”. Al nome di Tisbe, Piramo aprí gli occhi su cui già gravava la morte e, come l’ebbe vista per l’ultima volta, li richiuse per sempre. Solo allora lei, riconoscendo la propria veste e vedendo la guaina senza il pugnale, comprese il tragico equivoco che aveva portato Piramo al suicidio e decise di condividerne la sorte. “La tua stessa mano – esclamó - e l’amore ti hanno ucciso, infelice! Ma anch’io ho una mano forte per questa cosa almeno; anch’io ho l’amore: sarà questo a darmi la forza di colpirmi. Ti seguirò nella morte, e si dirà che sventuratissima io sono stata la causa e la compagna della tua fine”. Poi, rivolgendosi all’albero, pregò: “E tu, albero, che ora copri con i rami il misero corpo di uno, e presto coprirai i corpi di due, serba un segno di questa tragedia e abbi sempre i frutti cupi, come a lutto, a ricordo del sangue da noi versato” e, puntatosi il pugnale contro il petto, si curvò sulla lama che era ancora calda del sangue di Piramo. La preghiera dell’infelice raggiunse gli dei, che assentirono, e per questo i frutti del gelso, quando sono maturi, prendono il colore del sangue.

Il mito di Piramo e Tisbe, così ricco di poetiche suggestioni e così allusivo al tema dell’amore che diventa dedizione assoluta, ispirò molti tra poeti e pittori nei vari secoli. In Dante l’allusione alla tragica storia dei due innamorati appare in forma di similitudine per rappresentare la forza soprannaturale dell’amore: Come al nome di Tisbe aperse il ciglio/Piramo in su la morte, e riguardolla,/allor che ’l gelso diventò vermiglio;/così, la mia durezza fatta solla,/mi volsi al savio duca, udendo il nome/che ne la mente sempre mi rampolla. (Pur. XXVII, 37-42). I versi riportano al momento in cui Piramo, sentendo il nome dell’amata, riapre gli occhi ormai appesantiti dalla morte per guardarla un’ultima volta. Così basta il nome di Beatrice pronunciato da Virgilio a vincere l’ostinata immobilità del poeta di fronte al muro di fiamme che egli deve necessariamente attraversare per salire all’Eden.

In epoca classica il gelso era considerato l’albero più saggio perché, secondo quanto scrive Plinio, “germoglia buona ultima fra le piante civilizzate, e solo dopo che i giorni freddi siano passati (per questo viene detto il più saggio fra gli alberi); ma una volta che la germinazione sia cominciata, prorompe tutta insieme così intensamente da compiersi nel giro di una sola notte, facendo addirittura scricchiolare la pianta”. (N.H., XVI, 102). Inoltre, la pianta risente assai poco della fatica della fruttificazione e impiega moltissimo tempo ad invecchiare. I trattatisti rinascimentali di emblematica attinsero alle riflessioni di Plinio sulla pianta del gelso nero (o moro) nell’ideazione di emblemi e imprese. Nel libro dell’Alciati, Emblemata, l’immagine del gelso è accompagnata dai versi: Il tardo Moro mai non getta foglia/fin che ‘l freddo non è mancato e spento;/e pur avanti che ignorantia toglia/e chi ad haver di savio il grido intento. Nel Mondo simbolico di Picinelli il cap. XV del IX libro è dedicato al gelso moro e alle imprese più famose in cui appare la pianta:

- Scipione Bargagli alla pianta del gelso “diede SERO FLORET, CITO MATURAT, impresa confacente a chi tardi si converte, ma poi presto produce i frutti di santità, quale fu il felice ladrone” 

- “Il gelso si mantiene gran tempo, perché tardi germoglia, quindi il Camerario gli soprascrisse, CUNCTANDO PROFICIT; non altrimenti le cose lentamente consultate, e maturate, pare che per lo più siano di felice riuscita”.

- “Il moro, percosso dalla gragnuola, o dalla brina ebbe FATO PRUDENTIA MINOR. Emblema, che dimostra quanto prevaglia la disposizione divina sopra l’umana accortezza”. Il motto è in antitesi alla sentenza virgiliana FATO PRUDENTIA MAIOR, la prudenza è più forte del destino, (Georg. I, 416).

- “La pianta di gelso, vestita di tenere frondi, potrebbe segnarsi col titolo NON NISI FRIGORE LAPSO,[…] è figurativa di persona prudente che aspetta a luogo, e tempo, e riserva le operazioni sue alle opportunità, che riescono di suo vantaggio; e cauta e maturamente procede”.

- “Padre Ottavio Boldoni, per insegnare che le risoluzioni, ed operazioni, di lor natura utili, e profittevoli: benché siano lungamente consultate, si possono chiamare pronte, ed accelerate, figurò la pianta del gelso, che suol produrre tutt’a un tempo frondi, e frutti, col cartello: CITO SI TUTO”.

- Monsignor Paolo Aresi all’immagine del gelso, che non ha ancora prodotto i suoi primi germogli, in mezzo ad altri alberi tutti vestiti di verdi fronde e coronate di fiori abbinò il motto TEMPUS MEUM NONDUM ADVENIT “rappresentando con questa il Patriarca San Francesco, il quale amando in estremo la povertà, rifiutò tutte le delizie della terra, e tutti i beni del mondo, riservandosi a fiorire nell’altra vita”.

- “Benchè infatti il Gelso sia degli altri alberi il più prudente, come quello che più de gli altri tardi fiorisce, e meglio assicura in tal guisa i suoi germogli, ad ogni modo egli è chiamato con la voce greca: Moros, che significa pazzo; per tanto non mancò chi gli soprapose le parole dell’Alciati , Emblema 210 NOMINA FALSA GERIT, Motto tutto conveniente, a chi porta il nome contrario al genio suo, dalle sue operationi”.

Nel repertorio delle Imprese sacre del teatino Paolo Aresi si trova un’impresa dedicata a una donna: “Alla Signora Anna Morona fece parimente vera allusione il Sig. Massimiliano Stampa, con l’Impresa di uno Gelso, detto appresso di noi Morone, con un verme di quelli, che fanno la seta sopra, e il motto, SOL DI CIÒ VIVO”.

Il gelso con il motto STULTA FIT UT FIT SAPIENS fu la pianta simbolica di Maria Maddalena de’ Pazzi che, come scrive Carlo Labia nell’Horto simbolico,”se bene fosse della Famiglia de’ Pazzi, con tutto ciò per le rare sue virtù si dimostrò di quella de’ Savii, avendo saviamente sempre operato”.

Il gelso era raffigurato nell’impresa di Ludovico il Moro. Secondo quanto scrive Paolo Giovio, il potente duca milanese, ritenuto un tempo arbitro della pace e della guerra in Italia, scelse il gelso moro, sapientissimo tra gli alberi, per esaltare la sua saggezza e la sua capacità di prevedere i tempi futuri. Ma non capì che la venuta dei Francesi in Italia, da lui chiamati per battere re Alfonso, suo nemico capitale, sarebbe stata la cagione della sua rovina. Così fu schernita la sua favolosa prudenza avendo egli concluso la sua vita nella prigione della torre di Loces, in Francia, ad esempio della miseria e vanagloria umana.

Anche i grandi alberi di gelso che, nella magnifica decorazione di Leonardo della Sala delle Asse del Castello Sforzesco, si dipartono dalle pareti fino ad estendere i rami ricchi di foglie a tutta la superficie della volta dove danno origine a un fitto pergolato dal complicato disegno, celebrano il duca Ludovico con una diretta allusione oltre che al nome anche alle qualità correlate di prudenza e di saggezza e alla simbologia politica dell’albero-colonna sul quale si regge lo Stato.

Nell’Iconologia di Cesare Ripa la PRUDENZA è rappresentata da una donna che ha in testa una ghirlanda di foglie di gelso. La DILIGENZA invece è una donna che ha nella mano sinistra un ramo di mandorlo, il primo albero a fiorire, unito a un ramo di gelso.

 

 

 
 
 

Erbario simbolico: Il gelso nero

Post n°258 pubblicato il 24 Maggio 2014 da maria_zema
 

Erbario simbolico: Il gelso nero

La tenera storia d’amore, raccontata da Ovidio nelle Metamorfosi, fra Piramo, il più bello di tutti i giovani, e Tisbe, la più splendida di tutte le fanciulle che l’Oriente avesse mai avuto, è legata all’albero del gelso nero (Morus nigra). I due giovani abitavano a Babilonia in due case contigue, si amavano e avrebbero voluto sposarsi, ma le famiglie contrastavano il loro amore e gli innamorati potevano soltanto scambiarsi dolci parole attraverso una sottile fessura del muro che divideva le loro case. Una sera decisero di eludere la sorveglianza dei parenti e di incontrarsi segretamente presso una fonte, sotto un alto gelso carico di bacche bianche come neve. Tisbe, col volto velato, arrivò per prima e si sedette in attesa sotto l’albero, ma, avendo scorto al chiarore della luna una leonessa che si avvicinava alla fonte per bere con le zanne ancora sporche del sangue delle prede appena straziate, fuggì per nascondersi. Saziata la sete la belva, ritornando nella selva, trovò il delicato velo che Tisbe aveva lasciato cadere nella fuga e lo stracciò con le fauci insanguinate. Quando Piramo giungendo all’appuntamento trovò il velo in quello stato, si convinse che l’amata era stata sbranata. Disperato e piangente raccolse quei brandelli, li baciò e li portò con sé ai piedi dell’albero esclamando: “Imbéviti ora anche di un fiotto del sangue mio!” e si trafisse il cuore con il pugnale che aveva al fianco. Il suo sangue sprizzò in un alto getto sulle more che diventarono scure. Tornata al luogo dell’incontro Tisbe vide Piramo agonizzante a terra in una pozza di sangue e si precipitò ad abbracciarlo baciando il viso ormai freddo e mescolando le lacrime al sangue, e baciando il gelido volto gridò: “Piramo, rispondi! È la tua carissima Tisbe che ti chiama. Mi senti? Alza lo sguardo spento!”. Al nome di Tisbe, Piramo levò gli occhi su cui già gravava la morte e, come l’ebbe vista per l’ultima volta, li richiuse. Lei allora, riconoscendo la propria veste e vedendo la guaina senza il pugnale esclamò: “La tua stessa mano e l’amore ti hanno ucciso, infelice! Ma anch’io ho una mano forte per questa cosa almeno; anch’io ho l’amore: sarà questo a darmi la forza di colpirmi. Ti seguirò nella morte, e si dirà che sventuratissima io sono stata la causa e la compagna della tua fine”. Poi, rivolgendosi all’albero, pregò: “E tu, albero, che ora copri con i rami il misero corpo di uno, e presto coprirai i corpi di due, serba un segno di questa tragedia e abbi sempre i frutti cupi, come a lutto, a ricordo del sangue da noi versato” e, puntatosi il pugnale contro il petto, si curvò sulla lama che era ancora calda del sangue dell’amato. La preghiera dell’infelice raggiunse gli dei, che assentirono, e per questo i frutti del gelso, quando sono maturi, prendono il colore del sangue.

Il mito di Piramo e Tisbe, così ricco di poetiche suggestioni e così allusivo al tema dell’amore che diventa dedizione assoluta, ispirò molti tra poeti e pittori nei vari secoli. In Dante l’allusione alla tragica storia dei due innamorati appare in forma di similitudine per rappresentare la forza soprannaturale dell’amore: Come al nome di Tisbe aperse il ciglio/Piramo in su la morte, e riguardolla,/allor che ’l gelso diventò vermiglio;/così, la mia durezza fatta solla,/mi volsi al savio duca, udendo il nome/che ne la mente sempre mi rampolla. (Pur. XXVII, 37-42). I versi riportano al momento in cui Piramo, sentendo il nome dell’amata, riapre gli occhi ormai appesantiti dalla morte per guardarla un’ultima volta. Così basta il nome di Beatrice pronunciato da Virgilio a vincere l’ostinata immobilità del poeta di fronte al muro di fiamme che egli deve necessariamente attraversare per salire all’Eden.

In epoca classica il gelso era considerato l’albero più saggio perché, secondo quanto scrive Plinio, “germoglia buona ultima fra le piante civilizzate, e solo dopo che i giorni freddi siano passati (per questo viene detto il più saggio fra gli alberi); ma una volta che la germinazione sia cominciata, prorompe tutta insieme così intensamente da compiersi nel giro di una sola notte, facendo addirittura scricchiolare la pianta”. (N.H., XVI, 102). Inoltre, la pianta risente assai poco della fatica della fruttificazione e impiega moltissimo tempo ad invecchiare. I trattatisti rinascimentali di emblematica attinsero alle riflessioni di Plinio sulla pianta del gelso nero (o moro) nell’ideazione di emblemi e imprese. Nel libro dell’Alciati, Emblemata, l’immagine del gelso è accompagnata dai versi: Il tardo Moro mai non getta foglia/fin che ‘l freddo non è mancato e spento;/e pur avanti che ignorantia toglia/e chi ad haver di savio il grido intento. Nel Mondo simbolico di Picinelli il cap. XV del IX libro è dedicato al gelso moro e alle imprese più famose in cui appare la pianta:

- Scipione Bargagli alla pianta del gelso “diede SERO FLORET, CITO MATURAT, impresa confacente a chi tardi si converte, ma poi presto produce i frutti di santità, quale fu il felice ladrone”  

- “Il gelso si mantiene gran tempo, perché tardi germoglia, quindi il Camerario gli soprascrisse, CUNCTANDO PROFICIT; non altrimenti le cose lentamente consultate, e maturate, pare che per lo più siano di felice riuscita”.

- “Il moro, percosso dalla gragnuola, o dalla brina ebbe FATO PRUDENTIA MINOR. Emblema, che dimostra quanto prevaglia la disposizione divina sopra l’umana accortezza”. Il motto è in antitesi alla sentenza virgiliana FATO PRUDENTIA MAIOR, la prudenza è più forte del destino, (Georg. I, 416).

- “La pianta di gelso, vestita di tenere frondi, potrebbe segnarsi col titolo NON NISI FRIGORE LAPSO,[…] è figurativa di persona prudente che aspetta a luogo, e tempo, e riserva le operazioni sue alle opportunità, che riescono di suo vantaggio; e cauta e maturamente procede”.

- “Padre Ottavio Boldoni, per insegnare che le risoluzioni, ed operazioni, di lor natura utili, e profittevoli: benché siano lungamente consultate, si possono chiamare pronte, ed accelerate, figurò la pianta del gelso, che suol produrre tutt’a un tempo frondi, e frutti, col cartello: CITO SI TUTO”.

- Monsignor Paolo Aresi all’immagine del gelso, che non ha ancora prodotto i suoi primi germogli, in mezzo ad altri alberi tutti vestiti di verdi fronde e coronate di fiori abbinò il motto TEMPUS MEUM NONDUM ADVENIT “rappresentando con questa il Patriarca San Francesco, il quale amando in estremo la povertà, rifiutò tutte le delizie della terra, e tutti i beni del mondo, riservandosi a fiorire nell’altra vita”.

- “Benchè infatti il Gelso sia degli altri alberi il più prudente, come quello che più de gli altri tardi fiorisce, e meglio assicura in tal guisa i suoi germogli, ad ogni modo egli è chiamato con la voce greca: Moros, che significa pazzo; per tanto non mancò chi gli soprapose le parole dell’Alciati , Emblema 210 NOMINA FALSA GERIT, Motto tutto conveniente, a chi porta il nome contrario al genio suo, dalle sue operationi”.

Nel repertorio delle Imprese sacre del teatino Paolo Aresi si trova un’impresa dedicata a una donna: “Alla Signora Anna Morona fece parimente vera allusione il Sig. Massimiliano Stampa, con l’Impresa di uno Gelso, detto appresso di noi Morone, con un verme di quelli, che fanno la seta sopra, e il motto, SOL DI CIÒ VIVO”.

Il gelso con il motto STULTA FIT UT FIT SAPIENS fu la pianta simbolica di Maria Maddalena de’ Pazzi che, come scrive Carlo Labia nell’Horto simbolico,”se bene fosse della Famiglia de’ Pazzi, con tutto ciò per le rare sue virtù si dimostrò di quella de’ Savii, avendo saviamente sempre operato”.

Il gelso era raffigurato nell’impresa di Ludovico il Moro. Secondo quanto scrive Paolo Giovio, il potente duca milanese, ritenuto un tempo arbitro della pace e della guerra in Italia, scelse il gelso moro, sapientissimo tra gli alberi, per esaltare la sua saggezza e la sua capacità di prevedere i tempi futuri. Ma non capì che la venuta dei Francesi in Italia, da lui chiamati per battere Re Alfonso, suo nemico capitale, sarebbe stata la cagione della sua rovina. Così fu schernita la sua favolosa prudenza avendo egli concluso la sua vita nella prigione della torre di Loces, in Francia, ad esempio della miseria e vanagloria umana.

Anche i grandi alberi di gelso che, nella magnifica decorazione di Leonardo della Sala delle Asse del Castello Sforzesco, si dipartono dalle pareti fino ad estendere i rami ricchi di foglie a tutta la superficie della volta dove danno origine a un fitto pergolato dal complicato disegno, celebrano il duca Ludovico con una diretta allusione oltre che al nome anche alle qualità correlate di prudenza e di saggezza e alla simbologia politica dell’albero-colonna sul quale si regge lo Stato.

Nell’Iconologia di Cesare Ripa la PRUDENZA è rappresentata da una donna che ha in testa una ghirlanda di foglie di gelso. La DILIGENZA invece è una donna che ha nella mano sinistra un ramo di mandorlo, il primo albero a fiorire, unito a un ramo di gelso.

 

 

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

ULTIME VISITE AL BLOG

elledi1tocco_di_principessasusindominjusfoxy.lady.grooveDuochromeVerainvisibilemaria_zemaannbabelvceline.zarte1245Juliet_Homefante.59moluc_pegaso55
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom