Creato da unafatastrega il 31/05/2010

Incanto e poesia

Le mie labbra dicono.....

 

 

Open arms

Post n°720 pubblicato il 26 Maggio 2015 da unafatastrega

<<<<<<<<<<<<<<<
Da quando ci stiamo conoscendo ho riscoperto la bellezza delle emozioni. Da quando ci sei tu ho ricominciato a sognare, ma a sognare di vivere una  bella realtà- Mi era già capitato di confrontarmi con uomini all'apparenza interessanti , brillanti e magari al primo impatto coerenti. Ma  poi invece si sono rivelati molto diversi da come si ponevano all'inizio . Con te sento qualcosa di diverso , con te mi sento libera di sognare . Non sono sogni ad occhi aperti, sono momenti che si concretizzeranno spero presto.Ci sono anime che si somigliano e a volte si riconoscono, questo è successo a noi. Ci sono menti che viaggiano su stessi binari,ed anche questo vale per noi. Ci sono bisogni che sbocciano nel profondo e spesso non si trova la persona giusta che li " sente " - Ecco " sentire " è un verbo perfetto per questa stupenda sensazione che c'è tra noi. Sento forte il tuo bisogno di stringermi fra le tue braccia, cosi come lo stesso bisogno scorre sulla mia pelle e mi fa smuovere il respiro in gola . Da quando ci siamo sfiorati la prima volta con le parole, e non sapevamo quasi nulla di noi. Da quando tutto veniva fuori come un bozzetto di un disegno, misterioso eppure " riconoscibile " passo dopo passo uno verso l'altra.  Ed ora giorno per giorno si delinea pian piano ogni contorno di noi. E sembra ogni volta più definita la personalità, il desiderio, il carattere e i progetti. E se ti penso ecco cosa immagino: le tue braccia aperte ad accogliermi cosi come ci diciamo sempre. Hai presente quell'abbraccio che rassicura e che allo stesso tempo fa crollare ogni barriera, ogni paura e ogni distanza fino a quel momento cosi forte ?  In un abbraccio cosi puoi sentire  il battito del cuore, il profumo della pelle, il calore del corpo, quel fremito che scuote ovunque. Mentre mi stringi chiuderò gli occhi perchè escludendo per un attimo uno dei sensi tutti gli altri lavoreranno di piu. Potrò memorizzare il tuo odore, il tuo profumo, il contatto del tuo corpo con il mio , le tue mani nei miei capelli , il senso di benessere che si prova quando si sta con la persona che ti regala una grande magia , una magia reale. Io non lo so come sarà davvero,e neanche tu lo sai . Non sappiano niente di preciso ancora, se non quello che sentiamo cosi forte e ci fa cercare sempre, in ogni modo e momento della giornata, sfidando gli impegni e i doveri. Non sappiamo nulla se non che abbiamo bisogno di noi, un vero bisogno di noi, come dici tu " ci necessitiamo " E mi chiami " cielo mio " e tremo leggendolo e ancor piu sentendolo dalla tua voce. E ti chiamo " ciatu miu "  e tu sorridi e mi dici che ti emoziona l'espressione e il mio dialetto . E nascono tanti nomingnoli affettuosi quando ci confidiamo desideri e ci diciamo i  posti che vorremmo vedere insieme e le cose da vivere come affiancati dalla propria anima gemella. Non è incredibile tutto questo ? E' vera accoglienza , è un fremito caldo , è tutto così vero....
e in questa verità ti confesso che mi fai sentire come una foglia in balia del vento. Non mi ricordavo più quanto può essere bello  perdersi in sensazioni cosi forti. Le tue braccia  sentiranno tutto questo, mentre ti dirò ciò che adesso cerco di fare a voce e con le parole. 
>>>>>>>>>>>>
>>>>>>>>>>>
Se è vero che la primavera fa rinascere...

tu sei il mio vento di primavera ,

e non ho paura di sentirmi così 
>>>>

 
 
 

L'inganno dell'amore materno

Post n°719 pubblicato il 23 Maggio 2015 da unafatastrega

 

 In questo post scelgo di parlarvi di un argomento un pò particolare, che forse molti di voi non approveranno. Il tutto è trattato in questo libro e mi ha portata a riflettere tantissimo e ad avere conferma di ciò che ho pensato in alcune fasi della mia vita-

In Russia il volume ha avuto oltre 30 ristampe ed è stato già tradotto in sette lingue.Alcuni sono alle prese con la carenza di questo amore e di ciò è stato scritto molto,Ma dell'altra faccia dell'amore materno, del suo eccesso, se ne parla veramente poco 

 Certo, il destino dei figli abbandonati, o che hanno sofferto di carenza di amore, è tutt'altro che facile ma, per quanto ciò possa apparire paradossale, la sorte dei figli troppo amati dalle madri è ancora più difficile. 

 Se quello che ci hanno sempre detto riguardo al nostro ruolo di figli fosse sbagliato?

Se la dedizione incondizionata di una mamma verso i figli non fosse in realtà "vero amore"? Se l’eccesso di amore materno potesse diventare un inganno esistenziale che condiziona e danneggia sia i genitori che i figli?

Quando si parla di amore materno si sceglie di vedere sempre lo stesso lato della medaglia: il ruolo fondamentale di ogni mamma nella crescita e nell’educazione dei figli. Questo libro affronta invece il lato che nessuno ha mai il coraggio di svelare, il rovescio della medaglia: ogni mamma è anche donna e compagna. Difficile a credersi, ma il concetto di amore materno dovrebbe sempre tenere in considerazione anche il ruolo della mamma in quanto donna, dell’uomo e, soprattutto, della coppia.

Questo libro è l’occasione per parlare dei problemi che il "presunto amore materno" crea in tutto il mondo: dalle piccole incomprensioni familiari ai divorzi, dalla morte dei bambini ai grandi problemi sociali e alle guerre. Difficile da accettare e da credere. Sconvolgente quasi. Ma prima di negarlo a priori, leggiamo, pensiamo, osserviamo, soprattutto noi stessi.

Possiamo cambiare in meglio la nostra vita e quella delle persone che ci stanno accanto solo imparando ad amare davvero, senza inganni, senza illusioni, senza fraintendimenti. Semplicemente imparando a vivere correttamente il nostro ruolo di figli, amanti e genitori.

"[…] scopo della vita è amare. Amare se stessa, le persone, gli uomini, la Terra, la vita in quanto tale. La maternità dovrebbe essere solo una conseguenza di questo amore, che la donna realizza esclusivamente se è lei a volerlo. Una conseguenza, non lo scopo principale della vita".

"L’eccessivo amore verso i figli e la preoccupazione per loro distruggono la libertà e disturbano la naturale espressione dell’amore dei figli per i genitori".

"Se volete che i figli siano felici siate felici voi stessi. Ai figli si può dare solo ciò che si possiede".

 

 

 
 
 

Cambiar pelle

Post n°718 pubblicato il 21 Maggio 2015 da unafatastrega

 

Cambiar pelle

come i serpenti

rinnovarsi con lentezza

con movenze quasi impercettibili 

Sinuosa nel silenzio

non amo attirare attenzioni

a meno che

esse non arrivino da sole

cosi forti da incuriosirmi

Seguono la scia che lascio

inconsapevole di farlo

Piacere è come ...

sentire l'eco della mente degli altri

Non sempre occorre parlare

per farsi sentire 

 
 
 

Se decide una donna

Post n°717 pubblicato il 19 Maggio 2015 da unafatastrega

 

Quando una donna decide di andarsene lo fa e basta. Magari ci pensa molto, valuta al meglio ogni lato sia positivo che negativo. Magari ci perde il sonno tante notti . Ma quando ha deciso che non può più stare in quel posto con quella persona non c'è verso che le si faccia cambiare idea. Ci sono uomini che non riescono ad andar via, anche se pensano che lo faranno, non riescono ad ammettere che è finita neanche se gli dici chiaro e tondo che non senti piu quella magia, quella empatia inziale. Non riescono a comprendere che se non c'è più nulla non ha senso continuare. Si convincono di aver rinunciato e per un pò non li vedi più- Quel tipo di uomini però tornano, tornano ancora forse perchè non sanno perdere , non riescono a sopportarlo. Penso che questo è il tipo di uomini che non accetta le sconfitte e i fallimenti, nè in amore e neanche nel lavoro o nei rapporti personali. Esistono uomini che devono averla vinta per forza. Il loro ego non sopporta di dover ammettere di aver fallito, anche quando sanno di avere davanti una persona o una donna leale, sincera ...una donna che ha deciso di voltarsi e andar via. 

 

Forse la donna per sua natura è più realista, più forte e coraggiosa e non si accontenta delle briciole ? 

 
 
 

Incognita di sempre

Post n°716 pubblicato il 17 Maggio 2015 da unafatastrega

 

Tratto da " Se ti abbraccio non aver paura " 

di Fulvio Ervas 

 

Passiamo cosi tanto tempo a cercare felicità , amore , successo e gratificazioni di ogni genere che ci dimentichiamo come sia fragile la vita , quella stessa vita che noi  temiamo. Ne abbiamo spesso paura perchè è severa quando ci infligge sconfitte e perdite . La sentiamo amica in quei momenti felici e non ci saziamo mai di averne altri. La affrontiamo come fosse materica e compatta, forte e nemica. Ma la vita è un sussegurisi di minuscoli istanti e di piccole opportunità. E' fatta di sensazioni , non solo di gesti pratici.E' fatta di sentimenti , di scelte e di ritorni e di cose mai perse o persone mai andate via. Dimentichiamo spesso che è imperfetta e che noi siamo solo granelli di sabbia in una clessidra capricciosa. Siamo piccoli insetti che cercano nutrimento e calore dall'albero della vita. Svolazziamo indaffarati e spesso ci perdiamo. E di tutta la vita che potremmo avere noi ne vediamo solo una piccola parte. 

 
 
 
Successivi »
 

^^

I baci sono ciò che resta della lingua del Paradiso .

Joseph Conrad 

 

 

....