Creato da JDM1 il 12/10/2008

Parole

Pensieri parole opere ed omissioni

 

 

cicli

Post n°21 pubblicato il 21 Febbraio 2009 da JDM1

Cani randagi per strada. Il sale si ferma sulla ruggine delle loro vite. Sguardi che rimirano non si sa cosa non si sa dove. Il collo a tratti non sorregge il mento che si avvicina alle mani congiunte sorrette da un altrettanto stanco ulivo. Ormai ne forma ne sostanza hanno più significato, il passato ha già dato sentenza, il presente è inesistente ed il futuro non supera il domani. Passeggiate, passeggiate, sperando che la morte arrivi in fretta e sia rapida, perché se mai ve ne rendeste conto, sareste così entusiasti che tornereste in vita.

 
 
 

Recitativo

Post n°20 pubblicato il 02 Gennaio 2009 da JDM1
Foto di JDM1

Il guerriero Zen innamorato della morte, parla, parla, parla,

mentre mostra le cicatrici alla luna, per farla invaghire di se.

Vedi!!!!,,,, potrei morire domani, se solo volessi.

E la luna non risponde ma osserva dall’alto, quest’eternamente mimata vicenda adolescenziale.

Agli uomini piace recitare, ma che ne sanno loro di una vita infinita, che ne sanno della morte eterna.

Ci sono già state ere glaciali, ne migliori, ne peggiori di questa, e tutto il resto è teatro.

Una tragedia quando si ripete due volte diventa farsa.

 
 
 

Figlio

Post n°18 pubblicato il 14 Dicembre 2008 da JDM1
Foto di JDM1

E tu fuggivi, disertando te stesso 

Non voler ammettere che per ciò d'errato  

si ripropone lo stesso errare  

E' la rabbia che cresce e fa fuggire 

fuggire difronte ad affermazioni  

Risveglio di coscienza   

Assoleversi immediatamente per giustificarsi 

Dir d'aver compreso, senza ascoltare.  

E la voglia dell'ultima parola,  d'una reazione. 

Bisogna pur riconoscere a se stessi che si è in vita.

Ma non vi è un genitore solo perchè esiste un figlio.

 
 
 

Ed ho trascorso giorni......

Post n°17 pubblicato il 14 Dicembre 2008 da JDM1
Foto di JDM1

Ed ho trascorso giorni immobili, in vorticosi  pensieri.

 

Ho conosciuto volti e ne sapevo il nome. 

Vedevo ombre prive d’ogni fattezza e sostanza

E non vi erano nomi ne tanto meno visi  

Ho percepito amore dove non v’era  

Ho voluto amare irrazionalmente 

E mi son concesso senza sapere, che vi è sempre un bilancio pure nell’amare

 
 
 

Maltempo

Post n°15 pubblicato il 18 Novembre 2008 da JDM1
Foto di JDM1

Con un cielo così basso che le montagne si perdono

con un cielo così basso da comprenderne l’umiltà

con un cielo così grigio, in cui i campanili si impiccano

con un cielo così grigio che fa si di perdonarli

Con il filo del giorno come unico viaggio

e scrosci di pioggia come unica buonanotte.

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

ULTIME VISITE AL BLOG

psykescassetta2unamamma1thewaytomarsclarinettistonatimartinaA90gradibellezza.e.incantoliliasansonewaitiriselvatica7270realnovirtualtukkyroszJDM1
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom