Creato da: Led_61 il 23/01/2011
Internet: mie riflessioni

Netiquette

Nei limiti del possibile cerco una sana convivenza con chi intrattengo rapporti in questa area virtuale, non sempre è possibile ...

Non sono in cerca dell'anima gemella o di avventure ma mi fa piacere scambiare opinioni sui più svariati argomenti con persone aperte di qualsiasi razza, sesso, religione o credo politico che non nutrano pregiudizi di sorta.
La perodicità dei post e la risposta ai commenti è influenzata dai miei impegni.
Non cancello mai i miei post al limite effettuo qualche restyling riguardo a parole ed immagini senza stravolgerlo troppo e sono disposto a farlo solo se violo il copyright di qualche utente.
I commenti sono liberi senza alcun filtro.
Bannare è un termine che non fa parte di questo codice, perchè la vedo come una misura di ritorsione che non ha senso in un mondo così etereo e impalpabile ed in cui è facile occultarsi dietro improbabili profili.
Sono diretto rispondo con post, che talvolta hanno un linguaggio ermetico ma fanno comprendere il mio disagio di fronte a situazioni e persone che non hanno desiderio di un sano confonto, ma preferiscono celarsi e giocare sugli equivoci giocando troppo con le parole mentre lo scrivente pur amando l'ironia rimane una persona con saldi principi maturati nel suo mezzo secolo di vita.
Come non sono stato protagonista attivo nell'attività di bannaggio, allo stesso modo non ne sono stato oggetto (fino ad oggi), indice che i miei post o racconti sono moderati e non urtano troppo la sensibilità dei lettori, anche perchè questo è un luogo di riflessioni personali anche abbastanza intime aperto ai commenti di chiunque.

 

Are you with me

 

Silbermond: Das Beste

 

Lana del Rey

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 33
 

Ultime visite al Blog

RavvedutiIn2Led_61FlautoDiVertebramisteropaganoIrrequietaDsagredo58Nues.sdon.francobistrice63cassetta2max_6_66morganaelbanana33_1969Web_London
 

Paul Wex: Seychelles

 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

AVVERTENZE

I testi qui pubblicati sono opera mia e solitamente se cito qualcosa di non mio, riporto l'autore della suddetta frase o perifrasi.

Gran parte delle immagini qui visualizzate sono realizzate con il mio cellulare (non é di ultima generazione).
Vi sono anche immagini reperite in rete, di dominio pubblico e comunque se ne conosco l'autore lo cito.
Se qualcuno ritenesse che abbia leso un suo diritto d'autore me lo faccia sapere e l'immagine o testo verranno rimossi.

L'argomento e il tenore di certi post sono adatti ad un pubblico adulto e la lettura ai minorenni è sconsigliata.

 

Marteria Lila Wolken

 

 

 

2015

Post n°225 pubblicato il 31 Dicembre 2015 da Led_61
 
Tag: natura

                                     

 

                            

 

 

 

                                 Mi congedo da questo anno con immagini dei posti dove vivo.

                 Bilanci non ne voglio fare, so solo che mi aspetta un nuovo anno di cambiamenti e mi preparo.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Tribute band per gli Abba

Post n°224 pubblicato il 18 Ottobre 2015 da Led_61
 
Tag: Abba

 

Dopo anni che non vedevo concerti, questa estate ho avuto l'occasione di assistere allo spettacolo di una tribute band dal vivo.
Artisti della musica che ripropongono brani musicali nello stile, nel ,modo di proporsi, nell'abbigliamento tipico della banda a cui fanno riferimento.
Visto che gli Abba hanno imperversato negli anni '70 '80 era logico che il pubblico fosse in maggior parte degli anni 'anta a cui si accompagnava qualche giovane familiare per abbassare la media e ravvivare la serata.

La cornice di questo evento, un  attracco sul fiume Werra vicino ad un ponte che riunisce le due sponde del fiume, qualche barca di legno sia in acqua che a terra luogo di consumo delle portate di un locale caratteristico che si affaccia su questo porticciolo che ha messo a disposizione il prato su cui era eretto il palco con tutte le sue attrezzature.
Non ero molto in forma forse a disagio perché era da una eternità che non vedevo musica dal vivo e d'altronde il trovarmi con gente di cui a malapena capisco i discorsi costituisce una costante della mia vita in terra straniera.
Abbiamo incontrato amici della mia compagna per passare una serata estiva allegra e spensierata sotto la cornice  di un cielo stellato e di una fresca aria che ti faceva dimenticare la calura quotidiana.

La vita di questi artisti della musica, gente non famosa e che probabilmente non conoscerà il successo e la grande platea mediatica che ad esso segue mi affascina. Concerti in posti sconosciuti o in qualche pub dove portare avanti il loro grande amore per la musica, o in qualche cantina dove provare nuovi pezzi o canzoni famose rivisitate e la convivenza con qualche lavoro precario per portare avanti i loro progetti musicali nella speranza di essere scoperti da qualche impresario per poter dare una svolta alla propria vita e dedicarsi anima e corpo all'unica passione  che li realizzi appieno.
Non penso si possano neanche contare i momenti di sconforto accompagnati al dubbio di avere fatto una scelta azzardata incaponendosi ore ed ore sullo strumento musicale che diventa il loro vero compagno/a del loro percorso con l'unico momento di realizzazione costituito dagli  applausi che seguono le loro performance, non spesso sicuri dal momento che il pubblico o l'auditorium è spesso distratto da altre occupazioni.


    

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Una donna piangeva

Post n°223 pubblicato il 20 Agosto 2015 da Led_61
 

 

C'era solo il marciapiede che esalava l'afa di agosto, e carte sparse e bustine e un donna inginocchiata con capelli grigi e biondi che di spalle singhiozzava perché si piange sempre con la faccia rivolta al muro.

Non era un pianto liberatorio ma un pianto di una disperazione desolante per accompagnare il fardello pesante attraverso un'altra lunga notte di luci e ombre e odori maleodoranti liquefatti dall'afa nella stazione, che perdeva i suoi connotati di punto di transito per far emergere facce bianche e consunte che la notte riuniva in gruppi amorfi e asfittici.

La pelle si mescolava per lasciare il posto agli occhi voraci e ansanti che cercavano una parte nel teatrino oscuro e anonimo che si crea ogni notte per trascinare corpi magri e asciutti fuori dai propri tormenti.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

L'arena i gladiatori, lo stadio i calciatori

Post n°222 pubblicato il 15 Giugno 2015 da Led_61
 

 

Le masse hanno bisogno di identificazione, di senso di appartenenza, di partecipazione che dovrebbe essere il ruolo della politica, ma quando questa si allontana sempre più dalla vita di ogni giorno, questo vuoto viene riempito dallo sport che riesce a creare unione e comuni obiettivi sotto una stessa bandiera.
Gli spettacoli più seguiti che venivano offerti al pubblico in epoca romana erano cruenti ed il pubblico partecipava attivamente e avidamente a quanto veniva offerto, trovando quel quid in più alla vita di ogni giorno dal sangue che lì veniva versato.
L'uomo moderno "civilizzato" ha abbandonato questi sport estremi ma ha continuato a seguire altre competizioni identificandosi nella squadra della propria città piuttosto che della propria nazione creando uno sport municipale in cui la squadra ha una precisa identità legata al territorio della stessa.
Gli sport di squadra tendono sempre ad accentuare maggiormente la municipalità dei componenti rispetto a quello individuale dove risulta prevalente il fattore nazionale mentre quello legato al territorio rimane più sullo sfondo.
La politica ha compreso il ruolo di sfogo e di compensazione ai problemi quotidiani che lo sport costituisce e tende sempre a incentivare e a supportare ogni forma di aggregazione che riguarda lo sport, in particolare per quanto riguarda quelli più seguiti come ad esempio il calcio.
Soprattutto in momenti in cui la crisi economica aumenta i problemi delle famiglie viene usato un occhi di riguardo per gli sport più seguiti allentando le regole ed i controlli per consentire agli stessi di prosperare e continuare le proprie attività senza troppe restrizioni.
Le componenti comuni ad arena e stadio sono un pubblico che vuole spettacolo, che per lo spettacolo paga e scommette e che vuole adrenalina da quanto va ad assistere.
Il sangue versato in epoca romana dagli attori di queste lotte per la sopravvivenza è sostituito dalla violenza degli hooligans, che concepiscono lo scontro tra le squadre come scontro tra le rispettive tifoserie pronte a reazioni fisiche e violente ad ogni minima provocazione con precisa identificazione nel nemico nel portatore di magliette dal diverso colore.
Questa democrazia di facciata sa che questo è un male necessario e controlla in modo limitato questo fenomeno, in quanto le forze di polizia hanno il compito di dividere le varie tifoserie e di controllo di quanto i soggetti portano allo stadio ma i mezzi a disposizione sono limitati e per questo cercano in ogni modo di delegare alle società questi compiti di controllo.
La competizione è una componente essenziale per questa società e anche quella tra le varie tifoserie diventa tale per chi spara più razzi, per chi grida slogan più oltraggiosi, per chi si fa più sentire e lo sfottio reciproco è spesso seguito dalla dimostrazione di forza e di reazione al nemico spesso a prescindere dal risultato della partita e dal contesto solo per dimostrare il ruolo di appartenenza ad un clan contrapposto ad un'altra bandiera.
A parte le reazioni di facciata quali le multe, i divieti di entrare allo stadio e le promesse di misure restrittive non si ha voglia di combattere il fenomeno come merita.
Il potere politico ha capito che una dose di violenza è insita nella società odierna ed è meglio che lo sfogo avvenga nello stadio e quindi parzialmente regolamentato, rispetto ad altri ambiti dove gli interessi in palio da parte di altri soggetti potrebbe creare maggiori tensioni e problemi per l'ordine pubblico quindi  si interviene moderatamente.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Cuba Libre: incontro di culture

Post n°221 pubblicato il 01 Giugno 2015 da Led_61
 

 

Il cuba libre è un Long drink da me apprezzato in anni giovanili e di cui vado a cercare la storia come ho fatto in precedenti post riguardo ai vini bevuti recentemente durante le pause delle mie escursioni digitali.

Siamo nel 1900 a L'Avana e i cubani insofferenti del dominio spagnolo  avevano deciso di chiedere l'aiuto degli Stati Uniti.
Si cercò di utilizzare i contatti commerciali con quel paese con cui si scambiavano merci di ogni genere ed arrivarono i primi agenti all'Avana.
John Doe, nome di copertura del capitano Russel, si presenta all'American Bar di Calle Nettuno, aperto da suoi connazionali ed ordina Coca Cola americana, rum cubano in un bicchiere pieno di ghiaccio con una spruzzata di lime.
Il capitano è ignaro che quella miscela di liquidi diventerà un simbolo dell'unione degli Stati Uniti con Cuba e che altri barman cubani lo seguiranno e che con quel cocktail guerriglieri cubani brinderanno inneggiando "Por Cuba Libre".
5 cl. di rum chiaro, 12 cl. di Cola, 1 cl. di succo di lime da servire in un bicchiere highball con ghiaccio.
Le guerre con le possibilità di incontro tra popoli e culture diverse creano anche queste miscele o nuovi piatti che spesso poi prevaricano i confini delle rispettive nazioni e che si diffondono incontrando il gusto di altri popoli, che propongono poi le loro varianti.
Gli italiani  hanno inventato il cubotto, sostituendo alla cola il chinotto, il cubanta, con la Fanta e il Cobra dove al posto del ruma vi è il Braulio.

Il rum è il liquido che deriva dalla melassa di canna da zucchero fermentata e contiene fino al 75% di alcol e viene aromatizzato con erbe, il colore va dal giallo al marrone in dipendenza dall'invecchiamento o dall'uso del caramello.
La canna da zucchero viene portata dagli spagnoli a Cuba nel 1511 e il suo distillato si diffuse quindi nelle colonie americane; nel 1664 fu fondata la prima distilleria di rum nell'odierna Staten Island e la produzione di rum industriale nel 1700 ebbe forte sviluppo nel New England coloniale.
La fermentazione del succo, sciroppo e melassa consente la trasformazione degli zuccheri in alcol per la successiva distillazione; la maturazione del distillato avviene  in botti di legno che ne influenza il sapore.
I derivati dalla lavorazione dello sciroppo creano melasse di varie qualità a seconda della % di acqua in essa contenute che contengono un gran numero di minerali e composti organici non zuccherini essenziali nella produzione di Rum in quanto fonte del suo corredo aromatico. Lo zucchero contenuto nella melassa varia a seconda della qualità:

  • nei rum di qualità varia tra il 30% e il 40%;
  • tale percentuale si abbassa se la canna è molto sfruttata per l'estrazione di zucchero, così come si abbassa la quantità di rum che si ottiene in fase di distillazione.

 La fermentazione della melassa in rum differisce da quella degli altri cereali perché non deve essere preriscaldata per far iniziare l'azione di idrolisi degli amidi in zuccheri fermentabili, visto che nella melassa lo zucchero è già fermentabile.
Il tempo necessario ad una corretta maturazione è proporzionale alla struttura del distillato.
Le botti di rovere per la maturazione sono di 210 litri che è il numero "magico" per bilanciare la superficie di contatto del rum e il tasso di evaporazione.
Sino alla seconda metà del XIX secolo tutti i rum erano liquori forti o scuri considerati adatti ai lavoratori con disponibilità economiche.
Per dare impulso al mercato, la Commissione Reale di Sviluppo spagnola offrì un premio per migliorarne la qualità.
Figura cardine fu Don Facundo Bacardi Masso, i cui esperimenti portarono alla produzione di una bevanda più dolce e gradevole tipica dei rum leggeri moderni.
Cosa che ha reso Cuba 'isola per eccellenza del Rum bianco e dorato, ottenuto con alambicco continuo.
Oggi Cuba è nota come un Paese produttore il cui Rum si distingue per lo spiccato stile, caramellato e legnoso, di forte carattere e tradizione.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »