Creato da ninograg1 il 16/01/2006

XXI secolo?

Vivere e sopravvivere nel nuovo medioevo italiano

Get the Radio DgVoice verticall no autoplay widget and many other great free widgets at Widgetbox! Not seeing a widget? (More info)
 

STO LEGGENDO E RACCOMANDO

 

 

 

siti

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: ninograg1
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 56
Prov: MS
 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 197
 
 

SHINY STATS; TROLLS

DIRECTORY

 

TCPA;OIPA

 
Leggi a questo link

 

      aumenta page rank

 

MOTORI

 immagine Best blogs ranking

 

 

XML, PULIZIA

 Basta! Parlamento pulito  Feed XML offerto da BlogItalia.it  immagine immagine Iscriviti I heart FeedBurner 

 

LIST

  Blogarama - The Blog Directory Powered by FeedBurnerIscriviti a RSS aggiornamenti dal titolo: Powered by FeedBurnerSono membro della AM Blog directory

 

GREENPEACE & ARCOIRIS

immagine immagine BlogGoverno    Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare. Federico Fellini  

 

 

MATRIX 1

un mondo senza regole e senza confini 

Il Fatto Quotidiano

http://www.ilfattoquotidiano.it/

Scudo della Rete

BlogNews

 

NESSUNO TOCCHI CAINO; PACS

immagine   immagine

 

VARIA GRAFICA

immagineDirectory dei blog italiani

 

BLOGITALIA

          BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« Clima, la conferma della...Barack Obama, le 7 guerr... »

Migranti, quali sono gli effetti benefici per l’economia europea?

Post n°3643 pubblicato il 24 Gennaio 2016 da ninograg1
 

di | 24 gennaio 2016 dal Fatto Quotidiano

La posizione dell’Europa Unita nei confronti dei rifugiati cambia a seconda dei titoli dei giornali ed è essenzialmente emotiva. Ecco il nocciolo dei problemi attuali riguardo all’emigrazione ed al processo d’integrazione dell’Ue. La scorsa estate, quando le immagini del corpo di un bambino siriano su una spiaggia del Mediterraneo hanno fatto il giro del mondo, gli Stati membri, con la Germania in testa, hanno aperto le frontiere.

Subito dopo, a Bruxelles, i vertici dirigenziali dell’Unione Europea, hanno imposto ai Paesi membri di accettare quote più alte di rifugiati. Una decisione che ha de facto bloccato l’applicazione del trattato di Dublino che stabilisce la residenza dei migranti nel paese d’ingresso nell’Unione. Da allora il flusso dei rifugiati non è scemato, neppure il freddo e la neve di un inverno tardivo hanno fermato un esodo che l’Europa non vedeva dai tempi della seconda guerra mondiale.

A Capodanno gli incidenti di Colonia hanno fatto cambiare opinione agli europei. Un gruppo di donne sono state aggredite da bande di medio-orientali, tra cui, a quanto si legge sui giornali, c’erano anche dei rifugiati. Improvvisamente, anche la politica europea è cambiata, al punto che si parla ormai di rottura di uno dei pilastri dell’Unione, la libera circolazione dei cittadini al suo interno.

Dall’inizio dell’estate, i 28 Stati membri dell’Unione non sono stati in grado di accordarsi su un meccanismo comune per gestire i flussi migratori e le frontiere dell’Unione. Adesso che alcuni paesi del centro Europa hanno chiuso le loro, l’Ungheria ha eretto un muro lungo il confine con la Croazia e la Slovenia, Grecia ed Italia sono le nazioni d’ingresso con il maggior afflusso di rifugiati. Dalla Grecia e dall’Italia, i migranti poi si muovono verso il resto d’Europa, ma alcuni paesi hanno imposto nuovi controlli alle frontiere, tra questi la Germania, l’Austria, la Danimarca, la Francia ed il Belgio. Ed ecco spiegato perché l’accordo di Schengen sulla libera circolazione è in pericolo, de facto è già stato sospeso in gran parte dell’Unione.

Mentre l’Europa non riesce a trovare una politica comune, migliaia di migranti, molti dei quali rifugiati della guerra siriana, ancora arrivano ogni giorno dalla Turchia. A gennaio ogni giorno sono entrate 2.000 persone. Le procedure di smistamento delle domande di asilo sono lente e i centri di accoglienza sono sovraffollati perché queste strutture non sono state concepite per un numero così alto di migranti.

La domanda razionale da porsi è se l’esodo al quale stiamo assistendo è positivo o negativo per l’economia europea. Una risposta l’ha data il Fondo Monetario, che sostiene che l’aumento straordinario del numero dei migranti diretti in Europa avrà effetti benefici all’interno di Eurolandia, in particolare in quelle nazioni dove più alta è l’emigrazione. La Germania, che ha ricevuto più di un milione di rifugiati nel 2015 – la maggior parte dei quali siriani ed afgani -, potrebbe vedere il proprio pil salire dello 0,3 per centro nel 2017 grazie a questa iniezione di forza lavoro. In Svezia e in Austria, gli altri due paesi che hanno assorbito un alto numero di rifugiati, il pil potrebbe crescere dello 0,4 e dello 0,5 per cento rispettivamente nel 2017.

Anche sul pil delle 28 nazioni dell’Unione Europa, secondo il Fmi, le migrazioni attuali avranno un effetto positivo, nel 2017 contribuiranno lo 0,13 per cento al tasso di crescita del pil. Fintanto che i governi europei saranno in grado di garantire ai migranti un processo di assimilazione nell’economia nazionale rapido ed efficiente ed una flessibilità alta all’interno del mercato del lavoro, la presenza dei rifugiati sarà positiva per la crescita economica.

Non è chiaro, però, cosa si intenda per processo di assimilazione e flessibilità del lavoro. Lo studio del Fondo Monetario, non tiene conto dei costi relativi all’assimilazione di questa forza lavoro aggiuntiva, dagli alloggi ai corsi di lingua. Ma soprattutto non analizza le conseguenze sociali di un’emigrazione biblica verso l’Europa. Ed è proprio questo il tema politico più caldo al momento.

La popolarità della Merkel è ai minimi storici non solo in Germania ma anche all’interno del proprio partito, che ultimamente ha appoggiato una proposta di legge per rendere più celere il processo di espulsione di cittadini provenienti dall’Algeria, dal Marocco e dalla Tunisia. Ma dato che i rifugiati non arrivano con documenti di riconoscimento e la loro identificazione avviene sulla base della nazionalità di cui dichiarano di appartenere, una tale legislazione serve a ben poco.

La decisione di concedere 3 miliardi di euro alla Turchia per frenare il flusso dei migranti, chiaramente mira a ridurre le critiche mosse alla politica di apertura delle frontiere della Merkel ed ad assecondare quella fetta dell’elettorato che vuole la chiusura delle frontiere. Che poi, secondo il Fmi, nel 2017 il pil sarà più alto grazie al contributo dei profughi, questo non interessa nessuno. La politica dell’emigrazione è gestita dagli europei emotivamente e non razionalmente e chi li rappresenta, invece di calmare l’elettorato e farlo ragionare, segue i suoi umori.

Oggi gli europei vogliono una soluzione immediata alla crisi dei rifugiati con una politica di contenimento, domani chissà, potrebbero cambiare opinione ancora una volta. Certo questa non è la strategia giusta per risolvere un problema politico ed umanitario di questa portata, né è la politica giusta per evitare ulteriori incrinature nella costruzione dell’Europa Unita.

di | 24 gennaio 2016



____________________________________



e questo sarebbe il sogno europeo? E' per uesto che milioni di persone si stanno spostando verso il nord? Speravano di fermare l'onda ai paesi mediterranei e invece, per incapaci di guardare oltre il proprio naso, come i governi proprio dei paesi mediterranei, facendosi scoppiare fra le mani (per non dire altrove) il problema? Cosa ce ne facciamo di un siffatta europa? Ci bastano i governanti locali, non credete?

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

MATRIX

 

 

 

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

giampi1966000indiananinograg1robi19700woodenshipelyravangelovkirilchiarasanyjigendaisukeLunaRossa550maresogno67nagi51lubopoaldogiornomassimocoppa
 

ULTIMI COMMENTI

I MIEI BLOG AMICI

- The BoNny
- piazza alimonda
- considerazioni
- Giovani e politica
- vivazapatero
- montagneverdi...
- melodie dell'anima
- bruno14
- *Serendipity*
- Di tutto, di piu'
- Ali Rosse...
- La dea Artemide
- ora ci penso..
- solo per satira; ogni tanto guardo e nn c'era il tuo profilo....
- sterminatore1986
- ossevatorio politico
- blog dedicato ai fumetti: wow!
- neverinmyname
- SOLI CONTRO LA MAFIA
- Gira e Rigira
- Prodi vs SilvioB 3-0
- (RiGiTaN's)
- Job interview
- l'edicolante
- ricambio generazione
- BLOGPENSANTE
- Geopoliticando
- Frammenti di...
- EARTH VIRTU'
- Reticolistorici
- BLOG PENNA CALAMAIO
- Lapiazzarossa
- Il mondo di Valendì
- Italia democratica
- piazza carlo giuliani
- In Equilibrio..
- PENSIERI IN LIBERTA
- MOSCONISMO
- GIORNALE WOLF
- ETICA & MEDIA
- siderurgika
- Il mondo per come va
- lecosistema...
- MONDO NOSTRUM
- IlMioFavolosoMondo
- *STAGIONI*
- LA VOCE DI KAYFA
- NO-global
- hunkapi
- Writer
- alba di nina ciminelli
- imbrogli i
- ippogrillo
- PENSIERO LIBERO
- Perle ai Porci
- ROBIN HOOD
- Un blog demo_cratico
- Aderisci al P.G.M.I.
- rinnegata
- RESPIRA PIANO
- Anima
- Cose non dette
- PersoneSpeciali
- diario di un canile
- Sassolininellascarpa
- disincanto.....
- Dolci note...!
- STAIRWAY- TO- HEAVEN
- vivere è bello
- bijoux
- mecbethe
- my goooddd....
- ...riflettendo.
- BOBO E ZARA
- la Stella di Perseo
- forever young
- ECCHIME
- Regno Intollerante
- io solo io
- MONICA
- coMizia
- Femminilita
- @Ascoltando il Mare@
- nel tempo...
- Non vinceranno!
- Doppio Gioco
- cigarettes & Coffee
- MOONCHILD
- Avanguardia
- Il Diavolo in Corpo
- Angolo Pensatoio
- Assenza di gravità
- cera una volta
- DI TUTTO E DI PIU
- ORMALIBERA
- FATAMATTA_2008
- TUTTOENIENTE
- ZELDA.57
- Triballadores
- club dei cartoni
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

NON LASCIAMOCISOLI & CHE

O siamo Capaci di sconfiggere le idee contrarie con la discussione, O DOBBIAMO lasciarle esprimere. Non è possibile sconfiggere le idee con la forza,perchè questo blocca il libero Sviluppo dell'intelligenza "
Ernesto Che Guevara
  

XXI secolo?

↑ Grab questo Headline Animator

 

IDEOGRAMMA DI PACE; EMERGENCY

GRILLO

  No TAV