Creato da ninograg1 il 16/01/2006

XXI secolo?

Vivere e sopravvivere nel nuovo medioevo italiano

Get the Radio DgVoice verticall no autoplay widget and many other great free widgets at Widgetbox! Not seeing a widget? (More info)
 

STO LEGGENDO E RACCOMANDO

 

 

siti

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: ninograg1
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 57
Prov: MS
 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 197
 
 

SHINY STATS; TROLLS

DIRECTORY

 

TCPA;OIPA

 
Leggi a questo link

 

      aumenta page rank

 

MOTORI

 immagine Best blogs ranking

 

 

XML, PULIZIA

 Basta! Parlamento pulito  Feed XML offerto da BlogItalia.it  immagine immagine Iscriviti I heart FeedBurner 

 

LIST

  Blogarama - The Blog Directory Powered by FeedBurnerIscriviti a RSS aggiornamenti dal titolo: Powered by FeedBurnerSono membro della AM Blog directory

 

GREENPEACE & ARCOIRIS

immagine immagine BlogGoverno    Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare. Federico Fellini  

 

 

MATRIX 1

un mondo senza regole e senza confini 

Il Fatto Quotidiano

http://www.ilfattoquotidiano.it/

Scudo della Rete

BlogNews

 

NESSUNO TOCCHI CAINO; PACS

immagine   immagine

 

VARIA GRAFICA

immagineDirectory dei blog italiani

 

BLOGITALIA

          BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Messaggi di Settembre 2017

Politica e democrazia: italiani i più malcontenti e insoddisfatti d’Europa

Post n°4078 pubblicato il 30 Settembre 2017 da ninograg1
 

WSI 29 settembre 2017, di Alessandra Caparello

 

Italiani un popolo di malcontenti e insoddisfatti  per quanto riguarda la politica nazionale e l’economia. A dirlo un’indagine realizzata dalla società Bertelsmann Stiftugn secondo cui tra gli europei i cittadini tedeschi sono quelli più soddisfatti e positivi per la direzione che sta prendendo il loro paese.

Oltre la metà dei tedeschi intervistati, il 59% circa si dichiara soddisfatto, una percentuale molto alta rispetto alla media Ue del 36%. Di contro l’87% degli italiani si dichiara invece insoddisfatto.

I nostri concittadini in particolare si dicono meno soddisfatti per quanto riguarda la  democrazia (17%). Guardando agli altri paesi, il Regno Unito è più ottimista, con il 56%, rispetto alla Francia, al 50%.

Ma gli italiani sono insoddisfatti così anche per quanto concerne la situazione economica. Il nostro paese, la quarta economia dell’Unione europea, ha registrato negli ultimi anni una crescita debole anche se vi sono segnali di ripresa. Solo il 46% dei cittadini intervistati dicono di aver l’impressione che loro finanze personali sono rimaste invariate.

Secondo l’indagine i tedeschi hanno generalmente  l’impressione di essere benestanti, soprattutto se confrontati con i loro vicini europei e altri alleati occidentali.

In tutti i paesi nonostante i vari livelli di soddisfazione sullo stato della democrazia dell’economia, tutti concordano su una cosa: il malcontento nei confronti dell’Unione europea.

Solo il 28% dei tedeschi ritiene che Bruxelles stia andando nella giusta direzione e gli italiani ancor ameno appena il 17%. I più ottimisti sono i francesi che salgono al 38%. Ma se dovesse essere indetto un referendum simile a quella della Brexit, nessun paese sceglierebbe di lasciare il mercato unico, come rivela l’indagine. In media il 79% vorrebbe rimanere ma in Italia, solo il 56% afferma di voler votare per rimanere nell’Ue se avesse la possibilità di farla.

 

 
 
 

Casini (Marione)

Post n°4077 pubblicato il 28 Settembre 2017 da ninograg1
 

 
 
 

Economia globale rischia nuova crisi, dieci anni dopo la Grande Recessione

Post n°4076 pubblicato il 27 Settembre 2017 da ninograg1
 

WSI 27 settembre 2017, di Mariangela Tessa

 

 

A dieci anni della peggior crisi dopo la Grande Depressione, l’economia globale rischia una nuova crisi nuova a cui non sembra essere preparata. L’avvertimento arriva dal World Economic Forum che, in occasione della presentazione della consueta ricerca annuale sulla competitività, sottolinea il fallimento delle politiche economiche nel favorire la produttività dopo la crisi del 2007-08. Questa situazione di fatto ha compromesso le possibilità di una ripresa sostenuta.

Per le economie industrializzate, i maggiori rischi – evidenziati dal WEF – risiedono nell’impreparazione di fronte “alla prossima ondata di innovazione e automazione“. La sfida della Quarta rivoluzione industriale “sarà definita sempre più dalla capacità innovativa dei Paesi” con un’importanza sempre maggiore della capacità di attrarre talenti, spiega Klaus Schwab, fondatore e presidente esecutivo del Wef.  

Uno dei problemi individuati dall’organizzazione elvetica è la capacità di trasformare l’innovazione in aumenti di produttività, fra crescenti investimenti in tecnologia e difficoltà nel diffonderli nell’intera economia. Con molti posti di lavoro a rischio, “sarà vitale” creare condizioni in grado di resistere a shock e sostenere il lavoro nei periodi di transizione”.

Su scala globale, il Wef punta poi il dito anche sul sistema finanziario, dove “nuove fonti di vulnerabilità sono evidenti”, e le banche, “meno solide rispetto a prima della crisi” a fronte della Quarta rivoluzione industriale che richiederà invece maggiori investimenti.

Ma veniamo alla classifica sulla competitività globale. Anche quest’anno, tra   i 137 Paesi considerati, spicca al primo posto la Svizzera, seguita da Usa e Singapore. Nella top ten, c’è spazio anche per Olanda, Germania, Svezia, Regno Unito e Finlandia.

L’Italia sale di un gradino al 43esimo posto, migliorando grazie al suo punteggio migliore di sempre ma ancora nelle retrovie.

Una posizione su cui avanza dei dubbi il ministero dell’Economia, che critica la base metodologica della classifica: il peso delle opinioni sull’indice – è l’interpretazione che dà  Via xx settembre – sarebbe del 60% e tre dei quattro ‘pilastri’ dell’analisi nei quali l’Italia si posiziona peggio si baserebbero prevalentemente su indagini d’opinione.

Secondo l’organizzazione elvetica che coordina ogni anno il Forum di Davos, in Italia migliorano comunque l’efficienza del mercato dei beni (60mo posto) e l’educazione superiore e la formazione (41). Restano i punti forti italiani delle capacità innovative (32), della sofisticatezza delle imprese (25) e delle infrastrutture (27). Al contrario, “nonostante le recenti riforme il mercato del lavoro (punteggio 116) e i mercati finanziari (126) rimangono punti deboli” che il Wef definisce “difficoltà croniche” per l’Italia.

 

 
 
 

La destra avanza (Vauro)

Post n°4075 pubblicato il 27 Settembre 2017 da ninograg1
 

 
 
 

.. sempre lì siamo

Post n°4074 pubblicato il 25 Settembre 2017 da ninograg1
 

.. Esono passate anche le elezioni generali tedesche!!! Il botto l'hanno fatto: non tanto perchè qualcuno, AFD, ha stravinto (prendendo 500 mila voti dalla SPD, oltre 1 mln dalla CDU/CSU e un altro milione dall'astensionismo...) quanto perchè i partiti tradizionali, quelli, per intendersi,  che si autodefiniscono di destra e di sinistra (categorie ormai desuete cui solo ingenui, o che non vogliono a tutti i costi aprire gli occhi, e in persone malafede credono ancora), hanno perso voti in gran messe........ soprattutto quelli grandi (die linke ha perso voti assoluti ma non percentuali  - miracoli della statistica -; i liberali avanzano a spese dei cristiano sociali bavaresi e i verdi, bé, hanno il loro zoccolo duro e un certo consenso e quindi non risentono degli alti e bassi).

Quanto sopra sono i fatti, nudi e crudi; il resto sono parole, anch'esse crude ma parole e quindi passibili di interpretazione, dialettica ecc... in una parola: bla bla. Ho da dire, con la permessa di cui sopra, alcune cose:

  1. al di là dei risultati il dato politico è che la Germania sarà per un pò per i fatti propri a pensare al proprio ombellico.. e così pure l'europa che dovrà fare a meno del suo paese guida.
  2. Il regno del liberismo merkeliano, ormai nella fase discendente, è al suo naturale decorso.. e si vede. La Germania deve molto alla signora e lei, la signora, deve molto non tanto a Kohl, padre putativo e che lei ha fatto fuori elegantemente... una cosa molto italiana, quanto a un SPD ossia Schroeder che fece 'le riforme necessarie' e che oggi lei si ritrova già fatte e metabolizzate dalla società e imposte agli altri paesi, noi compresi (mini job, precarizzazione elevata dei contratti, nuovi lavori, ecc. insomma l'istituzionalizzazione del modello americano che tanto piace a rentier e banche.. e se gli indigeni fossero troppo schizzinosi ci sono gli immigrati a bassissimo costo, quasi zero.. a buon intenditor, vero?
  3. e veniamo al, quanto vero non so perchè secondo ce ne sono vari, motivo per la signora e i suoi sodali, ex, spd hanno perso: l'immigrazione. Questo paese ha 'accolto' circa, dice, un mln di persone: un numero rilevante ma, a differenza nostra, se li è in parte potuti scegliere: ossia ha perso quelli che interessavano lasciando il resto a noi e al resto dei paesi confratelli..in pratica la crema se l'è presa e i fondi di bicchieri li ha lasciati agli altri!!! Siamo sempre all'interno, sia chiaro, del noto schema 'frega il tuo vicino (Juncker lo conosce bene visto che quand'era Primo ministro lo usò a scapito degli altri)', nulla di nuovo per carità però.. si sa no non tutti stanno zitti abbozzano e infatti i paesi di Visengrad non ci stannoa prendersene sul proprio territorio, e gli do anche ragione sulla questione visto che non sono certo paesi ricchi come la Germania, e la Turchia vuole soldi ben sapendo che li avrà (è il cancello d'Europa)....
  4. Allora perchè il tedesco medio, circa 39-50 anni, ha voltato le spalle alla Signora? Semplice, perchè si guarda intorno e vede crescere la povertà: con l'avviarsi alla decadenza del sistema messo su in quest'europa vede le nubi del temporale all'orizzonte.... e con esso vede il proprio futuro essere come il nostro.

..... francamente il fatto che l'AFD abbia vinto non mi pare così rilevante, rispetto agli scenari sopra disegnati e non dal sottoscritto ma dai giornali e media tedeschi. Sapete la cosa che mi ha colpito? La differenza fra dentro e fuori la Germania: dentro i loro confini la cosa si restringe a chi governa i processi, a chi pagherà i costi e su scaricare tutto il resto; fuori il paese la... preoccupazione che il giocattolo, con il quale le élite hanno consentito il sacco dei rispettivi paesi a beneficio tedesco, si rompa e si debba dar conto alla gente del maltolto!!!

 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

twister007maresogno67jigendaisukeninograg1woodenshipelyravcile54slavkoradicSilvanas52lellaa59nagi51massimocoppaaldogiornoITALIANOinATTESA
 

ULTIMI COMMENTI

Mi sa che a queste condizioni nemmeno dell'antivirus...
Inviato da: twister007
il 11/12/2017 alle 20:00
 
il mondo parallelo della melma è sempre pericolosamente...
Inviato da: maresogno67
il 11/12/2017 alle 19:57
 
Roba da matti
Inviato da: jigendaisuke
il 11/12/2017 alle 19:42
 
concordo ma come?
Inviato da: ninograg1
il 11/12/2017 alle 19:06
 
hai dimenticato la razza padrona che sìimpossessò della...
Inviato da: ninograg1
il 11/12/2017 alle 19:06
 
 

I MIEI BLOG AMICI

- The BoNny
- piazza alimonda
- considerazioni
- Giovani e politica
- vivazapatero
- montagneverdi...
- melodie dell'anima
- bruno14
- *Serendipity*
- Di tutto, di piu'
- Ali Rosse...
- La dea Artemide
- ora ci penso..
- solo per satira; ogni tanto guardo e nn c'era il tuo profilo....
- sterminatore1986
- ossevatorio politico
- blog dedicato ai fumetti: wow!
- neverinmyname
- SOLI CONTRO LA MAFIA
- Gira e Rigira
- Prodi vs SilvioB 3-0
- (RiGiTaN's)
- Job interview
- l'edicolante
- ricambio generazione
- BLOGPENSANTE
- Geopoliticando
- Frammenti di...
- EARTH VIRTU'
- Reticolistorici
- BLOG PENNA CALAMAIO
- Lapiazzarossa
- Il mondo di Valendì
- Italia democratica
- piazza carlo giuliani
- In Equilibrio..
- PENSIERI IN LIBERTA
- MOSCONISMO
- GIORNALE WOLF
- ETICA & MEDIA
- siderurgika
- Il mondo per come va
- lecosistema...
- MONDO NOSTRUM
- IlMioFavolosoMondo
- *STAGIONI*
- LA VOCE DI KAYFA
- NO-global
- hunkapi
- Writer
- alba di nina ciminelli
- imbrogli i
- ippogrillo
- PENSIERO LIBERO
- Perle ai Porci
- ROBIN HOOD
- Un blog demo_cratico
- Aderisci al P.G.M.I.
- rinnegata
- RESPIRA PIANO
- Anima
- Cose non dette
- PersoneSpeciali
- diario di un canile
- Sassolininellascarpa
- disincanto.....
- Dolci note...!
- STAIRWAY- TO- HEAVEN
- vivere è bello
- bijoux
- mecbethe
- my goooddd....
- ...riflettendo.
- BOBO E ZARA
- la Stella di Perseo
- forever young
- ECCHIME
- Regno Intollerante
- io solo io
- MONICA
- coMizia
- Femminilita
- @Ascoltando il Mare@
- nel tempo...
- Non vinceranno!
- Doppio Gioco
- cigarettes & Coffee
- MOONCHILD
- Avanguardia
- Il Diavolo in Corpo
- Angolo Pensatoio
- Assenza di gravità
- cera una volta
- DI TUTTO E DI PIU
- ORMALIBERA
- FATAMATTA_2008
- TUTTOENIENTE
- ZELDA.57
- Triballadores
- club dei cartoni
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

NON LASCIAMOCISOLI & CHE

O siamo Capaci di sconfiggere le idee contrarie con la discussione, O DOBBIAMO lasciarle esprimere. Non è possibile sconfiggere le idee con la forza,perchè questo blocca il libero Sviluppo dell'intelligenza "
Ernesto Che Guevara
  

XXI secolo?

↑ Grab questo Headline Animator

 

IDEOGRAMMA DI PACE; EMERGENCY

GRILLO

  No TAV