Creato da ninograg1 il 16/01/2006

XXI secolo?

Vivere e sopravvivere nel nuovo medioevo italiano

Get the Radio DgVoice verticall no autoplay widget and many other great free widgets at Widgetbox! Not seeing a widget? (More info)
 

STO LEGGENDO E RACCOMANDO

 

 

siti

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: ninograg1
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 57
Prov: MS
 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 197
 
 

SHINY STATS; TROLLS

DIRECTORY

 

TCPA;OIPA

 
Leggi a questo link

 

      aumenta page rank

 

MOTORI

 immagine Best blogs ranking

 

 

XML, PULIZIA

 Basta! Parlamento pulito  Feed XML offerto da BlogItalia.it  immagine immagine Iscriviti I heart FeedBurner 

 

LIST

  Blogarama - The Blog Directory Powered by FeedBurnerIscriviti a RSS aggiornamenti dal titolo: Powered by FeedBurnerSono membro della AM Blog directory

 

GREENPEACE & ARCOIRIS

immagine immagine BlogGoverno    Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare. Federico Fellini  

 

 

MATRIX 1

un mondo senza regole e senza confini 

Il Fatto Quotidiano

http://www.ilfattoquotidiano.it/

Scudo della Rete

BlogNews

 

NESSUNO TOCCHI CAINO; PACS

immagine   immagine

 

VARIA GRAFICA

immagineDirectory dei blog italiani

 

BLOGITALIA

          BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Messaggi del 14/03/2017

QUELLA FIGLIA PERDUTA (Chiara Saraceno)

Post n°3953 pubblicato il 14 Marzo 2017 da ninograg1
 

QUALE è il diritto da privilegiare nel decidere con chi deve stare un bambino, quello alla stabilità affettiva e identitaria di una bambina che non conosce altri genitori se non quelli che la hanno allevata negli ultimi cinque anni o quello dei suoi genitori naturali, cui era stata ingiustamente sottratta da un tribunale quando aveva ancora poche settimane? Quello della filiazione e genitorialità basati sulla cura e assunzione di responsabilità quotidiana o quello dei legami di sangue e della importanza della gestazione?

 

La Corte d’Appello di Torino ieri ha deciso a favore della stabilità affettiva e della filiazione radicata nella cura quotidiana, in nome dell’interesse della bambina, pur riconoscendo che la decisione presa a suo tempo di sottrarla ai suoi genitori legittimi e dichiararla adottabile era stata sbagliata perché basata su informazioni erronee (un presunto abbandono che non c’era stato) avvallate da pregiudizi nei confronti di genitori “troppo vecchi” e da decisioni troppo affrettate dei servizi sociali. Se i genitori non fossero stati anziani, se non ci fosse stato il sospetto che la madre fosse ricorsa alla riproduzione assistita con donatrice e se si fosse trattato di una coppia di un altro ceto sociale (ad esempio di intellettuali o professionisti), i servizi sociali non li avrebbero messi sotto osservazione quando la donna era ancora all’ospedale, i vicini sarebbero stati meno pronti a rilevarne possibili manchevolezze e i giudici minorili più attenti nel valutare i fatti.
Ma questo errore ha innescato un meccanismo i cui effetti per la bambina non possono essere cancellati: la bambina non ha mai sperimentato chi la ha messa al mondo come genitori effettivi, trovando nella relazione con loro il senso e la radice della propria esistenza, apprendendo nella cura quotidianamente ricevuta il proprio valore, mettendo così le basi dello sviluppo della propria identità. Lo ha fatto e sta facendo con chi la ha adottata. Si diventa figli quando qualcuno si prende cura di noi e ci integra nella propria vita e si è effettivamente genitori quando si prende quotidianamente la responsabilità di far crescere qualcuno. Proprio ciò che è stato impedito ai due anziani genitori piemontesi da un susseguirsi di errori prima dei servizi, poi dei tribunali, errori che è impossibile sanare. È questo che rende il caso piemontese drammatico e tutti i soggetti coinvolti in qualche misura perdenti. I genitori originari perché hanno perso ingiustamente la figlia che pure avevano fortemente voluta. Quest’ultima, perché le è stato impedito di crescere con loro e sarà segnata per sempre dalla esperienza di separazione che la ha trasformata in adottabile e poi in figlia adottiva.
Amartya Sen direbbe che è un caso classico di giustizia comparativa: dove non vi è una netta separazione tra giusto e sbagliato, diritto legittimo e pretesa illegittima, ma i diritti in gioco sono tutti legittimi e fondati. Occorre, perciò valutarli uno rispetto all’altro, consapevoli che le valutazioni possono differire e che ogni decisione “giusta” includerà una ingiustizia nei confronti di qualcuno.
La soluzione, lacerante e dolorosa, del tribunale lascia aperta, inoltre, la questione del diritto della bambina a conoscere le proprie origini e la storia che la ha portata, appunto, ad essere adottata. È un diritto che hanno tutti i figli adottivi, ma che in questo caso andrebbe affrontato con strumenti diversi e non aspettando che l’interessata compia 18 anni. Non solo questa bambina deve sapere che chi l’ha messa al mondo la ha voluta fortemente, tanto quanto i genitori adottivi, e non l’ha abbandonata, anzi ha molto combattuto per riaverla. E proprio perché il suo essere adottata non ha all’origine un abbandono, dovrebbe anche avere la possibilità di sviluppare — con tutto il tempo, la delicatezza, la flessibilità necessarie e da accompagnare — e mantenere un rapporto con i genitori “originari” e questi con lei.
Sarebbe anzi auspicabile che, invece di continuare a dare battaglia in tribunale, prolungando l’incertezza sullo statuto legale di una bambina che diventa sempre più grande, la coppia piemontese chiedesse questa possibilità e che il tribunale e i servizi sociali la sostenessero, appellandosi alla generosità e intelligenza dei genitori adottivi perché aprano i confini della propria famiglia, aiutando la figlia a elaborare in modo positivo la complessità della propria nascita e della propria collocazione nel mondo.
Da La Repubblica del 14/03/2017.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

insomma un caso unico per una soluzione unica che secondo me viola alcuni principi di libertà personali... ma si sa che questi diritti sono finiti sotto i piedi.

 
 
 

Monsanto perde milioni di dollari in India: gli agricoltori riutilizzano le sementi autoctone

Post n°3952 pubblicato il 14 Marzo 2017 da ninograg1
 

 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

cile54paperinopa_1974annaincantoelyravwoodenshipjigendaisukeswala_simbaninograg1maresogno67sissy260orchideazzurra13GothMakeUpamici.futuroieriaren.13oscardellestelle
 

I MIEI BLOG AMICI

- The BoNny
- piazza alimonda
- considerazioni
- Giovani e politica
- vivazapatero
- montagneverdi...
- melodie dell'anima
- bruno14
- *Serendipity*
- Di tutto, di piu'
- Ali Rosse...
- La dea Artemide
- ora ci penso..
- solo per satira; ogni tanto guardo e nn c'era il tuo profilo....
- sterminatore1986
- ossevatorio politico
- blog dedicato ai fumetti: wow!
- neverinmyname
- SOLI CONTRO LA MAFIA
- Gira e Rigira
- Prodi vs SilvioB 3-0
- (RiGiTaN's)
- Job interview
- l'edicolante
- ricambio generazione
- BLOGPENSANTE
- Geopoliticando
- Frammenti di...
- EARTH VIRTU'
- Reticolistorici
- BLOG PENNA CALAMAIO
- Lapiazzarossa
- Il mondo di Valendì
- Italia democratica
- piazza carlo giuliani
- In Equilibrio..
- PENSIERI IN LIBERTA
- MOSCONISMO
- GIORNALE WOLF
- ETICA & MEDIA
- siderurgika
- Il mondo per come va
- lecosistema...
- MONDO NOSTRUM
- IlMioFavolosoMondo
- *STAGIONI*
- LA VOCE DI KAYFA
- NO-global
- hunkapi
- Writer
- alba di nina ciminelli
- imbrogli i
- ippogrillo
- PENSIERO LIBERO
- Perle ai Porci
- ROBIN HOOD
- Un blog demo_cratico
- Aderisci al P.G.M.I.
- rinnegata
- RESPIRA PIANO
- Anima
- Cose non dette
- PersoneSpeciali
- diario di un canile
- Sassolininellascarpa
- disincanto.....
- Dolci note...!
- STAIRWAY- TO- HEAVEN
- vivere è bello
- bijoux
- mecbethe
- my goooddd....
- ...riflettendo.
- BOBO E ZARA
- la Stella di Perseo
- forever young
- ECCHIME
- Regno Intollerante
- io solo io
- MONICA
- coMizia
- Femminilita
- @Ascoltando il Mare@
- nel tempo...
- Non vinceranno!
- Doppio Gioco
- cigarettes & Coffee
- MOONCHILD
- Avanguardia
- Il Diavolo in Corpo
- Angolo Pensatoio
- Assenza di gravità
- cera una volta
- DI TUTTO E DI PIU
- ORMALIBERA
- FATAMATTA_2008
- TUTTOENIENTE
- ZELDA.57
- Triballadores
- club dei cartoni
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

NON LASCIAMOCISOLI & CHE

O siamo Capaci di sconfiggere le idee contrarie con la discussione, O DOBBIAMO lasciarle esprimere. Non è possibile sconfiggere le idee con la forza,perchè questo blocca il libero Sviluppo dell'intelligenza "
Ernesto Che Guevara
  

XXI secolo?

↑ Grab questo Headline Animator

 

IDEOGRAMMA DI PACE; EMERGENCY

GRILLO

  No TAV