Creato da ninograg1 il 16/01/2006

XXI secolo?

Vivere e sopravvivere nel nuovo medioevo italiano

Get the Radio DgVoice verticall no autoplay widget and many other great free widgets at Widgetbox! Not seeing a widget? (More info)
 

STO LEGGENDO E RACCOMANDO

 

 

siti

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: ninograg1
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 57
Prov: MS
 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 197
 
 

SHINY STATS; TROLLS

DIRECTORY

 

TCPA;OIPA

 
Leggi a questo link

 

      aumenta page rank

 

MOTORI

 immagine Best blogs ranking

 

 

XML, PULIZIA

 Basta! Parlamento pulito  Feed XML offerto da BlogItalia.it  immagine immagine Iscriviti I heart FeedBurner 

 

LIST

  Blogarama - The Blog Directory Powered by FeedBurnerIscriviti a RSS aggiornamenti dal titolo: Powered by FeedBurnerSono membro della AM Blog directory

 

GREENPEACE & ARCOIRIS

immagine immagine BlogGoverno    Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare. Federico Fellini  

 

 

MATRIX 1

un mondo senza regole e senza confini 

Il Fatto Quotidiano

http://www.ilfattoquotidiano.it/

Scudo della Rete

BlogNews

 

NESSUNO TOCCHI CAINO; PACS

immagine   immagine

 

VARIA GRAFICA

immagineDirectory dei blog italiani

 

BLOGITALIA

          BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

Ce lo impone l'Europa...

Post n°4035 pubblicato il 04 Luglio 2017 da ninograg1
 

Allora la cosa va così:

  1. ci danno 5 mld all'anno per l'accoglienza dei migranti, anzi ora aumenteranno i soldi che arrivano proprio per tenerci buoni.. e con questo ci hanno serviti (i soldi andranno ersituiti sia chiaro);
  2. noi abbiamo usato quei soldi per far rimpolpare i soldi delle coop, leggi scandalo coop a Roma, e far rinverdire i rapporti con le ong;
  3. a fronte della dichiarata solidarietà europea la Francia cambia verso (...) e chiude i porti; idem per la Spagna (che ha già i suoi problemi con Ceuta e Melilla) che li chiude anche lei; l'Austria poi..... in tempi di elezioni ha già dichiarato che schiererà l'esercito!!!!
  4. Il Parlamento europeo ci dice che sono problemi nostri e che hanno già dato così come la Commissione che ci dice addirittura che dobbiamo parametrare gli eritrei e identificarli e poi scrivere un codice di condotta per i migranti e, per farci capire l'aria che tira, che abbiamo problemi di debiti e di bilancio e quindi bisognerà fare un altra manovrina.. capito l'antifona i nostri impavidi governanti oltre che fare qualche protesta chinerà il capo e farà alla fine esattamente quel che gli viene richiesto.. compresa la manovrina!!!!

Questa è l'Europa con cui abbiamo a che fare? Si e se non basta in Germania si sono assegnati un bel taglio alle tasse a fronte di sacrifici che chiede anzi PRETENDE dagli altri. Ora il punto è: se avessimo politici autorevoli e credibili si potrebbe anche fare qualcosa ma con questi che abbiamo.. bé sarà già dura che non ci riducano in pezzi.. più in pezzi di quanto già siamo e se non è ancora accaduto è solo perchè hanno bisogno di noi come campo di concentramento dei migranti. Insomma diventeremo la baraccopoli a cielo aperto d'europa.. cosa si potrebbe fare? O detto meglio: cosa farei io se fossi al posto di questi qui? Semplice: darei a tutti i migranti lo status e il permesso di soggiorno dopodichè aprirei le frontiere e li lascerei andare via..... e schiererei, come l'Austria, l'esercito con l'ordine di sparare a vista chiunque fa il percorso inverso. Fateci la bocca: se si continua con questi che abbiamo ora cominciate a fare la bocca di essere parte di un enorme baraccopoli...

p.s.

è molto interessante fare la disamina dei media: quelli ufficiali minimizzano; il Fatto Quotidiano.. NO. Ecco cosa ne scrive in prima pagina cliccando su questo link al Fatto!

p.s. 2

c'è un illuminante saggio di Rifkin dal titolo 'Il sogno europeo' dove esortava i governi del vecchio mondo a non abbandonare la strada intrapresa negli anni iniziali della Fondazione dell'europa: certo paro paro, anzi hanno fatto esattamente l'opposto e chi oggi continua a parlarmi di Europa o è in malafede o è un ingenuo!!! In ogni caso si prenderà un vaffa dal sottoscritto!!!! E non mi si venga più a parlare né di frontiere aperte nè di altre amenità del genere.... sono balle e io lo sostengo da anni: l'europa è un enorme bluff e basta prima lo capite prima ce ne libereremo e se servirà votare che so per la lega o 5 stelle o altro lo farò senz'alcuna remora etica nè tantomeno morale!!!!!

 
 
 

Migranti, Francia e Spagna chiudono porti alle navi delle ong. La Ue promette, ma l’Italia resta sola

Post n°4034 pubblicato il 03 Luglio 2017 da ninograg1
 

di | 3 luglio 2017 Il Fatto Quotidiano

A neanche 24 ore dall’intesa raggiunta a parole con i ministri dell’Interno di Francia e Germania e benedetta dalla Commissione Ue, l’Italia incassa due porte in faccia. Anzi, due porti: quelli della stessa Francia e della Spagna, che secondo fonti da Bruxelles riportate dall’Ansa diranno no all’apertura dei loro scali marittimi alle navi delle ong cariche di migranti. Il tutto mentre l’Onu prevede che i flussi provenienti dalla Libia non sono destinati a diminuire.

Solo domenica il vertice informale a tre tra i ministri dell’Interno di Francia, Germania e Italia, Gerard Collomb, Thomas de Maiziére e Marco Minniti  – cui aveva partecipato anche il commissario europeo agli Affari Interni Dimitris Avramopoulos – si era concluso con i soliti sorrisi e una nuova serie di impegni: da una parte un aumento degli sforzi di Parigi e Berlino sui ricollocamenti, dall’altra parte un codice di condotta per le ong, ulteriore sostegno (anche economico) alla Guardia costiera libica e aiuti all’Osservatorio per le migrazioni e all’Unhcr perché i centri in Libia rispondano agli standard sui diritti umani. Si pensa anche di cambiare la regola secondo cui le navi delle organizzazioni non governative, che rappresentano il 35-40% della flotta in mare che fa ricerca e salvataggio, sbarcano i migranti a bordo di EunavforMed Sophia. Previsto anche un miglioramento della collaborazione tra Italia e Malta nelle operazioni di soccorso, che tuttavia, si sottolinea, non significa che i migranti saranno sbarcati sull’isola.

Misure concrete“, assicura Bruxelles, arriveranno già martedì in nella riunione settimanale della Commissione europea, misure che dovranno essere ratificate nel vertice di Tallin, in Estonia, previsto per giovedì prossimo, quando si incontreranno i 27 dell’Unione. Tutto rimandato a un nuovo vertice dagli esiti tutt’altro che certi, dunque, e misure che come al solito spostano l’attenzione sull’altra sponda del Mediterraneo e non affrontano in concreto il problema più pressante: quello del sovraffollamento dei centri d’accoglienza disseminati nella Penisola. Finora gli impegni assunti a livello comunitario nel maggio 2015 – in primis quello del ricollocamento di 40mila richiedenti asilo in due anni da Italia e Grecia – sono stati ampiamente disattesi.

Che un primo due di picche fosse nell’aria lo si era capito nel pomeriggio. Interrogato sull’appello dell’Italia alla solidarietà dei partner Ue, il ministro degli Esteri di Madrid Alfonso Dastis aveva replicato che una risposta deve essere decisa a livello europeo: “Le situazioni eccezionali richiedono misure eccezionali – ha affermato a Madrid il capo della diplomazia spagnola, citato da Efe – ma dobbiamo discuterle fra tutti i Paesi” dell’Unione Europea. Sono già lontani i tempi in cui Mariano Rajoy prometteva: sull’immigrazione “concederemo qualsiasi aiuto possibile all’Italia per evitare che si crei una situazione non più gestibile, drammatica”, assicurava il premier il 29 giugno nella conferenza stampa al termine del vertice preparatorio del G20 a Berlino. Oggi anche Emmanuel Macron è tornato a mettere in chiaro un concetto espresso negli ultimi giorni: sì a “forme concrete” di solidarietà, ha promesso il presidente francese nel discorso tenuto dinanzi al parlamento riunito a Versailles, ma no ai migranti economici.

l'intero articolo sul Fatto Quotidiano

::::::::::::::::::::::::::::::::::::

 

 
 
 

Ascensore sociale

Post n°4033 pubblicato il 02 Luglio 2017 da ninograg1
 

Ascensore sociale; dalla Treccani: Processo che consente e agevola il cambiamento di stato sociale e l’integrazione tra i diversi strati che formano la società. Certo, essere giovane in una società in crescita, come quella degli Anni Cinquanta e Sessanta, è altro dal vivere nella società ereditaria dei Novanta, dove l’ascensore sociale è in panne e i figli ereditano, con i beni, anche il mestiere e lo status dei padri.

Sapevatelo!

Ora indovinate quali paesi sono in fondo alla classifica che misura la cosiddetta 'mobilità sociale (meglio nota come ascensore)?
Pronti:

Usa all'ultimo posto;

Gran Bretagna penultimo;

Italia terz'ultimo posto.

Quale lezione ne  viene? Di solito se abbaimo un problema andiamo dal medico che, ascoltati i sintomi e viste, se del caso, le analisi, ci prescrive un farmaco... se questa non funziona ritorniamo e se anche questa non va .. cambiamo medico.

Ok. Perchè nel mondo reale quando abbiamo acclarato che quanto fatto finora non va non abbiamo cambiato prima cura e poi medico? Bella domanda, vero? Anzi alle prossime elezioni è molto probabile l'accordone fra il PD e il PdL in funzione fregare M5S: e solo per quello!!! E il resto? Ci accontentiamo come sempre delle spiegazioni dell'economista: la cura è questa; anche gli altri fanno così; c'è poco ancora mercato§; e altre balle del genere.. non ci sfiora nemmeno l'idea che a sbagliare siamo a votare sempre per gli stessi e che è venuto il momento di cambiare prescrizione e medico? Non sembrerebbe se son veritieri i sondaggi che danno la destra-destra oltre il 33%; la destra pd al 28% e M5S pari. Se n'è accorto anche il Papa: la società è bloccata; non c'è ricambio sociale; il ceto medio sparito; quello in basso alla scala che lotta per rimanere lì e non scendere agli inferi.. quali futuro mai potranno avere società del genere?

 
 
 

Ordine mondiale

Post n°4032 pubblicato il 30 Giugno 2017 da ninograg1
 

per il weekend un compitino facile facile....farete i complottisti, una volta tanto. sarete in buna compagnia: indovinate un pò chi vi farà compagnia?

Ma il buon vecchio amicone degli amiconi golpisti, sia cileni che argentini, sinceri democratici (come diceva la Thatcher)...

Ladies & Gentlemen

Henry Kissinger

in

ebbene si!!!!

Il Nuovo Ordine Mondiale spiegato da complottista, vero, a noi tutti imberbi dilettanti allo sbaraglio che ne vediamo di complotti ovunque, in una parola, e rispetto a lui, complottisti da strapazzo: il maestro agli allievi.. e lui di complotti se ne intende eccome!!!

Traccia, nel saggio, un percorso che, al di là delle facili battute, ho trovato interessante sia perchè essendo del 'mestiere' sa di cosa parla e sia perchè l'excursus storico che fa, tra l'altro trovo notevole il lavoro dei ricerca fatto, porta il lettore a percorrere la storia dell'Occidente a partire dalla Pace di Vestfalia ad oggi tracciando un percorso che, per gli amanti del genere, risulta essere molto intrigante e spiega come avvengono certi avvenimenti e come si fa a fare le cose che lui stesso ha fatto nel corso della sua attività....

Le cose che troverete scritte, con piglio professorale, le avesse detto chiunque altro sarebbe subito stato bollato a vita: ma volete mettre dette da Belzebù in persona?

Buon complottismo a tutti e .. Il Nuovo Ordine mondiale c'è, lo dice H.K.!!!

 

 
 
 

“Vecchi al lavoro, giovani senza” L’atto d’accusa di Papa Francesco Ma serve crescita o non si cambia (ROBERTO MANIA)

Post n°4031 pubblicato il 29 Giugno 2017 da ninograg1
 

Per il Vaticano “è stolta e miope” la società che tiene padri in fabbrica e figli a casa, un’anomalia causata dal Pil che resta basso.
ROMA – Dice Papa Francesco che «è una società stolta e miope quella che costringe gli anziani a lavorare troppo a lungo e obbliga un’intera generazione di giovani a non lavorare quando dovrebbero farlo per loro e per tutti». È l’anomalia del mercato del lavoro italiano con i giovani disoccupati e gli anziani occupati. Un conflitto generazionale che si trascina ormai da decenni in una cornice fatta di blocco della natalità, allungamento della speranza di vita, frantumazione del mercato del lavoro, innalzamento dell’età pensionabile, rivoluzione tecnologica e politiche di austerity. Ma soprattutto bassissimi tassi di crescita dell’economia, prima, durante e anche dopo la doppia recessione che ci ha colpiti in questo nuovo secolo.

 

È la questione del lavoro italiana, quella che ha (ri)sollevato il Pontefice. Con un tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) che si aggira permanentemente intorno al 40 per cento, in Europa facciamo meglio solo di Grecia e Spagna, con i paesi del nord (Germania in testa) che registrano tassi di disoccupazione giovanile quasi fisiologici. «Ma non sottovalutiamo il fatto — ricorda Emilio Reyneri, professore emerito di sociologia del lavoro alla Bicocca di Milano — che i giovani italiani entrano più tardi nel mercato del lavoro anche perché più tardi escono dalla scuola».
La crisi, da cui non siamo ancora completamente fuori, non ha fatto altro che accentuare queste tendenze. La perdita occupazione dei giovani nel periodo compreso tra il 2007 (anno dell’inizio della crisi) e il 2014 la percentuale di occupati con età tra i 15 e i 29 anni è scesa tra gli uomini del 12 per cento e tra le donne del 6. Ben diverso lo scenario per i lavoratori maturi. Lo ha descritto sulla voce. info il demografo Gianpiero Dalla Zuanna: «Il tasso di occupazione nella classe 55-74 anni cresce (nello stesso periodo di tempo, ndr) per entrambi i sessi di dieci punti percentuali, superando nel 2016 il 38 per cento fra gli uomini e il 22 per cento tra le donne». Se non ci fosse stata la legge Fornero che per salvare l’Italia dalla bancarotta ha impennato nel 2011 l’età pensionabile, la crescita dell’occupazione matura sarebbe stata più lenta. Solo, dunque, una questione di velocità del fenomeno.
Ma perché le affermazioni del Papa non riescono a tradursi in una ricetta per ribaltare la situazione, per riportare i giovani al lavoro e gli anziani al riposo? «Perché l’Italia non cresce», risponde netto Nicola Rossi, professore di economia politica a Tor Vergata, autore, vent’anni fa, di un pamphlet di successo e provocatorio dal titolo inequivocabile: “Meno ai padri più ai figli”. «La nostro anomalia nasce dal fatto che non cresciamo da oltre venti anni. Questo è il punto. E per questo è dannoso il messaggio del Papa che spinge i giovani a pensare che per ottenere qualcosa è necessario toglierla a qualcun altro. Così abbiamo messo definitivamente una pietra sul mito dell’infallibilità papale».
Insomma non c’è la staffetta, non c’è il ricambio nello stesso posto di lavoro. Perché non c’è uno stock fisso di numero di posti di lavoro. In media su quattro lavoratori che escono per anzianità dal mercato ne entra uno solo. «E poi — aggiunge Vincenzo Galasso che insegna economia alla Bocconi e che con Tito Boeri ha scritto “Contro i giovani” — i posti di lavoro non sono più uguali. Un sessantenne e un giovane hanno conoscenze assai diverse, vale nelle imprese ma anche nei servizi compresi quelli professionali». Ma pure Galasso pensa come Rossi che la vera svolta possa arrivare solo dall’aumento del Pil. «In una battuta: servirebbe un miracolo del Papa per far crescere l’economia dopo che ha benedetto l’Ape, cioè lo strumento che permetterà a chi lo vorrà un’uscita anticipata dal lavoro».
Articolo intero su La Repubblica del 29/06/2017.

 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

cile54paperinopa_1974annaincantoelyravwoodenshipjigendaisukeswala_simbaninograg1maresogno67sissy260orchideazzurra13GothMakeUpamici.futuroieriaren.13oscardellestelle
 

I MIEI BLOG AMICI

- The BoNny
- piazza alimonda
- considerazioni
- Giovani e politica
- vivazapatero
- montagneverdi...
- melodie dell'anima
- bruno14
- *Serendipity*
- Di tutto, di piu'
- Ali Rosse...
- La dea Artemide
- ora ci penso..
- solo per satira; ogni tanto guardo e nn c'era il tuo profilo....
- sterminatore1986
- ossevatorio politico
- blog dedicato ai fumetti: wow!
- neverinmyname
- SOLI CONTRO LA MAFIA
- Gira e Rigira
- Prodi vs SilvioB 3-0
- (RiGiTaN's)
- Job interview
- l'edicolante
- ricambio generazione
- BLOGPENSANTE
- Geopoliticando
- Frammenti di...
- EARTH VIRTU'
- Reticolistorici
- BLOG PENNA CALAMAIO
- Lapiazzarossa
- Il mondo di Valendì
- Italia democratica
- piazza carlo giuliani
- In Equilibrio..
- PENSIERI IN LIBERTA
- MOSCONISMO
- GIORNALE WOLF
- ETICA & MEDIA
- siderurgika
- Il mondo per come va
- lecosistema...
- MONDO NOSTRUM
- IlMioFavolosoMondo
- *STAGIONI*
- LA VOCE DI KAYFA
- NO-global
- hunkapi
- Writer
- alba di nina ciminelli
- imbrogli i
- ippogrillo
- PENSIERO LIBERO
- Perle ai Porci
- ROBIN HOOD
- Un blog demo_cratico
- Aderisci al P.G.M.I.
- rinnegata
- RESPIRA PIANO
- Anima
- Cose non dette
- PersoneSpeciali
- diario di un canile
- Sassolininellascarpa
- disincanto.....
- Dolci note...!
- STAIRWAY- TO- HEAVEN
- vivere è bello
- bijoux
- mecbethe
- my goooddd....
- ...riflettendo.
- BOBO E ZARA
- la Stella di Perseo
- forever young
- ECCHIME
- Regno Intollerante
- io solo io
- MONICA
- coMizia
- Femminilita
- @Ascoltando il Mare@
- nel tempo...
- Non vinceranno!
- Doppio Gioco
- cigarettes & Coffee
- MOONCHILD
- Avanguardia
- Il Diavolo in Corpo
- Angolo Pensatoio
- Assenza di gravità
- cera una volta
- DI TUTTO E DI PIU
- ORMALIBERA
- FATAMATTA_2008
- TUTTOENIENTE
- ZELDA.57
- Triballadores
- club dei cartoni
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

NON LASCIAMOCISOLI & CHE

O siamo Capaci di sconfiggere le idee contrarie con la discussione, O DOBBIAMO lasciarle esprimere. Non è possibile sconfiggere le idee con la forza,perchè questo blocca il libero Sviluppo dell'intelligenza "
Ernesto Che Guevara
  

XXI secolo?

↑ Grab questo Headline Animator

 

IDEOGRAMMA DI PACE; EMERGENCY

GRILLO

  No TAV