Tag

 

attualmente qui:

cernusco


 

 
 

cooperazione internazionale

da aprile del 2006 a marzo 2007 ho avuto la possibilità di lavorare con un'associazione dominicana, Oné Respe, che opera nelle baraccopoli di Santiago e di Haina in Repubblica Dominicana. Durante questo periodo ho scritto su questo blog ciò che vedevo e osservavo, qui trovi i post più rilevanti in ordine cronologico.
LEGGI TUTTI I POST
 

116 blog contro il decreto anti-ambiente

116 blog si sono incatenati qui ed hanno vinto: l'articolo 29 del decreto anti-crisi è stato stravolto e sono tornate le detrazioni del 55% per chi realizza lavori di ristrutturazione a favore dell'efficienza energetica! Grazie a tutti.
 

Ultime visite al Blog

fabiovernellililianagobbomarcy170isotta1964video.dipietraelefosk_910HayabusaV5zentoroberta.rosaramarco.565alby21alrieux73Benz62selene20080allenam81
 
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 42
 

sto leggendo

el tiempo de las mariposas

 

 
 

chi mi visita?

Locations of visitors to this page

Do you want to read this blog en English? Try here

 

io sto con loro:

immagine

 

 

 

 

 

 

 

 
Creato da: kudablog il 27/10/2005
note armoniche di composizione

 

 
« fantasia al potere 3un'altra storia che fa male »

emergenza: ho scritto questa lettera ai miei amici...

Post n°269 pubblicato il 29 Maggio 2006 da kudablog
 
Foto di kudablog

Santiago de los Caballeros, Repubblica Dominicana
29 maggio 2006

Cari amici, 

vi scrivo dalla repubblica dominicana dove mi trovo da un mese e mezzo per un’esperienza di volontariato internazionale in relazione al master in sociologia che sto frequentando a Milano. Il mio lavoro qui verte soprattutto intorno a due campi: la certificazione per il commercio equo solidale di un laboratorio di candele e il lavoro comunitario con due gruppi di adolescenti. Le mie attività sono legate ad un’associazione dominicana, Onè Respe (www.onerespe.com) che gestisce due centri di salute e quattro scuole, oltre al laboratorio di cui vi parlavo. Sul sito www.kuda.tk provo a raccontare qualche impressione di questa esperienza. 

Ora però vi scrivo per raccontarvi una storia che mi preoccupa molto e per la quale vorrei il vostro aiuto. Onè Respe sta cercando di organizzarsi per poter aver una certa indipendenza dai “paesi donanti” e la mia attività qui è orientata proprio a questo. Purtroppo la via dell’indipendenza economica non è semplice e a volte capitano situazioni in cui bisogna intervenire in fretta e con tempismo. Quella che vi racconto è proprio una di queste situazioni. 

10 anni fa una ragazzina di 13 anni si sposa con un ragazzo di undici anni più grande e quasi immediatamente iniziano ad avere figli. Il padre praticamente non ha mai sostenuto economicamente la famiglia e la ragazza spesso va a letto senza cena, a volte anche i bambini che adesso sono 4. Ultimamente la situazione degenera spesso in violenza dell’uomo contro la moglie. La situazione non è più sostenibile. La ragazza però inizia a lavorare presso una Zona Franca (spazio ceduto dal governo dominicano a multinazionali) di Santiago e avendo un piccolo guadagno pensa di andarsene da casa. Il suo ragionamento è semplice: “perché sto con questo uomo ? qui non ho nulla se non violenza e fame, il peggio che mi può succedere è non avere nulla stando da sola” e cerca una casetta da affittare per sistemarsi con i 4 figli. La situazione però peggiora quando la Zona Franca viene coinvolta in uno scandalo legato all’ex presidente della repubblica dominicana ed inizia a licenziare il personale. In alcuni settori vengono licenziati addirittura il 95% dei lavoratori. Rimasta senza lavoro e senza casa la madre, per evitare che vada a prostituirsi per pagare l’affitto, le offre di trasferirsi a casa sua, nella cucina che adibiscono a stanza. Nelle foto 1 e foto 2 potete vedere di che stanza si sta parlando…

L’intera casa e fatta di legno recuperato e di lamiera.  

Nessuno può pensare di vivere in questa situazione.

Con un amico ingegnere che lavora in Onè Respe abbiamo pensato a che tipo di intervento sia possibile fare in così poco spazio (l’abitazione è 2 metri e mezzo per 2) perché sia possibile utilizzare questa cucina sia di giorno che di notte. L’idea è quella di rialzare il tetto e realizzare un piccolo soppalco su cui posizionare il letto per le cinque persone. Per fare ciò però è necessario ricostruire completamente i muri della zona in cui lavoreremo (vedi foto in alto a destra – parete posteriore della casa) altrimenti ci cade tutto in testa. Bisognerà rinforzare le pareti con mattoni e ricostruire parte del tetto (che è pieno di buchi). 

Per far ciò ci servono soldi. 

Onè Respe non è in grado, in questo momento, di far fronte a questa spesa. Oltretutto il costo del cemento è aumentato del 80% (OTTANTA per cento!) tra mercoledì e giovedì scorso! (i motivi di questo aumento non sono chiari, sicuramente il fatto che siano passate le elezioni da meno di dieci giorni fa molto pensare, e arrabbiare). Il progetto prevede il rialzamento della parte sopra la porta (foto 4) e che il soppalco occupi anche lo spazio superiore della stanza accanto. Il rialzo del tetto è necessario perché non è possibile dormire con un tetto in lamiera a quaranta centimetri, ti cuoce. 

Con un primo preventivo, calcolando che la maggior parte di manodopera verrebbe offerta gratuitamente dalle persone della comunità stessa, crediamo di aver bisogno di circa 750 euro (sempre che i cambi tra le monete italiana e dominicana non subiscano brusche variazioni). 

Contiamo tutti nella vostra generosità per poter garantire una situazione meno disastrosa per questa sfortunata famiglia. 

Per chi volesse partecipare alla raccolta fondi può contattare Serena, mia sorella a Cernusco, e consegnare a mano i soldi che lei mi farà pervenire in tempi brevissimi. Per chi volesse invece effettuare versamenti su un conto bancario (detraibili dalla dichiarazione dei redditi) può farlo sul conto di Dona un Sorriso (www.donaunsorriso.org) che è una ONLUS che collabora da anni con Onè Respe a queste coordinate:

conto corrente postale: 38 77 12 34 intestato a Dona un Sorriso – Onlus
conto corrente bancario 10 35 89 intestato a Dona un Sorriso - Onlus, presso la Banca Popolare Etica - Milano (ABI 5018 - CAB 1600)
nella causale specificare “emergenza Santiago” 

Bastano 10 euro consegnati a mano a Serena per ridare speranza a questa famiglia. 

grazie mille per la vostra solidarietà,

un abbraccio, 

Kuda
kudamadrid@yahoo.it 

ps: nel momento in cui pubblico questo post qui sta piovendo forte, con lampi e tuoni, e l'acqua entra nell'ufficio dell'associazione Onè Respe...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog

Roberto Codazzi - nuovo sito

Caricamento...
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

 
.
Discuti con noi le norme da proporre in Parlamento per dare il via ad una Rivoluzione Verde Italiana!
.
Cernusco sul Naviglio ha la sua televisione: www.cernuscotv.com
----------------------
se ti piace questo blog vota con OK su OkNotizie, così altre persone potranno conoscerlo:
------------------
 
ultimi post su www.kuda.tk
 
 

Area personale

 

Osservatorio sul Razzismo in Italia

Caricamento...
 

Peacereporter

Caricamento...
 

Petizione per abbassare il costo della metro

firma la petizione, diffondi l'iniziativa e linka al sito: www.atmgratis.tk

Inutilità dell'Ecopass:
guarda i dati di concentrazione del PM10 a Milano e Limito prima e dopo l'introduzione della tassa.
 

metereologia:

immagine

 Santiago de los Caballeros
Repubblica Dominicana
Click for Santiago, Dominican Republic Forecast 
Cernusco sul Naviglio
Italia
Click for Milan, Italy Forecast 

 
 
 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom