ISTANTANEE EMOTIVE

VIVERE IL MIO TEMPO IN VERSI E NON SOLO

 

ULTIME VISITE AL BLOG

dolcesettembre.1bvbtendemassimocoppaewanescente1gio_vanni0vaniloquiopaperinopa_1974MarquisDeLaPhoenixRedendaccormaliberazeno1949ginko_2011felisdgl0marylu472008
 

ULTIMI COMMENTI

buona domenica amico mio guarda questo video clicca qua qua...
Inviato da: paperinopa_1974
il 19/10/2014 alle 13:41
 
...E fai bene. Ciao. A presto.
Inviato da: Redendacc
il 17/10/2014 alle 21:58
 
Ciao Enzo, grazie. Ricambio.
Inviato da: Redendacc
il 17/10/2014 alle 21:57
 
In versi poetici il mio sentire ma dà una nota di gioia, ma...
Inviato da: ormalibera
il 17/10/2014 alle 21:38
 
Buon fine settimana anche a te Renato ^____^
Inviato da: zeno1949
il 17/10/2014 alle 21:11
 
 

CONTRO LA VIOLENZA SUI MINORI

 

CON OGNI DONAZIONE SALVI TRE VITE. PENSACI !

ADSPEM

DONA IL TUO SANGUE. DONA LA VITA.

 

IL LORO IMPEGNO CONTRO LA MAFIA FU PURA POESIA

 

Protected by Copyscape _nline Plagiarism Detector

 

blog.libero.it/liberiversi

 

In classifica

Blog d'argento

 

VISITATE IL MIO SITO DI POESIA

http://renatodd.oneminutesite.it/

 

AREA PERSONALE

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 49
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« Prove tecniche di trasmissioneTETTONICA A PLACCHE »

A VOLTE RITORNANO...

Post n°187 pubblicato il 28 Maggio 2012 da Redendacc
 

Cari ragazzi, rieccomi finalmente di nuovo tra voi. "A volte ritornano" un po' come gli archi nella foto sotto, ed io lo faccio volentieri per immegermi nei vostri post e nella vostra amicizia.

(foto di Massimo Tirinelli)

Tante cose sono accadute in questo mese scarso di forzata sosta, e non solo nella mia vita privata. Il mio Torino è tornato in serie A dopo tre anni di purgatorio, l'attentato a Brindisi, il terremoto in Emilia, Andreotti che ci ha illuso per un attimo che stesse per iniziare la riduzione dei parlamentari, salvo poi riprendersi ancora una volta. Si sa, l'erba cattiva non muore mai e quando lo fa è soltanto perchè da qualche altra parte è ricresciuta più giovane e forte che mai. E poi tanto altro ancora è accaduto. La Fornero che parla di licenziare anche i dipendenti pubblici. Anche mia figlia di 5 anni capisce che per rilanciare l'economia bisogna assumere e non licenziare, ma chiaramente loro agiscono in nome e per conto dei vari feudatari e non in nome e per conto del popolo. Piero Calamandrei diceva: "il popolo non ha fiducia nelle leggi perché non è convinto che queste siano le sue leggi. Ha sempre sentito lo Stato con un nemico. Lo Stato rappresenta agli occhi della povera gente la dominazione. Può cambiare il signore che domina, ma la signoria resta: dello straniero, della nobiltà, dei grandi capitalisti, della burocrazia. Finora lo Stato non è mai apparso alla povera gente come lo Stato del popolo." Al suo elenco aggiungo 'imprenditori e banchieri' e concludo il suo pensiero con la considerazione che questa è sempre stata la forza delle mafie. A quanto pare non è cambiato molto dal 1956. Sempre a proposito di ritorni, il grande, ometto cosa, Silvio Berlusconi uscito dalla porta tenta di rientrare dalla finestra, come presidente di una Repubblica Presidenziale. Fallito questo tentativo non gli resta che provare come Monarca. Nel frattempo, in attesa che la vecchia erba cattiva si rassegni, spunta quella nuova, Montezemolo. Aspettando la candidatura di Briatore, oggi vi abbraccio tutti e vi saluto ospitando, col piacere di sempre, una poesia del mio amico Massimo Tirinelli. Il dolore spesso è silensioso e nascosto, solitario come il mare d'inverno. Grazie a tutti per l'affetto che mi dimostrate sempre. Buon inizio settimana a tutti.

 

 

LO SGUARDO DEGLI ALTRI

 

 

Su una spiaggia d’inverno raccolgo

confidenze del mare e del vento

come accade tra amici sinceri

davanti a un caffè.

Senza chiedere niente san bene

quale nome dare al dolore

che nascondo allo sguardo degli altri.

E’ questione di avere fortuna

quando siedi al tavolo verde

esser bravi non basta a salvare serate così

quando d’improvviso non sai più qual è il senso

dei giorni che ti sfiorano

lievi e se ne vanno.

 

 

Massimo Tirinelli

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: Redendacc
Data di creazione: 16/02/2011