Lavoratori Lares

LARES: SITO UNDER DESTRUCTION

 

TRATTO DA:" JOB24" DEL 30/03/2012

Storie dalla crisi - Lares licenziati ma ricchi di know how: dopo 1200 giorni di presidio il futuro è fare impresa

- Carlo Arcari -

Cosa fanno 62 operai licenziati, dopo 1.200 giorni di presidio passati fuori dai cancelli della loro ex fabbrica fallita? Cosa fanno, dopo aver cercato senza successo un imprenditore che sfruttasse il loro know how tecnologico per rilanciare una produzione di alta qualità? Cosa fanno dopo aver bussato alle porte di tutte le istituzioni preposte alla promozione dell'attività industriale e al sostegno dell'occupazione, aver fatto corsi di riqualificazione e dichiarato la disponibilità ad accettare tutte le possibili ricollocazioni?

«Si tirano su le maniche e provano a fare impresa» dice Leonardo Beltrame, ex  Lares di Paderno Dugnano uno dei promotori del presidio più lungo d'Italia, d'Europa e forse del mondo. Se il marchio Lares è un bene immateriale ancora vivo e riconosciuto, e non è stato cancellato dallo tsunami messo in atto da manager e commissari di governo (rinviati a giudizio dalla magistratura con le accuse di bancarotta fraudolenta e corruzione) che li ha buttati sul marciapiede, lo si deve a lui e agli altri "presidianti" che da tre anni lottano intelligentemente e civilmente per difendere un patrimonio produttivo che ha un valore. (…)  Per leggere tutto l'erticolo :

http://job24.ilsole24ore.com/news/Articoli/2012/03/Laresmarzo-apre-30032012.php?uuid=01091e38-79b6-11e1-a0ea-25811f8856f8&DocRulesView=Libero    

 

 

AGENDA EVENTI

 

Il giorno 19/02/2014 alle ore 10,00, davanti ai cancelli della LARES, sit-in di protesta contro le lungaggini del processo sul crac dell'azienda.

 

 

 

 

 

COME NASCE LA BANDIERA DELLA SOLIDARIETÀ

La bandiera della solidarietà è stata ideata nella forma e nei contenuti dai lavoratori della Lares con la collaborazione dei lavoratori della Metalli Preziosi.

Dopo un incontro con il Responsabile della Pastorale del lavoro, della Curia di Milano, don Ciccone, i lavoratori della Lares hanno ricevuto l'autorizzazione alla distribuzione della bandiera sui sagrati delle varie chiese della città. E' grazie anche alla preziosa collaborazione di Don Gabriele, parroco della chiesa di Paderno che si è largamente prodigato nella ricerca di uno sponsor, che questa iniziativa ha potuto essere realizzata.

Oggi la bandiera fa mostra di sè sui balconi e in moltri altri luoghi della città, manifestando così la partecipazione della cittadinanza ai problemi dei lavoratori delle due aziende in crisi.

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

rendinagiuGiurannababbolarespinosorvilloluciogreywolfs.de_benedettio.irelandseagravespuntadidiamante2ale.montevecchigrassigiorgioMarquisDeLaPhoenixtobias_shuffletimbrettaarmandotesti
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

ATTENZIONE : PERICOLO PRESCRIZIONE!

Post n°391 pubblicato il 17 Luglio 2014 da o.ireland

 

Purtroppo gli ultimi aggiornamenti che ci sono giunti sull'andamento del processo contro il commissario governativo Castellano, sono molto preoccupanti. Dopo la calendarizzazione delle udienze che finalmente aveva fatto sperare in un avvio regolare del processo e scongiurato il rischio di prescrizione, l'assenza, causa indisposizione, di una delle curatrici fallimentari chiamata a testimoniare all'ultima udienza, ha fatto slittare il dibattimento addirittura ad ottobre! Con i tempi oramai molto risicati del processo, questo potrebbe seriamente comportare la prescrizione dei reati di corruzione di cui Castellano (che all'epoca dei fatti fu incaricato dal ministero del commisariamento  dell'azienda Lares, che cedette poi a Marcel Astolfi, sorvolando, previa mazzetta, sull'incompetenza e incapacità di quest'ultimo) è stato accusato. Gli avvocati fanno sapere che cercheranno di proporre un nuovo calendario delle udienze, con la speranza che venga accettato, per cercare di evitare il rischio della prescrizione. Noi non permetteremo che questo accada! Dopo avere perso il posto di lavoro a causa della corruzione,( e per tanti di noi è chiaro che a causa dell'età, la disoccupazione è destinata a diventare una condizione irreversibile), essere stati traditi dalla politica, abbandonati dalle istituzioni e infine crocifissi dalla legge Fornero, vigileremo e ci batteremo affinchè almeno sul fronte della giustizia vengano riconosciuti i nostri diritti. Ancora una volta chiediamo a tutti coloro che ne hanno la possibilità di aiutarci a diffondere e far conoscere questa vicenda e ringraziamo fin da ora chi vorrà accogliere questo appello.

 
 
 

aggiornamento processo e comunicazione agli aderenti

Post n°390 pubblicato il 03 Giugno 2014 da o.ireland

Apprendiamo dai nostri legali che è stato finalmente definito un calendario dei dibattimenti relativi al processo contro Castellano, che si terranno ora con scadenza settimanale al tribunale di Napoli. Un segnale sicuramente positivo, perlomeno riguardo all'instradamento del processo che sembra prendere finalmente un avvio regolare e che fa sperare in una conclusione in tempi ragionevoli. Ulteriori aggiornamenti saranno forniti giovedì 12 giugno alle ore 20.00, presso la sede parrocchiale di via Roma, 10 (Paderno Dugnano) dagli avvocati Zanoni e Weiss. Durante la riunione verrà richiesto un nuovo anticipo per le spese legali, pari a circa 60 euro ad ogni aderente.

 
 
 

Avviso importante

Post n°389 pubblicato il 17 Marzo 2014 da o.ireland

In relazione alla raccolta quote per gli aderenti alla causa legale,  si ricorda agli interessati che mercoledi'  19 marzo e' l' ultimo giorno utile per consegnare alla sig.ra Grigoletto la somma dovuta per le spese legali. 

 

 
 
 

COMUNICAZIONE

Post n°388 pubblicato il 07 Marzo 2014 da o.ireland

Si informano gli interessati che come da richiesta degli avvocati Zanoni e Weiss, nelle giornate del 12 e del 19 Marzo 2014, dalle ore 14,00 alle ore 15,00, presso il Bar Caffè Letterario in piazza Divina Commedia, 4, a Paderno Dugnano (sito a fianco della biblioteca Tilane), si effettuerà la raccolta della quota da versare.


La  Sig.ra Daniela Grigoletto si occuperà della raccolta della quota che ammonta a Euro 25 per ogni aderente.

 

La somma richiesta copre solo le spese di trasferta al Tribunale di Napoli sino a qui sostenute dai nostri avvocati.

Chi fosse impossibilitato a recapitare personalmente la quota dovuta, è pregato di mettersi d’accordo con qualche collega che ne abbia la possibilità, oppure potrà telefonare direttamente alla Sig.ra Daniela Grigoletto per accordarsi direttamente, su come consegnare la propria quota.

Daniela Grigoletto: 3472823102


 

 

 

 

 
 
 

Nuovo arresto per Marcel Astolfi

Post n°387 pubblicato il 05 Marzo 2014 da o.ireland

Lo si immaginava in galera a scontare la pena, erano persino girate voci che lo volevano gravemente ammalato, quasi in fin di vita, ma i fatti hanno dimostrato che non solo Astolfi non era a languire in prigione ma che invece godendo sia di ottima salute che pure di una certa liberta', era tornato tranquillamente ed in buona compagnia a dedicarsi ai soliti traffici illeciti, insomma si scopre che a distanza di solo un anno e mezzo dalla condanna per bancarotta, questo galantuomo, nelle cui mani era stata consegnata l'azienda Lares su un piatto d'argento, e' di nuovo coinvolto in faccende illegali. Con notevole stupore, apprendiamo infatti dai giornali che Marcel Astolfi e la compagna Cinzia Di Mauro risultano nell'elenco delle persone arrestate nell'ambito dell'inchiesta relativa ad una vera e propria banca, creata e gestita dalla 'ndrangheta dove erano coinvolti oltre ad imprenditori anche dipendenti delle poste e delle banche. Questo annuncio, arrivato proprio in concomitanza con l'udienza relativa al fallimento dell'azienda Lares che dovrebbe tenersi oggi al 

tribunale di Napoli  (il condizionale è d'obbligo visti i numerosi rinvii), ha risvegliato la rabbia degli ex lavoratori della Lares i quali a tutt'oggi non solo non hanno ancora visto riconosciuti i danni  derivati dalla consegna dell'azienda ad Astolfi da parte del commissario governativo Salvatore Castellano (avvenuta in cambio di una lauta mazzetta) ma vengono pure a scoprire che sebbene condannato a diversi anni  di reclusione, stando così le cose, evidentemente ad Astolfi la pena non deve essere pesata poi tanto. E' una ferita che si riapre, il passato che riemerge riportando a galla una vicenda con ancora molti  lati oscuri e tanti  quesiti rimasti senza risposta. L'arresto di Astolfi avvenuto nel 2010, a cui nel giugno del 2012 seguì la condanna a piu' di cinque anni di reclusione, aveva ridato fiducia nella giustizia ai lavoratori della Lares, ma adesso, alla luce di questi nuovi fatti, lo sconforto è veramente enorme. Manca solo che Castellano, avvocato lui stesso e sicuramente dotato di mezzi di gran lunga superiori a quelli dei lavoratori, venga prosciolto dalle accuse di corruzione e poi questo miserabile quadro sarà completo, con buona pace di chi non vede l'ora che su questa vicenda cali ancora una volta il sipario.

 

 

 

 

 

 
 
 

Depositata istanza al tribunale di Napoli

Post n°386 pubblicato il 26 Febbraio 2014 da o.ireland

E' stata depositata un'istanza al tribunale di Napoli da parte dei legali degli ex lavoratori Lares allo scopo di sollecitare l'approntamento di un calendario dei dibattimenti che dopo ben 8 mesi dalla prima udienza, a causa dei numerosi rinvii, non è ancora stato fissato. 

Foto di o.ireland

 
 
 

I lavoratori pronti ad un sit in al tribunale di Napoli

Post n°385 pubblicato il 21 Febbraio 2014 da o.ireland

 

 

Davanti alla possibilità sempre più concreta che  i continui rinvii del processo sul fallimento dell'azienda possano condurre alla prescrizione dei reati,i lavoratori sono tornati a protestare. Mercoledì 19 febbraio, davanti all'area ex Lares, un gruppo piuttosto nutrito di lavoratori ha manifestato la propria rabbia per l'ennesimo rinvio dell'udienza (spostata questa volta al 5 marzo) e la preoccupazione relativa a voci insistenti che riferiscono di richieste di un nuovo spostamento del processo a Monza. Presenti sul posto anche alcuni giornalisti che hanno raccolto lo sfogo dei lavoratori, esausti per la lunga attesa di questo processo infinito e per i costi, non in indifferenti per le loro scarse possibilità, generati dalle lungaggini burocratiche. I lavoratori non escludono nuove forme di protesta ed un altro sit in ma questa volta con un  gruppo ancora più numeroso davanti al tribunale di Napoli.

Di seguito il link all'articolo relativo al sit in di protesta di mercoledì scorso apparso  su "Il Giorno" a firma di Simona Ballatore e quello del servizio del Tg di MonzaBrianza Tv sullo stesso argomento

 

 

http://www.ilgiorno.it/sesto/cronaca/2014/02/20/1028312-paderno-lares.shtml?fb_action_ids=10203159318494610&fb_action_types=og.likes&fb_source=other_multiline&action_object_map={%2210203159318494610%22%3A583700698385190}&action_type_map={%2210203159318494610%22%3A%22og.likes%22}&action_ref_map=[]

http://www.youtube.com/watch?v=V2trc3jBBNo

 

 

 

 
 
 

Sit-in - mercoledì 19 febbraio

Post n°384 pubblicato il 15 Febbraio 2014 da o.ireland

L'avvocato Piergiorgio Weiss ha comunicato ai lavoratori che  si è celebrata a Napoli  l' udienza dibattimentale avanti al Tribunale che avrebbe dovuto sciogliere le riserva sulle numerose eccezioni che le difese avevano sollevato. Il Tribunale però ha ritenuto di non essere in possesso di tutti i documenti necessari per poter decidere ed ha quindi richiesto al Pubblico Ministero di produrli rinviando al 5 marzo 2014 la decisione. Dopo tanta attesa si è davanti all'ennesimo rinvio, passo dopo passo questo processo  sembra proprio volere andare verso la prescrizione. E' l'ennesima ingiustizia che si abbatte ancora una volta sui lavoratori che non solo si sono visti negare dalle istituzioni qualsiasi tipo di supporto in tutte le loro iniziative, compresa quella della cooperativa, adesso sembra che neppure dal fronte giudiziario, in cui hanno sempre creduto e sperato, possano vedere finalmente riconosciuti i loro diritti. La misura è ormai colma, i lavoratori torneranno a riunirsi mercoledì 19/02/14 alle ore 10.00, davanti ai cancelli della ex Lares per un sit-in di protesta contro i continui rinvii del processo. La vicenda Lares non è solo "affare" dei lavoratori, il fallimento di una delle aziende storiche di Paderno Dugnano è affare di tutti, poichè l'impatto della chiusura della ditta, specialmente col tipo di modalità in cui è avvenuto, è stato devastante anche per l'intera collettività ed è per questo che mercoledì ci aspettiamo il supporto di tutti  e chiediamo a chiunque avesse a disposizione un blog, un giornale, una radio, qualsiasi mezzo di informazione, di riservare uno spazio per parlare di questa vicenda.

 

 

 
 
 

CRAC LARES, IL PROCESSO INFINTO (IL GIORNO)

Post n°383 pubblicato il 15 Febbraio 2014 da o.ireland

Foto di o.ireland

 
 
 

LA COOPERATIVA LARES 2012 CHIUDE

Post n°382 pubblicato il 28 Dicembre 2013 da o.ireland

Rendiamo noto a tutti coloro che ci hanno seguito e sostenuti fin dai tempi del presidio della fabbrica alla nascita della cooperativa, che purtroppo, a discapito di tutti i sacrifici e l'impegno profuso in questo progetto, la cooperativa Lares 2012 è costretta a chiudere i battenti : lunedì 30 dicembre 2013, davanti al notaio, si metterà fine ai sogni e alle speranze che abbiamo tenacemente cercato di realizzare in questi anni. La decisione, veramente molto sofferta, di mettere fine a questa esperienza è dovuta sia all'eccessivo costo di tutti gli adempimenti richiesti dalla legge e che purtroppo continua a fagocitare il poco utile prodotto dalla cooperativa, che al  mancato supporto alla realizzazione dei vari progetti approntati nel corso degli anni, dei vari enti interpellati dai lavoratori. 

 

Nonostante l'amarezza  vogliamo comunque ringraziare tutte le persone che durante tutto il percorso ci hanno sostenuto e incoraggiati e che insieme a noi  hanno creduto  invano che l'impegno e il sacrificio alla fine  avrebbero portato i loro frutti.

I lavoratori della Cooperativa Lares 2012

 

 

 (commenti di nuovo disponibili)

 
 
 

Martedi' 10 dicembre, Tribunale di Napoli

Post n°381 pubblicato il 05 Dicembre 2013 da o.ireland

Sono passati ormai 7 anni da quando nel 2006 il commissario straordinario Salvatore Castellano, in cambio di una mazzetta di svariate migliaia di euro, favori' l'acquisizione della Lares da parte di Marcel Astolfi .Castellano diede la prima ma decisiva spinta alla valanga che si abbatte' poco dopo sui 130 dipendenti dell'azienda .Le conseguenze , come tutti sanno,  furono disastrose :nel giro di un paio d'anni, la Lares venne condotta al fallimento. Nell'inchiesta che segui'  e che riguardo' anche la Metalli Preziosi, Astolfi insieme ad alcuni dei suoi collaboratori vennero riconosciuti colpevoli di svariati reati, mentre invece per l'allora commissario governativo Castellano, l'accusa fu di corruzione. Sono trascorsi molti anni da allora ma  complice anche la crisi , per la maggior parte dei lavoratori e delle loro famiglie, l'esistenza  e' ancora ferma al 2009 , l'anno in cui, a dispetto della  buona situazione commerciale, l'azienda inesplicabilmente falli'. Martedi, 10 dicembre, dopo vari rinvii, il tribunale di Napoli decidera' se nella condotta di Castellano siano ravvisabili eventuali responsabilita' nei confronti dei lavoratori e se ad essi spettera' un eventuale riconoscimento dei danni subiti. Dopo le varie condanne assegnate, adesso manca solo l'ultimo atto affinche' venga  fatta giustizia completa in questa vicenda e forse le luci torneranno ad accendersi su gli ex lavoratori Lares le loro famiglie,  abbandonati a se' stessi dalle istituzioni in tutti questi anni. Tra loro sono tante le famiglie in gravi difficolta' e sebbene l'orgoglio porti molte persone a nascondere il proprio dramma, si sa di parecchie situazioni  ormai giunte al limite. Che succedera' a queste famiglie quando, molto presto , gli ammortizzatori sociali  saranno esauriti e  con nessuna possibilita' di reimpiego all'orizzonte? E' una spirale catastrofica che per ha avuto origine 7 anni fa. Da allora si vive precariamente, senza certezze ne'  futuro, cercando un giorno dopo l' altro di restare a galla, in qualche modo. Si guarda a martedi' 10 con il fiato sospeso ma 

confidando ancora  

 

nella giustizia, certi  che le decisioni che verrano prese saranno tese alla comprensione della situazione in cui versano i lavoratori e al riconoscimento dei loro diritti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

"IL FUTURO NELLE NOSTRE RADICI"

Post n°380 pubblicato il 26 Settembre 2013 da o.ireland

Foto di o.ireland

Dopo la partecipazione di sabato e domenica scorsi a Villa Guardia in provincia di Como, in occasione della manifestazione "L'isola che c'è", i lavoratori della Cooperativa Lares 2012, domenica 29 settembre saranno presenti come espositori anche a Limbiate (piazza Aldo Moro) alla fiera dell'economia solidale: "Il futuro nelle nostre radici". La manifestazione, oltre a voler essere un'occasione di incontro e di festa, offrirà anche la possibilità di acquistare  prodotti biologici da filiera corta e di approfondire le tematiche legate all'economia sostenibile.

 
 
 

ARTICOLO SU "IL GIORNO"

Post n°379 pubblicato il 23 Agosto 2013 da o.ireland

Foto di o.ireland

 
 
 

Tratto dal TG di TV2000 dell'11 giugno 2013

Post n°378 pubblicato il 12 Giugno 2013 da o.ireland

Per correttezza di informazione precisiamo che i lavoratori sono tuttora in attesa di conoscere l'esito della richiesta fatta al Fondo Famiglia Lavoro, relativa all'accesso al microcredito previsto dal fondo per supportare l'avvio di attivita' lavorative.
 

 
 
 

Riprendiamoci gusto

Post n°377 pubblicato il 06 Giugno 2013 da o.ireland

Foto di o.ireland

Per i lavoratori della cooperativa Lares 2012 prosegue senza soste il difficile compito di reperire fondi a sostegno della cooperativa. A questo scopo, il 9 giugno dalle ore 10 alle 18, saremo a Bollate, Piazza Alberto Dalla Chiesa, ospiti della manifestazione "Riprendiamoci gusto...A tutto G.A.S." (organizzata dai " Gruppi di Acquisto Solidale" di Bollate) dove proseguiremo  con la vendita di lampadine a basso consumo energetico. Ci saranno anche altre manifestazioni a cui parteciperemo durante il mese di giugno, renderemo note le date e le località non appena saranno definite. Ma le nostre attività non si esauriscono semplicemente con la vendita delle lampadine, infatti sebbene le nostre speranze siano rivolte al Fondo Famiglia Lavoro (a cui abbiamo presentato la richiesta di accesso al micro-credito con il quale finanziare la nostra attività), un nuovo progetto è intanto andato ad affiancare quello del "Flamby". Si tratta di un dispositivo che permetterebbe ai non vedenti di attraversare la strada, regolamentata dal semaforo, in  tutta sicurezza. Un' alternativa che per le sue caratteristiche innovative risulterebbe molto più valida dei dispositivi già esistenti e non solo, il progetto se ampliato, potrebbe trovare impiego anche in moltri altri casi. L' Expo 2015 potrebbe essere il giusto ambito entro il quale  progetti rivolti al welfare come questo, potrebbero e dovrebbero  trovare spazio! E cosa potrebbe essere più rappresentativo di un progetto nato dall'impegno di un gruppo di lavoratori che hanno perso il lavoro ma che non si sono mai arresi? Questi sono i sogni, nel frattempo però, nella realtà, succede che con il mese di giugno, il primo anno di ammortizzatori sociali è già trascorso e per i più giovani degli ex lavoratori della Lares questo ha significato rimanere definitivamente senza reddito. Per gli altri invece, il conto alla rovescia continua inesorabile. E' tempo di bilanci anche di tipo fiscale e quello della cooperativa, per volere di tutti i soci e nel rispetto della trasparenza, sarà online, consultabile da chiunque sul sito della Cooperativa Lares 2012 (http://www.lares2012.org/) non appena ci verrà consegnato dal commercialista. Sembra assurdo che  il poco denaro così faticosamente racimolato, invece di essere investito nella realizzazione dei nostri progetti, debba essere  utilizzato quasi interamente per presentare un rendiconto talmente scarno che potrebbe essere perfino fatto da noi, con una semplice autocertificazione... ma purtroppo questa è la legge  e fino a quando non cambierà,  dovremo continuare a cercare di trovare le risorse per far fronte a tutti gli adempimenti.

Ringraziamo sin da ora i "G.A.S." che ancora una volta ci offrono la possibilità di continuare con il nostro impegno ed anche tutte le persone che ci sostengono. A domenica.

 

 
 
 

Flamby presentato al Cardinale Scola - Video

Post n°376 pubblicato il 29 Maggio 2013 da o.ireland

 
 
 

Veglia di Preghiera per il Lavoro

Post n°375 pubblicato il 27 Aprile 2013 da o.ireland

Foto di o.ireland

 

 

Lunedì 30 aprile,dalle 20.45, presso l’Ortomercato di via Lombroso 54 a Milano, i lavoratori della cooperativa Lares 2012 saranno presenti alla Veglia diocesiana per il lavoro, presieduta dal cardinale Angelo Scola. Come è tradizione, alla vigilia della festa del 1° maggio, la Chiesa ambrosiana organizza un momento di preghiera dedicato specificamente al mondo del lavoro. L'ortomercato è stato scelto proprio per le sue caratteristiche di bacino di lavoro per migliaia di persone  e di razze diverse.  Il tema del lavoro coinvolge inevitabilmente anche quello della famiglia, minacciata dalla crisi ma vista anche come risorsa preziosa contro le insidie attuali, infatti il sottotitolo della Veglia è appunto :“Lavoro e famiglia in questo tempo”. La Veglia rappresenta una continuità con l’Incontro mondiale delle famiglie, la prossima Settimana sociale centrata proprio sul tema della famiglia e un ulteriore rilancio del Fondo Famiglia-Lavoro nella sua seconda fase. Dopo una breve introduzione, nella Veglia sono previste quattro testimonianze, la lettura del Vangelo (Lc 10,38-42) e di altri testi suggestivi. Seguirà la riflessione dell’Arcivescovo e alcune preghiere d’intercessione. Di  seguito il link  dell'articolo relativo alla manifestazione, su "IncrociNews" del 27 aprile: http://www.incrocinews.it/chiesa-diocesi/lavoro-e-famiglia-br-veglia-con-l-arcivescovo-1.74216

 

 
 
 

Comunicazione ai lavoratori

Post n°374 pubblicato il 09 Aprile 2013 da o.ireland

Si informano i lavoratori che il giorno 17 Aprile  presso la sala parrocchiale in via De Marchi (ex cinema Splendor) dalle ore 19.00 in poi, si terrà una riunione con gli avvocati Ettore Zanoni e Piergiorgio Weiss.

 La riunione è indetta per effettuare una relazione in merito al punto della situazione sulla costituzione di parte civile, ma soprattutto verrà effettuata la raccolta della documentazione richiesta come da mail precedentemente inviatavi dagli avvocati in data 05 Marzo 2013.

 Ricordiamo a tutti  la seguente documentazione richiesta dagli avvocati:


- Estratto conto INPS relativo a tutta l'attività lavorativa sino ad oggi;
- Il certificato storico di famiglia (di modo che risulti la composizione del nucleo familiare al momento dei fatti); In carta semplice. Tenete presente che per ottenerlo dal comune ci vuole una settimana circa.
- I CUD o le dichiarazioni dei redditi  presentate dal 2004 ad oggi;
questi documenti ci serviranno per dimostrare i danni subìti quanto meno in relazione alla fine del rapporto di lavoro e alla decurtazione dello stipendio

.Si rende noto inoltre che dato che  è terminata la fase preliminare, dobbiamoci  versare un acconto del compenso agli avvocati,  pertanto durante la stessa riunione stessa verrà effettuata il versamento di Euro 40 da ciascun aderente alla causa di parte civile che andranno a coprire la somma richiesta.

 

 
 
 

"FLAMBY"

Post n°373 pubblicato il 22 Marzo 2013 da o.ireland

Foto di o.ireland

Sono stati approntati i primi prototipi del "Flamby", la fiaccola a luce led a basso consumo, rispettosa dell'ambiente ed impugnabile in tutta sicurezza da chiunque, per qualunque tipo di manifestazione ed  in ogni condizione metereologica. Adesso ci aspetta la fase più ardua: la produzione del Flamby e per questo bisognerà trovare qualcuno disposto ad investire su questo progetto. Noi crediamo nella validità di questo prodotto e ci auguriamo che possa incontrare molto interesse.

 
 
 

Articolo su "IL FOGLIO"

Post n°372 pubblicato il 22 Marzo 2013 da o.ireland

 

Di seguito segnaliamo un articolo di Silvio Mengotto apparso su"IL FOGLIO" della Pastorale sociale e del Lavoro della Diocesi di Milano.

.............................................................................. 

 

Tentativi di “ripartenza” in questo tempo

Cooperativa Lares 2012: “Ripartire è possibile”

Di fronte al deserto, che ha colpito molte fabbriche storiche di Paderno, Leonardo Beltrame con altri lavoratori sono passati dalla protesta alla proposta. Nel settembre 2012, nei locali messi a disposizione da monsignor Giacomo Tagliabue, è nata la Cooperativa Lares 2012. Ne fanno parte 9 lavoratori licenziati, ricchi di professionalità e con la voglia di fare impresa. Gli abbiamo rivolto alcune domande.

 

 

 

D. La vostra storia di lavoratori licenziati che

si riuniscono in cooperativa dice che la solidarietà,

che si celebra in questo convegno, è

anche la risposta contro la crisi del lavoro?

«La domanda calza a meraviglia proprio con la

nostra storia. Noi siamo partiti tre anni fa attraverso

la solidarietà che si è sviluppata, ramificata,

nel territorio formando una vera rete ( associazioni,

parrocchie, scuole e volontari) che

ancora oggi sta dando delle risposte positive e

utili»

D. Perché utili? «Il loro aiuto ci ha spronato e

incoraggiato. Questo mettersi in rete, rimettersi

in discussione, ci è servito nella ricerca di un

nuovo lavoro con una modalità nuova e diversa.

Non ci siamo arresi e rimboccandoci le maniche

abbiamo fatto impresa. Noi viviamo nel territorio

e ci piacerebbe che le prime risposte

venissero proprio dal territorio di Paderno.

Per questo vogliamo svilupparci nel territorio

come segno di prosperità, di lavoro e di solidarietà

»

D. Uno dei cammini previsti nella nuova fase

del Fondo è proprio questo fare impresa. Siete

interessati?

«La porta della Diocesi verso il mondo dei lavoratori

è sempre stata aperta a tutti i lavoratori,

basti pensare all’attività della Pastorale sociale

del Lavoro che ancora oggi ci sostiene e ci

incoraggia con fiducia. Come cooperativa non

solo stiamo seguendo questa seconda fase del

Fondo, ma abbiamo registrato la domanda per

poter usufruire l’aiuto di accompagnamento e

formazione per le imprese anche tramite un possibile

intervento di microcredito»

D. C’è un progetto di lavoro che volete far

conoscere? «Assolutamente si! Ringrazio

l’ideatore, che vuole rimanere anonimo, di questo

progetto realizzato anche attraverso la solidarietà.

Un progetto esterno che è stato passato

alla cooperativa per la realizzazione concreta.

Siamo già arrivati al primo prototipo

che, tramite i fondi del Fondo Famiglia Lavoro,

ci permetterebbe di iniziare una piccola attività,

di assumere nuovo personale e dare lavoro alla

Cooperativa Lares 2012»

D. In occasione della Giornata della solidarietà

quale messaggio volete lanciare alle alle

parrocchie, ai lavoratori, ai licenziati? «Il

messaggio alle parrocchie è quello dell’ascolto!

Bisogna saper ascoltare i lavoratori in difficoltà,

essere pronte ad ascoltare le tante sofferenze

che emergono nel mondo del lavoro.

Ai licenziati e disoccupati dico di non cadere

nella trappola dello sconforto, molte volte porta

alla disperazione non alla soluzione dei problemi.

Non bisogna perdere la speranza, la dignità per

se e per la propria famiglia. Bisogna aprire il

cuore quale primo gesto di solidarietà. Dico che

questa seconda fase del Fondo è arrivata al

momento giusto, credo profetico, e si sposa perfettamente

con la Giornata della Solidarietà.

Una piccola, ma importante, risposta contro la

disperazione.

Sto imparando tante cose. Noi tutti lavoratori

della cooperativa stiamo ri-scoprendo il cuore

della solidarietà»

Silvio Mengotto

 

 

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: o.ireland
Data di creazione: 02/11/2009
 

COOPERATIVA LARES 2012

 

 

COOPERATIVA LARES 2012 

VIA A. GRANDI N. 12/5

PADERNO DUGNANO

20037 (MI)

TELEFONO 02 91920963

http://www.lares2012.org/

---------------------------------------

Sostieni il nostro progetto!

Sul nostro sito è  possibile consultare il catalogo delle lampadine a risparmio energetico, la cui vendita si rende indispensabile per far fronte alle spese di gestione della cooperativa.

 

 

 

 

 

 

ACCENDI UNA CANDELA SUL TUO BLOG

2012 - 624 vittime sui luoghi di lavoro documentati (1180 complessive se si aggiungono i lavoratori in itinere, chi lavora sulle strade ed in nero)

2011 - 663 vittime sui luoghi di lavoro documentate (1170 complessive se si aggiungono i lavoratori in itinere, chi lavora sulle strade ed in nero)

2010 -  594 vittime sui luoghi di lavoro (solo quelle documentate)

2009 -  555 vittime sui luoghi di lavoro  (solo quelle documentate)

2008 -  637 vittime sui luoghi di lavoro  ( solo quelle documentate)

 

SCRIVI AL BLOG

LINK

COOPERATIVA LARES 2012:   http://www.lares2012.org/

LAVORATORI LARES:  http://it-it.facebook.com/Lares2012

DIOCESI DI MILANO : http://www.chiesadimilano.it/

PADERNOFORUM : http://padernoforum.blogspot.com/

LA SCOMMESSA : http://blog.libero.it/padernovillaggio/

RETE PER PADERNO  www.padernesi.com

PadernoInBlog     http://padernoinblog.padernesi.com/

COMITATO per la difesa della salute nei luoghi

di lavoro e nel territorio: http://comitatodifesasalutessg.jimdo.com/

LAVORATORI MAFLOW http://vogliamocontinuarealavorareallamaflow.blogspot.com/

 

 

 

LARES-PERCHÈ BUTTARE IL KNOW HOW?

la fabbrica

 

LA BANDIERA DELLA SOLIDARIETÀ

 alcuni lavoratori con la bandiera della solidarietà

 

AL CONSIGLIO COMUNALE

 

SENAGO - MONI OVADIA CON I LAVORATORI

 

 

OPERAZIONE "NESSUN DORMA"

 

 

E CON LA METALLI SIAMO IN 250...